Aversa, presentato il testo “Ho chiesto rifugio al mondo”, occasione per parlare di violenze e di diritti negati

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/aversa-presentato-il-testo-ho-chiesto-rifugio-al-mondo-occasione-per-parlare-di-violenze-e-di-diritti-negati.jpg?w=800&ssl=1

Aversa, presentato il testo “Ho chiesto rifugio al mondo”, occasione per parlare di violenze e di diritti negati – BelvedereNews

  • Home
  • Attualità
  • Aversa, presentato il testo “Ho chiesto rifugio al mondo”, occasione per parlare di violenze e di diritti negati

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/10/10/aversa-presentato-il-testo-ho-chiesto-rifugio-al-mondo-occasione-per-parlare-di-violenze-e-di-diritti-negati/

di TeleradioNews

“Cesare Lombroso e la Fisiognomica”- di Bartolomeo Valentino (*)  

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/cesare-lombroso-e-la-fisiognomica-di-bartolomeo-valentino.jpg?resize=180%2C296&ssl=1
“Cesare Lombroso e la Fisiognomica”- di Bartolomeo Valentino (*)   | Cronache Agenzia Giornalistica

38

 

Ma il Lombroso fu smentito subito dopo la sua morte, avvenuta nell’ottobre del 2009, grazie all’autopsia eseguita sulla sua salma dall’anatomo-patologo Foà. Misurando il suo cranio risultò di peso inferiore alla media con tantissime “pieghe di passaggio”.Secondo la  teoria del Lombroso era un cranio tipico di un criminale e di un folle. Da quel momento tutte le teorie del Lombroso non furono più seguite. Non aveva colto l’importanza della Psicologia nello studio della Fisiognomica, cosa che nel 900 riuscì a Louis Corman. Sarà,dunque, la Psicologia a dare vita alla Fisiognomica ed avviarla a trasformarsi nella futura Morfopsicologia . Questo processo di integrazione e supporto della futura morfopsicologia iniziò, dunque, con le intuizioni geniali del grande Leonardo attraverso l’analisi delle sue pitture. Fu quella la svolta epocale  ,di avere orientato  i futuri pittori  a rivolgere il loro sguardo  all’interno di noi stessi per indagare sui movimenti che nascevano nella nostra “Africa interiore” come la definiva il pittore Jean Paul Richter, che non sarà altro che l’inconscio di Freud 500 anni dopo.

(*) Già Professore di Anatomia II Università di Napoli-Morfoipsicologo

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/10/10/cesare-lombroso-e-la-fisiognomica-di-bartolomeo-valentino/

di TeleradioNews

Le strade dei rifiuti

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/le-strade-dei-rifiuti.jpg?resize=298%2C448&ssl=1

Traffici, transiti e Transizione: l’illecita esportazione di rifiuti contribuisce al fenomeno dei drammatici cambiamenti climatici

di Antonio Vitale

NAPOLI – All’Eurostars Hotel Ecelsior nei giorni  8 e 9 ottobre si è tenuto la XIII edizione del Forum internazionale Polieco sull’economia dei rifiuti, che coinvolge mondo della Ricerca e dell’Innovazione. Il focus di quest’anno:Le strade dei rifiuti. Traffici, Transiti, Transizione.

Il meeting ha posto l’accento su nuovi criteri di esportazione dei rifiuti, lanciando la sfida di un nuovo criterio volto ad affrontare le tematiche ambientali alla luce dei cambiamenti verificatisi negli ultimi anni.

Il Forum si è svolto con la partecipazione di relatori esperti nei vari settori  provenienti dal settore istituzionale, imprenditoriale, della ricerca scientifica nonché esponenti della magistratura.

Da anni il Forum Internazionale PolieCo sull’economia dei rifiuti  propone  giornate di alta formazione, informazione e confronto sulla tutela dell’ambiente e sull’economia circolare, affrontando le varie problematiche presenti sul territorio italiano e internazionale proponendo varie prospettive di miglioramento attraverso il riciclo dei rifiuti plastici nel rispetto della Sostenibilità, Etica e Legalità.

PolieCo è un  consorzio che opera a livello nazionale che ha per obiettivo il riciclaggio di rifiuti in polietilene, senza scopo di lucro, sancito dallo statuto del  d.m. 23 Maggio 2019 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 11 Luglio 2019). Opera ai sensi dell’articolo 234 del d. lgs. 152/2006 e successivi atti legislativi.

Il Consorzio ha lo scopo di favorire ritiro ed il riutilizzo di rifiuti in polietilene al termine del loro ciclo di vita, attraverso attività di riciclo e di recupero, favorendo la riduzione dei rifiuti smaltiti in discarica e un minor consumo di materia prima

A tal fine, PolieCo:

  • promuove la valorizzazione delle frazioni di polietilene non riutilizzabili;
  • promuove l’informazione degli utenti, intesa a ridurre il consumo dei materiali ed a favorire forme corrette di raccolta e di smaltimento;
  • assicura l’eliminazione dei rifiuti dei beni a base di polietilene non caso in cui non sia possibile o economicamente conveniente il riciclo nel pieno rispetto delle normative a favore del rispetto dell’ambiente;
  • promuove la gestione del flusso dei beni a base di polietilene;
  • assicura la raccolta, il riciclo e le altre forme di recupero dei rifiuti dei beni a base di polietilene

Al Forum Polieco sull’Economia dei rifiuti, fanno partecipato numerose personalità del campo legislativo fra i quali il dottor Roberto Pennisi, magistrato della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo che ha ribadito le parole del presidente della Commissione Antimafia, dottor Nicola Morra che aveva lanciato l’allarme sul caso dei rifiuti in Tunisia palesando  possibili infiltrazioni criminali rintracciabili nel Ministero dell’Ambiente.

Il caso Tunisia – aveva detto Morra – mostra come la criminalità organizzata non vada ricercata solo nelle periferie e nei posti degradati ma anche nelle Prefetture e al Ministero dell’Ambiente dove ci sono colletti bianchi che non fanno l’interesse delle comunità.

Molto altri relatori si sono alternati nel corso delle due giornate aprendo prospettive di miglioramento nel settore con grandi vantaggi di tipo economico e soprattutto lavorativo, con l’incremento di posti di lavoro soprattutto per i giovani.

Eventuali contatti si possono stabilire con il consorzio attraverso
info@polieco.it
presidenza@polieco.it
direzione@polieco.it

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/10/10/le-strade-dei-rifiuti/

di TeleradioNews

L’ARMATA BRANCALEONE DEI NON VACCINATI

https://i1.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/larmata-brancaleone-dei-non-vaccinati.jpg?resize=800%2C420&ssl=1

Piazze piene contro il pass. Assalto di Forza Nuova: occupata la sede della Cgil

Piazze piene contro il pass. Assalto di Forza Nuova: occupata la sede della Cgil

No-vax – Un sabato di guerriglia. 5 mila a Milano, 10 mila nella Capitale. I soliti fascisti si infiltrano: “Ora prendiamoci Roma” Scontri fino a tarda sera

Non erano bastati gli idranti e nemmeno le prime cariche. I manifestanti indietreggiavano un po’ risalendo l’inizio di via del Tritone e poi ricominciavano i lanci di oggetti contro la polizia, tirando indietro i lacrimogeni che appestavano l’aria. Avanti e indietro per due ore, fino a sera, fino alla carica più decisa e altre ancora nelle stradine tra piazza Colonna e piazza San Silvestro. Barricate in via del Corso, fumo denso, ancora idranti in azione, diversi fermi, feriti. Palazzo Chigi letteralmente assediato per ore da migliaia di persone.

“No green pass, no green pass”, gridavano. C’erano i fascisti, certo, gli esperti della guerriglia di piazza col cappuccio sono andati aumentando col trascorrere del tempo, insieme ai fumogeni e alle bombe carta. Ma prima soprattutto c’era gente comune, donne, uomini di mezza età e ragazzi per lo più a volto scoperto, tutti senza mascherina ma molti anche vaccinati e a volte pronti a farsi male in piazza. “Siamo contro la dittatura, scrivilo, per la libertà, siamo italiani, altro che fascisti e Forza Nuova”, dicono, quando non ti insultano e non ti spintonano perché fai il giornalista. Complottisti, arrabbiati, contrari ai “vaccini sperimentali che non sono vaccini”. “I numeri del Covid sono falsi, sono solo un algoritmo, me l’ha detto il capo dell’intelligenza artificiale di Sogei”, giura una signora 50enne che potresti incontrare sull’autobus o sulle scale di casa, nemmeno negazionista.

La polizia, che ieri è stata colta di sorpresa perché immaginava l’ennesimo flop, è rimasta per ore chiusa in piazza Colonna. E a metà pomeriggio c’era stato l’assalto brutale, organizzato, alla sede nazionale della Cgil in Corso Italia, che era vuota perché il sabato non c’è nemmeno un usciere, solo un pugno di poliziotti all’esterno che sono stati travolti. Lì c’erano volti noti del neofascismo romano, ragazzotti tatuati, ultras e militanti di Forza Nuova, che con il sorvegliato speciale Giuliano Castellino ha dato a questa piazza un leader, un “condottiero” come lo chiamavano dal palco di piazza del Popolo dove tutto è cominciato, con una partecipazione ben più consistente che è destinata a crescere ancora in vista dell’entrata in vigore del green pass per lavorare venerdì 15. “Squadrismo fascista”, ha detto il segretario Maurizio Landini. L’assalto ha colpito perché era premeditato ed è stato ben gestito. Per prima cosa hanno sfasciato la telecamera di sicurezza, poi hanno forzato la porta col tricolore in mano, all’interno hanno fatto danni. Solidarietà al sindacato e a Landini da tutta la politica, l’hanno chiamato anche il presidente Sergio Mattarella e il capo del governo Mario Draghi. Oggi la Cgil fa un incontro pubblico davanti alla sede. Perfino Matteo Salvini ha dovuto dire che “la violenza non è mai giustificata”, pur difendendo “le richieste ragionevoli di chi vuole tutelare salute, diritti, libertà e lavoro”. Poi se l’è presa con il ministro Luciana Lamorgese per la gestione, discutibile, dell’ordine pubblico; a tarda ora anche “solidarietà alla Cgil”. Giorgia Meloni invece ha espresso “la totale vicinanza alle forze dell’ordine, solidarietà al segretario dalla Cgil, Maurizio Landini” ma “anche a migliaia di manifestanti scesi in piazza per protestare legittimamente”. Manifestazione e incidenti anche a Milano: erano poche centinaia e sono diventati cinquemila, corteo non preavvisato fino a sera, cariche vicino alla Stazione centrale. Stavolta a Roma erano in tanti, all’inizio 15-20 mila, certo non 100 o 500 mila come gridavano al microfono e sui social, che in piazza del Popolo neppure c’entrano, ma più dei 10 mila indicati dalla polizia. Dalla Capitale ma anche da fuori, più dal Nord che dal Sud. E come sempre c’era anche gente di sinistra, che cantava “ora e sempre resistenza” dall’altro lato della piazza proprio mentre Castellino riceveva un’ovazione tra i saluti romani. “Ho votato Gualtieri, sono contro il green pass. Non mi fido dei vaccini”, spiegava un romano. Un altro di sinistra: “La puntura me la dovrò fare per lavorare, ma sono contrario”. Dal palco hanno detto “seguite Giuliano quando finisce di parlare” e una parte della manifestazione è andata a “sfidare” il contingente della Guardia di finanza che chiudeva via del Babuino, come le altre vie del tridente che vanno verso il centro e i palazzi della politica. Ci si è messa anche la polizia, il contingente ha retto. Ma forse è stato un caso, forse una manovra diversiva. Perché intanto migliaia di persone sono salite su per il Pincio e Villa Borghese, poi la Cgil e di nuovo nel centro di Roma.

FONTE: di  | 10 OTTOBRE 2021

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

L’ARMATA BRANCALEONE DEI NON VACCINATI

di TeleradioNews

COMUNICATO STAMPA CORPO DI COMMISSARIATO DELL’ESERCITO. LA BEATA VERGINE DELLA DIVINA PROVVIDENZA E SAN LORENZO DECRETATI CO-PATRONI.

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/comunicato-stampa-corpo-di-commissariato-dellesercito-la-beata-vergine-della-divina-provvidenza-e-san-lorenzo-decretati-co-patroni.jpg?w=800&ssl=1

COMUNICATO STAMPA CORPO DI COMMISSARIATO DELL’ESERCITO. LA BEATA VERGINE DELLA DIVINA PROVVIDENZA E SAN LORENZO DECRETATI CO-PATRONI. – BelvedereNews

  • Home
  • Attualità
  • COMUNICATO STAMPA CORPO DI COMMISSARIATO DELL’ESERCITO. LA BEATA VERGINE DELLA DIVINA PROVVIDENZA E SAN LORENZO DECRETATI CO-PATRONI.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

COMUNICATO STAMPA CORPO DI COMMISSARIATO DELL’ESERCITO. LA BEATA VERGINE DELLA DIVINA PROVVIDENZA E SAN LORENZO DECRETATI CO-PATRONI.

di TeleradioNews
Gli Amabili Libri

Il blog di Francesca Ottobre

recensioni936.wordpress.com/

E' solo un punto di vista

Revolver Boots

Scream for me...

che-blog

Blog italiano di cultura generale

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio.

Parla come viaggi - il blog di Silvia Wanderlust

Viaggi, archeologia e fotografia sono le mie grandi passioni. Voglio condividere con voi foto, itinerari, esperienze di viaggio e la mia vita da futura archeologa.

Gioia per i libri

Segnalazioni - Recensioni - Poesie - Aforismi

4000 Wu Otto

Drink the fuel

Judy e Lyth

parole tra due amiche

Blog Femme & Infos

Anita Blogue

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quindicesimo anno ♥    

Annita Klimt

Mi Nouvelle Vague personal

alle pendici del tifata ed oltre

tradizioni,usi e costumi, meridionalismo e divagazioni

The Daily Think

Laura Quick's book The Quick Guide To Parenting is available to order on Amazon. A perfect gift for parents.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: