Caiazzo. Franco Pepe, Ambasciatore cittadino nel Mondo, ‘mette d’accordo’ anche il Consiglio comunale spaccato

https://teleradionews.files.wordpress.com/2015/03/caiazzo-pepe-15×11-ambasciatore-91.jpg?w=300&h=220
caiazzo-pepe-15x11-ambasciatore-91caiazzo-pepe-15x11-ambasciatore-321Toccante quanto atteso il momento, solenne ben oltre l’apparenza faceta, Continua a leggere

di TeleradioNews

PIANA DI MONTE VERNA. Sversano rifiuti in località Elvanelle a Frasso Telesino. Denunciati un 57enne e un 40enne


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

I due soggetti finiti nelle maglie dei Carabinieri sono residenti nel piccolo Comune pianese…
Sono accusati di aver effettuato uno sversamento non autorizzato di rifiuti non pericolosi in località Elvanelle, a Frasso Telesino. Per questo motivo, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato un 57enne e un 40enne originari di Piana di Monte Verna in provincia di Caserta. In particolare, a seguito della segnalazione del personale dell’Ufficio Tecnico comunale, i militari erano già intervenuti sul posto, dove erano stati trovati diversi metri cubi di rifiuti: prevalentemente materiale plastico e di scarto edile. L’area era stata subito bonificata dall’Amministrazione comunale, ma le indagini condotte dai Carabinieri hanno consentito di accertare che i due denunciati erano stati autorizzati alla demolizione edile di un locale opificio in disuso. Tuttavia, durante l’attività di demolizione, alcuni scarti erano stati sversati illecitamente in località Elvanelle. I due cittadini di Piana di Monte Verna dovranno, ora, rispondere di reato ambientale.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIANA DI MONTE VERNA. Sversano rifiuti in località Elvanelle a Frasso Telesino. Denunciati un 57enne e un 40enne.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/14/piana-di-monte-verna-sversano-rifiuti-in-localita-elvanelle-a-frasso-telesino-denunciati-un-57enne-e-un-40enne/

di TeleradioNews

VAIRANO PATENORA. “Taverna Catena 26 Ottobre 1860 io non ne so nulla!” Così il capogruppo di minoranza Lino Martone sull’opera dell’Unità d’Italia


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

“””Non mi ricordo di aver partecipato a un Consiglio Comunale che abbia deliberato tale istituzione e il relativo regolamento, dal momento che un titolo che impegna l’Istituzione Comune per il futuro, la sua Popolazione e il suo territorio, non può che essere istituito dal Consiglio Comunale…”””
Nulla da dire, naturalmente, su una iniziativa che tende a consolidare e a far proprio di Vairano un titolo e un riconoscimento insigne come “Taverna Catena 26 Ottobre 1860″. Importante è poi aver scelto la sede del Liceo di Vairano Scalo dove spero saranno coinvolti i tanti studenti della zona. Nulla da dire nel conferimento del riconoscimento all’amico Adolfo Panarello, conosciutissimo per la sua passione nella ricerca storica, per le sue pubblicazioni con l’amore verso il territorio. Tuttavia è appena il caso di chiedere dove e chi ha deciso di istituire tale titolo? Non mi ricordo di aver partecipato a un Consiglio Comunale che abbia deliberato tale istituzione e il relativo regolamento, dal momento che un titolo che impegna l’Istituzione Comune per il futuro, la sua Popolazione e il suo territorio, non può che essere istituito dal Consiglio Comunale. Per la verità, in data 26 Febbraio 2014, con delibera di Consiglio numero uno, in occasione del 90° anniversario della morte di Angelo Broccoli, fu decisa all’unanimità la costituzione di un Istituto di Lavoro e Ricerca intitolato all’onorevole, ai sensi della L.R. 49/1985 per la formazione dell’identità storica del territorio e di conseguenza la formazione di un consiglio direttivo, base per la programmazione dei momenti culturali di approfondimento e definizioni dei consequenziali riconoscimenti. Fu anche aggiunta, al dispositivo deliberativo, la decisione di dar vita a un appropriato archivio storico. Alla fine del 2014, poiché non si era proceduto a far nulla per un anno intero, ho fatto formale richiesta alla giunta e alla responsabile Pelosi Domenica, di non far passare il 91° invano e di onorarlo, a conferma degli impegni presi dal Consiglio, almeno con la concentrazione in aula consiliare, con qualche mobile protetto, senza nemmeno grandi costi, di tutto il materiale storico sull’anagrafe, il primo catasto e i fuochi del Borgo Medievale, abbandonati in un luogo umido con rischio di responsabilità penali. Nulla di fatto, come si dice in volgo, da un orecchio entra e dall’altro esce. Voglio almeno sperare che dall’iniziativa del 17 marzo, insieme alla consegna del titolo, tutti i presenti, chiamando tutti gli studenti,approvino anche un determinato OdG in cui si sancisca un chiaro invito all’amministrazione comunale affinché provveda a consegnare al patrimonio pubblico e allo Stato Italiano tutto lo stabile-monumento di Taverna Catena. Non si può insignire chiunque di un titolo che richiama tale bene storico senza che sia inequivocabile un adesione all’impegno del suo riconoscimento che, appunto, inizia nel 1911 con l’impegno proprio di Angelo Broccoli; nel 1960 con il sindaco Di Muccio e la consiliatura Torre di allora; nel 1967 con la pubblicazione del Decreto Ministeriale, nel 1982 con la dovuta rivolta popolare e l’impegno di una precisa parte politica che non ha smesso nemmeno un minuto di premere sull’amministrazione comunale ad assumere i provvedimenti d’obbligo. Del titolo “Taverna Catena 26 Ottobre 1860″ non ne può disporre e non ne deve disporre alcun privato, è un titolo pubblico proprio del comune di Vairano Patenora e va legalmente disciplinato.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: VAIRANO PATENORA. “Taverna Catena 26 Ottobre 1860 io non ne so nulla!” Così il capogruppo di minoranza Lino Martone sull’opera dell’Unità d’Italia.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/14/vairano-patenora-taverna-catena-26-ottobre-1860-io-non-ne-so-nulla-cosi-il-capogruppo-di-minoranza-lino-martone-sullopera-dellunita-ditalia/

di TeleradioNews

Formicola. Riccardo Ventre non si candida alla Regione e sosterrà alle elezioni del 31 maggio Angelo Di Costanzo con Forza Italia!


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Fedelissimo del Presidente Emerito della Provincia, fin da quando era assessore provinciale nella sua Giunta, il sindaco di Alvignano, Di Costanzo, avrebbe accettato la candidatura con il partito azzurro…
Il sindaco di Alvignano, Angelo Di Costanzo (nella foto), sarà candidato alle prossime elezioni regionali con Forza Italia. Consigliere regionale uscente, Di Costanzo ha accettato la “corte serrata” che Maria Rosaria Rossi in persona gli avrebbe fatto. Sebbene le riserve non sono state ancora sciolte, nei prossimi giorni registreremo qualche evento che farà capire come lo stesso primo cittadino di Alvignano sarà candidato per l’Alto Casertano alle prossime regionali proprio nel partito principale che sostiene il Governatore uscente, Stefano Caldoro. Del resto ha contribuito anche alla sua elezione nel 2010 ottenendo un grosso suffragio, oltre 14mila voti, per cui l’alveo naturale checché in tanti si siano scatenati, è proprio Forza Italia per un politico che da sempre ha dimostrato sul campo di avere “li voti”. E Riccardo Ventre (nella foto), pigmalione politico del sindaco Di Costanzo, lo sosterrà alle prossime elezioni regionali, non fosse altro perchè quest’ultimo, rappresenta in termini politici, il candidato vero dell’Alto Casertano. E, a tal proposito, proprio Di Costanzo potrebbe catalizzare su di se anche tanti voti di coloro che non sono soddisfatti delle strategie del Pd, soprattutto per ciò che attiene l’area interna della Provincia di Caserta. Molti, infatti, non si sentono, rappresentati da Gennaro Oliviero, benché questi ogni cinque anni si faccia vivo da queste parti, proprio per chiedere consensi, salvo poi rivederlo alla tornata elettorale successiva utile per chiedere altri voti ancora. Di Costanzo invece in pochissimi mesi che è stato consigliere regionale, ha fatto capire che al territorio ci tiene ed è riuscito a risolvere quei pochi problemi che il tempo gli consentiva di risolvere. Bisogna solo attendere i prossimi eventi, per ufficializzare l’ennesima casella nel partito azzurro.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***FORMICOLA*** Riccardo Ventre non si candida alla Regione e sosterrà alle elezioni del 31 maggio Angelo Di Costanzo con Forza Italia!.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/14/formicola-riccardo-ventre-non-si-candida-alla-regione-e-sosterra-alle-elezioni-del-31-maggio-angelo-di-costanzo-con-forza-italia/

di TeleradioNews

Caiazzo. Giornate di Primavera: è falso che pagano sindaco e assessori?


Il Sindaco Tommaso Sgueglia dopo aver percepito per dieci anni l’indennità di carica per aver svolto la funzione da Vice Sindaco e per due anni da Sindaco, Continua a leggere

di TeleradioNews

27 gennaio: giornata della memora doppia per Caiazzo, bombardata ‘per errore’ nel 1944

Si deve a un deprecabile errore dei militari americani il bombardamento che il 27 gennaio 1944 provocò 20 vittime civili, oltre alla distruzione di numerosi edifici: 

Continua a leggere

di TeleradioNews