Caiazzo-Ochtendung. ‘Memoria e RIconciliazione, Piccola vetrina Letteraria’: sabato l’inaugurazione

L’Associazione “Monte Carmignano per l’Europa” è lieta di annunciare l’apertura

Continua a leggere

Caiazzo-Ochtendung. ‘Memoria e RIconciliazione, Piccola vetrina Letteraria’: sabato l’inaugurazione

L’Associazione “Monte Carmignano per l’Europa” è lieta di annunciare l’apertura

Continua a leggere

Speciale elezioni: il movimento autonomi e P. IVA “Stiamo vicino ai piccoli imprenditori”

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/speciale-elezioni-il-movimento-autonomi-e-p-iva-stiamo-vicino-ai-piccoli-imprenditori.jpg?resize=700%2C394&ssl=1

Oggi cerchiamo di capire cosa sta facendo il movimento autonomi e P. IVA che si presenta anche alla stampa con una  conferenza stampa di presentazione per quello che riguarda il movimento le loro attività, all’Hotel Vanvitelli.

Presenti tra gli altri anche l’ex sindaco di Caserta, Pio del Gaudio il quale ha dichiarato “Voglio ringraziare tutto quello che sta facendo il movimento autonomi e P.Iva per la enorme mole di cose che stanno facendo e ci accingeremo a fare, in una città come Caserta , bisogna guardare alle iniziative poste in essere dai piccoli imprenditori, e contare su un gruppo come questo per me  è  molto molto importante.  Il comune insieme alle istituzioni devono stare vicino alle P.IVA, supportare le loro attività anche nell’interesse della città”.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Anche il presidente del movimento, Eugenio Filograna, ha cercato di sintetizzare quella che sarà l’attività del movimento che concorrerà alla prossima tornata elettorale questa una parte delle sue dichiarazioni “La prossima amministrazione comunale dovrà avere uno sportello per gli autonomi e le partite Iva che continuano a rappresentare il motore dell’economia locale , Nonostante tutto, tanti professionisti, architetti, ingegneri, decidono di lasciare la loro professione per mettersi a fare le pulizie pur di avere un posto fisso. C’è un 20% che rinuncia alla propria attività perché non adeguatamente supportato. Con la pandemia questo fenomeno, purtroppo, è cresciuto pericolosamente”.

Prima della conferenza di presentazione alcuni esponenti tra cui appunto il presidente ed il candidato a sindaco del Gaudio hanno fatto un giro e qualche scatto  fotografico nei della reggia di Caserta

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Speciale elezioni: il movimento autonomi e P. IVA “Stiamo vicino ai piccoli imprenditori”

Scarpetta, Qui rido io

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/scarpetta-qui-rido-io.jpg?resize=210%2C300&ssl=1

Eduardo Scarpetta, uno dei più grandi maestri partenopei della risata che fece scuola in tutto il 

NAPOLI – Il nuovo film di Mario Martone, Qui rido io, sulla vita del grande attore comico e commediografo della Napoli dei primi del ‘900, Eduardo Scarpetta, in concorso alla 78esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, sarà presentato in anteprima nazionale a mercoledì 8 settembre al Cinema Modernissimo in via Cisterna dell’Olio.

Il titolo del film prende il nome dala frase che Scarpetta fece incidere sulla Facciata della sua residenza La santarella, in via Luigia Sanfelice al Vomero. La villa per Scarpetta era un sorta di buen retiro, un luogo dove poteva spogliarsi dei panni artistici e godersi la tranquillità.Nel cast del film, prodotto da Indigo Film con Rai Cinema in coproduzione con TornasolToni Servillo nel ruolo di Eduardo Scarpetta, Maria Nazionale, Cristiana Dellanna, Antonia TruppoEduardo Scarpetta, Roberto De Francesco, Lino Musella, Paolo Pierobon, con Gianfelice Imparato e con Iaia Forte.

Sinossi. Qui rido io, il film di Mario Martone, racconta la figura del celebre attore e commediografo.

Eduardo Scarpetta (1853-1925) è stato una figura chiave del teatro italiano, che ha messo in scena opere diventate presto elementi storici saldi nella cultura nostrana e che l’hanno consacrato come uno dei grandi maestri della risata del Bel Paese.

Una vita dedicata al palcoscenico, che gli ha portato successi, ma anche controversie, memorabile infatti la diatriba con Gabriele D’Annunzio per una versione parodiata del Vate in Il figlio di Iorio. Lo stesso De Filippo, suo figlio, non ha mai parlato di lui in termini di padre, ma ha sempre definito il genitore un grande attore, come se la grandezza attoriale di Scarpetta superasse il legame di familiarità tra i due.

Quando suo fratello Peppino lo ritrasse spietatamente in un libro autobiografico, Eduardo gli levò il saluto per sempre. Venne intervistato poco tempo prima di morire da un amico scrittore: “Ormai siamo vecchi, è il momento di poterne parlare, Scarpetta era un padre severo o un padre cattivo?”  la risposta fu ancora sempre e solo questa: “Era un grande attore”.  

 

Qui rido io è l’immaginario romanzo di Eduardo Scarpetta e della sua tribù.

 

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Scarpetta, Qui rido io

Scempio Casertavecchia : le antiche pietre medievali coperte dal cemento.

https://i1.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/scempio-casertavecchia-le-antiche-pietre-medievali-coperte-dal-cemento.jpg?resize=750%2C430&ssl=1

Caserta. E’ un vero e proprio Scempio quello che alcuni residenti della zona ci hanno segnalato nel pieno centro storico di  Casertavecchia.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Come si può’ coprire di cemento  le antiche pietre medioevali?. Eppure e’ accaduto tutto questo eppure quel palazzo di cemento e’ stato  costruito sulle pietre medioevali nel silenzio assordante di tutti.

Ci hanno anche raccontato che i funzionari della Soprintendenza di Caserta hanno rilasciato tutte le autorizzazioni, dimostrando , così facendo, di essere gente di poco spessore culturale ma anche poco sensibile alla materia.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Scempio Casertavecchia : le antiche pietre medievali coperte dal cemento.

Emergenza sicurezza, il consigliere Golino scrive al sindaco: “Servono rinforzi nella zona movida”

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/emergenza-sicurezza-il-consigliere-golino-scrive-al-sindaco-servono-rinforzi-nella-zona-movida.jpg?resize=654%2C430&ssl=1

MARCIANISE. “Maggiore sicurezza e controllo del territorio”. È il monito del consigliere comunale e coordinatore del movimento Avanti Marcianise, Giuseppe Golino che ha inviato una missiva al sindaco Antonello Velardi per segnalargli “la forte preoccupazione espressa, da qualche giorno, dai cittadini e dai commercianti di Marcianise, a causa di diffusi episodi di microcriminalità che stanno aumentando l’insicurezza, il senso di impotenza ed anche la sfiducia verso le istituzioni”.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

“So per certo che le forze dell’ordine presenti sul territorio non risparmiano alcuna energia al servizio della comunità – ha sottolineato Golino nella missiva – ma c’è un’emergenza nella percezione dei cittadini del senso di sicurezza”. È per questo motivo che il consigliere comunale ha chiesto al primo cittadino di “rinforzare, per quanto possibile, l’organico delle forze dell’ordine in questo momento di forte preoccupazione e una maggiore presenza sul territorio specialmente nelle ore serali e notturne, che può sicuramente alzare il livello di percezione di sicurezza da parte dei cittadini”.

Per ultimo, non perché sia meno importante, facendo seguito all’ordinanza numero 22 del 31 agosto 2021 firmata dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il consigliere comunale Golino ha chiesto di “intensificare la vigilanza e i controlli sul rispetto del divieto di assembramenti, in particolare nelle zone e negli orari della movida di via Marchesiello e di Piazzetta/Parco Padre Pio, dove per quest’ultima le preoccupazioni hanno radici profonde”.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Emergenza sicurezza, il consigliere Golino scrive al sindaco: “Servono rinforzi nella zona movida”

Delusione Italia: Record amaro per gli azzurri

https://i2.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/delusione-italia-record-amaro-per-gli-azzurri.jpg?w=800&ssl=1

di PASQUALE MASTROBUONO

Non va oltre il pareggio l’Italia contro la Bulgaria, alla prima uscita da neo campioni d’Europa.

Al di la del risultato deludente, gli azzurri hanno dominato in lungo e in largo per tutti i novanta minuti, non riuscendo a superare il “muro” bulgaro. Inizia bene la partita per la nazionale italiana quando al sedicesimo minuto Federico Chiesa trova l’angolo giusto alla sinistra del portiere bulgaro portando i vantaggio gli azzurri. Nonostante il vantaggio l’Italia continua ad attaccare cercando il secondo gol e chiudere potenzialmente la partita, ma l’imprecisione dei ragazzi di Mancini, condita dalle parate del portiere bulgaro mantengono la partita in equilibrio.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Al minuto quaranta, sulla prima avanzata offensiva, i bulgari trovano il pareggio con Iliev, bravo ad anticipare Acerbi e battere l’incolpevole Donnarumma.

Il secondo tempo è stato un monologo azzurro, con continui attacchi alla difesa bulgara, brava a stringere i denti per quarantacinque minuti e portare a casa un pareggio che sa di vittoria, mentre alla nazionale non resta che “leccarsi le ferite” e pensare allo scontro importantissimo di domenica contro la Svizzera.

Roberto Mancini, ct azzurro, commenta cosi la partita: “ Ci è mancata precisione in zona gol. Abbiamo attaccato l’area con Chiesa, Insigne, poi Berardi. Sono partite in cui la palla non entra. Loro hanno giocato bene, ci hanno colpito in contropiede.

Poi sul prossimo impegno contro la Svizzera: “ Se avessimo vinto, sarebbe stato logicamente meglio, domenica è chiaramente una partita importante e dovremo vincerla. Saremo più cattivi, sarà una partita totalmente diversa anche da parte della Svizzera: è una squadra che gioca, ma che ti lascia anche giocare, noi dovremo vincere”.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Delusione Italia: Record amaro per gli azzurri

Il PAN ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/il-pan-ospitera-la-mostra-scarabocchio-dellartista-simona-giglio.jpg?w=800&ssl=1

Dal 4 settembre al 16 settembre 2021, il PAN – Palazzo delle Arti di Napoli ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio. L’esposizione è promossa in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo di Napoli.

Lo Scarabocchio nella pittura di Simona Giglio:

<<L’esperienza artistica della napoletana Simona Giglio è una ricerca sull’interazione empatica e psico-grafica tra artista e pubblico. Partendo da svolazzi del pubblico sulla tela, l’artista crea opere in cui anatomie stilizzate e colorate geometrie si contendono uno spazio artistico-emozionale dove l’andamento del tracciato altrui è interpretato in forme d’inclusione emotiva. Lo “scarabocchio” svolto da chi si presta all’esperienza è il segno rivelatore dello stato d’animo e di un più recondito sostrato emozionale, luogo dell’indagine pittorica.

La sfera del sonoro, così come per Kandinskij, esercita sull’artista un’intensa fascinazione ed è parte fondamentale delle sue performance, preludio all’interpretazione empatica. Il dipinto risultante sarà allora un compromesso tra disvelamento e interpretazione, ma è durante l’esecuzione che il gesto artistico si manifesta in una sorprendente lettura dell’altro, rapida e geniale, che consola e rassicura un pubblico in partecipazione emotiva.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

L’azione grafica surrealista è ben presente all’artista ma non segue nella sua declinazione il percorso dell’informale segnico di Wols o Mark Tobey verso un pittoricismo raffinato, né tantomeno si esaurisce nel segno dello scarabocchio-scrittura afasico, caratteristico delle esperienze pittoriche di Gastone Novelli.  L’interesse per il linguaggio individuale e psicomorfo, che già guidava le esperienze astratte di Hans Hartung negli anni Sessanta, si sviluppa in una ricerca emotiva che fa della psicologia dell’inconscio il soggetto dell’opera attraverso un meccanismo al limite con la grafologia.

Il risultato è una combinazione di neuro-estetica ed empatia. Non un’interpretazione della scrittura cosciente nelle forme della psicografia ma un’opera di lettura e di trasposizione per cui dal piano grafico si passa al piano psicologico lasciandosi guidare dall’empatia.>>

In occasione del vernissage del 4 settembre alle ore 18.00 l’artista metterà a disposizione una tela per raccogliere gli scarabocchi dei visitatori che, al termine della mostra, durante il finissage del 16 settembre alle ore 18.00 effettuerà la performance di live painting dello scarabocchio.

La musica sarà a cura di Aleph Trio ( Antonio Cece – Daniele De Santo – Marco Fazzari)

Si rammenta, ai sensi e per gli effetti del DECRETO LEGGE del 23 LUGLIO 2021 N. 105, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 23 luglio 2021 n. 175, che, a partire dal 6 agosto, per accedere al PAN sarà obbligatorio essere forniti di GREEN-PASS.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il PAN ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio

Il PAN ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/il-pan-ospitera-la-mostra-scarabocchio-dellartista-simona-giglio.jpg?w=800&ssl=1

Dal 4 settembre al 16 settembre 2021, il PAN – Palazzo delle Arti di Napoli ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio. L’esposizione è promossa in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo di Napoli.

Lo Scarabocchio nella pittura di Simona Giglio:

<<L’esperienza artistica della napoletana Simona Giglio è una ricerca sull’interazione empatica e psico-grafica tra artista e pubblico. Partendo da svolazzi del pubblico sulla tela, l’artista crea opere in cui anatomie stilizzate e colorate geometrie si contendono uno spazio artistico-emozionale dove l’andamento del tracciato altrui è interpretato in forme d’inclusione emotiva. Lo “scarabocchio” svolto da chi si presta all’esperienza è il segno rivelatore dello stato d’animo e di un più recondito sostrato emozionale, luogo dell’indagine pittorica.

La sfera del sonoro, così come per Kandinskij, esercita sull’artista un’intensa fascinazione ed è parte fondamentale delle sue performance, preludio all’interpretazione empatica. Il dipinto risultante sarà allora un compromesso tra disvelamento e interpretazione, ma è durante l’esecuzione che il gesto artistico si manifesta in una sorprendente lettura dell’altro, rapida e geniale, che consola e rassicura un pubblico in partecipazione emotiva.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

L’azione grafica surrealista è ben presente all’artista ma non segue nella sua declinazione il percorso dell’informale segnico di Wols o Mark Tobey verso un pittoricismo raffinato, né tantomeno si esaurisce nel segno dello scarabocchio-scrittura afasico, caratteristico delle esperienze pittoriche di Gastone Novelli.  L’interesse per il linguaggio individuale e psicomorfo, che già guidava le esperienze astratte di Hans Hartung negli anni Sessanta, si sviluppa in una ricerca emotiva che fa della psicologia dell’inconscio il soggetto dell’opera attraverso un meccanismo al limite con la grafologia.

Il risultato è una combinazione di neuro-estetica ed empatia. Non un’interpretazione della scrittura cosciente nelle forme della psicografia ma un’opera di lettura e di trasposizione per cui dal piano grafico si passa al piano psicologico lasciandosi guidare dall’empatia.>>

In occasione del vernissage del 4 settembre alle ore 18.00 l’artista metterà a disposizione una tela per raccogliere gli scarabocchi dei visitatori che, al termine della mostra, durante il finissage del 16 settembre alle ore 18.00 effettuerà la performance di live painting dello scarabocchio.

La musica sarà a cura di Aleph Trio ( Antonio Cece – Daniele De Santo – Marco Fazzari)

Si rammenta, ai sensi e per gli effetti del DECRETO LEGGE del 23 LUGLIO 2021 N. 105, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 23 luglio 2021 n. 175, che, a partire dal 6 agosto, per accedere al PAN sarà obbligatorio essere forniti di GREEN-PASS.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il PAN ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio

Il PAN ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio

https://i0.wp.com/www.belvederenews.net/wp-content/uploads/2020/08/ITIS-Liceo-Scientifico-Giordani-Caserta.jpg?w=800&ssl=1

Dal 4 settembre al 16 settembre 2021, il PAN – Palazzo delle Arti di Napoli ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio. L’esposizione è promossa in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo di Napoli.

Lo Scarabocchio nella pittura di Simona Giglio:

<<L’esperienza artistica della napoletana Simona Giglio è una ricerca sull’interazione empatica e psico-grafica tra artista e pubblico. Partendo da svolazzi del pubblico sulla tela, l’artista crea opere in cui anatomie stilizzate e colorate geometrie si contendono uno spazio artistico-emozionale dove l’andamento del tracciato altrui è interpretato in forme d’inclusione emotiva. Lo “scarabocchio” svolto da chi si presta all’esperienza è il segno rivelatore dello stato d’animo e di un più recondito sostrato emozionale, luogo dell’indagine pittorica.

La sfera del sonoro, così come per Kandinskij, esercita sull’artista un’intensa fascinazione ed è parte fondamentale delle sue performance, preludio all’interpretazione empatica. Il dipinto risultante sarà allora un compromesso tra disvelamento e interpretazione, ma è durante l’esecuzione che il gesto artistico si manifesta in una sorprendente lettura dell’altro, rapida e geniale, che consola e rassicura un pubblico in partecipazione emotiva.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

L’azione grafica surrealista è ben presente all’artista ma non segue nella sua declinazione il percorso dell’informale segnico di Wols o Mark Tobey verso un pittoricismo raffinato, né tantomeno si esaurisce nel segno dello scarabocchio-scrittura afasico, caratteristico delle esperienze pittoriche di Gastone Novelli.  L’interesse per il linguaggio individuale e psicomorfo, che già guidava le esperienze astratte di Hans Hartung negli anni Sessanta, si sviluppa in una ricerca emotiva che fa della psicologia dell’inconscio il soggetto dell’opera attraverso un meccanismo al limite con la grafologia.

Il risultato è una combinazione di neuro-estetica ed empatia. Non un’interpretazione della scrittura cosciente nelle forme della psicografia ma un’opera di lettura e di trasposizione per cui dal piano grafico si passa al piano psicologico lasciandosi guidare dall’empatia.>>

In occasione del vernissage del 4 settembre alle ore 18.00 l’artista metterà a disposizione una tela per raccogliere gli scarabocchi dei visitatori che, al termine della mostra, durante il finissage del 16 settembre alle ore 18.00 effettuerà la performance di live painting dello scarabocchio.

La musica sarà a cura di Aleph Trio ( Antonio Cece – Daniele De Santo – Marco Fazzari)

Si rammenta, ai sensi e per gli effetti del DECRETO LEGGE del 23 LUGLIO 2021 N. 105, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 23 luglio 2021 n. 175, che, a partire dal 6 agosto, per accedere al PAN sarà obbligatorio essere forniti di GREEN-PASS.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il PAN ospiterà la mostra “SCARABOCCHIO” dell’artista Simona Giglio

Sparanise. Grande (Ugl): “Progetti chiari, si investa su lavoro e bonifiche

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2021/09/sparanise-grande-ugl-progetti-chiari-si-investa-su-lavoro-e-bonifiche.jpg?resize=577%2C430&ssl=1

Sparanise-La gente di Sparanise ha bisogno di lavoro e chiede bonifiche, le discussioni relative alla riqualificazioni delle villette ed alla movida sul corso sono stucchevoli e infruttuose”. Comincia così la lunga dichiarazione rilasciata questa mattina agli organi di stampa da Marianna Grande la responsabile zonale del sindacato Ugl. “In vista delle imminenti consultazioni comunali, nei prossimi giorni si parlerà con insistenza del futuro del nostro comune e dei progetti che dovranno proiettare la nostra cittadina negli anni trenta” ha continuato la sindacalista “è opportuno fare chiarezza. E’ tempo di accantonare le discussioni sterili e comprendere invece qual’è la visione di coloro che si candidano a compiere scelte. Vorranno assecondare la vocazione agricola del territorio o facilitare gli insediamenti industriali ? Il programmato sviluppo dovrà avvicinarci a Capua, renderci protagonisti nell”Agro Caleno o guarderemo al Litorale Domizio? Gli eventuali insediamenti industriali saranno inquinanti o a impatto zero e la cittadinanza sarà coinvolta nelle decisioni ? Con quali competenze e con quali fondi saranno gestiti gli eventuali progetti ?”

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Sparanise. Grande (Ugl): “Progetti chiari, si investa su lavoro e bonifiche