Caiazzo rischia di perdere una grande opportunità: allarme della minoranza ‘Bene Cmune’.

PNRR, CAIAZZO BENE COMUNE LANCIA LALLARME: LA CITTÀ RISCHIA DI PERDERE UNOCCASIONE IRRIPETIBILE, LAMMINISTRAZIONE GIAQUINTO PARTECIPI AI BANDI.

La minoranza: assenza di ogni dibattito e condivisione sulle scelte strategiche, si portino in Consiglio comunale i campi di intervento e le opere da realizzarsi.

 

 

“L’amministrazione Comunale presti la massima attenzione alle opportunità che iniziano a profilarsi attraverso i bandi rientranti nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Si rischia di perdere un’occasione irripetibile!”.

 

A lanciare l’allarme sull’immobilismo dell’amministrazione comunale è il gruppo consiliare di Caiazzo Bene Comune, con i consiglieri Marilena Mone, Muro Carmine Della Roca e Andrea Costantino pronti a dare il loro contributo.

 

“L’approvazione del PNRR ha aperto nuove opportunità di investimento indirizzate anche ai Comuni. Molteplici sono i settori di intervento nei quali poter realizzare importanti progetti di sviluppo: recupero del patrimonio storico-culturale e rilancio del turismo, digitalizzazione e nuove assunzioni di personale, abbattimento delle barriere architettoniche e sostegno alle persone con vulnerabilità, realizzazione o ammodernamento di impianti di gestione dei rifiuti, messa in sicurezza del territorio e tutela del verde urbano, realizzazione di nuove mense e palestre scolastiche, di asili nido ed altro ancora.

Vorremo vedere anche nel nostro Comune un maggiore attivismo, più condivisione e, perché no, un minimo di dibattito sulle possibilità offerte dai tanti bandi in uscita. Dobbiamo guardare a queste risorse non solo come uno strumento per “sistemare” i tanti guasti a cui non si è saputo porre rimedio in quasi quattro anni di amministrazione, ad esempio per il centro per disabili o la scuola “Elvira Giorno”, ma come un’opportunità di rilancio per la nostra Città ed un’occasione per offrire finalmente dei servizi d’eccellenza ai cittadini”, spiega la minoranza che poi sfida Giaquinto:

 

“Chiediamo che siano portate alla conoscenza del consiglio comunale, delle commissioni consiliari e della cittadinanza le aree di intervento che i singoli assessori e il Sindaco ritengono prioritarie.

Chiediamo che sia reso noto quali sono i progetti pronti per essere presentati o a cui i singoli delegati stanno, almeno si spera, lavorando e attraverso i quali la maggioranza ritiene che si possa dare nuovo slancio alla nostra Città in campo economico, sociale, culturale e turistico.

In questi giorni, ad esempio, sono aperte le candidature relative all’edilizia scolastica, in particolare si potrebbe puntare alla realizzazione di un centro di cottura per la mensa scolastica, già auspicata da precedenti amministrazioni e da tanti genitori. C’è inoltre la possibilità di recupero di edifici scolastici e potenziamento delle infrastrutture per lo sport a scuola”, fa rilevare l’opposizione di Caiazzo Bene Comune.

 

“Chiediamo, però, che la Giunta inizi a guardare lontano e ad adoperarsi per la realizzazione di interventi strategici che possano stimolare in maniera concreta lo sviluppo del turismo, del commercio e delle attività legate alle tipicità del nostro territorio. I Comuni, inoltre, nell’ambito di tali progetti, anche se strutturalmente deficitari, potranno procedere ad assunzioni straordinarie di personale a tempo determinato: un’ulteriore opportunità per sfruttare al meglio le occasioni dei mesi a venire, anche attraverso l’apporto delle ottime professionalità presenti sul territorio”, concludono i consiglieri Mone, Della Rocca e Costantino.

 

Caiazzo rischia di perdere una grande opportunità: allarme della minoranza ‘Bene Cmune’.

di TeleradioNews

Caserta. Biodigestore previsto nei pressi della Reggia: il WWF allerta anche la Soprintendenza

rRiportiamo di seguito la ichiesta del WWF Caserta alla Soprintendenza ed alla Direttrice della Reggia di Caserta, relativa al biodigestore di Ponteselice:

Il WWF Caserta, in data 25 giugno 2017 inviò una lettera aperta agli Organi di Stampa in cui esprimeva una serie di perplessità e timori in merito alla localizzazione dell’impianto in oggetto.  

Da allora l’iter burocratico ha proceduto con estrema lentezza e, ad oggi, non è noto il parere di questa Soprintendenza, parere che riveste grande importanza perché proveniente da un Ente deputato alla salvaguardia del territorio con tutte le sue emergenze monumentali e ambientali.  

Il WWF Caserta, come associazione portatrice di interessi comuni, chiede pertanto di conoscere al più presto le deliberazioni di questo Ente, in merito a questo importantissimo progetto che, se realizzato nella località indicata, comporterebbe un impatto negativo sul territorio e sul paesaggio per molti decenni a venire. 

(Milena Biondo, Presidente WWF Caserta – Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2022/01/25/caserta-biodigestore-previsto-nei-pressi-della-reggia-il-wwf-allerta-anche-la-soprintendenza/

di TeleradioNews

Perdimonte Matese. Tenta di aggredire il sindaco: denunciato indigente


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

I militari questa volta fanno sul serio. Stanno raccogliendo tutti gli elementi per sintetizzare con una informativa di reato alla magistratura il comportamento di P.D.G. che è stato già fotosegnalato…
Sarà ascoltato nelle prossime ore il sindaco di Piedimonte Matese Vincenzo Cappello, per l’episodio, l’ennesimo, che gli è occorso ieri pomeriggio in Comune quando un residente ha tentato di entrare nella sua stanza, inveendo e offendendolo in ogni maniera. I Carabinieri della Compagnia lo hanno portato in Caserma per fotosegnalarlo e raccogliere tutti gli elementi a suo carico per poi redigere apposita informativa di reato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. D’altro canto erano auspicabili dei provvedimenti, soprattutto da parte di tanti dipendenti comunali e dalle persone che in silenzio e dignità soffrono, a differenza di chi invece utilizza il metodo degli atti vandalici e delle grida al Comune, perchè l’andazzo che si era registrato negli ultimi anni era diventato davvero surreale. Infatti a cadenza quasi quotidiana alcuni soggetti si sentono autorizzati a recarsi al Comune e strillare come forsennati per ottenere contributi in danaro e altre prebende, distruggendo in alcuni casi anche gli arredi della Casa Comunale. In un’occasione, qualche anno fa, una donna durante un convegno tentò di schiaffeggiare il primo cittadino innanzi ad altre autorità presenti. Ma chi fa più baccano, caso assurdo, è proprio quella gente, come nel caso di Pappagallo, che ha occupato anche abitazioni e riceve puntualmente contributi dal Comune. Nelle prossime ore sarà ascoltato il sindaco Vincenzo Cappello, come persona informata dei fatti e vittima del tentativo di aggressione da parte di “Pappagallo”

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***PIEDIMONTE MATESE*** Tentativo di aggressione al sindaco Vincenzo Cappello. Denunciato “Pappagallo”. Nelle prossime ore sarà ascoltato il primo cittadino.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/13/piedimonte-matese-tenta-di-aggredire-il-sindaco-denunciato-indigente/

di TeleradioNews

MIGNANO MONTELUNGO. 63 anni orsono la tragedia sul lavoro di Cannavinelle. Pronte le commemorazioni il 25 ed il 28 marzo


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Sono trascorsi 63 anni dall’evento che scosse la popolazione locale e la Nazione intera, tanto da dare un forte impulso affinché la legislazione in materia di sicurezza sul lavoro fosse completamente rivista e resa più puntuale e stringente. In quella tragedia morirono 42 lavoratori…
Tragedia di Cannavinelle, il Sindaco Antonio Verdone ha organizzato la commemorazione dei 42 lavoratori che perirono il 25 Marzo del 1952. Nella ricorrenza del 63esimo anniversario, il primo cittadino ha voluto onorare le vittime della tragedia che sconvolse le maestranze del lavoro, intere famiglie e la cittadinanza di Mignano Montelungo. La manifestazione si terrà Mercoledì 25 marzo 2015 e Sabato 28 marzo 2015 ore 09.00. Alle ore 10.15 è prevista la visita guidata degli alunni delle scuole dei Comuni di Mignano, Marzano Appio, Tora e Piccilli e Presenzano alla finestra di Cannavinelle ed alla centrale di Montelungo Piazza Gen. C.A. Della Chiesa: Raduno dei partecipanti Distribuzione di fiori ai partecipanti al corteo. Successivamente ci sarà la partenza del corteo verso il Monumento in Via Martiri di Cannavinelle (sulla Casilina) e la deposizione di una corona presso la lapide commemorativa. Poi la Santa Messa nella Chiesa di Santa Maria Grande. Alle  ore 11.00 Palazzo Comunale: Coffee break ore 11.15 Sala Consiliare Comunale: Discorsi commemorativi – Presentazione del bozzetto e di tutte le proposte presentate dagli artisti per la realizzazione di un Monumento a ricordo della Tragedia delle Cannavinelle del 25 marzo 1952. Ore 12.00 Partenza per Cannavinelle per la deposizione corona presso l’imbocco della galleria in località Cannavinelle. Per consentire ai cittadini di partecipare all’evento il Sindaco Verdone ha preposto che durante la giornata funzionerà il servizio navetta per i visitatori e gli ospiti della commemorazione per la visita alla Centrale ENEL di Montelungo. Come ogni anno il Comune di Mignano Montelungo organizza la celebrazione di Cannavinelle, una delle più grandi tragedie legate ai caduti sul lavoro verificatasi nel Dopoguerra. Sono trascorsi 63 anni dall’evento che scosse la popolazione locale e la Nazione intera, tanto da dare un forte impulso affinché la legislazione in materia di sicurezza sul lavoro fosse completamente rivista e resa più puntuale e stringente. Il tema delle cosiddette morti bianche è ancora oggi molto attuale, purtroppo: si contano sempre più caduti sul luogo di lavoro. In un clima come questo, l’Amministrazione Comunale di Mignano Montelungo, guidata dal Sindaco, dr. Antonio Verdone, sente ancor di più il dovere di ricordare le 42 vite che si spensero il 25 Marzo 1952, con una solenne celebrazione. 
Anna Izzo

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: MIGNANO MONTELUNGO. 63 anni orsono la tragedia sul lavoro di Cannavinelle. Pronte le commemorazioni il 25 ed il 28 marzo.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/12/mignano-montelungo-63-anni-orsono-la-tragedia-sul-lavoro-di-cannavinelle-pronte-le-commemorazioni-il-25-ed-il-28-marzo/

di TeleradioNews