IL BLUFF DELLA LOTTA AL RANDAGISMO DELLA REGIONE CAMPANIA. Dal 2007 al 2011 buttati al vento 66 milioni di euro!


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Nel quinquennio di riferimento l’Asl «più spendacciona» è risultata quella di Napoli 3 Sud con 14 milioni e 682.742 euro (una media di 12,61 euro ad abitante) seguita da Caserta con 13 milioni e 855.781 euro (una media di 15,30 euro ad abitante) e Salerno con 12.656.092 euro e una media pro capite di 11,58 euro. L’Asl «più virtuosa» ma non solo in Campania, in tutto il Centro-Sud, è la Napoli 1 Centro dove il mantenimento dei cani senza padrone è costato solo 3,92 euro a persona ovvero 3.829.359 euro il dato complessivo…
Se permettete parliamo di Fido: in cinque anni, dal 2007 al 2011, la Regione Campania ha trasferito alle sette Asl di competenza sul territorio 66 milioni e 740.074 euro per il mantenimento dei cani randagi. Una cifra spropositata che sfiora i cento milioni di euro se si tiene conto anche delle spese sostenute negli ultimi tre anni. Nel quinquennio di riferimento l’Asl «più spendacciona» è risultata quella di Napoli 3 Sud con 14 milioni e 682.742 euro (una media di 12,61 euro ad abitante) seguita da Caserta con 13 milioni e 855.781 euro (una media di 15,30 euro ad abitante) e Salerno con 12.656.092 euro e una media pro capite di 11,58 euro. L’Asl «più virtuosa» ma non solo in Campania, in tutto il Centro-Sud, è la Napoli 1 Centro dove il mantenimento dei cani senza padrone è costato solo 3,92 euro a persona (3.829.359 euro il dato complessivo). Analizzando ancora di più nel dettaglio il coefficiente di spesa annuale, risulta che ogni abitante di Napoli ha contribuito con appena 0,70 euro al mantenimento dei randagi nei canili. Il costo medio per cittadino campano è pari a 2,50 euro. Altro dato significativo: i cani «reclusi» a Napoli sono 590, a fronte dei circa ventimila nel resto della regione. Lo studio dettagliato del fenomeno randagismo in Campania a cura di Gaetano Oliva, docente del dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università “Federico II” di Napoli, è stato al centro della tavola rotonda “L’esperienza della Regione Campania in materia di gestione di popolazioni animali domestiche, sinantrope e selvatiche con il modello della coessenzialità tra Enti” che si è svolta il 14 gennaio a Napoli, sotto l’egida organizzativa della Regione Campania. «Mantenere un cane in un canile costa oggi per l’intero arco della sua vita non meno di 15 mila euro – spiega Vincenzo Caputo, direttore del Centro di Riferimento Regionale di Igiene Urbana Veterinaria (Criuv) , istituito dalla giunta regionale nel 2009 – è opportuno allora proporre un modello di “canile dinamico” che tuteli il benessere animale garantendo il maggior risparmio economico per la collettività». Per “canile dinamico” s’intende non un canile in cui i randagi vengono ammassati per essere ammazzati ma un punto di servizio in cui agevolare le pratiche di adozione. «È in via di completamento – riprende Caputo – un progetto regionale di sterilizzazione dei cani ricoverati nei canili. Ma non solo, è importante prevedere premialità per i veterinari che iscrivono il maggior numero di cani all’anagrafe canina lavorando d’intesa con i sindaci. Il randagismo si può mettere sotto controllo». Evitando spese stratosferiche.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: IL BLUFF DELLA LOTTA AL RANDAGISMO DELLA REGIONE CAMPANIA. Dal 2007 al 2011 buttati al vento 66 milioni di euro!.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/01/31/il-bluff-della-lotta-al-randagismo-della-regione-campania-dal-2007-al-2011-buttati-al-vento-66-milioni-di-euro/

di TeleradioNews

Caserta. Strade al buio

Caserta. Diverse strade al buio. La pubblica illuminazione non è funzionante, infatti, in alcune strade della città. Diverse segnalazioni sono giunte da Via Petrarca, Centurano, dove da oltre due ore regna il buio ed il ripristino sembrerebbe previsto per le 23, e da Viale Medaglie d’oro, nelle immediate vicinanze del Centro Storico.

Park San Carlo 640×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Non ci meravigliamo che i cittadini siano ormai stufi della mancata manutenzione essenziale che un “Capoluogo” di Provincia dovrebbe garantire.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/11/27/caserta-strade-al-buio/

di TeleradioNews

Trentola Ducenta. Deteneva droga e arnesi da spaccio: marocchino arrestato dalla Benemeritaiho,


Trentola Ducenta (CE): Ventenne marocchino arrestato dai Carabinieri per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio, Continua a leggere

di TeleradioNews

Trentola Ducenta. Deteneva droga e arnesi da spaccio: marocchino arrestato dalla Benemeritaiho,


Trentola Ducenta (CE): Ventenne marocchino arrestato dai Carabinieri per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio, Continua a leggere

di TeleradioNews

PIEDIMONTE MATESE. Il retroscena. Il candidato di Forza Italia era Anna Finocchiaro. Ma poi Renzi ha avuto la meglio. Maria Rosaria Rossi infuriata con Denis Verdini e Gianni Letta


© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

L’accordo di massima era stato raggiunto tra il Cav e Renzi. La Rossi in prima linea a condurre le trattative, alla fine è stata scavalcata dal duo tragico, come l’ha definita la coppia, Verdini – Letta. Forza Italia con le ossa rotte e riverberi anche alle prossime elezioni regionali…
“Adesso le elezioni in Regione Campania il Pd le può solo perdere da solo!” Questo è stato affermato da alcuni deputati e senatori della Campania, dopo aver assistito al risultato finale delle elezioni del presidente della Repubblica. Ovviamente Forza Italia è uscita davvero ridimensionata, ma anche il Nuovo Centrodestra non è che abbia fatto quel figurone prospettato. Ora l’occhio si sposta, almeno per la Campania, sulle regionali. A Caserta, in particolar modo, vige ancora il caos e non è escluso che all’ultimo minuto qualche candidato eccellente non decida di abbandonare Forza Italia e lasciare il partito al suo destino. Intanto, tornando alla giornata odierna, la stessa Maria Rosaria Rossi (nella foto), senatrice forzista e nota in passato come “la badante di Berlusconi” attacca a testa bassa Denis Verdini, ‘responsabile’ del patto del Nazareno. “Vi siete preoccupati così tanto del cerchio magico e non tenevate conto dei disastri che stava facendo il duo tragico…Quelli che hanno trattato con Renzi…”. Chiarissimo il riferimento a Verdini e, con tutta probabilità, a Gianni Letta, altro consigliere dell’ex Cav.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://d5k6iufjynyu8.cloudfront.net/script/button.js© http://www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Il retroscena. Il candidato di Forza Italia era Anna Finocchiaro. Ma poi Renzi ha avuto la meglio. Maria Rosaria Rossi infuriata con Denis Verdini e Gianni Letta.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2015/01/31/piedimonte-matese-il-retroscena-il-candidato-di-forza-italia-era-anna-finocchiaro-ma-poi-renzi-ha-avuto-la-meglio-maria-rosaria-rossi-infuriata-con-denis-verdini-e-gianni-letta/

di TeleradioNews