ROCCAMONFINA. Occupazione suolo pubblico, l’ex responsabile dell’ufficio tecnico comunale Silvio Russo, posto agli arresti domiciliari per lo scandalo Ecosystem 2000 chiamato in causa.


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Russo, è stato investito nel procedimento penale a carico del padre di un ex amministratore comunale nella maggioranza Tari, in quanto a capo dell’Utc.. Si tratta di B.G. interruppe la strada comunale sita in località Starza del comune montano, per far sorgere un recinto dove poter tenere i cani…
Procedimento penale nei confronti di B.G., padre di un avvocato ex consigliere comunale dell’ex Sindaco Tari, denunciato per il reato di occupazione di suolo pubblico. All’udienza, fissata per domani dinanzi al Giudice Monocratico di Caserta, è chiamato a comparire anche l’ex responsabile dell’area tecnica Architetto Silvio Russo, posto agli arresti domiciliari dal Giudice Isabella Iaselli del Tribunale di Napoli, dopo la richiesta avanzata in data 12.11.2014 dal Pubblico Ministero dr. Luigi Landolfi,Giovanni Conzo e Anna Maria Lucchetta nel procedimento n. 528/70/12 che portò all’arresto del Sindaco Tari del Comune di Roccamonfina. L’assenza de Russo, nel caso sia ancora sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, potrebbe far rinviare l’udienza. Il Comandante Francesco Gemma del Corpo Forestale dello Stato di Roccamonfina, dopo essersi occupato del sopralluogo e relativa denuncia penale nei confronti del pensionato accusato di aver fatto diventare uno spazio pubblico un box per cani, presenzierà all’udienza dove verrà trattata la questione che si trascina da anni. Nel momento in cui B.G., interruppe la strada comunale sita in località Starza del comune montano, per far sorgere un recinto dove poter tenere i cani, l’Ente Comune sembra che non sia intervenuto ordinando lo sgombero immediato degli spazi occupati abusivamente, viceversa ha nicchiato sui fatti tanto da far determinare una catena di procedimenti penali nei confronti di altri due residenti. I Forestali ed i Carabinieri della locale Stazione, si sono occupati di verbalizzare le denunce nel momento in cui hanno constatato gli illeciti. L’azione messa in atto dal padre dell’ex amministratore Tari, non ha giovato all’intera faccenda, in quanto da lui ci si aspettava , come parente del consigliere comunale, un esempio di correttezza e legalità, ed infine dall’ex responsabile dell’ufficio tecnico Russo tutti i coinvolti nella faccenda, avrebbero voluto un interessamento maggiore volto a far rispettare la legge. Nonostante, siano in atto i procedimenti a carico dei presunti colpevoli nonché di B.G., la strada comunale sopracitata è ancora chiusa al passaggio dei pedoni e mezzi agricoli a causa degli illeciti perpetrati in barba alle leggi vigenti. Con reti ed altri materiali non idonei, utilizzati per la recinzione, l’area in questione è stata deturpata tanto da assomigliare ad uno spazio abbandonato. 
Anna Izzo

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ROCCAMONFINA. Occupazione suolo pubblico, l’ex responsabile dell’ufficio tecnico comunale Silvio Russo, posto agli arresti domiciliari per lo scandalo Ecosystem 2000 chiamato in causa..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/03/roccamonfina-occupazione-suolo-pubblico-lex-responsabile-dellufficio-tecnico-comunale-silvio-russo-posto-agli-arresti-domiciliari-per-lo-scandalo-ecosystem-2000-chiamato-in-causa/

di TeleradioNews

ALVIGNANO. Delusione “cocente” per il comportamento del partito e dell’assessore regionale Daniela Nugnes. Il sindaco Angelo Di Costanzo, corteggiato da molti movimenti per la candidatura.


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Ma l’ex consigliere regionale vuole fortemente una candidatura “pro territorio” ovvero trovare anche un accordo con gli altri colleghi dell’Alto Casertano per rappresentarli poi tutti in Regione… 
E’ deluso e soprattutto indignato, il sindaco di Alvignano, Angelo Di Costanzo, per come si sono comportati i vertici del partito a cui appartiene, Forza Italia, nei suoi confronti. Ed è deluso e indignato anche nei confronti dell’assessore regionale Daniela Nugnes che aveva preso un accordo con lo stesso Di Costanzo ben preciso: far votare Fulvio Martusciello alle Europee dopodiché la Nugnes si impegnava a dimettersi dalla carica di consigliere regionale (non cambia assolutamente niente per lei) e far subentrare in Consiglio, proprio Angelo Di Costanzo nell’ultimo scorcio di legislatura. Tutto ciò non è avvenuto e neanche i vertici, regionali e nazionali di Forza Italia che pure sono stati investiti di questa problematica, sono riusciti a cavare un ragno dal buco. A partire da Domenico De Siano, coordinatore regionale, arrivando alla “badante” del Cavaliere Maria Rosaria Rossi, che pare abbia interessato, anzi convocato a Roma, il Governatore Stefano Caldoro, chiedendogli di intervenire. Niente, nessuno è stato in grado di salvaguardare la posizione di Di Costanzo e soprattutto imporre le dimissioni alla signora Daniela Nugnes che, a questo punto, desta tantissima curiosità su dove e chi gli darà i consensi alle prossime elezioni, atteso che per un assessore regionale delegato all’Agricoltura, il primo bacino di utenze in provincia di Caserta è proprio l’Alto Casertano, la terra del sindaco di Alvignano. Si prospetta una battaglia serrata e, soprattutto una lotta basata sulla verità. Cosa ha fatto per l’Alto Casertano la signora Daniela Nugnes e, soprattutto cosa non ha fatto e poteva fare! Intanto Angelo Di Costanzo è stato “beccato” a cena con il segretario provinciale di Fratelli d’Italia, Fulvio Campagnuolo e l’ex assessore provinciale Marco Cerreto. Si è discusso anche e soprattutto di candidature, perchè, parliamoci chiaro chi di politica ne capisce un pochino, i portatori di voti non li lascia al palo, così come lo stesso Domenico Zinzi, ha espressamente dichiarato che la candidatura di Angelo Di Costanzo nella lista di Forza Italia è fondamentale per vincere le elezioni a Caserta. Ma il sindaco alvignanese punta ad una candidatura “pro territorio”, ovvero coinvolgere i suoi colleghi dell’intero Alto Casertano, per poi rappresentarli in Consiglio Regionale, ovvero fare da ponte coi rispettivi territori amministrati. Insomma non si è capito se Forza Italia le elezioni le vuole vincere oppure vuole perderle in scioltezza. I sondaggi dicono che il partito a Caserta è in calo. Continuassero a curare il moribondo con l’aspirina e ne vedremo delle belle il prossimo 10 maggio.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ALVIGNANO. Delusione “cocente” per il comportamento del partito e dell’assessore regionale Daniela Nugnes. Il sindaco Angelo Di Costanzo, corteggiato da molti movimenti per la candidatura..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/03/alvignano-delusione-cocente-per-il-comportamento-del-partito-e-dellassessore-regionale-daniela-nugnes-il-sindaco-angelo-di-costanzo-corteggiato-da-molti-movimenti-per-la/

di TeleradioNews

***ALIFE BIODIGESTORE*** Arriva la precisazione del consigliere comunale Gianfranco Di Caprio in merito alla procedura per il rilascio dell’AIA dell’impianto


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

“E’ un ulteriore occasione per dire no alla realizzazione dell’impianto sul nostro territorio!” Così Di Caprio, membro del Comitato per il “No” ed esperto in materia, apre gli occhi ora anche al Comune alifano…
La dott.ssa Norma Naim ha comunicato al Comune di Alife la procedura per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale per la costruzione dell’impianto nella Zona Asi. Con una lettera indirizzata alla ditta “General Construction”; al sindaco del Comune di Alife, Giuseppe Avecone; alla Provincia di Caserta – Settore ambiente ed Ecologia; all’Arpac; all’Asl di Caserta; al Consorzio Asi; all’Ato2, la Regione Campania ha inoltrato l’avviso di inizio procedura per il rilascio dell’AIA, ovvero l’Autorizzazione Impatto Ambientale, in merito alla realizzazione di un Biodigestore presso la zona Asi di Alife. L’autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) è l’autorizzazione di cui necessitano alcune aziende per uniformarsi ai principi di integrated pollution prevention and control (IPPC) dettati dalla comunità europea a partire dal 1996. La conclusione della fase istruttoria avviene in conferenza di servizi, all’interno della quale il sindaco esprime eventuali determinazioni in materia sanitaria. “L’AIA, per i non addetti ai lavori, – ha dichiarato Gianfranco Di Caprio (nella foto), consigliere comunale, membro del Comitato per il “No” ed esperto in materia – è l’Autorizzazione Integrata Ambientale e si rende obbligatoria per certi impianti che emettono in atmosfera. È solo uno dei tanti pareri che l’impianto deve ottenere e il fatto che sia stata avviata la procedura dimostra che ancora nulla è stato deciso. Faccio inoltre notare che questo parere è dovuto solo per impianti di un certo possibile impatto ambientale e non per le sciocchezzuole. Per il suo rilascio vengono coinvolti, tra gli altri, anche il Comune e l’ASL proprio per tenere in debita considerazione tutti i probabili effetti derivanti dalla sua realizzazione! In poche parole il Comune di Alife si potrà esprimere negativamente anche all’interno di questa procedura e, nei tempi stabiliti, anche il Comitato presenterà le proprie osservazioni!” Intanto 26 Comuni dell’Alto Casertano dicono di “no” al Biodigestore, dopo che l’ultimo “no” è stato ribadito lunedì sera, 2 marzo, a Piedimonte Matese, dagli stessi enti locali riuniti nell’assemblea della Comunità Montana del Matese; all’incontro hanno preso parte anche i sindaci di Ciorlano e Pratella, comuni casertani che non fanno parte del Parco Regionale e perciò chiamati ad esprimersi. Grazie a questa procedura i cittadini, il Comune ed altri Enti hanno un ulteriore occasione per dire “no” al progetto.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***ALIFE BIODIGESTORE*** Arriva la precisazione del consigliere comunale Gianfranco Di Caprio in merito alla procedura per il rilascio dell’AIA dell’impianto.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/03/03/alife-biodigestore-arriva-la-precisazione-del-consigliere-comunale-gianfranco-di-caprio-in-merito-alla-procedura-per-il-rilascio-dellaia-dellimpianto/

di TeleradioNews

cookielawinfo-checkbox-analytics

This cookie is set by GDPR Cookie Consent plugin. The cookie is used to store the user consent for the cookies in the category “Analytics”.
https://www.teleradio-news.it/cookielawinfo/cookielawinfo-checkbox-analytics/

di TeleradioNews

cookielawinfo-checkbox-performance

This cookie is set by GDPR Cookie Consent plugin. The cookie is used to store the user consent for the cookies in the category “Performance”.
https://www.teleradio-news.it/cookielawinfo/cookielawinfo-checkbox-performance/

di TeleradioNews