***TRAGEDIA DELLA STRADA***Mure un 47enne a seguito di uno scontro a bordo del suo veicolo con un camion. L’incidente è avvenuto sulla Variante


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

In tenimento di Santa Maria a Vico ha perso la vita Giuseppe Cicala, medico anestesista in servizio al Rummo di Benevento che a bordo della sua vettura una Volvo si è scontrato con un camion perdendo la vita…
Intorno alle 06:30 odierne, in Santa Maria a Vico (CE), sulla via Nazionale Appia, tratto cavalcavia, si è verificato un incidente stradale che ha visto coinvolti una autovettura Volvo XC60 ed un autocarro Iveco 440. A seguito dell’impatto frontale avvenuto tra i citati mezzi, il conducente dell’autovettura, CICALA Giuseppe, classe 67, medico anestesista, originario di San Nicola la Strada e in servizio all’ospedale Rummo di Benevento decedeva sul colpo mentre il conducente dell’autocarro veniva trasportato presso il pronto soccorso dell’Ospedale di Caserta per le cure del caso, non in pericolo di vita. Sul posto i Carabinieri della Compagnia di Maddaloni che hanno sottoposto a sequestro i veicoli ed effettuato i previsti rilievi finalizzati a ricostruire la dinamica del sinistro.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***TRAGEDIA DELLA STRADA***Mure un 47enne a seguito di uno scontro a bordo del suo veicolo con un camion. L’incidente è avvenuto sulla Variante.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/10/tragedia-della-stradamure-un-47enne-a-seguito-di-uno-scontro-a-bordo-del-suo-veicolo-con-un-camion-lincidente-e-avvenuto-sulla-variante/

di TeleradioNews

***CAMORRA*** Quaranta arresti dei Carabinieri ad altrettanti affiliati al clan degli Schiavone. Operazione di servizio in tutta Italia/VIDEO


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Gli arresti interessano le province di Caserta, Napoli, Avellino, Benevento, Terni, L’Aquila, Lecce, Cosenza, Cuneo, Prato, Frosinone, Trapani e Taranto. I destinatari del provvedimento restrittivo sono affiliati alla fazione Schiavone del clan dei casalesi. Tra essi figurano coinvolti anche i figli del capoclan Nicola e Carmine Schiavone…
Dalle prime ore di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, attraverso l’impiego di circa duecento militari e l’ausilio di elicotteri e unità cinofile, stanno conducendo una vasta operazione volta all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della locale D.D.A., nei confronti di oltre 40 (quaranta) indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsioni, detenzioni di armi e ricettazione, reati tutti aggravati dal metodo mafioso. Gli arresti interessano le province di Caserta, Napoli, Avellino, Benevento, Terni, L’Aquila, Lecce, Cosenza, Cuneo, Prato, Frosinone, Trapani e Taranto. I destinatari del provvedimento restrittivo sono affiliati alla fazione Schiavone del clan dei casalesi; tra gli essi figurano Schiavone Carmine e Nicola, figli di Schiavone

Francesco detto “Sandokan”.Ulteriori dettagli dopo la conferenza stampa indetta alle 10,30.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***CAMORRA*** Quaranta arresti dei Carabinieri ad altrettanti affiliati al clan degli Schiavone. Operazione di servizio in tutta Italia/VIDEO.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/10/camorra-quaranta-arresti-dei-carabinieri-ad-altrettanti-affiliati-al-clan-degli-schiavone-operazione-di-servizio-in-tutta-italiavideo/

di TeleradioNews

ALIFE.Comitato del “No” al Biodigestore di Alife: gli incontri continuano e la protesta anche.


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

C’è stata anche una diffusione di volantini sia da parte del Comitato pro territorio e sia da parte della General Construction che si occupa di realizzare il Biodigestore…
Quasi raggiunte le mille firme. Questa la grande motivazione che sta alla base delle iniziative, sempre più numerose, che stanno portando avanti i membri del “Comitato Cittadino per la Tutela della Salute e dell’Ambiente”. Per scongiurare la costruzione di un Biodigestore da 75.000 t/a nella zona Asi di Alife continuano sulla linea dell’informazione gli incontri che settimana dopo settimana si stanno organizzando seguendo una linea programmatica ben precisa che chiunque può consultare e/o suggerire in quanto per tre giorni a settimana, lunedì, mercoledì e venerdì, la sede del Comitato, sita in via Vessella, è aperta dalle 20:30 alle 21:30. 
GLI APPUNTAMENTI. –  Il prossimo incontro pubblico è in programma per questa sera, martedì 10 marzo a partire dalle ore 20:30, presso l’edificio scolastico della frazione Totari, dove tutti i cittadini del posto, ma non solo, sono invitati ad intervenire per discutere sulla questione intavolata sull’argomento a partire dalla prima riunione dello scorso 23 gennaio ad Alife. Per venerdì, 13 marzo, l’appuntamento è per la Sala Consiliare del Comune di Alife, sempre a partire dalle ore 20:30, dove si terrà un’assemblea pubblica per informare i cittadini sull’iter procedurale legato alla questione e sulle iniziative del Comitato. Grazie alla fattiva collaborazione dei giovani di tutte le Associazioni di Piedimonte Matese, invece, il Comitato sarà ospitato nella Sala Consiliare del Comune di Piedimonte Matese, sabato 14 marzo alle ore 18:00, per informare sull’argomento tutti i cittadini piedimontesi anche grazie all’intervento di autorevoli relatori chiamati ad intervenire dallo straordinario gruppo di lavoro formatosi a Piedimonte Matese già poche ore dopo la prima assemblea di Alife. Venerdì, 20 marzo, invece, il Comitato del “No” farà tappa a San Michele, altra frazione di Alife, con il medesimo scopo, informare. 
LE INIZIATIVE. –  Numerose, intanto, le iniziative collaterali agli incontri che si stanno portando avanti. Il Comitato, infatti, nelle ultime due settimane è approdato anche nelle piazze e nelle scuole. Prima di intraprendere tutte queste altre iniziative è stato redatto un volantino riassuntivo del perché “No”, che tra le altre cose è stato subito realizzato in maniera identica ma con le ragioni del “Si” dalla General Construction al fine di confondere i cittadini e beffeggiare il Comitato stesso. A volantini realizzati, nelle piazze di Alife e Piedimonte Matese, grazie sempre alla collaborazione di tutte le Associazioni di Piedimonte Matese e a quella della Pro Loco di Alife, si è scesi in piazza con dei gazebo e con il duplice scopo di distribuire volantini e raccogliere firme. Tassello molto importante è stato anche la prima tappa del tour previsto nelle scuole per informare, con un linguaggio semplice e concreto, i ragazzi. Grazie alla grande disponibilità del dirigente scolastico Anna Maria Pascale, della Scuola Media di Alife, è avvenuto il primo incontro formativo tra di alunni dell’Istituto “Niccolò Alunno” di Alife. Numerosi anche gli accadimenti dei giorni scorsi, strettamente legati al Biodigestore, e cioè l’avvio da parte della Regione Campania delle procedure inerenti l’Autorizzazione Integrata Ambientale e una lettera aperta, diffusa a mezzo stampa, firmata dall’ingegnere alifano coinvolto nella progettazione dell’impianto, Filippo Mercorio. Una lettera che contiene le sue idee sull’importanza di un impianto che risolverebbe tutti i problemi della Campania e il suo rammarico per non essere riuscito ad ottenere un confronto “democratico”con i cittadini. Cittadini che attraverso il Comitato rispediscono al mittente lo sdegno ritenendo lo stesso ingegnere un interlocutore non credibile, e dichiarandosi stanchi di queste pressioni che propongono un confronto sottaciuto quando era tempo di coinvolgere i cittadini. Sarebbe cosa buona e giusta, invece, se innanzitutto da cittadino alifano, questo ingegnere devolvesse la sua cospicua parcella, prevista per il progetto, alle innumerevoli organizzazioni impegnate ogni giorno nella lotta contro i tumori. Questa la provocazione del Comitato.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ALIFE.Comitato del “No” al Biodigestore di Alife: gli incontri continuano e la protesta anche..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/10/alife-comitato-del-no-al-biodigestore-di-alife-gli-incontri-continuano-e-la-protesta-anche/

di TeleradioNews

PIEDIMONTE MATESE. La Direzione Distrettuale Antimafia chiude le indagini. Richiesta di giudizio per Mimmo Ferraiuolo, Orlando Cesarini e Gabriele D’Antonio


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

I magistrati hanno chiuso le indagini. I tre matesini reclusi dall’inizio delle indagini, secondo il Pubblico Ministero devono andare a processo insieme agli altri imputati…
La Dda ha chiuso le indagini sugli appalti truccati all’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta che ha portato nel gennaio scorso all’arresto di 24 persone tra politici, funzionari e manager dell’ospedale. I magistrati hanno ritenuto sufficienti gli elementi acquisiti a sostegno dell’indagine ed hanno inviato la comunicazione di conclusione dell’indagine a tutti e 31 gli indagati. Nell’indagine furono coinvolti Remo D’Amico,57 anni; Elvira Zagaria, 49 anni, sorella del boss Michele; il consigliere provincia di Forza Italia Antonio Magliulo, 61 anni; Raffaele Donciglio, imprenditore e socio R.D Costruzioni, 47 anni; il dirigente dell’Unità operativa ospedaliera di Caserta Bartolomeo Festa, 65 anni; Vincenzo Cangiano, imprenditore e socio Edoiea Srl, 32 anni; Orlando Cesarini, imprenditore e socio Odeia Srl. 68 anni; Domenico Ferraiuolo, imprenditore e socio Odeia Srl, 39 anni; Gabriele D’Antonio, amministratore unico Odeia Srl, 46 anni; Luigi Iannone, imprenditore, 37 anni; l’ex direttore generale dell’ospedale di Caserta e dell’Asl di Caserta Francesco Alfonso Bottino, 72 anni; Salvatore Cioffi, imprenditore, 66 anni; Antonio Della Mura, imprenditore, 56 anni; Roberto Franchini, consulente Ivs Italia, 54 anni; il dipendente dell’ospedale di Caserta Nicola Frese, 66 anni; l’ex direttore amministrativo dell’Asl di Caserta; Giuseppe Gasparin, 64 anni; il dipendente dell’ospedale di Caserta Antonio Maddaloni, 37 anni; il dipendente dell’ospedale di Caserta Paolo Martino, 46 anni; Mario Palombi, imprenditore, 51 anni; l’ex consigliere regionale Angelo Polverino, 57 anni; Giuseppe Porpora, imprenditore e socio Komè Srl, 45 anni; il dipendente dell’ospedale di Caserta Rocco Ranfone, 44 anni; il dipendente dell’ospedale di Caserta Giuseppe Raucci, 58 anni; il dipendente dell’ospedale di Caserta Umberto Signoriello, 45 anni, (ex assessore del Comune di Maddaloni). Rischiano il processo, anche se da indagati a piede libero, Giancinto Basilicata, 57 anni, di Caserta; Gerardo Covi, 48 anni di Casoria; Alfonso Cutillo, 51 anni di San Nicola la Strada; Ida De Palma, 50 anni di San Bartolomeo in Galdo (Benevento); Giuseppe Piccolo, 35 anni, Casapesenna; Domenico Silvano Ricciuto, 51 anni di Caserta; Nicola Tufarelli, 49 anni di Pompei.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. La Direzione Distrettuale Antimafia chiude le indagini. Richiesta di giudizio per Mimmo Ferraiuolo, Orlando Cesarini e Gabriele D’Antonio.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/10/piedimonte-matese-la-direzione-distrettuale-antimafia-chiude-le-indagini-richiesta-di-giudizio-per-mimmo-ferraiuolo-orlando-cesarini-e-gabriele-dantonio/

di TeleradioNews

PIEDIMONTE MATESE. “Fronda” contro il sindaco Vincenzo Cappello. Consiglieri di maggioranza e di minoranza hanno tentato il raid che poi è fallito. I NOMI


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

La modifica dello Statuto Comunale è un atto dovuto, imposto dalla legge. Ma alcuni consiglieri comunali di maggioranza non l’accettano ed hanno provato ad affondare il primo cittadino… 
“Siamo in nove e possiamo mandarlo a casa!” Parole e musica di due consiglieri comunali di maggioranza che, forse, non avevano fatto bene i conti però. Infatti in una prima occasione, durante una accesa discussione avvenuta addirittura all’interno della Casa Comunale e poi con telefonate rigorosamente “segrete” tra i componenti della maggioranza e minoranza, per ben due volte quindi due consiglieri di maggioranza hanno affermato che la quota di nove consiglieri comunali era stata raggiunta e bisognava solo depositare le firme. Ma poi approfondendo bene, di questi nove sarebbero rimasti quattro o cinque tra maggioranza e minoranza. I due di maggioranza avrebbero coinvolto alcuni di minoranza, ma il gruppo di Forza Italia, Gerardo De Rosa e Nicola de Girolamo avrebbero affermato (il condizionale è d’obbligo) di non essere a conoscenza di questa fronda, sebbene De Rosa si era comunque detto disponibile a parlarne dopo la seduta di Consiglio Comunale che si svolge domani. Un’indiscrezione, fatta salva la sacrosanta replica dei diretti interessati, vorrebbe che a capeggiare la rivolta siano stati Marcellino Iannotta, Fernando Catarcio e, sponda minoranza, Domenico Santopadre. Domani in Consiglio Comunale scopriremo tutta la verità ovvero se si sia trattato di una tempesta in un bicchiere d’acqua oppure un vero e proprio tentativo di “golpe”.
Chiara Rosa Dell’Acqua

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. “Fronda” contro il sindaco Vincenzo Cappello. Consiglieri di maggioranza e di minoranza hanno tentato il raid che poi è fallito. I NOMI.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/09/piedimonte-matese-fronda-contro-il-sindaco-vincenzo-cappello-consiglieri-di-maggioranza-e-di-minoranza-hanno-tentato-il-raid-che-poi-e-fallito-i-nomi/

di TeleradioNews

GIOIA SANNITICA. “Miss Mamma Italiana Simpatia” Nerina Romano approda alle pre finali del concorso nazionale “Miss Mamma Italiana”


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

E’ l’unica, insieme a Marzia Tammaro di Puccianiello, ad aver superato le prove svoltesi a Telese Terme per la selezione delle finaliste della 22esima edizione di “Miss Mamma Italiana 2015″. Approda in finale…
Proseguono in tutta Italia le selezioni relative alla nuova edizione del Concorso nazionale di bellezza – simpatia “Miss Mamma Italiana”, evento curato dalla Te.Ma Spettacoli di Paolo Teti (ideatore del concorso) giunto quest’anno alla sua 22° edizione e riservato a tutte le mamme aventi un’età tra i 25 ed i 45 anni, con fascia “Gold” per le mamme dai 46 ai 55 anni. Lo scorso fine settimana, nell’area spettacoli del “Work in Progress Club” di Benevento, in collaborazione con il settimanale Confidenze, Betakon Group, Elly calze e collant, Poupy e Commercianti Indipendenti Associati Conad si è svolta una selezione valevole per l’elezione di “Miss Mamma Italiana 2015”. Le mamme partecipanti, hanno sfilato in passerella ed hanno sostenuto una prova di abilità come cantare, ballare, illustrare ricette gastronomiche, cimentarsi in esercizi ginnici ed in varie prove creative a loro scelta, coinvolgendo il marito ed i figli. 
La giuria ha proclamato vincitrice della selezione con la fascia di “Miss Mamma Italiana” Sara Esposito, 26 anni, casalinga, di Telese Terme (BN), mamma di Christian Antonio Pisano di 6 anni. Sara è una dolce e simpatica mamma con lunghi capelli castani e occhi marroni, con l’hobby del ballo. Altre le mamme premiate, che si sono aggiudicate il pass di accesso alle Pre Finali di “Miss Mamma Italiana 2015″:
“Miss Mamma Italiana Arianne” Magda Mancuso, 39 anni, cantante di piano bar, di Acerra (NA), mamma di Antonio, Luciano ed Alessandro di 14, 12 e 10 anni; “Miss Mamma Italiana Dolcezza” Marzia Tammaro, 42 anni, casalinga, di Puccianiello (CE), mamma di Riccardo e Livia di 17 e 15 anni; “Miss Mamma Italiana in Gambissima” Giovanna D’Aiello, 39 anni, casalinga, di Guardia Sanframondi (BN), mamma di Shari e Desireé di 13 ed 11 anni; “Miss Mamma Italiana Radiosa” Rita Romano, 29 anni, cameriera, di Napoli, mamma di Mattia di 7 anni; “Miss Mamma Italiana Moderna” Elisabetta Montano, 45 anni, casalinga, di Acerra (NA), mamma di Petra e Marialuna di 16 e 10 anni; “Miss Mamma Italiana Simpatia” Nerina Romano (nella foto), 36 anni, istruttrice, di Gioia Sannitica (CE), mamma di Giorgia di 6 anni. 
Per la categoria “Miss Mamma Italiana GOLD”, riservata alle mamme dai 46 ai 55 anni, la vittoria è andata a Katia Gambino, 49 anni, casalinga, di Cerveteri (RM), mamma di Alberto, Andrea ed Alessandro di 26, 21 e 15 anni; mentre la fascia “Miss Mamma Italiana GOLD Sorriso” se l’è aggiudicata Elena Madonna, 49 anni, casalinga, di Telese Terme (BN), mamma di Raffaele, Denise e Manuel di 20, 17 e 4 anni. La manifestazione è stata presentata dalla napoletana Monica Pignataro vincitrice assoluta nazionale del titolo “Miss Mamma Italiana 2013”, ospite di serata il cabarettista Francesco Pantaleo. “Miss Mamma Italiana”, sostiene “Arianne” Associazione Onlus per la lotta all’Endometriosi, una malattia ancora poco conosciuta, che colpisce 3 milioni di donne italiane in età fertile.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: GIOIA SANNITICA. “Miss Mamma Italiana Simpatia” Nerina Romano approda alle pre finali del concorso nazionale “Miss Mamma Italiana”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/09/gioia-sannitica-miss-mamma-italiana-simpatia-nerina-romano-approda-alle-pre-finali-del-concorso-nazionale-miss-mamma-italiana/

di TeleradioNews