Parigi. Auto della polizia di fronte ai terroristi indietreggia e provoca un incidente

https://pixel.wp.com/b.gif?host=teleradionews.wordpress.com&blog=13070229&post=288821&subd=teleradionews&ref=&feed=1
parigi-polizia-15x10-scappa-frame-1Parigi, video inedito dei killer di Charlie Hebdo che mettono in fuga la polizia. Continua a leggere

di TeleradioNews

WWF Italia/ Denunciati due cacciatori di frodo

Il 31 ottobre 2021, alle prime luci dell’alba, sono stati denunciati 2 cacciatori di frodo (di cui uno senza porto di fucile e senza licenza di caccia) nel territorio di Mondragone (Caserta) dalla vigilanza venatoria ed ambientale del WWF Italia  – nucleo provinciale di Caserta.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sono state Sequestrate armi, munizioni ed il richiamo elettroacustico vietato dai Carabinieri Forestale di Roccamonfina, intervenuti sul posto perché chiamati dalle guardie del WWF, attraverso il numero di emergenza 1515.
I due cacciatori di frodo che stavano in esercizio venatorio nei pressi di un laghetto, sono stati deferiti alla Procura di Santa Maria Capua Vetere attraverso i Carabinieri Forestale intervenuti grazie alla chiamata al numero di emergenza eseguita dalle Guardie del WWF.
Esercitare la caccia senza licenza e senza porto di fucile è molto grave, soprattutto perché il prelievo della fauna selvatica diventa un vero e proprio FURTO ALLO STATO, in quanto la fauna selvatica è PATRIMONIO INDISPONIBILE DELLO STATO.
C’è da evidenziare, inoltre, che il REATO di utilizzo dei richiami elettroacustici è particolarmente grave per il danno alla natura, perché in questo modo i cacciatori di frodo con pochi colpi riescono ad abbattere un numero elevato di animali.
Molto spesso i cacciatori di frodo non segnano neanche gli animali selvatici uccisi sul tesserino venatorio regionale, per evitare di superare il numero del carniere giornaliero e di stagione venatoria previsto per ogni specie. Anche questo è un passaggio importante perché il numero di animali da abbattere deve essere contenuto e deciso scientificamente, altrimenti le popolazioni di quegli animali tendono a ridursi a livelli troppo bassi e davvero pericolosi per la sopravvivenza delle stesse specie. Solo per fare qualche esempio, la bibliografia scientifica degli ultimi anni sta mettendo in evidenza la sofferenza numerica di specie come la quaglia, l’allodola, beccaccia, il moriglione, la marzaiola, la pavoncella e tante altre.
Il WWF Italia è parte del progetto SWiPE “Successful Wildlife Crime Prosecution in Europe”, finanziato dal programma europeo LIFE e mirato a rafforzare il contrasto ai crimini contro la natura tramite la collaborazione diretta con magistrati, rappresentanti delle forze dell’ordine e tutti coloro che hanno un ruolo attivo nelle azioni di investigazione e persecuzione di questi odiosi crimini.
Si coglie l’occasione per ringraziare l’Arma dei Carabinieri, specialità Forestale.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/11/02/wwf-italia-denunciati-due-cacciatori-di-frodo/

di TeleradioNews

Padova. S. Antonio, doppio miracolo? guarisce malata incurabile; partorisce donna col marito sterile al 100%

http://pixel.wp.com/b.gif?host=teleradionews.wordpress.com&blog=13070229&post=288814&subd=teleradionews&ref=&feed=1

kairyn-madre-15x10_bimbo-1jpgsant-15x10-antonio-padova-1Non c’è solo la guarigione, inspiegabile anche a detta dei medici, di Kairyn.

Di miracolo potrebbe essercene pure un altro, verificatosi a poco tempo di distanza da quello che ha avuto per protagonista la neonata veronese.

In Basilica, infatti, si è fatta viva una coppia che ha presentato il suo caso, con tanto di documentazione medica allegata, con una conclusione che ha dal prodigioso.

In pratica il marito, alla luce dei referti che accertavano la sua assoluta impossibilità di procreare, si è affidato al Taumaturgo: i coniugi hanno avuto un bambino.

Lo hanno chiamato Giovanni.

La vicenda è iniziata a gennaio dello scorso anno, quando l’uomo, come lui stesso ha riferito a padre Enzo Poiana, è andato a visitarsi perché la moglie non riusciva a rimanere incinta.

La donna si era a sua volta sottoposta a tantissimi esami, ma era sempre risultato che non aveva problemi.

Il motivo dell’infertilità è invece emerso chiaramente dai referti del consorte: sterilità assoluta, senza nessuna possibilità, neppure la più remota, di procreare.

I due, a questo punto, hanno pensato all’adozione, decidendo, però, di fare prima un percorso di consolidamento di coppia: erano credenti, ma non frequentavano più di tanto le chiese.

E così hanno iniziato ad andare nella Basilica del Santo.

Un giorno l’uomo ha deciso di confessarsi a padre Francesco Ruffato.

Marito e moglie hanno seguito i suoi suggerimenti e ricevuto la benedizione assieme alle altre coppie sterili e hanno chiesto la grazia di poter diventare genitori.

Nei giorni successivi sono andati a Roma con l’intenzione di vedere pure Papa Francesco.

Quando sono tornati, nella cassetta delle lettere hanno trovato l’agenda del Messaggero e un’immagine di Antonio, che hanno riposto in un cassetto.

Qualche giorno dopo la donna ha scoperto di essere incinta.

«Non ci credevano – racconta padre Poiana – Il test di gravidanza li ha visti felicissimi.

Hanno subito avuto la certezza che fosse stato Sant’Antonio a mandargli il bambino e che poi, per far capire che l’intercessione era stata sua, e non del santo Padre, gli aveva fatto trovare nella cassetta postale il suo santino…

Qualche settimana fa è nato Giovanni e adesso verranno in Basilica con quel piccolo che hanno tanto atteso e che ormai non speravano più di avere».

A introdurre la consuetudine di celebrare una messa per le coppie sterili, e per quelle che già attendono un bebè, era stato proprio padre Poiana, poco dopo il suo insediamento.

«Con tanti sposi che arrivano speranzosi da tutta Italia, è sempre un momento molto commovente – annota -. Come lo è stato domenica per il battesimo di Kayrin, davanti a un migliaio di persone che hanno applaudito questa bellissima bambina guarita da una malformazione e nata sana grazie a Sant’Antonio».

(Fonte & Aggiornamenti: http://www.leggo.it/index.php?p=articolo&id=1117755 – via  (News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)


https://www.teleradio-news.it/2015/01/13/padova-s-antonio-doppio-miracolo-guarisce-malata-incurabile-partorisce-donna-col-marito-sterile-al-100/

di TeleradioNews

Padova. S. Antonio, doppio miracolo? guarisce malata incurabile; partorisce donna col marito sterile al 100%

http://pixel.wp.com/b.gif?host=teleradionews.wordpress.com&blog=13070229&post=288814&subd=teleradionews&ref=&feed=1

kairyn-madre-15x10_bimbo-1jpgsant-15x10-antonio-padova-1Non c’è solo la guarigione, inspiegabile anche a detta dei medici, di Kairyn.

Di miracolo potrebbe essercene pure un altro, verificatosi a poco tempo di distanza da quello che ha avuto per protagonista la neonata veronese.

In Basilica, infatti, si è fatta viva una coppia che ha presentato il suo caso, con tanto di documentazione medica allegata, con una conclusione che ha dal prodigioso.

In pratica il marito, alla luce dei referti che accertavano la sua assoluta impossibilità di procreare, si è affidato al Taumaturgo: i coniugi hanno avuto un bambino.

Lo hanno chiamato Giovanni.

La vicenda è iniziata a gennaio dello scorso anno, quando l’uomo, come lui stesso ha riferito a padre Enzo Poiana, è andato a visitarsi perché la moglie non riusciva a rimanere incinta.

La donna si era a sua volta sottoposta a tantissimi esami, ma era sempre risultato che non aveva problemi.

Il motivo dell’infertilità è invece emerso chiaramente dai referti del consorte: sterilità assoluta, senza nessuna possibilità, neppure la più remota, di procreare.

I due, a questo punto, hanno pensato all’adozione, decidendo, però, di fare prima un percorso di consolidamento di coppia: erano credenti, ma non frequentavano più di tanto le chiese.

E così hanno iniziato ad andare nella Basilica del Santo.

Un giorno l’uomo ha deciso di confessarsi a padre Francesco Ruffato.

Marito e moglie hanno seguito i suoi suggerimenti e ricevuto la benedizione assieme alle altre coppie sterili e hanno chiesto la grazia di poter diventare genitori.

Nei giorni successivi sono andati a Roma con l’intenzione di vedere pure Papa Francesco.

Quando sono tornati, nella cassetta delle lettere hanno trovato l’agenda del Messaggero e un’immagine di Antonio, che hanno riposto in un cassetto.

Qualche giorno dopo la donna ha scoperto di essere incinta.

«Non ci credevano – racconta padre Poiana – Il test di gravidanza li ha visti felicissimi.

Hanno subito avuto la certezza che fosse stato Sant’Antonio a mandargli il bambino e che poi, per far capire che l’intercessione era stata sua, e non del santo Padre, gli aveva fatto trovare nella cassetta postale il suo santino…

Qualche settimana fa è nato Giovanni e adesso verranno in Basilica con quel piccolo che hanno tanto atteso e che ormai non speravano più di avere».

A introdurre la consuetudine di celebrare una messa per le coppie sterili, e per quelle che già attendono un bebè, era stato proprio padre Poiana, poco dopo il suo insediamento.

«Con tanti sposi che arrivano speranzosi da tutta Italia, è sempre un momento molto commovente – annota -. Come lo è stato domenica per il battesimo di Kayrin, davanti a un migliaio di persone che hanno applaudito questa bellissima bambina guarita da una malformazione e nata sana grazie a Sant’Antonio».

(Fonte & Aggiornamenti: http://www.leggo.it/index.php?p=articolo&id=1117755 – via  (News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)


https://www.teleradio-news.it/2015/01/13/padova-s-antonio-doppio-miracolo-guarisce-malata-incurabile-partorisce-donna-col-marito-sterile-al-100/

di TeleradioNews

Carinaro/ Canavi’: Tre giorni di canapa e vino

Presso il Comune di Carinaro parte, dal 13 novembre, una tre giorni a base di “canapa e vino”. L’evento è stato promosso dall’Aps Pro Loco Carinaro Sant’Eufemia e dall’assessore alla cultura Alfonso Bracciano. Ad inaugurare il percorso enogastronomico a base di canapa e vino novello sarà il seminario: “La Canapa …ieri, oggi e domani”.L’incontro avrà inizio presso la Sala Consiliare del Comune di Carinaro, alle ore 18.00 del 12 novembre. Ad intervenire nel corso del seminario saranno: l’On. Nicola Caputo, Assessore Regionale dell’Agricoltura; il sindaco di Caivano, Vincenzo Falco; il dottor Francesco Montanaro, Presidente dell’Istituto Studi Atellani, con la “Storia della Canapa”; l’architetto Milena Auletta, Consigliere dell’Istituto Studi Atellani, con i “Molteplici Usi della Canapa”; l’avvocato Michele de Michele, Consigliere Fracta Sativa UniCanapa, che interverrà a proposito del “ Viaggio nella Legislazione della Canapa Industriale e Terapeutica”; Francesco Mugione, responsabile Coop. Canapa Campana, con “ Produzione e Prima Trasformazione della Canapa Sativa”; il dottor Nunzio Fiorentino, Dipartimento di Agraria Università Federico II, con “ Limiti e Prospettive della Coltivazione della Canapa in Campania”. Oltre agli interventi, ci saranno i saluti del sindaco di Carinaro Nicola Affinito; dell’avvocato Alfonso Bracciano, assessore alla Cultura del Comune di Carinaro; di Maria Grazia Fiore, Presidente Unpli Caserta; Raffaele Compagnone, Presidente dell’Aps Pro Loco di Carinaro. Alle 20.00 si svolgerà, presso Palazzo de Angelis, una degustazione di prodotti a base di canapa e vino novello è una mostra di tessuti antichi di San Leucio, a cura di Donato Farro e dell’arch. Milena Auletta. Per le 20. 30 è previsto, sempre a palazzo De Angelis, uno spettacolo musicale dal titolo: “Tre voci e una chitarra”, che ripercorrerà le tappe del Novecento Napoletano, interpretato dalle voci di Simona Vasellini, Raffaele Liotto e di Giordana di Foggia, con Katia Cacciapuoti alla chitarra. Per sabato 13 novembre, invece, è in programma una visita guidata con gli studenti dell’Istituto Comprensivo Statale di Carinaro. Alle 16.00, in piazza Trieste e Trento, ci sarà un momento dedicato ad un raduno di auto d’epoca a cura dell’associazione Camec. La serata si concluderà con un concerto di Fagnoni Group che avrà inizio alle 19.30 a palazzo De Angelis. La manifestazione si concluderà, domenica 14 novembre, con una sfilata, intorno alle 10.00, per le principali strade del Comune, curata dall’associazione motociclistica “I Falchi Rossi” e con un raduno a piazza Trieste e Trento. A seguire un aperitivo, alle 12,00 a palazzo De Angelis a base di prodotti derivanti dalla Canapa e Vino Novello.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273
Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/11/02/carinaro-canavi-tre-giorni-di-canapa-e-vino/

di TeleradioNews

I CARABINIERI FORESTALE DELLA STAZIONE DI ROCCAMONFINA (CE), ALLERTATI DALLE GUARDIE VOLONTARIE DEL W.W.F., DENUNCIANO DUE PERSONE INTENTE AD ABBATTERE AVIFAUNA ACQUATICA MIGRATORIA CON L’UTILIZZO DI RICHIAMO ACUSTICO VIETATO


I CARABINIERI FORESTALE DELLA STAZIONE DI ROCCAMONFINA (CE), ALLERTATI DALLE GUARDIE VOLONTARIE DEL W.W.F., DENUNCIANO DUE PERSONE INTENTE AD ABBATTERE AVIFAUNA ACQUATICA MIGRATORIA CON L’UTILIZZO DI RICHIAMO ACUSTICO VIETATO | Cronache Agenzia Giornalistica

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/11/02/i-carabinieri-forestale-della-stazione-di-roccamonfina-ce-allertati-dalle-guardie-volontarie-del-w-w-f-denunciano-due-persone-intente-ad-abbattere-avifauna-acquatica-migratoria-con-luti/

di TeleradioNews

Terni. Anziana uccisa appena rincasata: aveva scoperto dei ladri?

https://pixel.wp.com/b.gif?host=teleradionews.wordpress.com&blog=13070229&post=288811&subd=teleradionews&ref=&feed=1
cadavere-trasporto.barellaLa vittima, 68 anni, aveva una ferita all’addome, provocata da un cacciavite o da un coltello.

L’appartamento è stato messo a soqquadro.

L’ipotesi è che la donna possa avere sorpreso qualcuno in casa.

Una donna ternana di 68 anni è stata trovata morta nella sua casa di Terni.

Aveva una ferita all’addome, provocata da un cacciavite o da un coltello, mentre la casa era stata messa a soqquadro.

Una delle ipotesi degli investigatori è che l’omicida dell’anziana sia poi fuggito da una finestra.

La vittima è stata uccisa non appena entrata in casa.

Il corpo era infatti nell’ingresso dell’abitazione e la vittima indossava ancora il cappotto.

L’appartamento si trova al primo piano di una palazzina di due piani dove la donna viveva da sola.

A dare l’allarme è stato il figlio che, dopo aver incontrato la donna nel pomeriggio, l’attendeva a cena.

Non vedendola si è recato a casa sua trovando il cadavere, dopo di che ha dato l’allarme.

L’ipotesi è che la vittima possa avere sorpreso qualcuno in casa.

(Fonte & Aggiornamenti: http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/umbria/terni-anziana-uccisa-in-casa_2089406-201502a.shtml – viaTerni, anziana uccisa in casa – Tgcom24)

Archiviato in:Attualità
https://www.teleradio-news.it/2015/01/13/terni-anziana-uccisa-appena-rincasata-aveva-scoperto-dei-ladri/

di TeleradioNews

Tutto facile per la New Basket Caserta, finisce 85-66

Seconda vittoria in tre partite per la New Basket Caserta, la squadra casertana e in ottima forma e continua a stupire. Grande Serata per Mastroianni autore di 19 punti e Sabellico anche lui a quota 19. non sono bastati invece per gli ospiti i 29 punti di Ferrara. Vince anche la JuveCaserta Academy sul campo di Angri e si conferma al primo posto in classifica

Risultati: New Basket Caserta-Irpinia 85-66, Agropoli-Univerity 72-81, Rende-Trinità 80-98, Bellizzi-Benevento 53-74, Salerno-Sorriso azzurro 89-80, Angri-Juvecaserta Academy 67-77

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Classifica:

  • Juvecaserta Academy 8
  • Benevento 6
  • Univerity 6
  • Bellizzi 6
  • Trinita 6
  • Angri 4
Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/11/02/tutto-facile-per-la-new-basket-caserta-finisce-85-66/

di TeleradioNews