CASERTA / A SAN TAMMARO ‘LE ALI’ VOLA, A PICCO CIMMINO. FLOP DI AVETA A S.MARIA

Caserta, 4 ottobre 2021 – I risultati pi� clamorosi delle votazioni in Terra di Lavoro sono quelli di Caserta (dove Gianpiero Zinzi � dietro di poco al sindaco uscente Carlo Marino) e a Santa Maria Capua Vetere e San Tammaro. Qui la lista ‘Le Ali’ spicca il volo del…D’Angelo staccando di centinaia di voti l’ex primo cittadino Emiddio Cimmino che cade a picco nonostante il suo ruolo di segretario provinciale del Pd. In mezzo la lista di Ernesto Stellato.

A Santa Maria Capua Vetere invece la candidata a sindaco Gabriella Santillo arranca dietro il candidato a sindaco Raffaele Aveta che registra un flop evidente nonostante il ‘quanti siamo in villa con Conte’ e la sua passeggiata sul corso e la visita di Gigino Di Maio al bar del Garibaldi. Forse hanno portato sfortuna. Intanto l’uscemte sindaco Antonio Mirra riconquista la citt�

QUI NAPOLI

Bassolino fa una figuraccia insieme alla Clemente ma il dato pi� rilevante � che I napoletani non vogliono pi� i pm a fare i sindaci. Cartello Maresca che si � sforzato di essere sorridente non ha convinto anzi � risultato meno simpatico dell’uscente De Magistris. L’ex pubblico ministero aveva detto in dialetto napoletano ‘ce lo mangiamo a Manfredi’ ma a quanto pare quest’ultimo gia sindaco ha inghiottito la toga

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

CASERTA / A SAN TAMMARO ‘LE ALI’ VOLA, A PICCO CIMMINO. FLOP DI AVETA A S.MARIA

SCUOLA: A CASERTA SCOPPIA IL CASO DEI DOCENTI ESCLUSI DA GRADUATORIA

Arriva il nuovo provveditore e stravolge le disposizioni di legge

SCUOLA, CASO NAZIONALE A CASERTA SUL ‘SOSTEGNO’: DOCENTI DI RUOLO SCAVALCATI DAI ‘SENZA TITOLO E SENZA ABILITAZIONE’. L’UNICO UFFICIO SCOLASTICO D’ITALIA CHE HA ADOTTATO QUESTA PROCEDURA

Caserta, 13 settembre 2021 – Sono gi� diverse decine i docenti casertani che stanno protestando – ed altrettanti in procinto di presentare ricorsi giudiziari – contro la decisione, unica in Italia, adottata dal neo provveditore dell’Ufficio Scolastico di Caserta, Monica Matano, che per quanto riguarda il sostegno, ha clamorosamente escluso i docenti di ruolo senza titolo ma con anni di servizio sulle spalle, �preferendo� quelli senza titolo e senza abilitazione. Per gli esclusi, ma anche per molti addetti ai lavori questa decisione del Provveditore � un vero stravolgimento delle disposizioni di legge, tant � che Caserta � diventato un caso nazionale: in altre sedi scolastiche (ma addirittura nella stessa provincia di Napoli) si � infatti proceduto diversamente, ovvero applicando le norme del Contratto collettivo nazionale in cui � stabilito che �i docenti di ruolo con cattedra fuori provincia possono chiedere assegnazione provvisoria interprovinciale anche sul sostegno anche se privi dello specifico titolo di specializzazione�. L’articolo 8 comma 14 del Ccni, infatti dispone che i docenti sprovvisti del titolo di specializzazione possono usufruire dell’assegnazione provvisoria quando vengano soddisfatte precise condizioni: l’assegnazione provvisoria sul sostegno deve essere richiesta per una provincia diversa da quella di titolarit�; il docente in oggetto stia per concludere i percorsi di specializzazione sul sostegno e abbia prestato almeno un anno di servizio su posto di sostegno. In particolare, queste assegnazioni provvisorie sul sostegno dovevano avvenire, e in tutta Italia sono avvenute, solamente dopo aver accantonato un numero di posti pari ai docenti in possesso di titolo di sostegno presenti nelle �Graduatorie provinciali supplenze� (Gps) e nelle �Graduatorie di esaurimento� (Gae). Questo ordine di assegnazioni, rispettato in tutta Italia e anche a Napoli, nella provincia di Caserta non � stato osservato. I docenti di ruolo che attendevano gi� da giorni di poter ottenere, come ogni anno, nel rispetto della normativa, tale assegnazione a Caserta e provincia si sono visti �soffiare� gli incarichi sul sostegno dai supplenti senza abilitazione e senza titolo. Intanto, l’anno scolastico sta per iniziare e purtroppo i docenti di ruolo sono costretti a partire per le sedi di titolarit� al Nord dopo anni di insegnamento nella propria provincia. La questione � al vaglio di qualche sigla sindacale pi� attenta ma i pi� maliziosi parlano addirittura di decisioni

tag: #giornali #caserta #cronache #locali #quotidiani #rassegna #orizzonte #scuola #provveditorato #csa

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

SCUOLA: A CASERTA SCOPPIA IL CASO DEI DOCENTI ESCLUSI DA GRADUATORIA

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M.PERRETTA: CURVA ALBORETO A MONZA

Monza, 28 agosto 2021 – L’ultima curva del Tempio della Velocit� alla memoria del Vicecampione del mondo di F1 a vent’anni dalla morte Intitolata a Michele Alboreto la curva Parabolica dell’Autodromo Nazionale Monza La cerimonia ufficiale sabato 11 settembre giorno della Sprint Qualifying del Formula 1 Gran Premio d’Italia 2021 alla presenza della moglie Nadia, dei famigliari e del Presidente ACI Angelo Sticchi Damiani La curva Parabolica dell’Autodromo Nazionale Monza sar� intitolata a Michele Alboreto. La decisione � stata presa da Angelo Sticchi Damiani, Presidente dell’Automobile Club d’Italia – dopo aver ottenuto unanime parere favorevole da parte della Giunta sportiva – e verr� ufficializzata sabato 11 settembre, nel corso del weekend del Formula 1 Heineken Gran Premio d’Italia. L’ultima curva del Tempio della Velocit� prender� dunque il nome di “Curva Alboreto”, a vent’anni esatti dalla morte del pilota milanese, avvenuta nel 2001 nel corso di alcuni test di collaudo nel Lausitzring. La cerimonia di intitolazione della curva ad Alboreto avverr� sabato 11 settembre – giorno della Sprint Qualifying di Formula 1 – alla presenza della moglie Nadia e dei famigliari, del Presidente ACI Angelo Sticchi Damiani, del Presidente e CEO di F1 Stefano Domenicali, e del Presidente di “Autodromo Nazionale Monza” Giuseppe Redaelli. La curva che precede il rettilineo di arrivo dell’Autodromo Nazionale Monza � una delle pi� iconiche del motorsport e ha contribuito a rendere il circuito uno dei pi� veloci nel mondo. La Curva Parabolica venne costruita nel 1955, prendendo il posto di due tornanti pavimentati con cubetti di porfido e uniti da un breve rettifilo. Prese il nome dal disegno e dalla traiettoria che descriveva: una linea ad arco crescente, simile ad un arco di parabolica. Dopo aver superato l’imbocco pi� stretto che segue il rettilineo opposto a quello di partenza, i piloti possono percorrere il tratto finale della curva in piena accelerazione, scorrendo verso l’esterno e imboccando il rettifilo del traguardo a piena velocit�. Michele Alboreto pu� essere definito uno dei pi� grandi piloti italiani degli ultimi decenni. Nato il 23 dicembre 1956, inizi� la sua carriera sportiva nel 1976, proprio nel campionato Formula Monza. Negli anni Ottanta debutt� in Formula 1 e – dopo un’esperienza in Tyrrell – pass� alla Ferrari, con la quale divenne Vicecampione del mondo nel 1985. Nella sua carriera vinse cinque Gran Premi di F1 ma si ciment� anche in altri campionati tra cui DTM, Formula Indy e mondiale Endurance, di cui vinse la 24 Ore di Le Mans nel 1997. Mor� il 25 aprile 2001, a soli 44 anni, a seguito di un incidente nell’Autodromo di Lausitz, durante alcuni test di preparazione proprio per la classica di durata. Alboreto era stato nominato Vicepresidente della CSAI e oggi la Scuola federale ACI Sport porta il suo nome.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/09/08/rubrica-aci-a-cura-del-direttore-m-perretta-curva-alboreto-a-monza/

RUBRICA ACI A CIRE DEL DIRETTORE M. PERRETTA: AGOSTO, MERCATO USATO IN ROSSO

Roma, 3 settembre 2021 – MERCATO AUTOVEICOLI ACI: MERCATO DELL’USATO IN ROSSO AD AGOSTO ENNESIMO SORPASSO DELLE RADIAZIONI AUTO SULLE PRIME ISCRIZIONI Segno meno ad agosto per il mercato dell’usato, sia nel settore delle quattro ruote sia in quello dei motocicli. I passaggi di propriet� delle autovetture al netto delle minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) hanno chiuso il bilancio mensile evidenziando un calo del 6,8% rispetto ad agosto 2020, che peggiora all’11% in termini di media giornaliera, tenuto conto che il mese di agosto 2021 ha avuto una giornata lavorativa in pi�. Ennesima forte flessione anche per le minivolture che ad agosto hanno fatto registrare una variazione mensile negativa del 20,5% (-24,1% la media giornaliera). Per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 262 usate nel mese di agosto – per il secondo mese consecutivo oltre il doppio di quelle iscritte per la prima volta al PRA – e 182 nei primi otto mesi dell’anno. In tema di alimentazioni sugli scudi soprattutto le autovetture nuove ibride a benzina, che con una quota di mercato ad agosto del 30,3% salgono al primo posto superando sia le vendite di auto diesel sia quelle di auto a benzina (incidenza rispettivamente pari al 21,1% e al 27,7%, con contrazioni mensili rispetto ad agosto 2020 rispettivamente del 59,1% e del 49,8%). Alla decisa crescita delle alimentazioni ibride si accompagna quella delle auto elettriche, che nel mese di agosto hanno raddoppiato ampiamente il loro contingente. Trend opposto per il mercato dell’usato, dove continuano a prevalere le alimentazioni tradizionali (diesel e benzina). La quota di mercato dell’ibrido a benzina prosegue comunque la sua crescita (incidenza del 2,5% anche ad agosto). Per quanto riguarda infine le minivolture in primo piano sempre le auto diesel (incidenza del 56,9% ad agosto, seppure in calo del 22,9% rispetto ad agosto 2020), mentre le ibride a benzina hanno raggiunto nel mese di agosto una quota del 2,9%. In terreno negativo ad agosto anche i passaggi di propriet� dei motocicli che, al netto delle minivolture, hanno messo a bilancio un calo del 6,8% rispetto all’analogo mese del 2020 (-11% in termini di media giornaliera). Nel periodo gennaio-agosto 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 si evidenziano per i trasferimenti di propriet� incrementi del 25,7% per le autovetture, del 31,8% per i motocicli e del 26,7% per tutti i veicoli. I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito http://www.aci.it . Ad agosto, per il secondo mese consecutivo, le radiazioni di autovetture hanno superato le prime iscrizioni (per ogni 100 auto nuove ne sono state radiate 118 nel mese di agosto e 92 nei primi otto mesi dell’anno). Il dato mensile sulle radiazioni delle quattro ruote, tuttavia, evidenzia una variazione negativa del 5,4% (-9,7% la media giornaliera) rispetto ad agosto 2020. In crescita, al contrario, le radiazioni di motocicli che ad agosto hanno fatto registrare un incremento mensile del 4,8%, tuttavia supportato unicamente dalla presenza di una giornata lavorativa in pi� (0% la media giornaliera). Nei primi otto mesi dell’anno si evidenziano rispetto allo stesso periodo del 2020 incrementi del 40,3% per le autovetture, del 38% per i motocicli e del 39,5% per tutti i veicoli. Oggi la conferenza stampa di presentazione del weekend di gara nella Sala Regione del circuito I tifosi tornano sulle tribune dell’Autodromo Nazionale Monza per il Formula 1 Heineken Gran Premio d’Italia 2021 Accesso all’Autodromo consentito solo con il Green Pass. In programma sabato le Qualifiche Sprint e domenica alle 15 la gara. Gli atleti italiani medaglia d’oro a Tokyo nel ‘Tempio della Velocit�’.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

RUBRICA ACI A CIRE DEL DIRETTORE M. PERRETTA: AGOSTO, MERCATO USATO IN ROSSO

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA: AUTODROMO, SI RIPARTE CON F1

Monza, 7 settembre 2021 – Le tribune dell’Autodromo Nazionale Monza tornano a riempirsi per il fine settimana del Formula 1 Heineken Gran Premio d’Italia 2021 dal 10 al 12 settembre, esattamente a cento anni dal primo Gran Premio d’Italia a Montichiari nel 1921. I tifosi ripopoleranno gli spalti del ‘Tempio della Velocit�’ dando vita a uno spettacolo che andr� oltre la pista e che dar� cos� colore a tutto il weekend. La gara di Monza � infatti l’unica tappa italiana del campionato del mondo di Formula 1 a permettere ai fan di assistere allo spettacolo di persona. � quanto sottolineato nel corso della conferenza stampa di presentazione del Formula 1 Heineken Gran Premio d’Italia 2021 che si � svolta oggi nella Sala Regione Lombardia dell’Autodromo Nazionale Monza alla presenza dei Presidenti dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani, di Automobile Club Milano Geronimo La Russa, di Autodromo Nazionale Monza Giuseppe Redaelli, del Sindaco di Monza Dario Allevi e del Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana. Come emerso nel corso dell’incontro, gli spettatori potranno accedere al circuito da venerd� 10 a domenica 12 settembre esibendo il Green Pass europeo. Il circuito avr� una capienza del 50% dei posti normalmente disponibili sulle tribune. Ad ogni biglietto corrisponde un posto a sedere numerato, opportunamente distanziato dagli altri posti venduti, come prescritto dalla normativa Covid-19 attualmente in vigore. Ai tifosi sar� consentito inoltre l’accesso all’area Fan Zone, regolato dal conteggio della capienza massima di persone ammesse all’interno, dove troveranno stand e attivit� di intrattenimento. Angelo Sticchi Damiani, Presidente dell’Automobile Club d’Italia: �Una delle caratteristiche che rendono unico il Gran Premio d’Italia � quella di presentare di anno in anno nuove iniziative strettamente collegate all’attualit�, al momento, agli eventi pi� importanti in ambito mondiale e nazionale. Ed � cos� che nel corso degli anni il grande appuntamento motoristico con il Tempio della Velocit�, l’Autodromo Nazionale Monza, � diventato specchio ma anche momento di riflessione su quanto la realt� ci propone. Cos� � stato nei momenti pi� difficili, come l’anno scorso, con l’edizione 2020 dedicata agli eroi che continuano a lottare contro la pandemia di Covid-19. Ed � cos� anche questa volta, con questa edizione – che si svolge sempre in tempi difficili – dedicata ai grandi campioni dello sport italiano: i vincitori degli Europei di calcio e i medagliati delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi di Tokyo – questi ultimi di ritorno dai Giochi Olimpici e rappresentati quindi da una delegazione minore�. �Finalmente � iniziato il conto alla rovescia che ci condurr� alla festa sportiva per celebrare i cento anni dal primo Gran Premio d’Italia, un appuntamento che ha sempre dato lustro e visibilit� al nostro territorio. L’edizione 2021 sar� particolarmente emozionante per due motivi: il ritorno dei tifosi e l’omaggio al pilota milanese Michele Alboreto con la Curva Parabolica che prender� il suo nome. Dieci anni fa Automobile Club Milano ha intitolato al pilota milanese la propria Sala Consiglio nella sede di Corso Venezia, prevedendo di fare altrettanto con una iniziativa che lo ricordasse in modo indelebile sul circuito dove ha iniziato a correre, nel 1976, nella Formula Monza. Michele era un campione gentiluomo, sempre cortese, educato e sorridente, mai arrogante o presuntuoso. Un esempio positivo, una persona leale, sia come pilota, sia come uomo�, afferma Geronimo La Russa, presidente di Automobile Club Milano. Giuseppe Redaelli, Presidente di Autodromo Nazionale Monza: �Il ritorno del pubblico sugli spalti � per noi una grande soddisfazione anche se solo per la met� della capienza totale dei posti a sedere. Dopo mesi di porte chiuse, siamo pronti a ripartire insieme ai tifosi con un appuntamento importante come la gara di Formula 1, in un anno speciale che segna un secolo di vita del Gran Premio d’Italia. La dimostrazione dell’importanza di Monza per il campionato mondiale � la scelta di sperimentare nel Tempio della Velocit� le Qualifiche Sprint, la veloce gara di circa 100 km che decide la griglia di domenica. La Sprint Qualifying � una novit� che attirer� sicuramente l’attenzione degli spettatori presenti in circuito sabato. Lo stesso giorno intitoleremo la Curva Parabolica a Michele Alboreto dopo la decisione di omaggiare il pilota italiano presa dal Presidente Angelo Sticchi Damiani e dalla giunta sportiva�. Prosegue Redaelli: �Ricordo a tutti i possessori del biglietto che prima di accedere all’Autodromo � indispensabile completare una procedura di check in online indicata sul sito monzanet.it. Sar� poi necessario esibire all’ingresso il Green Pass, il biglietto, la ricevuta del check in e un documento di identit�. Vorrei che il Gran Premio di quest’anno diventasse il simbolo della ripartenza, non solo per il nostro circuito ma per tutto il mondo dello sport in generale che, pur avendo trascorso diciotto mesi drammatici, ha dimostrato di essere attivo pi� che mai grazie al successo agli Europei di calcio e alle medaglie italiane degli atleti olimpici e paralimpici. Con rammarico domenica dovremo rinunciare alla tradizionale invasione di pista. Mi appello pertanto alla responsabilit� degli appassionati per il rispetto di questa indicazione�. Dario Allevi, Sindaco di Monza: �L’anno scorso, pur in un’edizione a porte chiuse e del tutto anomala, l’Autodromo Nazionale Monza, il ‘Tempio della Velocit�’, � stato protagonista assoluto del campionato mondiale di Formula 1. Lo sar� anche quest’anno, con una riapertura parziale agli spettatori. L’amore per il nostro circuito � stata la benzina che in questi due anni cos� difficili ci ha permesso di correre, insieme ad ACI e Regione Lombardia, per tagliare il traguardo del Gran Premio d’Italia. Adesso � ora di guardare avanti. Dobbiamo guardare al futuro. L’auspicio � che dal prossimo anno possano tornare a pieno regime i tifosi, con la loro passione e il loro entusiasmo. Quello del 2022 sar� il GP del centenario e, soprattutto, della rinascita: potremo di nuovo vestire Monza di festa e vivere insieme l’atmosfera adrenalinica del weekend pi� atteso dell’anno. Oggi � il tempo della fiducia. Buttiamoci alle spalle il Covid con tutte le sue paure e riprendiamo a correre. Schiacciamo sull’acceleratore, la bandiera a scacchi ci attende�. Attilio Fontana, Presidente di Regione Lombardia: �La soddisfazione pi� grande per tutti noi, appassionati di sport, � che seppur con una capienza di pubblico ridotta, si torna a vivere e a respirare l’aria del “Tempio della Velocit�”. L’impegno e le risorse che Regione Lombardia continua a dedicare al Gran Premio d’Italia di Formula 1 sono la testimonianza concreta di quanto crediamo in un evento che ha molteplici sfaccettature e che valorizza in maniera unica un territorio, Monza e la Brianza, e una regione, la Lombardia, che sono da sempre considerati motore trainante del sistema economico-produttivo dell’intero Paese. E siccome i motori e in particolare i bolidi della Formula 1 sono anche sinonimo di “sogno”, mi piace sognare e sperare che Monza sia la definitiva ripartenza oltre che per l’Italia intera, anche per la Ferrari�. La Formula 1, che all’Autodromo Nazionale Monza disputer� il quattordicesimo appuntamento della stagione 2021, proporr� un programma ricco di attivit�. L’azione in pista inizier� venerd� 10 settembre. Assieme a prove libere e qualifiche di FIA Formula 2, Porsche Mobil 1 Supercup e Sports Prototype Cup – serie di supporto che animeranno il fine settimana – andranno in scena la prima sessione di prove libere della F1 alle 14.30 e le qualifiche alle 18. Sabato 11 settembre ci sar� spazio per le prime gare delle categorie di supporto, mentre i protagonisti del Circus disputeranno la seconda sessione di prove libere a mezzogiorno e la Sprint Qualifying alle 16.30. Alle 15 di domenica 12 settembre, dopo le gare conclusive delle altre serie, scatter� il Formula 1 Gran Premio d’Italia: saranno i suoi 53 giri a concludere il programma del weekend.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA: AUTODROMO, SI RIPARTE CON F1

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA: RIMINI, FOCUS SU AUTO ELETTRICHE

Rimini, agosto 2021 – ACI: AUTO ELETTRICHE E TRANSIZIONE ECOLOGICA, UN MATRIMONIO DA FARE CHE, PERO’, HA I SUOI TEMPI Gerardo Capozza, Segretario Generale dell’Automobile Club d’Italia, ha partecipato al Meeting di Rimini al convegno: “Transizione ecologica e vettori energetici: l’elettrico”. “Per passare progressivamente a tecnologie sempre meno dannose per l’ambiente, (compreso il settore dell’automotive), bisogna tenere in considerazione le realt� socio-economiche del nostro Paese, ma soprattutto, essere consapevoli che i tempi non saranno brevi” – queste le dichiarazioni di Gerardo Capozza, Segretario Generale dell’Automobile Club d’Italia – in occasione del proprio intervento al Meeting di Rimini, nel corso dell’incontro: ‘Transizione ecologica e vettori energetici: l’elettrico”. “In Italia, affinch� la mobilit� elettrica possa diventare pi� concreta e diffusa, c’� la necessit� che sussistano determinate condizioni (non facili da attuare) – ha continuato il Segretario Generale dell’ACI: aumentare la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e non inquinanti; fare in modo che le auto elettriche abbiano equivalenti prestazioni rispetto a quelle a motore tradizionale, (autonomia e prezzi in primis); una efficiente e capillare rete di stazioni di ricarica e una sempre maggiore diffusa cultura dell’eco-sostenibile. Autorevoli esponenti del mondo dei motori, economisti, ingegneri, esperti del settore e l’Automobile Club d’Italia, pur sostenendo i veicoli elettrici, sono convinti che nel breve periodo i motori a combustione interna non potranno mai essere completamente sostituiti dall’elettrico. Diversi e articolati i motivi: gran parte dell’energia elettrica � ancora ottenuta da fonti fossili in centrali a carbone o a gas; i veicoli elettrici, risultano, addirittura, pi� inquinanti dei veicoli endotermici; non � facile n� economico lo smaltimento delle batterie; la rete � ancora incapace di reggere un carico importante di veicoli; oggi le auto elettriche (a causa del prezzo di acquisto e della ridotta praticit�) rappresentano solo il 6% del venduto nel mese di dicembre 2020 e arriveranno a non pi� del 20% nell’anno 2030. “La transizione ecologica � pi� complessa di quanto immaginiamo – ha concluso Capozza – ma una transizione ‘giusta’ non pu� e non deve danneggiare n� i lavoratori, n� tantomeno le imprese. Nel nostro Paese, purtroppo, circolano ancora oltre 12 milioni di auto altamente inquinanti, si potrebbe pensare a sostituirle anche con aiuti e incentivi per l’acquisto di auto pi� recenti, maggiormente sicure e meno dannose per l’ambiente. Una transizione ecologica, oggi, non pu� prescindere dal tener conto e confronto con la demografia, l’economia, l’agricoltura, l’energia e la mobilit�, tutte filiere italiane consolidate che vanno salvaguardate guardando il futuro e, quindi, inserite in un percorso di innovazione e sostenibilit� con tempistiche molto pi� dilatate”.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA: RIMINI, FOCUS SU AUTO ELETTRICHE

ELEZIONI A CASERTA, MATURI BACCHETTA GIOVINE: ‘STUDIA ED EVITA MARINO’

Caserta, 27 agosto 2021 –

BIODIGESTORE A PONTESELICE, MATURI: “GIOVINE STUDI DI PI� E PRENDA LE DISTANZE DA MARINO”.

Finalmente un po’ di campagna vivace per le prossime amministrative a Caserta dove a ottobre si vota per il rinnovo della carica di sindaco. La nota arriva dopo le dichiarazioni del candidato Zinzi sul Biodigestore che vengono fraintese dal troppo giovane Giovine candidato sindaco anche lui. Gli risponde Filippo Maturi (di cognome e di fatto) che bacchetta Giovine con questa dichiarazione:

“Stupisce che Giovine non comprenda quello che � chiaro a tutti perch�, senza farne mai mistero, da sempre puntualizzato. Il dibattito � esclusivamente sull’inopportunit� di localizzare un biodigestore a 800 metri in linea d’aria dalla Reggia di Caserta, soprattutto perch� c’erano altri territori come il Comune di Maddaloni che aveva manifestato la propria disponibilit� indicando un luogo pi� adatto”. Cos� Filippo Maturi, candidato al consiglio comunale per la lista “Con Zinzi – Prima Caserta”, risponde alla polemica sollevata dal candidato sindaco Raffaele Giovine. “Stupisce anche questo attacco scomposto a Zinzi che, dal 2015 al 2020 in qualit� presidente della Commissione Ecomafie, si � battuto tra le altre cose anche contro la realizzazione di impianti in luoghi che non tenessero conto delle vocazioni dei territori e per la chiusura di aziende considerate dannose perch� localizzate nei pressi di aree urbane. Cose che Giovine, se realmente impegnato su tematiche ambientali, dovrebbe conoscere. La nostra posizione � chiara: bisogna completare il ciclo dei rifiuti in Campania. La nostra regione deve rendersi autonoma nella gestione per poter finalmente cancellare l’onta della salatissima condanna dell’Ue e dire addio ai continui viaggi dei rifiuti. Su questo non si discute. Piuttosto Giovine invece di attaccare sull’ovvio, perch� non approfitta per dichiarare pubblicamente che non andr� mai con Marino? La chiarezza � importante”.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

ELEZIONI A CASERTA, MATURI BACCHETTA GIOVINE: ‘STUDIA ED EVITA MARINO’

MACRICO, IL SINDACO DI CASERTA MARINO COME HOUDINI: ILLUSIONISTA

Caserta 24 agosto 2021 – Per il Comitato Macrico Verde, Caiola e Tanzarella ‘Marino � un illusionista’. Lo scrivono in una nota i due responsabili del comitato dopo la notizia diffusa nei giorni scorsi da Cronache di Caserta in cui si parla di uno studio di fattibilit� inviato alla Regione Campania e stilato dall’Universit� Vanvitelli. Dove stanno le carte? Nessuna traccia: il rettore replica o ne sa qualcosa?

Del giallo ne ha parlato in una nota anche il candidato sindaco Romolo Vignola ma il Comitato interviene con questa nota:

�Marino, lei � un modesto prestigiatore, direi un illusionista che conta sulla scarsa memoria e distrazione degli spettatori. Io la sfido a farmi vedere le carte di questo atto di cessione del Macrico che sono certo non esiste. Infatti del suo folle progetto n� l’Istituto Centrale Sostentamento Clero a Roma n� il vescovo di Caserta hanno notizia, allora chi le avrebbe firmato la cessione del terreno? Vuol dirlo pubblicamente o rientra nei segreti di Stato come il suo progetto annunciato ma che nessuno ha ancora visto se non per l’annuncio del lago (!) e dei 1500 alloggi per studenti. Ma lei non � quello che in un recente consiglio comunale dedicato al Macrico ha messo in dubbio perfino la propriet� dell’area? Ai tempi in cui lei era assessore ai lavori pubblici di Forza Italia, (ricorda di esserlo stato?) altri progetti sono miseramente falliti e ora che � sindaco del Partito Democratico riprova ancora lo stesso gioco, ma vuol provare a cambiare copione? Lei dunque � un illusionista ma con noi non ha successo, tiri fuori le carte e non si nasconda dietro il fumo degli annunci che possono appagare solo la sua corte di ascari del partito democratico che la ripropone come sindaco dopo 5 anni di buio pesto per la citt�. Il Macrico non � un jolly della sua campagna elettorale ma una delle ultime occasioni di vita di Caserta. Si accontenti del soccorso del presidente della Regione e suo maestro di arti illusioniste e continui a giocarsi la carta elettorale dell’Azienda Ospedaliera dove la occhiuta pressione sua e di De Luca si accresce ogni giorno di pi�. Signor Marino attendo che mi mostri il progetto e l’atto di cessione dei terreni che come cittadino di Caserta ho il diritto di vedere�.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

MACRICO, IL SINDACO DI CASERTA MARINO COME HOUDINI: ILLUSIONISTA

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA: USATO 2 RUOTE OK LUGLIO

Roma, 3 agosto 2021 –

ACI:�BILANCIO�POSITIVO�A LUGLIO�PER�L’USATO A DUE RUOTE

MENTRE FINISCONO IN TERRENO NEGATIVO TUTTE LE RADIAZIONI

Luglio a due velocit� per il mercato dell’usato: ancora contrastato il bilancio delle�compravendite di�auto di seconda mano, mentre prosegue l’aumento di�quelle dei motocicli.�I�passaggi di propriet� delle autovetture depurati dalle minivolture(trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) hanno�fatto registrare nel mese di luglio�unacontrazione�dello 0,8%rispetto all’analogo mese�pre-Covid�2019. Detta contrazione si trasforma tuttavia in una crescita del 3,8%�a livello di media giornaliera, considerata�la presenza a luglio�2021 di una giornata�lavorativa�in meno.�Per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 230�usate nel mese di luglio, oltre il doppio di quelle di prima immatricolazione, e 176 nei�primi sette mesi�dell’anno.�Sempre�in�decisa�flessione, infine, le�minivolture�che a luglio hanno evidenziato�un�calo mensile del 15,4%�(-11,6% in termini di media giornaliera).

Per quanto concerne�le�alimentazioni�le autovetture nuove ibride a benzina, con una quota pari al 28,4% del mercato nel mese di luglio, si pongono al secondo posto e superano ancora una volta le vendite di auto diesel, ferme al 22,8%. Contrazioni a due cifre per le nuove iscrizioni di auto diesel e�a benzina in confronto a luglio 2020 (rispettivamente -47,9% e -39,6%), a fronte di crescite esplosive per le vetture elettriche e ibride,�che vanno oltre il raddoppio dei relativi contingenti.�Nel mercato dell’usato, al contrario, prevalgono ancora le alimentazioni tradizionali (diesel e benzina), malgrado le flessioni riportate, mentre la quota dell’ibrido a benzina continua a crescere di consistenza (2,5% a luglio 2021). Le auto diesel primeggiano nettamente anche nelle minivolture (56,1%), nonostante si evidenzi un calo in confronto a luglio 2020 pari al 26%.

Nuovo incremento a luglio�per i�passaggi di propriet� dei motocicli,�che al netto delle minivolture hanno chiuso il bilancio mensile�con�una�variazione positiva del 3,1% rispetto al periodo ante-crisi di luglio�2019�(+7,7% in termini di media giornaliera).�

Nel periodo gennaio-luglio 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 si evidenziano per�i trasferimenti di propriet�incrementi�complessivi�del 30,2% per le autovetture,�del 37,4% per i motocicli e del 31,4% per tutti i veicoli.

I dati sono riportati nell’ultimo�bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito�www.aci.it�.

Bilancio in rosso�per le radiazioni.�Per le�radiazioni delle quattro ruoteil mese di luglio si � chiuso con�un�calo�dell’ 8,8% rispetto all’analogo mese�2019�(-4,6% la media giornaliera), generato�dalla riduzione�delle radiazioni per esportazione�(-28,9%), a fronte di un bilancio positivo dello 0,7% delle�rottamazioni.Il tasso unitario di sostituzione � stato pari a 1,06 nel mese di luglio (ogni 100 auto nuove ne sono state radiate 106) e a 0,91 nei primi sette mesi.�In�calo anche�le�radiazioni di motocicli, che a luglio hanno archiviato�una�contrazione mensile�dell’8,2%(-4% la media giornaliera).

Nel periodo gennaio-luglio�2021 in confronto�allo stesso periodo del 2020 incrementi del 46,6% per le autovetture, del 42,4% per i motocicli e del 45,4% per tutti i veicoli.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA: USATO 2 RUOTE OK LUGLIO

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA:SKRILL LUCEVERDE SU ALEXA

Roma, 20 luglio 2021 – ACI LANCIA “LUCEVERDE”, NUOVA SKILL DI ALEXA INFO-TRAFFICO, RADIO E PODCAST ACCESSIBILI ATTRAVERSO INTERAZIONE VOCALE LA RUSSA (ACI INFOMOBILITY): “SFRUTTARE LE TECNOLOGIE PI� INNOVATIVE PER RISPONDERE AL MEGLIO ALLE ESIGENZE DEI CITTADINI”

Notiziari sul traffico, radio e podcast accessibili in qualsiasi momento, tramite semplice interazione vocale, grazie allanuova skill “Luceverde”, disponibile per tutti i dispositivi integrati con l’assistente vocale Amazon,�Alexa.

Creata da�ACI Infomobility�(societ� partecipata ACI di servizi gratuiti di Infomobilit�),�Ipervox�(societ� specializzata nello sviluppo delle skill Alexa) ed�EY�(leader mondiale in consulenza e in servizi professionali per le aziende), “Luceverde”�consente – con una semplice richiesta vocale – da casa�(prima di mettersi in viaggio)�o in auto�(prima di mettersi alla guida o comunque senza staccare le mani dal volante n� distogliere l’attenzione dalla strada utilizzando un dispositivo) -�di essere sempre aggiornati su mobilit� locale, cittadina e nazionale e di avere accesso rapido a programmi radio e contenuti podcast. Per attivarla, basta chiedere ‘’Alexa, apri Luceverde’’.

“Grazie a questa Skill di Alexa – ha dichiarato�Geronimo La Russa, Presidente ACI Infomobility – accedere alle nostre informazioni su mobilit� pendolare, principali flussi nazionali e criticit� stagionali legate al turismo, sar� possibile anche con un semplice comando vocale, a casa o in auto. Il nostro obiettivo � quello di sfruttare sempre le tecnologie pi� innovative per rispondere al meglio alle esigenze del cittadino.”

Tre le funzionalit� operative:

1.����Notiziario traffico

����������Cittadino�(“Alexa, chiedi a Luceverde il notiziario di…”):�notiziari traffico locale�prodotti da ACI Infomobility, disponibili per le maggiori citt� italiane e aggiornati pi� volte durante la giornata;

����������Personale�(Alexa�chiedi a Luceverde�il traffico per andare al lavoro): la situazione traffico inun punto o per una tratta abituale�(casa-lavoro), impostate, vocalmente, secondo le esigenze dell’automobilista. Le info contengono indicazioni su incidenti, strade interrotte, code, ecc.;

����������Nazionale�(“Alexa, chiedi a Luceverde il traffico nazionale”): informazioni sui principali elementi di viabilit� nazionale.

2.����Radio

Alexa chiedi a Luceverde la Radio”, per ascoltare la radio ACI Luceverde e chiedere quali programmi sono in onda.

3.����Podcast

Ascoltare i�podcast�offerti da ACI Infomobility. L’utente pu� richiamare un�podcast�direttamente oppure effettuare ricerche per categoria (Guida la Musica, la Guida de L’automobile, In Viaggio, ecc.), l’ultimo�podcast�di una categoria, l’ultimo�podcast�messo in onda in assoluto.

Gli automobilisti potranno anche chiedere suggerimenti sui�podcast�da ascoltare (Alexa, chiedi a Luceverde di suggerirmi un podcast) o di riprodurre�podcast�casuali (Alexa, chiedi a Luceverde di riprodurre un podcast casuale).

Luceverde�� il servizio di infomobilit� dell’ACI, sviluppato in collaborazione con Enti Istituzionali e Polizie Locali. Il servizio – in continua espansione – � attualmente attivo a: Ancona, Bari, Bergamo, Genova, Lecce, Milano, Modena, Perugia, Pescara, Prato, Roma, Salerno,�Trapani, Trieste, Verona e Vicenza.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA:SKRILL LUCEVERDE SU ALEXA

RUBRICA ACI A CURA DEL DIRETTORE M. PERRETTA: REPORT INCIDENTI STRADALI 2020 ED

Roma, 22 luglio 2021 – ACI-ISTAT

REPORT INCIDENTI STRADALI 2020

EFFETTO COVID 19

CROLLANO INCIDENTI (118.298 =�-31,3%),

MORTI (2.395 =�-24,5%) E FERITI (159.249 =�-34%)

COSTI SOCIALI

11,6miliardi (0,7% PIL) =�-31,4%

Vittime

�calano tra gli over14

aumentano�+5,71%�tra i bambini:

10/14 anni =�19 morti (+4)

5/9 anni =�10 morti (+6)

Tasso di mortalit�

(morti per milione)

cala da 52,6 a 40,3

Indice di mortalit�

(rapporto morti/incidenti con lesioni a persone)

cresce a 2,02: + 0,18

In autostrada la riduzione maggiore

di incidenti (-39,9%) e vittime (-37,1%)

Principali cause di incidenti:

distrazione (15,7%), precedenza (14,5%), velocit� (10%)

Mobilit� dolce/amara:

14.006, 176 vittime, 14.023 feriti

monopattini: due incidenti al giorno e prima vittima

pedoni: 409 morti (534 nel 2019) =�-23,4%

Ciclomotori e motocicli

calano i morti:

645 (786 nel 2019) =�-17,9%

Roma, 22 luglio 2021

Nel 2020, in Italia – a causa di lockdown, blocchi della mobilit� e coprifuoco dovuti all’emergenza Covid19 – rispetto al 2019,�incidenti stradali e feriti si sono ridotti di un terzo�(rispettivamente�-31,3%�e�-34%),�i morti di un quarto�(-24,5%),�i feriti gravi di un quinto�(- 20%).

In valori assoluti,�gli incidenti sono stati 118.298�(in media 324 al giorno, 13,5 ogni ora; erano 172.183 nel 2019),�i morti 2.395�(6,5 al giorno, 1 ogni 3 ore �; 3.173 nel 2019)�e i feriti 159.249�(436 al giorno, 18 ogni ora; 241.384 nel 2019),�dei quali gravi 14.102�(38,6 al giorno: 17.600 nel 2019). Tra le 2.395 vittime della strada, 1947�(81,29%) sono uomini, 448 donne (18,71%).

La diminuzione di incidenti pi� consistente si � registrata sulle autostrade�(-39,9%), seguite da strade urbane (-31,7%) ed extraurbane (-27,5%).�Sempre sulle autostrade, si � registrata la riduzione maggiore�(-37,1%)�di vittime. Seguono strade extraurbane (-25,7%) e urbane (-20,3%).

I�costi sociali dell’incidentalit� stradale sono risultati pari a 11,6 miliardi di euro�(0,7% del Pil), contro i 16,9 miliardi (1% del PIL) del 2019, per�una riduzione del�31,4%.

Sono questi i dati essenziali del�Rapporto ACI-ISTAT�sull’incidentalit� stradale 2020,�online da oggi su�https://www.aci.it/laci/studi-e-ricerche/dati-e-statistiche/incidentalita.html�e su�https://www.istat.it/

Secondo il�Presidente dell’ACI,�Angelo Sticchi Damiani,�“L’analisi dei dati ACI-Istat dimostra che, purtroppo, la diminuzione di incidenti e vittime � legata, unicamente, ai provvedimenti di confinamento anti-Covid. L’andamento dell’incidentalit� stradale si � mosso di pari passo con la riduzione di mobilit� e poi con la ripresa. �, inoltre, evidente�- ha aggiunto il Presidente dell’ACI -�il coinvolgimento delle nuove forme di mobilit� dolce. Sono necessarie regole peculiari per la circolazione di questi mezzi accanto ai veicoli a motore per una serena convivenza sulla strada. Solo con il rispetto reciproco, la conoscenza delle regole e l’educazione stradale per tutti, potremo avere una mobilit� sicura. Accogliamo con piacere, dunque, il confronto avviato dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilit� Sostenibile con Anci e rappresentanti della Sharing Mobility, nonch� l’avvio dei lavori per la definizione entro l’anno di un Piano nazionale della Mobilit� Ciclistica”.

“L’emergenza sanitaria ha avuto un forte impatto anche sulla mobilit� e sull’incidentalit� stradale. Confinamenti, zone rosse e coprifuoco hanno ad esempio influito sul forte calo di vittime, feriti e incidenti nel loro complesso. In questo scenario va sottolineata una diffusione crescente della cosiddetta�mobilit� dolce”�ha dichiarato Gian Carlo Blangiardo, Presidente dell’Istat�“A partire dal 2020 sono stati, infatti, rilevati incidenti�stradali in cui sono coinvolti monopattini elettrici e biciclette. Secondo i risultati diffusi�oggi, sono stati oltre due al giorno, da�maggio�a�dicembre�2020,�gli incidenti con lesioni a persone su monopattino elettrico. Si tratta di una tendenza preoccupante confermata anche nei�mesi successivi”.

Cala il tasso di mortalit�: da 52,6 a 40,3 ma 13 Regioni sono sopra la media

Cala il tasso di mortalit� stradale�(morti per milione di abitanti):�da 52,6 a 40,3. In ben 13 Regioni, per�, il numero di morti per 100mila abitanti � risultato pi� elevato rispetto alla media nazionale�(4,0). Tra queste,�gli scostamenti pi� rilevanti�si registrano in�Molise�(8,4),�Sardegna�(5,9),�Bolzano/Bozen�(5,8),�Umbria�(5,2) ed�Emilia-Romagna�(5,0). Seguono Veneto (4,7), Abruzzo, Marche, Trento (tutte a 4,6), e Lazio (4,5).

Cresce l’indice di mortalit�: 2,0

Cresce l’indice di mortalit�(rapporto morti/incidenti con lesioni a persone) in tutti gli ambiti stradali: continua a essere pi� elevato sulle strade extraurbane (4,4 decessi ogni 100 incidenti), si attesta a 3,6 sulle autostrade, mentre � pari a 1,2 sulle strade urbane (rispettivamente 4,2; 3,4 e 1,0 nel 2019). La media nazionale � pari a 2,0 ed � praticamente invariata dal 2010.

Aumenta leggermente anche l’indice di gravit� (rapporto tra morti e morti+feriti per 100), pari a 1,48.

Cause principali: distrazione, precedenza, velocit�

“Guida distratta o andamento indeciso” (23.802 incidenti: il 15,7% del totale),�mancato rispetto di precedenza o semaforo�(21.985 incidenti: 14,5%) e�velocit� troppo elevata�(15.194: 10%) si confermano�le principali cause di incidenti.

Seguono: mancato rispetto della distanza di sicurezza (13.148 casi: 8,7%) e “manovre irregolari”�(es. retromarcia, inversione, invasione di corsia, manovre irregolari per sostare o attraversare la carreggiata…)�(11.294: 8,7%). La mancata precedenza al pedone (4.838) e il comportamento scorretto del pedone (4.252) rappresentano, infine, il 3,2% e il 2,8% delle cause di incidente.

Multe: pi� di 2,2mln per la velocit�, 120mila per il cellulare, 30mila per alcol e droga

L’analisi delle principali contravvenzioni elevate da Polizia Stradale, Carabinieri e Polizia Locale conferma, inoltre, l’aumento della�velocit�(oltre 2,2milioni di multe: pi� di 6mila al giorno, 251 ogni ora) e dell’uso del�telefonino�mentre si � al volante (circa 120mila multe: 335 al giorno, 14 ogni ora). Mentre quasi 30mila persone sono state multate per guida in stato di ebbrezza (25.902: 70 al giorno, quasi 3 ogni ora) o guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti (3.831: 10 al giorno).

INCIDENTI, MORTI E FERITI PER CATEGORIA DI STRADA (VALORI ASSOLUTI E VARIAZIONI PERCENTUALI)

CATEGORIA DELLA STRADA

Incidenti

2020

Incidenti

2019

Incidenti

2018

Morti

2020

Morti

2019

Morti

2018

Feriti

2020

Feriti

2019

Feriti

2018

Var.% incidenti�2020/2019

Var.% morti�2020/2019

Var.% feriti�2020/2019

Strade urbane (a)

86.682

127.000

126.744

1.061

1.331

1.401

111.532

168.794

169.607

-31,7

-20,3

-33,9

Autostrade e raccordi

5.451

9.076

9.437

195

310

330

8.465

15.009

15.545

-39,9

-37,1

-43,6

Strade extraurbane (a)

26.165

36.107

36.372

1.139

1.532

1.603

39.251

57.581

57.767

-27,5

-25,7

-31,8

Totale

118.298

172.183

172.553

2.395

3.173

3.334

159.248

241.384

242.919

-31,3

-24,5

-34,0

(a)��Sono incluse nella categoria “Strade urbane” anche le Provinciali, Statali e Regionali entro l’abitato. Sono incluse nella categoria “Strade extraurbane”, le strade Statali, Regionali e Provinciali fuori dall’abitato e Comunali extraurbane.

�Oltre 200mila conducenti coinvolti: quasi 22mila (10,3%) stranieri

I conducenti coinvolti in incidenti stradali sono stati 213.196: 163.593 uomini (76,7%) e 49.603 donne (23,3%). Di questi, 22mila circa (il 10,3%) sono cittadini stranieri.

114.295 conducenti coinvolti sono risultati infortunati (il 56,3% del totale). Di questi, 1.697 (1.516 uomini e 181 donne) sono morti (0,8%) e 112.598 sono rimasti feriti (52,8%). 98.901, invece, (46,4%) sono gli incolumi.�Due le fasce d’et� pi� ferite (20-24 e 25-29), mentre le vittime si concentrano tra i giovani e i pi� anziani. Gli incolumi sono prevalentemente 45-49enni.

I conducenti deceduti sono stati 1.697�(1.516 uomini e 181 donne);�i passeggeri deceduti, 289�(166 uomini e 123 donne).

Vittime: drastico calo tra gli “over 14”…

La maggiore riduzione di decessi�(-34,8%),�si registra tra 15 e 19 anni; segue la fascia d’et� 45-49 (-33,2%).�Le riduzioni pi� contenute, invece, riguardano le fasce 55/59 anni�(-12,7%)�e 60/64 anni�(-10,3%).� Tra i pi� giovani, appaiono pi� penalizzati i 30-34enni (-19,4%).

… in aumento tra i bambini: + 5,71%

La nota pi� negativa � rappresentata dal�forte aumento, in termini percentuali (i valori assoluti, per fortuna, rimangono bassi),�delle morti tra i bambini�per i quali il Paese aveva l’obiettivo “Zero Vittime”. Nel 2020,�37 bambini tra 0 e 14 anni hanno perso la vita in incidenti stradali:�+5,71%�rispetto al 2019 (35 bambini).�Nella fascia d’et� 5-9 anni, per�, le vittime sono salite da 4 a 10�(+150%) mentre,�tra i 10 e i 14 anni, sono passate da 14 a 19�(+35,71%).

Calo ridotto vittime trasporto merci, ciclomotori/motocicli

Gli occupanti dei veicoli per trasporto merci fanno registrare la diminuzione di vittime pi� contenuta, anche se in valore assoluto rappresentano il numero pi� basso (117 morti; -14,59%). Su ciclomotori e motocicli, invece, hanno perso la vita 645 persone (erano state 786 nel 2019; -17,9%)

Primo morto su monopattino

Sono 409 (265 uomini, 144 donne) i pedoni vittime della strada. Erano stati 534 nel 2019: -23,4%. La mobilit� dolce (biciclette e monopattini), infine, ha fatto registrare 176 vittime, di cui una su monopattino. Da maggio 2020, sono stati 564 gli incidenti rilevati con almeno un monopattino elettrico (pi� di 2 al giorno) – con 1 decesso e 518 feriti su monopattino, 33 pedoni investiti e feriti e 44 feriti su altri veicoli, soprattutto biciclette e motocicli.

(Fonte: CasertaSette – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/08/02/rubrica-aci-a-cura-del-direttore-m-perretta-report-incidenti-stradali-2020-ed/