TEANO. Tiene banco in città il giallo della busta contenente presumibilmente dei proiettili. Ed ora è pronta anche un’interrogazione consiliare al sindaco Di Benedetto

Una busta che appare e poi scompare misteriosamente. I Carabinieri avvertiti solo il giorno dopo e, una funzionaria del Comune che potrebbe aver subito degli atti intimidatori. Questi e altri ingredienti del giallo in salsa sidicina…
“Una busta intimidatoria, trovata negli uffici del comune di Teano con dentro probabilmente un proiettile ma improvvisamente sparita? Sarebbe il caso che dall’Ente arrivassero le necessarie spiegazioni ufficiali”. Si dice pronto a chiedere chiarimenti istituzionali l’ex segretario cittadino del Pd, Pierluigi Landolfi, circa la busta fantasma rinvenuta ormai tre quattro giorni fa su una scrivania dell’Ufficio demanio e patrimonio e poi svanita nel nulla. La richiesta di chiarimenti dovrebbe transitare in comune attraverso un’interrogazione comunale che il membro del Pd intende affidare al consigliere comunale di “Teano punto e a capo”, Giovanni Scoglio. Insomma, si sono accesi i riflettori della politica sul presunto messaggio di stampo intimidatorio che, secondo le notizie raccolte nei giorni scorsi nei corridoi comunali, avrebbe raggiunto la scrivania di un funzionario. Per molti, come per il vice presidente dell’associazione Commercianti e artigiani sidicini, Alessandro Lepre, il fatto che la busta sia sparita è della stessa gravità “se non addirittura peggio della sua apparizione”. Per questo anche per Lepre, l’episodio della sparizione merita una parentesi di riflessione e magari delle indagini. Sparizione grave? Sicuramente, soprattutto al netto di necessarie spiegazioni pubbliche. Tanto, al punto che i carabinieri della locale stazione, messi al corrente dell’accaduto molto in ritardo e a busta sparita, poco o nulla hanno potuto fare in termini di raccolta indizi e tracce del misterioso latore della missiva minatoria. Se minatoria veramente era la busta che, è bene ricordare, solo secondo un impiegato che l’avrebbe sottoposta alla prova del tatto poteva contenere uno o più oggetti delle fattezze pallottole. Incredibile a dirsi (e quindi anche a credersi) nessuno si sarebbe preoccupato di aprire quel plico misterioso, lasciandolo in compenso incustodito. Il giallo continua, dunque, in attesa che la questioni approdi in Consiglio comunale.
Linda Zanni

https://www.teleradio-news.it/2015/01/17/teano-tiene-banco-in-citta-il-giallo-della-busta-contenente-presumibilmente-dei-proiettili-ed-ora-e-pronta-anche-uninterrogazione-consiliare-al-sindaco-di-benedetto/

di TeleradioNews

L’UNITALSI presenta “Una vita vissuta -grazie” al Vescovado. Presenzierà il vescovo di Caserta

Caserta. Si terrà venersì 5 novembre alle ore 17.30 nella Biblioteca del Seminario di Caserta la presentazione del libro “Una vita vissuta- grazie” di Giuseppe Del Bene, il primo ad utilizzare una sedia a rotelle elettrica a Maddaloni. Il libro, presentato dall’ UNITALSI racconta la storia di Peppino, un punto di riferimento per quanti vivono quotidianamente le difficoltà e i disagi della disabilità.
All’evento sarà presente il vescovo di Caserta, Sua Eccellenza Mons. Pietro Lagnese.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/11/04/lunitalsi-presenta-una-vita-vissuta-grazie-al-vescovado-presenziera-il-vescovo-di-caserta/

di TeleradioNews

ESCLUSIVA. Le foto della vergogna. Decapitate le statue del sacrario ai Ponti della Valle

Valle di Maddaloni. Un gesto osceno e vergognoso si è verificato proprio nella giornata di commemorazione ai caduti.
Si legge sulla pagina del comune di Valle:
Mentre questa mattina eravamo nella Chiesa della SS. Annunziata per la S. Messa in onore dei caduti di tutte le guerre, ci è giunta questa triste notizia: il Monumento ossario ai Ponti Vanvitelliani è stato vandalizzato.
Proprio oggi, il 4 Novembre: giorno dedicato a tutti coloro che hanno dato la propria vita per la Patria.
Tre statue raffiguranti i soldati sono state letteralmente decapitate e quella ritraente Garibaldi è stata scheggiata.
Inutile dire che il fatto ci ha lasciati attoniti, arrabbiati e tristi: è stato ferito il nostro territorio, è stata ferita la nostra storia, è stata violentata la memoria di chi ha dato la vita per la società civile.
Il Sindaco ha subito sporto denuncia contro ignoti presso la locale stazione dei Carabinieri e allertato tutti gli organi competenti per tutti i provvedimenti del caso.
Oggi è un giorno doppiamente triste per la nostra comunità.
Agli autori di tale scempio non possiamo che dire:
VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA!!!!
Nonostante queste brutture, continuiamo a credere che le nuove generazioni sapranno far tesoro degli insegnamenti della storia e che, soprattutto, la memoria va rispettata e custodita.
Noi continueremo a lavorare in tal senso e non saranno dei vandali a fermare la nostra opera di sensibilizzazione!

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/11/04/esclusiva-le-foto-della-vergogna-decapitate-le-statue-del-sacrario-ai-ponti-della-valle/

di TeleradioNews

CAIAZZO. Una coppia formidabile “pentastellata” ha dato il meglio di se da Pepe in Grani. Bruno Barbieri e Franco Pepe i “Masterchef” in cattedra/FOTOREPORTAGE

Una serata diversa dal solito. Pepe studioso e innovatore dei lieviti migliori per le sue pizze e Barbieri chef di alto rango divenuto famoso nella trasmissione “Masterchef”. E gli avventori accorsi all’evento sono rimasti estasiati…
Lo studioso dei lieviti che prepara pizze d’autore e lo chef star della tv con il programma Masterchef. Franco Pepe e Bruno Barbieri sono accomunati da valori e filosofia, qualità e semplicità. La serata a quattro mani tenutasi a Caiazzo da “Pepe in grani” ha dimostrato che pizza e alta cucina possono anche fondersi nel racconto di un territorio e collaborare per sostenere le potenzialità delle eccellenze locali. Ed è nato il piatto simbolo di questo esperimento di contaminazione: la pizza con miscela di melanzane, capesante ed elisir di pomodoro pizzutello. Impasto e cottura firmati da Pepe, materie prime scelte da Barbieri. Un gusto dissacrante. È stato il momento- clou dell’incontro speciale. L’occasione l’ha fornita la presentazione di «Così com’è», linea di pomodori di alta qualità, raccolti a mano e conservati in vetro di Finagricola. «Un’esperienza strana ma importantissima», ha sottolineato Pepe, mentre Barbieri è stato il suo «aiutante» al forno. Tra le novità, la pizza fritta con tofu e baccalà marinato, inserita nel ricettario di Pepe fresco di stampa. Assaggi anche di polipo affogato con pezzi di marinara; di tonno alletterato con crema di cipolle di Alife, pomodorino giallo e sedano e di margherita con salame spagnolo. La pizza diventa così «contenitore» di tutto il meglio che il territorio e la creatività sanno offrire. Entusiasta chef Barbieri, alle prese con decine di selfie dei tanti fan arrivati a Caiazzo. Lui si concede a tutti. «Ci ha unito il racconto di una storia italiana, Franco in giro per il mondo a narrare le sue origini, parla della sua famiglia e questo è decisivo per il Made in Italy». La star è innamorata del Mezzogiorno: «Io ci abiterei volentieri da queste parti e vorrei che il Nord fosse un pò più Sud. Qui ci sono tante potenzialità e tanti prodotti unici, come la mozzarella di bufala, che però ha bisogno molto di lavorare sull’estero. Sono stato di recente a Sidney e negli Usa, non è possibile vedere in giro della roba molle spacciata per mozzarella, anche nei migliori supermercati. C’è qualcosa che non va». Per rilanciare il Made in Italy però «non bastano gli chef, serve gente che sappia raccontare la nostra storia e valorizzarla, dobbiamo fare squadra, perché noi italiani siamo dieci spanne sopra gli altri nel mondo», avverte Barbieri. Proprio come accaduto nella notte di Caiazzo.

https://www.teleradio-news.it/2015/01/17/caiazzo-una-coppia-formidabile-pentastellata-ha-dato-il-meglio-di-se-da-pepe-in-grani-bruno-barbieri-e-franco-pepe-i-masterchef-in-cattedrafotoreportage/

di TeleradioNews

Masterplan Domitio, discussi gli interventi da rendere operativi nell’ambito di un progetto pilota che entra nella fase 2 della sua implementazione

Masterplan Domitio, discussi gli interventi da rendere operativi nell’ambito di un progetto pilota che entra nella fase 2 della sua implementazione – BelvedereNews

  • Home
  • Cronaca
  • Masterplan Domitio, discussi gli interventi da rendere operativi nell’ambito di un progetto pilota che entra nella fase 2 della sua implementazione

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Masterplan Domitio, discussi gli interventi da rendere operativi nell’ambito di un progetto pilota che entra nella fase 2 della sua implementazione

di TeleradioNews