Il Policlinico, i lavori infiniti, le osservazioni di un nostro lettore

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

Per quel che concerne il  Policlinico di Caserta ed i suoi lavori quasi infiniti, anche se da un po’ di tempo come ben noto, sono ripresi gli stessi lavori al Policlinico di Caserta dopo tre anni di stallo determinati dal fallimento della Società Condotte che aveva ricevuto i fondi europei, lavori da terminarsi teoricamente in 32 mesi.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Su tali problematiche si riportano alcune considerazioni ed osservazioni di un nostro lettore, ossia Pierluigi Marino, “Purtroppo dei recenti sondaggi ambientali, hanno evidenziato delle criticità nel sottosuolo con interessamento delle falde acquifere a seguito di rilievi eseguiti nei pozzi circostanti tale area. Bisognerà valutare da parte dei tecnici se ciò comporterà un rallentamento dei lavori, per una completa verifica della salubrità del sito, oppure si dovranno effettuare anche dei carotaggi del terreno su cui insiste detto Policlinico.
La domanda sorge spontanea, perché nella stessa zona si sono potute costruirecentinaia di abitazioni ? Perché l’attuale amministrazione non ha bloccato i lavori continuando a concedere appalti ? A ciò si aggiunge anche l’annoso problema della qualità dell’aria, visto che il manufatto si trova a poche centinaia di metri da ben tre cementifici che insistono nell’area compresa tra San Clemente e Maddaloni. Non vorremmo, a questo punto, assistere ad un nuovo stop dei lavori, dovuto questa volta a problematiche ambientali e non giudiziarie, che possano compromettere in modo irreversibile la realizzazione del Policlinico.
Passando alla trattazione del Belvedere di San Leucio, anche qui non mancano le dolenti note. Infatti a fronte di molteplici promesse fatte, anche in merito alla sicurezza, ha fatto seguito solo qualche aggiusto di modesta entità, lasciando il complesso monumentale alla mercè dei vandali di turno, stanziali e non. Dei lavori di riqualificazione radicale promessi nemmeno l’ombra, nonostante la pubblicazione di varie gare ad hoc. Il progetto di riqualificazione del Belvedere di San Leucio dovrà essere prioritario e monitorato costantemente dalla comunità leuciana in primis, onde evitare che le lungaggini burocratiche e l’incapacità di qualche amministratore pro tempore, non facciano si che venga di nuovo caratterizzato dall’oblio, e non utilizzato dal ns. territorio come strumento di rinascita comune. Sperando che questi lavori siano portati a termine il prima possibile, perché tutti sono bravi nel fare promesse, il problema è chi, se e quando, sarà foriero di fatti concreti”.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il Policlinico, i lavori infiniti, le osservazioni di un nostro lettore

di TeleradioNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.