Formicola. Gran festa per i 100 anni del reduce Giuseppe Petruccelli da Castel di Sasso


Dopo spasmodica attesa, domenica 3 ottobre, nella chiesa di Santa Cristina Continua a leggere

Formicola. Gran festa per i 100 anni del reduce Giuseppe Petruccelli da Castel di Sasso


Dopo spasmodica attesa, domenica 3 ottobre, nella chiesa di Santa Cristina Continua a leggere

Liccardi evita la sconfitta alla Casertana

https://i1.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/liccardi-evita-la-sconfitta-alla-casertana.jpg?resize=750%2C430&ssl=1

Uj gol di Vincenzo Liccardi evita la prima sconfitta stagionale alla Casertana. Un primo tempo con poche occasioni pericolosi che vanno sotto grazie ad un gol spettacolare di Baradji.

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Nella ripresa i falchetti provano a rimettere la gara sui binari giusti e a 11 minuti dalla fine ci pensa Liccardi a pareggiare. Ma nonostante assalto finale i falchetti si devono accontentare di un pareggio.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/10/03/liccardi-evita-la-sconfitta-alla-casertana/

Aversa, “Storie di ordinaria movida”

https://i2.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/aversa-storie-di-ordinaria-movida.jpg?resize=750%2C430&ssl=1

Aversa, Nella serata di sabato, intorno alle 21.00, una rissa tra giovanissimi ha seminato panico tra i passanti. La lite è finita con una coltellata, per mano di un ragazzo proveniente dalla provincia di Napoli, ai danni di un diciassette di Aversa. Il tutto si è svolto nei pressi di una nota paninoteca della centralissima e affollatissima via Roma. Nella vicinissima via seggio il clima non era certo più sereno. Tante le liti scoppiate tra giovani e diversi i ragazzi che si sono sentiti male per aver assunto probabilmente alcolici. Una folla incontrollata di giovanissimi, non curanti anche delle norme anti covid, impediva il passaggio. Tutto questo è la prova di come la situazione ormai sia fuori controllo. Aversa e le sue strade ormai sono alla mercé di chi voglia ,nelle giornate di movida, raggiungere il centro normanno e farne ciò che desidera.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa, “Storie di ordinaria movida”

I Black Med di Invernomuto

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/i-black-med-di-invernomuto.jpg?resize=300%2C200&ssl=1

Un percorso di visita attraverso l’antica città e la Casa degli Amorini Dorati con l’installazione Black Med, POMPEII di Invernomuto

POMPEI (NA) – Il Parco Archeologico annuncia la presentazione in anteprima internazionale, venerdì 1 ottobre alle ore 12-13, dell’installazione Black Med, POMPEII di Invernomuto di Simone Bertuzzi e di Simone Trabucchi.

Black Med, POMPEII si compone di due interventi sonori all’interno dell’Area Archeologica di Pompei – nella Casa degli Amorini Dorati e in Via Marina/Foro – e sarà accessibile a tutti i visitatori della città antica da venerdì 1 ottobre al 3 novembre.

L’opera – realizzata grazie al sostegno di Italian Council (VII edizione, 2019), progetto della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, su presentazione di Fondazione Morra Greco, Napoli con donazione al Parco Archeologico di Pompei – entra a far parte della nuova collezione d’arte contemporanea (Collectio) del Parco all’interno del programma Pompeii Commitment. Materie archeologiche.

Black Med, POMPEII rappresenta il culmine della ricerca del duo di artisti italiani intorno alle riflessioni teoriche sul Black Mediterranean (Mediterraneo nero), in riferimento alle ricerche di Alessandra Di Maio dell’Università degli Studi di Palermo,che ha utilizzato questa definizione nell’ambito degli studi postcoloniali, migratori, transnazionali e della diaspora nel campo dell’africanistica contemporanea.

L’opera rientra nel più ampio processo di ricerca in corso di Invernomuto intitolato Black Med, il cui fulcro è la piattaforma web blackmed.invernomuto.info e che si articola, oltre che in un ciclo di opere che ne condividono i risultati provvisori, come accadrà a Pompei, anche in una pubblicazione cartacea che espande il progetto attraverso una serie di contributi teorici (Humboldt Books, Milano) e un programma di presentazioni performative e listening sessions che si sono succedute durante la lavorazione del progetto presso nell’ambito di istituzioni, come le due ipartner del progetto: The Green Parrot di Barcellona, e Centre d’Art Contemporain Genève di Ginevra.

L’intervento nella Casa degli Amorini Dorati si basa su una sezione dell’archivio di Black Med chiamata SEASCAPE. In essa sono raccolti brani di varie epoche e generi, accomunati da ampie texture sonore; l’intervento – diffuso attraverso 4 speaker flessibili (Anakonda) – mira ad arredare gli spazi e ad espandere alcune simbologie presenti nella Casa: i riferimenti egittologici ed in particolare il culto di Iside.

L’intervento in Via Marina/Foro diffonde invece l’output della piattaforma blackmed.invernomuto.info per sei volte al giorno, per una durata di 10 minuti, come fosse un richiamo al raccoglimento, un modo per scandire il tempo e prenderne coscienza.

Invernomuto prova a intercettare le traiettorie sonore che attraversano la complessa e stratificata area del Mediterraneo, registrandone i continui movimenti e assecondando l’intreccio dei suoi accadimenti e delle sue narrazioni.

Black Med naviga quindi senza seguire una cartografia regolare e categorica ma, al contrario, si lascia attraversare dalle rotte e identità multiple di cui ascolta e archivia i ritmi e le sonorità.

Le traiettorie seguite da Black Med valicano l’area perimetrale del Mediterraneo in senso propriamente geografico, per prendere in considerazione geografie più ampie, informali e non ufficiali, procedendo da Marsiglia a Barcellona, da Napoli e Pompei a Palermo, da Belgrado a Brindisi, da Il Cairo, il Canale di Suez e la Nubia al Lago Vittoria, includendo le rotte migratorie che storicamente mettono in relazione la sponda africana, asiatica ed europea del Mediterraneo.

La piattaforma blackmed.invernomuto.info (progettata per essere accessibile sia online – a partire dal prossimo 28 ottobre  – che offline, in formato di installazione sonora) ha raccolto, allo stato attuale della ricerca, oltre 30 ore di contenuti e contributi musicali selezionati da Invernomuto e da una serie di partecipanti fra cui Paul Gilroy, Rabih Beaini, Donato Epiro, Kareem Lotfy, Ma’an Abu Taleb e altri musicisti e ricercatori a cui gli artisti hanno chiesto di proporre una selezione musicale che rispondesse alla ricerca di Black Med.

L’opera Black Med, POMPEII è risultata tra i progetti vincitori del bando Italian Council (VII edizione, 2019), programma di promozione internazionale dell’arte italiana della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Il progetto Black Med, POMPEII è aperto al pubblico dall’1 ottobre al 3 novembre 2021 con i seguenti orari:

  • Installazione in Via Marina/Foro: attiva ogni ora, dalle ore 10 alle ore 15, durata 10
  • Installazione presso la Casa degli Amorini Dorati: aperta tutti i giorni, dalle ore 10 alle ore 30.

L’accesso a Black Med, POMPEII è consentito a tutti i visitatori muniti di biglietto di entrata all’Area Archeologica di Pompei.

(L’immagine di copertina è tratta dall’archivio Black Med – maschera di marmo presso la Casa degli Amorini Dorati).

Gli artisti

Pompeii Commitment. Materie archeologiche

Fondazione Morra Greco

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

I Black Med di Invernomuto

LA FISIOGNOMICA E LA PITTURA DI LOTTO, LOMAZZO, LE BRUN di Bartolomeo Valentino (*)    

https://i2.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/la-fisiognomica-e-la-pittura-di-lotto-lomazzo-le-brun-di-bartolomeo-valentino.jpg?w=800&ssl=1
LA FISIOGNOMICA E LA PITTURA DI LOTTO, LOMAZZO, LE BRUN di Bartolomeo Valentino (*)     | Cronache Agenzia Giornalistica

18

Gian Paolo Lomazzo((1538-1592) nella sua opera “L’idea del tempio della pittura” -Milano 1530, descrive la Personalità dell’uomo in relazione ai quattro temperamenti e si sofferma sul ruolo dell’individuo nella invenzione artistica.

In questa opera, praticamente di Fisiognomica, descrive la pittura come una sorta di tempio in cui sono importanti sette colonne, che si identificano con i sette Governatori dell’arte: Leonardo, Michelangelo, Raffaello, Polidori da Caravaggio, Andrea Montegna, Tiziano, Gaudenzio Ferrari.

Charles Le Brun (1619-1690) fu il primo pittore alla corte del Re Sole (Luigi XIV in Francia). Ritrasse molti personaggi della Corte, tra cui il Re Sole. Per molti studiosi sono proprio i ritratti di questo personaggio ad essere di notevole valore, in quanto analizzava la Fisionomia del Re correlandola ai diversi stati d’animo. Otto anni dopo la sua morte fu pubblicata una sua opera specifica di Fisiognomica: ”Conference sur l’expression gènèrale et particulièr”.

(*) Già Professore di Anatomia II Università di Napoli

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

LA FISIOGNOMICA E LA PITTURA DI LOTTO, LOMAZZO, LE BRUN di Bartolomeo Valentino (*)    

(Foto e Video) Carinaro,Successo per l’evento “Omaggio a Morricone”

https://i1.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/foto-e-video-carinarosuccesso-per-levento-omaggio-a-morricone.jpg?resize=750%2C430&ssl=1

Carinaro– Pieno di pubblico (occupati tutti i posti disponibili e molti altri sarebbero stati occupati senza le necessarie norme anti-covid) e successo per la serata del 2 ottobre dedicata alla musica. Ieri sera presso la Sala Consiliare del Comune di Carinaro giovani talentuosi hanno omaggiato E. Morricone.
Si tratta di  Maurizio Bove (baritono), Cristian d’Aquino (tenore), Elena Capasso (soprano), Camilla Carol Farias (Mezzosoprano), Lucie Monjanel (Mezzosoprano), Simone Matarazzo (pianista), Pietro Scarsamaglio (Direttore artistico) che hanno eseguito i brani musicali più importanti di E. Morricone (e non solo), suonati in un giro di concerti in tutta Europa e diventati colonne sonore di film e serie TV indimenticabili. Coinvolgenti e appassionanti le presentazioni dei musicisti e dei brani da loro eseguiti da parte del Maestro Filippo Morace

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

Prima dell’esibizione, l’assessore alla cultura Alfonso Bracciano ha sottolineato l’impegno dell’Amministrazione per l’organizzazione degli eventi culturali, che non sono mancati neanche durante il periodo più difficile della pandemia attraverso incontri on line e dirette. L’assessore ha poi accennato ai prossimi eventi organizzati in sinergia con la con il liceo Classico “D. Cirillo” di Aversa e con la Pro loco Sant’Eufemia, il cui Presidente Raffaele Compagnone ha ricordato, come l’assessore, il difficile periodo della pandemia e la volontà di ritornare ad animare culturalmente Carinaro.

Al termine della serata sono state consegnate targhe e diplomi ai musicisti e alle riviste Belvederenews, Urbanews e ContrastoTv.

FOTO



ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273


VIDEO

Video 1

Video 2

Video 3

Video 4

Video 5

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/10/03/foto-e-video-carinarosuccesso-per-levento-omaggio-a-morricone/

Festa della Natura

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/festa-della-natura.png?resize=191%2C448&ssl=1

Urban Nature: al grido di vogliamo città con più natura domenica 10 ottobre riparte in tutta italia la festa promossa dal WWF

CASERTA – Le nostre città devono diventare nature-positive e amiche del clima: è con questo messaggio che il WWF Italia lancia la V edizione di Urban Nature in vista della manifestazione che animerà i grandi e i piccoli centri in tutta Italia in occasione della Festa della Natura in città, in programma domenica 10 ottobre. Da tutti gli angoli del nostro Paese si leverà un messaggio di riscatto e resilienza per avere città con più natura, più salubri e più sicure nell’epoca della pandemia da COVID e dei fenomeni estremi causati dal cambiamento climatico.

Quest’anno la Festa della Natura in Città del WWF arriva alla vigilia di un momento importante a livello su scala globale, l’apertura – a Kunming, Cina, lunedì 11 ottobre – della Conferenza delle Parti sulla Biodiversità convocata per arrestare e invertire la curva della perdita di natura.

Nel corso delle iniziative di Urban Nature famiglie, bambini, giovani, studenti, appassionati di natura il 10 ottobre daranno vita ad azioni concrete per tutelare, valorizzare e incrementare la biodiversità urbana. Protagonisti gli attivisti del WWF ma anche le decine di realtà civiche attive sul territorio in difesa della natura che daranno vita a visite nei parchi e nelle aree verdi, giochi, mostre, pulizia e sistemazione delle aree naturali, attività di citizen science e di citizen conservation, guerrilla gardening e urban painting.

Nell’ambito di Urban Nature la nostra associazione ha chiesto l’ospitalità e la collaborazione del Centro Regionale di Incremento Ippico di Santa Maria Capua Vetere  – Via Caserta n. 45  –  un’area urbana poco nota anche ai sammaritani, interessante dal punto di vista naturalistico per la presenza, tra l’altro, di numerosi Lecci, utilizzati sia per la raccolta ghiande da inviare ai semenzai regionali per l’incremento forestale che per l’ombreggiamento del galoppatoio. Il Centro ha come missione la salvaguardia e la promozione di razze equine autoctone, come il salernitano, il persano, il napoletano e il miglioramento dell’aviglianese ed è quindi naturalmente vocato alla custodia della biodiversità. Come sempre la manifestazione vuole ampliare la conoscenza della “natura sotto casa” e permetterne una sana fruizione. Pur essendo il Centro dedicato alla riproduzione dei cavalli e quindi non è un “ parco pubblico “ , cionondimeno, grazie alla competenza e sensibilità del Dirigente della UOD di Caserta, dr. Paolo de Felice e della Responsabile del Centro, dr.ssa Agnese Rinaldi, è aperto ai cittadini con visite guidate su prenotazione, soprattutto per le Scuole. Ed infatti saranno le scuole, anche quest’anno, le protagoniste di Urban Nature. Domenica 10 ottobre dalle 9,30 alle 12,30 sia gli studenti con le loro famiglie che semplici cittadini, potranno essere guidati alla scoperta del fantastico mondo dei cavalli, visitare il Museo delle antiche carrozze, avvicinarsi ai pregiati quanto ormai rari asinelli ragusani e martina franca, osservare i puledrini correre accanto alle loro premurose mamme, ascoltare il potente nitrito degli stalloni.  I volontari del WWF Caserta si affiancheranno agli esperti del Centro, per proporre attività di conoscenze e salvaguardia della natura urbana, sviluppando i temi di fondo della manifestazione che si svolgerà in contemporanea in numerosissime città italiane.  

Appuntamento quindi il giorno 10 ottobre al Centro Regionale di Incremento Ippico di Santa Maria Capua Vetere, Via Caserta n. 45, alle ore 10.00. Sarà l’occasione per conoscere un’area verde in città e goderne le bellezze naturalistiche.

L’ingresso sarà disciplinato in base alle normative COVID vigenti al momento dell’evento, evitando quindi assembramenti e limitando e/o regolamentando gli accessi in caso di eccessiva affluenza, con misurazione della temperatura, obbligo di mascherina e distanziamento; sarà inoltre necessario registrarsi all’ingresso per motivi di tracciatura. L’evento verrà rinviato in caso di cattivo tempo atmosferico. Si consiglia un abbigliamento adeguato, scarpe chiuse e senza tacco. Non saranno ammessi animali da compagnia ( cani, gatti, etc.) e sarà vietato avvicinarsi ed infastidire gli animali ospiti del Centro. Tutti i visitatori dovranno attenersi scrupolosamente alle norme di comportamento dettate dalla Direzione del Centro.

Urban Nature 2021 lancia un messaggio forte e partecipato che vuole dare respiro e spazio al mosaico di iniziative che concretamente operano per città che siano in equilibrio con la natura. Quest’anno sono già oltre 60 le realtà che stanno aderendo alla Festa della Natura in Città e 15 le associazioni nazionali che stanno facendo crescere l’iniziativa ideata e promossa inizialmente dal WWF. Lo scorso anno, nonostante il lockdown, nel rispetto delle regole, furono 82 i comuni in tutta Italia dove si svolsero complessivamente 125 eventi e incontri, grazie al contributo di 80 realtà civiche e di 11 associazioni nazionali.

Mosaico di iniziative che in occasione di UN 2021 ruoterà attorno ad alcuni filoni di intervento tematici: decementifichiamo le città, per ridurre le strutture e le infrastrutture in grigio e riempire di verde le nostre aree urbane; nutriamo la biodiversità, per dare spazio agli orti urbani e sociali, all’apicoltura urbana e all’agricoltura periurbana, trasformando le città in fonti di cibo sano e a km zero;  rinverdiamo le nostre scuole, con la diffusione delle Aule Natura (sono 12 quelle che verranno consegnate in questo periodo nelle scuole) per una didattica multidisciplinare a contatto con la natura.

Tra i partner storici del WWF, co-promotori sin dall’inizio di Urban Nature, l’Associazione Nazionale dei Musei Scientifici (ANMS) e l’Arma dei Carabinieri, con il pieno coinvolgimento degli Uffici Territoriali Carabinieri per la Biodiversità (UTCB). Urban Nature vede i patrocini del Ministero della Transizione Ecologica e dell’ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

E dal seme piantato dal WWF, nel tempo è cresciuto l’albero delle adesioni delle associazioni nazionale  quest’anno ad Urban Nature aderiranno: AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche);  APGI ( Associazione Parchi e Giardini D’Italia) ; CESAB ( Centro Ricerche in Scienze Ambientali e Biotecnologie); CITTADINANZA ATTIVA; FAI – FEDERAZIONE APICOLTORI ITALIANI; UNAAPI -Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani; FEDERAZIONE NAZIONALE PRO NATURA; FEDERGEV; FIAB (FEDERAZIONE ITALIANA AMBIENTE E BICICLETTA); GIACCHE VERDI; SOCIETA’ SPELEOLOGICA ITALIANA

(vedi  gli Amici di Urban Nature: https://www.wwf.it/pandanews/ambiente/gli-amici-di-urban-nature/)

Urban Nature, che giunge nel 2021 alla sua V edizione, è un’iniziativa che si sta sempre più affermando come una campagna per rendere sempre più evidenti a chi vive nelle città italiane il valore della natura e la necessità di innovare il modo di pensare e pianificare gli spazi urbani, riconoscendo la centralità degli ecosistemi e delle reti ecologiche e di promuovere azioni virtuose agite da amministratori, comunità, cittadini, imprese, università e scuole per proteggere e incrementare la biodiversità nei sistemi urbani.

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Festa della Natura

RIPARTE URBAN NATURE: “VOGLIAMO CITTA’ CON PIU’ NATURA” DOMENICA 10 OTTOBRE IN TUTTA ITALIA LA FESTA PROMOSSA DAL WWF di Benedetta  Terlizzi 

https://i2.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/riparte-urban-nature-vogliamo-citta-con-piu-natura-domenica-10-ottobre-in-tutta-italia-la-festa-promossa-dal-wwf-di-benedetta-terlizzi.jpg?resize=300%2C300&ssl=1
RIPARTE URBAN NATURE: “VOGLIAMO CITTA’ CON PIU’ NATURA” DOMENICA 10 OTTOBRE IN TUTTA ITALIA LA FESTA PROMOSSA DAL WWF di Benedetta  Terlizzi  | Cronache Agenzia Giornalistica

20

Mosaico di iniziative che in occasione di UN 2021 ruoterà attorno ad alcuni filoni di intervento tematici: decementifichiamo le città, per ridurre le strutture e le infrastrutture in grigio e riempire di verde le nostre aree urbane; nutriamo la biodiversità, per dare spazio agli orti urbani e sociali, all’apicoltura urbana e all’agricoltura periurbana, trasformando le città in fonti di cibo sano e a km zero;  rinverdiamo le nostre scuole, con la diffusione delle Aule Natura (sono 12 quelle che verranno consegnate in questo periodo nelle scuole) per una didattica multidisciplinare a contatto con la natura.

Tra i partner storici del WWF, co-promotori sin dall’inizio di Urban Nature, l’Associazione Nazionale dei Musei Scientifici (ANMS) e l’Arma dei Carabinieri, con il pieno coinvolgimento degli Uffici Territoriali Carabinieri per la Biodiversità (UTCB). Urban Nature vede i patrocini del Ministero della Transizione Ecologica e dell’ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

E dal seme piantato dal WWF, nel tempo è cresciuto l’albero delle adesioni delle associazioni nazionale  quest’anno ad Urban Nature aderiranno: AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche);  APGI ( Associazione Parchi e Giardini D’Italia) ; CESAB ( Centro Ricerche in Scienze Ambientali e Biotecnologie); CITTADINANZA ATTIVA; FAI – FEDERAZIONE APICOLTORI ITALIANI; UNAAPI -Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani; FEDERAZIONE NAZIONALE PRO NATURA; FEDERGEV; FIAB (FEDERAZIONE ITALIANA AMBIENTE E BICICLETTA); GIACCHE VERDI; SOCIETA’ SPELEOLOGICA ITALIANA

Urban Nature, che giunge nel 2021 alla sua V edizione, è un’iniziativa che si sta sempre più affermando come una campagna per rendere sempre più evidenti a chi vive nelle città italiane il valore della natura e la necessità di innovare il modo di pensare e pianificare gli spazi urbani, riconoscendo la centralità degli ecosistemi e delle reti ecologiche e di promuovere azioni virtuose agite da amministratori, comunità, cittadini, imprese, università e scuole per proteggere e incrementare la biodiversità nei sistemi urbani.

FONTE: Il Panda Team del WWF Caserta OdV

 (vedi  gli Amici di Urban Nature: https://www.wwf.it/pandanews/ambiente/gli-amici-di-urban-nature/)

 

 

 

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/10/03/riparte-urban-nature-vogliamo-citta-con-piu-natura-domenica-10-ottobre-in-tutta-italia-la-festa-promossa-dal-wwf-di-benedetta-terlizzi/

I NOSTRI POLITICI? HANNO L’ONORE DELLE PUTTANE!

https://i1.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/i-nostri-politici-hanno-lonore-delle-puttane.jpg?resize=800%2C420&ssl=1

Alla Leopolda Renzi inscena l’auto-assoluzione per Open

Il caso – L’ex premier annuncia una mostra che illustrerà lo “scandalo politico” dell’inchiesta. Nel 2020 aprì un sito sul tema: è ancora inattivo

di  | 3 OTTOBRE 2021

Pronto come sempre a saltare sul cavallo delle notizie del giorno, con riferimento all’inchiesta di Fanpage.it sui presunti finanziamenti in nero della campagna elettorale di Fratelli d’Italia a Milano, Matteo Renzi comunica che alla Leopolda di novembre ci sarà una mostra che racconterà le indagini della Procura di Firenze sui finanziamenti -che i pm ritengono i parte illeciti – della fondazione Open. E vien da pensare che sarà l’evento clou della kermesse. È però lo stesso Matteo Renzi che quasi un anno fa diede notizia dell’apertura di un sito internet, http://www.guerraarenzi.it, “per seguire in maniera trasparente le accuse, le indagini e i processi”. Così scrisse nella newsletter Enews, ma se clicchi sul dominio si apre una pagina sostanzialmente vuota, c’è solo la promessa di dare informazioni che ancora non ci sono.

Allora viene il dubbio che anche quello fatto ieri mattina a Parma alla presentazione del suo libro Controcorrente, durante un’intervista della giornalista Claudia Fusani, possa restare un annuncio senza seguito. Queste le parole del leader di Italia Viva secondo il resoconto delle agenzie: “Alla Leopolda ci sarà una mostra su Open, chi verrà il 19-20-21 novembre vedrà una mostra su quella vicenda. Ci sarà un processo e noi lo racconteremo: si tratta di bonifici regolarmente trasferiti e vedendo le ‘lavatrici del nero’ di questi giorni poi…”. Quindi il consueto accenno alla persecuzione giudiziaria di cui sarebbe stato vittima: “Ieri circa 150 poliziotti sono stati mandati a cercare Messina Denaro, la Procura di Firenze ha mandato 300 finanzieri a perquisire le case di persone non indagate, anche la Cassazione ha detto che è stata un’azione inutile. Hanno usato il doppio delle forze dell’ordine previste per un boss della mafia… Questa vicenda è uno scandalo politico, chi verrà alla Leopolda e vedrà la mostra lo capirà. Non ci toglieranno il sorriso, questo processo lo vivremo alla luce del sole, chiedo solo alla stampa la stessa rilevanza per le future assoluzioni che hanno dato alle inchieste”.

Infatti non c’è solo Open. Le indagini in attesa di assoluzioni, secondo l’ottimistica e rispettabile opinione dell’ex premier che ha sempre respinto le accuse al mittente, sono diverse. I pm fiorentini hanno indagato Renzi per il compenso ricevuto per una conferenza ad Abu Dhabi, molto probabilmente il congresso organizzato dalla Salt il 10 dicembre 2019, quando l’ex premier parlò per mezz’ora su “Il futuro dell’Europa” insieme all’ex ministro delle finanze inglese Philip Hammond. Secondo gli inquirenti sarebbero state emesse fatture per operazioni inesistenti e si lavora intorno a un paio di bonifici compiuti da una srl con sede a Portici.

A Roma, invece, Renzi è indagato per finanziamento illecito per i suoi rapporti economici con l’agente dei vip Lucio Presta, e in particolare per i compensi del documentario “Firenze secondo me”, 700mila euro complessivi versati da Presta a Renzi (tra documentario, cessione dei diritti d’autore, promozione del personaggio e altri due programmi mai realizzati), che secondo la Finanza non erano realmente il corrispettivo per le prestazioni professionali, ma una sorta di dazione necessaria al senatore di Scandicci per acquistare la sua villa di Firenze.

Ma è su Open, la cassaforte del renzismo, che il leader di Italia Viva combatte la madre delle sue battaglie giudiziarie. Con la Cassazione che in un paio di occasioni ha emesso provvedimenti favorevoli alla difesa di un coindagato, l’ex consigliere della Fondazione Marco Carrai, ponendo dubbi sul fatto che si trattasse “di una articolazione del Pd”. Si tratta di annullamenti con rinvio dei decreti di perquisizione di Carrai che Renzi ha preso al balzo per dichiarare chiusa in suo favore una vicenda ancora aperta.

Open è l’inchiesta più delicata, perché figurano indagati Renzi e i suoi più stretti collaboratori dei tempi d’oro da premier e segretario Pd: l’ex ministra Maria Elena Boschi, l’ex ministro Luca Lotti, l’ex presidente di Open Alberto Bianchi. Per questi ultimi due c’è un sottofilone che ipotizza la corruzione insieme all’imprenditore Alfonso Toto e Patrizio Donnini, che per anni con Dotmedia ha partecipato all’organizzazione della Leopolda.

FONTE:

Morisi, Matteo va a caccia della talpa: “Sta al Viminale”

Morisi, Matteo va a caccia della talpa: “Sta al Viminale”

“Attaccano Morisi per attaccare me”. Matteo Salvini non ha più il sospetto di un complotto nei confronti della Lega: ormai è convinto che il caso che ha inguaiato il suo spin doctor per il festino a base di droga del 13 agosto sia scoppiato per colpire il partito alla vigilia del voto. Troppo strani, sostiene, i contorni della vicenda, troppo sospetti i tempi della sua pubblicazione sui giornali. Ma il leader della Lega e i suoi fedelissimi sono anche consapevoli che l’inchiesta potrebbe non finire qui e che nei prossimi giorni potrebbero uscire nuove rivelazioni. E allora vuole capire da dove arrivino le informazioni: una sorta di “contro inchiesta” tutta in salsa leghista. In primis, ha armato la sua “Bestia” che, sebbene orfana di Morisi, sta continuando a usare gli stessi toni di sempre. Fino a oggi però la macchina social della Lega ha deliberatamente evitato di occuparsi del caso Morisi: meglio tacere e non dare troppo risalto al caso. Sui social ufficiali del partito infatti è uscito solo il post di lunedì scorso in cui Salvini difendeva “il suo amico” e annunciava che lo avrebbe “aiutato a rialzarsi”. Poi più niente. Ora non sarà più così: il diktat dato allo staff comunicazione è quello di ribattere colpo su colpo alle accuse degli investigatori e alle notizie che escono sui giornali mettendo in evidenza le presunte contraddizioni. “Dell’inchiesta si parlerà ancora per un po’ – spiega un fedelissimo – quindi non possiamo più fare finta di niente: meglio provare a girare il tutto a nostro favore che sperare che passi la bufera”. E non è un caso che sia stato proprio Salvini ad affrontare l’argomento negli ultimi comizi con toni vittimistici.
Ma il leader della Lega non si ferma qui. I suoi lo definiscono furioso per la fuga di notizie di un’inchiesta di cui lui stesso sapeva ben poco. Sperava che il caso passasse sotto silenzio ma quando la notizia è iniziata a girare nei corridoi di Camera e Senato, ha capito che prima o poi sarebbe uscita. È a quel punto che Morisi si è dimesso. E allora Salvini e i suoi fedelissimi vogliono capire come la notizia sia arrivata ai parlamentari e chi abbia iniziato a mettere in giro la voce di una perquisizione a casa Morisi. I primi sospetti ricadono sui parlamentari veneti del Carroccio che nelle ultime settimane hanno più volte criticato la linea del capo. E che già a fine agosto erano informati dei fatti. Salvini non solo è accerchiato dai nordisti e teme la batosta elettorale, ma sospetta di talpe interne alla Lega. Resta poi, nella cerchia ristretta del segretario, l’ombra del complotto. Ieri sul Giornale i fedelissimi di Salvini hanno fatto filtrare la voce che dietro ai dettagli dell’inchiesta ci sia la “manina” del Viminale e una “vendetta” del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese messa nel mirino dalla Lega sugli sbarchi. Solo sospetti che non trovano conferme ma che mettono in luce, oltre alla dietrologia leghista, un tentativo di appurare se la gola profonda venga dal ministero dell’Interno. Un uomo al Viminale Salvini lo avrebbe anche ed è quel Nicola Molteni che ha pessimi rapporti con Lamorgese attaccandola ogni giorno sugli sbarchi. Difficile che il sottosegretario ne sappia qualcosa. Ma i salviniani insistono: “Ci vogliono colpire, abbiamo dato fastidio a qualcuno”. La ricerca della talpa prosegue.

FONTE:

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

I NOSTRI POLITICI? HANNO L’ONORE DELLE PUTTANE!

FRANCOLISE: ATTESO IL DEBUTTO IN TRASFERTA DELLO SCRITTORE CACCIAPUOTI

https://i2.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/10/francolise-atteso-il-debutto-in-trasferta-dello-scrittore-cacciapuoti.jpg?w=800&ssl=1

FRANCOLISE (Raffaele Raimondo) – Un libro singolarissimo – “Lo Sciamano e i misteri della mente” di Ercole Cacciapuoti – sarà baricentro del convegno letterario che AMA-Comunicazioni di Cancello ed Arnone (sempre più ardita nell’allestimento di importanti eventi culturali) ha programmato per le ore 18 di domenica 3 ottobre presso lo storico palazzo “D’Alterio-Tarantino” all’ombra dell’antica torre di Francolise.

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

Maria Grazia Branco, solerte titolare dell’Agenzia AMA, introdurrà i lavori che saranno coordinati dal giornalista Mattia Branco, direttore del portale online La Voce del Volturno. Si snoderanno poi gl’interventi illustrativi e critici di Alessandro Zannini (patron della Casa editrice Mediterraneo che ha dato alle stampe il vigoroso eppur agevole volume), Stefano D’Alterio(docente ed artista) e Tania Parente (psicologa e presidente provinciale dell’AID: Associazione Italiana Dislessia). Naturalmente sarà presente in sala l’Autore che parlerà a conclusione della tavola rotonda. Una circostanza senz’altro da seguire, per gli appassionati della narrativa di valore e per gli esploratori di conoscenze nuove in questa complessa temperie.

In effetti, quest’opera prima di Ercole Cacciapuoti s’impone all’attenzione del pubblico dei lettori  come romanzo dell’oltre” in cui si coniugano ben quattro piste di enorme interesse culturale: ecologia, criminalità, storia e misteri. E basta da solo, un tale quadrilatero denso di diagonali, a suscitare curiosità, letture, discettazioni non peregrine e, va da sé, giudizi critici puntuali e motivati. Intorno alla figura di Leonardo, il protagonista principale, ruotano persone, fatti e fenomeni, di quotidiana benché sempre sorprendente prosa, ma il fil rouge della ricerca esoterica concorre a rendere ancor più ammaliante ed incantevole la lettura del testo.

Prossimamente “Lo Sciamano e i misteri della mente” raggiungerà altre prestigiose locations, ma questo atteso debutto assume il valore determinante della ritualità di un autentico battesimo, per l’Autore ed il suo parto di partenza.

 

Il blog del Centro Studi sciamanici chiarisce che Lo sciamanesimo è la pratica spirituale più antica conosciuta dall’uomo. Nella forma tradizionale è un sistema di credenze e comportamenti presente all’interno di diversi tipi di culture. Lo sciamanesimo è diffuso in tutti i continenti, dall’America del Nord e del Sud, all’Africa con le sue forme animistiche, all’Australia con il Tempo del Sogno, fino alle forme spirituali delle isole polinesiane e in su nell’Asia. La parola sciamanesimo infatti deriva da ‘saman‘ utilizzata nella cultura tunguso siberiana e sta ad indicare colui che conosce.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

In Europa le pratiche tradizionali sono rimaste solo tra i Sami (Lapponia), ma lo sciamanesimo sta rivivendo una sua diffusione anche nella cultura occidentale, attraverso pratiche, che senza fare riferimento ad una specifica tradizione, possono essere antropologicamente considerate sciamaniche.


Lo sciamano viene generalmente considerato come un guaritore e un mediatore tra il mondo conosciuto o realtà ordinaria e il mondo spirituale. Viene considerato esperto nel comunicare con gli spiriti aiutanti (Animali di Potere e Maestri Spirituali) attraverso il cambiamento del suo stato di coscienza quotidiano, entrando quindi in uno stato di coscienza alterato per ‘viaggiare’ nella realtà dei mondi spirituali, e riportare potere, saggezza e guarigione per il suo cliente.

Le pratiche sciamaniche di guarigione e di conoscenza sono caratterizzate da tratti comuni presenti in tutte le parti del mondo, è quindi un sistema flessibile, che si è adattato nel corso del tempo, infatti le prime pratiche sciamaniche documentate dai pittogrammi nelle caverne risalgono ad almeno 30.000 anni fa.

Lo sciamanesimo ha lo scopo di riportare armonia ed equilibrio tra il mondo visibile, quello della realtà comunemente percepita, ed i mondi spirituali invisibili.

Comunque, quale sia stata e sia la full immersion di tale opzione spirituale che Cacciapuoti ha artisticamente tentato nello svolgersi della trama da lui concepita e lucidamente narrata è tutta da scoprire …ai piedi della Torre.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

FRANCOLISE: ATTESO IL DEBUTTO IN TRASFERTA DELLO SCRITTORE CACCIAPUOTI

Gli Amabili Libri

Il blog di Francesca Ottobre

recensioni936.wordpress.com/

E' solo un punto di vista

Revolver Boots

Scream for me...

che-blog

Blog italiano di cultura generale

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio.

Parla come viaggi - il blog di Silvia Wanderlust

Viaggi, archeologia e fotografia sono le mie grandi passioni. Voglio condividere con voi foto, itinerari, esperienze di viaggio e la mia vita da futura archeologa.

Gioia per i libri

Segnalazioni - Recensioni - Poesie - Aforismi

4000 Wu Otto

Drink the fuel

Judy e Lyth

parole tra due amiche

Blog Femme & Infos

Anita Blogue

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quindicesimo anno ♥    

Annita Klimt

Mi Nouvelle Vague personal

alle pendici del tifata ed oltre

tradizioni,usi e costumi, meridionalismo e divagazioni

The Daily Think

Laura Quick's book The Quick Guide To Parenting is available to order on Amazon. A perfect gift for parents.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: