Mondragone. ‘Beccato’ mentre spacciava droga a un tossicodipendente e arrestato 40enne


I carabinieri della Sezione Operativa del Reparto Territoriale Continua a leggere

LA JUVENTUS IMPATTA A VERONA, 1-1 IL RISULTATO FINALE

Verona – La Juventus va ad impattare a Verona, il risultato finale sarà uno ad uno ma andiamo con ordine rispetto a quanto è successo a Verona, allo Stadio Bentegodi: dopo appena due minuti pronti via spondi di Ronaldo per l’inserimento di Ramsey ma il cui tiro, finisce sull’esterno della rete.

Al minuto 7′ arriva un cross dalla destra del Verona, arriva di testa Faraoni: parata di Szczesny che devia il pallone sul palo e dunque nulla di fatto. Juventus che prova a spingere, minuto 14′  ci prova Chiesa in area punta Dimarco apparentemente pensando al cross poi all’improvviso tira verso la porta, Silvestri respinge affannosamente.

Minuto n . 25, Cristiano Ronaldo prova a mettersi in proprio e cerca il tiro da fuori: conclusione larga sulla sinistra. minuto n. 39, palla persa di Demiral, ruba Barak e lancia in campo aperto Lasagna: copre bene De Ligt fino all’arrivo di Szczesny su cui arriva come un treno in corsa Lasagna con un intervento falloso. Si chiude così la prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO

Minuto 50′ della ripresa, Aaron Ramsey pesca in area Federico Chiesa sulla sinistra, che punta l’avversario poi cambia gioco passando sulla destra per l’accorrente Cristiano Ronaldo, che infila di destro il 19° gol in questa Serie A, il 26° stagionale.

Al minuto n. 58′ triangolazione interessante della Juve sventata da un’ottima chiusura di Sturaro per non permettere a Chiesa di arrivare al tiro. Il verona tenta la reazione, al 64′ Szczesny in uscita ferma un’iniziativa di Zaccagni che aveva provato a saltare in un colpo solo Bentancur e Demiral. 72′ Szczesny anticipa Faraoni in uscita su un cross pericoloso di Miguel Veloso. 77′ GOL! HELLAS VERONA-Juventus 1-1! PAREGGIO DUNQUE PER I GIALLOBLU’,  Antonin Barak sovrasta Alex Sandro e di testa incorna perfettamente un cross di Lazovic. Sesto gol in campionato per il numero 7 gialloblu.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

L’Hellas Verona potrebbe addirittura vincere il match e abbattere la Juventus, al minuto 85′ TRAVERSA DI LAZOVIC, tiro molto potente dell’ex Genoa che viene deviato da Szczesny sulla traversa che respinge la sfera che poi termina out con successivo corner per i padroni di casa che non avrà alcun esito.

Tabellino match

VERONA-JUVENTUS 1-1

49′ Cristiano Ronaldo (J), 77′ Barak (V)

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Magnani, Gunter, Lovato; Faraoni (84′ Dawidowicz), Sturaro (67′ Ronaldo Vieira), Ilic (46′ Veloso), Dimarco (52′ Lazovic); Barak, Zaccagni (84′ Bessa); Lasagna. All. Juric

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Demiral, De Ligt, Alex Sandro; Chiesa (86′ Di Pardo), Bentancur, Rabiot, Ramsey (68′ McKennie), Bernardeschi; Kulusevski, Cristiano Ronaldo. All. Pirlo

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

LA JUVENTUS IMPATTA A VERONA, 1-1 IL RISULTATO FINALE

NAPOLI, ELEZIONI A SINDACO, SCENDE IN CAMPO IL PRESIDENTE DELLE GUARDIE GIURATE

Ai compagni di partito, di battaglie e di vita, agli amici di sempre, a tutti coloro con cui ho avuto il piacere e l’onore di condividere tratti di strada,
a tutti coloro che sognano una Napoli più bella, a tutti i “costruttori di futuro” che spero d’incontrare nel mio cammino.

Qualche Giorno fa sono stato invitato a una convention politica ,composta da liste civiche di Movimenti d’Iniziativa Politica, composto da associazioni della società civile, durante la quale ho assistito alla presentazione di un ben articolato Programma Elettorale, all’inquadramento “etico” e alla descrizione del percorso partecipativo che anima tale processo.

A conclusione di tale interessantissima presentazione mi è stato richiesto esplicitamente da alcuni esponenti di associazioni rappresentative di diverse categorie di partecipare come “candidato, di un’area ampia ed aperta”, ad una vera e propria “Primarie” per la scelta del Candidato Sindaco della Città di Napoli
Tale richiesta mi responsabilizza e credo rappresenti il riconoscimento delle energie spese, degli sforzi profusi, del lavoro coerente compiuto come sindacalista a livello nazionale e divulgatore siciale ma soprattutto come cittadino impegnato quotidianamente, in questi anni difficili, in una Napoli abbandonata a se stessa.

Ringrazio le associazioni che hanno pensato a me , gli esperti ed i professionisti che hanno partecipato alla stesura di un Programma tanto articolato quanto impegnativo. Mi rendo conto che tale fiducia è legata al senso di responsabilità dell’impegno che ci si assume: rappresentare le istanze, la profondità e l’ampiezza del programma.

Costruire una Napoli più Partecipativa, più Produttiva e Cooperativa, con più Servizi per i Cittadini, richiederà molto più lavoro, più tenacia e sicuramente più anni di quelli che sono stati necessari a degradarla e svilirla.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Richiederà le forze non di un Sindaco ma di un’intera Squadra, di un’intera città. Con l’umiltà di chi ha sempre inteso la politica con spirito di “servizio alla città” e non viceversa, mi sono rivolto a tutti coloro con cui ho realmente condiviso le battagl ie ed il percorso che mi hanno portato fino qui. Non posso che ringraziare per le lettere, i comunicati stampa, le telefonate, i telegrammi, i messaggi di apprezzamento ricevuti. E non posso che condividere l’idea di tutti coloro che vedono in questa candidatura, a cominciare dai miei compagni di partito, l’occasione per l’ampliamento della democrazia e della partecipazione.

Si apre una nuova stagione dove oltre ai singoli vincono le idee e gli sforzi condivisi di un insieme, di un’intera città. Credo che tale percorso debba cominciare con un confronto serrato sul Programma, ora e non dopo le elezioni, con le Associazioni, le Categorie, la Confcommercio, la Confindustria, il mondo dell’impresa, dell’artigianato della Cooperazione, della Cultura, dei Servizi, con quell’insieme di professionisti ed imprenditori che intendono partecipare alla rinascita di Napoli, con quelle intelligenze che sperano di poter tornare e portare la loro creatività e nuova esperienza per la ricostruzione della Città.

Troppo tempo abbiamo sprecato, troppi talenti abbiamo perso in questi anni, troppa sofferenza si è generata tra le potenzialità della nostra Città e il degrado in cui è stata ridotta.

Sono realmente convinto che oggi più che mai abbiamo bisogno della forza dei giovani, della saggezza degli anziani, della sensibilità delle donne, della visione degli imprenditori, della precisione dei professionisti ma soprattutto dell’azione concreta dei Costruttori di futuro. Napoli sarà domani quello che noi faremo, insieme, oggi.

Nella riserva di accettare pertanto la candidatura alla “primarie” proposta dalla società civile, impegnata nella costruzione di una lista d’area e progressista che sia la più ampia e partecipata possibile, mi metto a disposizione di tutte le forze politiche e dei cittadini e delle cittadine che si riconoscono in questo percorso.

Sento infatti di dover essere il candidato Sindaco di tutti i Napoletani che realmente credono e vogliono il cambiamento e che stanno dentro tutti i partiti, le organizzazioni politiche, sociali, culturali e datoriali e che mi impegno ad incontrare a partire da oggi stesso.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

NAPOLI, ELEZIONI A SINDACO, SCENDE IN CAMPO IL PRESIDENTE DELLE GUARDIE GIURATE

Sfiorata tragedia sul cantiere della Napoli – Bari

Valle di Maddaloni. Poteva scapparci il morto o anche più di uno sul cantiere di RFI per la realizzazione della linea veloce Napoli- Bari situato all’altezza di Valle di Maddaloni. Stamattina alle 6, infatti, gli operai della ditta EUROPEA 92, subappaltatrice dei lavori, durante lo scavo della galleria, hanno, per loro fortuna, solo assistito al crollo del fronte della galleria stessa, che è letteralmente franato davanti ai loro occhi terrorizzati. Gli operai che erano di turno in quel momento, parliamo di 5/6 persone, si erano spostati da quel punto  solo qualche minuto prima per prendere materiali ed attrezzi. Si trovavano poco distanti quando, iniziando a sentire rumori sospetti, non si sono avvicinati per capire cosa stesse avvenendo. poco dopo il crollo, con tanto di voragine anche sulla strada e dinanzi ad un’abitazione poco distante dal cantiere. Solo una coincidenza temporale ha evitato vittime sul lavoro.

Questo episodio fa riflettere, in generale, sulla sicurezza dei cantieri e le condizioni di lavoro in cui si opera; cantieri sucui si lavora a ciclo continuo da mesi, con turni estenuanti che coprono le 24 h ore giornaliere. Per cui la domanda sorge spontanea: è stata la fortuna, il destino ad assistere questi operai? Ci sono delle responsabilità che andrebbero considerate e forse anche qualche negligenza? O meglio sono in atto tutte le precauzioni per fare in modo che alcuni pericoli si potrebbero prevedere?

Per questa volta, fortunatamente, solo tanta paura, e un sospiro di sollievo. A questo va aggiunta la preoccupazione dei residenti che hanno questo cantiere praticamente in casa.
Si torna a scavare, cercando di arrivare quanto prima a quella famosa luce alla fine del tunnel, non solo fisicamente.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Sfiorata tragedia sul cantiere della Napoli – Bari

AMARCORD F1 MASSA CAMPIONE DEL MONDO PER UN MINUTO SCARSO AD INTERLAGOS 2008

AMARCORD F1 – Ogni tanto si abbandonano le ‘cronache covid’ prendendo a riferimento un Gran Premio un po’ particolare,  il Gran Premio del Brasile che si corre sulla pista di Interlagos, nell’anno 2008 vede tra i contendenti due piloti Felipe Massa, idolo indiscusso di casa che corre sulla Ferrari e Lewis  Hamilton sulla Mercedes.

Sarà un gran premio con alcuni colpi di scena ma cerchiamo di andare con ordine:  Il Gran Premio del Brasile 2008 si è svolto il 2 novembre sul circuito di Interlagos a San Paolo in Brasile, ed è stato l’ultimo Gran Premio della stagione di Formula Uno dell’annata 2008. La vittoria finale  è andata al brasiliano Felipe Massa su Ferrari , davanti allo spagnolo Fernando Alonso sulla Renault e al compagno di squadra sempre in rosso ossia Kimi Raikkonen ultimo ferrarista ad aggiundicarsi l’iride a Maranello, ma la vittoria del mondiale è andata al pilota inglese della Mclaren Mercedes Lewis Hamilton, divenuto così il più giovane campione del mondo della storia della Formula UNO. Questa è stata anche l’ultima gara in Formula 1 perper il pilota scozzese David Coulthard (che per l’occasione corre con una vettura completamente diversa da quella usuale, ossia con una livrea bianca a supportare la fondazione Wings for life) e, tra i team, per la Honda.

La gara che si corre sotto una pista anche bagnata però riserverà parecchie sorprese.

Si assegnano a Interlagos  i titoli mondiali costruttori e piloti. La Ferrari è nettamente favorita per il primo, anche in virtù delle ottime qualifiche; Hamilton appare in vantaggio nel campionato piloti, malgrado un Q3 non proprio esaltante. Per la gara inoltre la possibilità di pioggia è secondo i meteorologi del 91%, quindi regna l’incertezza totale. A tre minuti dall’inizio del giro di ricognizione le previsioni si rivelano esatte e si scatena un violento nubifragio che allaga momentaneamente la pista e costringe i commissari di gara a posticipare la partenza di 10 minuti. Rapida com’era arrivata, la pioggia cessa ma tutti i team scelgono di partire con le gomme intermedie; la partenza inoltre sarà regolare (e non dietro la safety-car, come qualcuno si aspettava).

Al via Massa, Trulli e Räikkönen tengono saldamente le proprie posizioni; Hamilton mantiene la quarta posizione, grazie a Kovalainen che agevola il passaggio del compagno alla prima curva. Il finlandese è tuttavia troppo remissivo e, tra la Reta Oposta e la Descida do Lago, viene infilato da Vettel e Alonso. Alla prima curva Rosberg colpisce Coulthard, che chiude così la carriera nel peggiore dei modi. Anche Piquet è fermo ed entra così in pista la safety-car che vi rimane fino al quarto giro. Massa tenta subito la fuga e sul circuito di casa impone alla gara un ritmo elevatissimo; Räikkönen prova per due volte ad attaccare Trulli senza riuscire a superarlo. Nel frattempo la pista si asciuga e Giancarlo Fisichella gioca per primo la carta delle gomme da asciutto; quando gli intermedi del romano iniziano ad apparire competitivi, Vettel e Alonso si fermano al nono giro, seguiti da Massa un giro dopo. Hamilton si ferma al giro 11, insieme a Trulli e Räikkönen, scivolando in settima posizione, alle spalle di Fisichella e appunto dell’abruzzese.

Al giro seguente Trulli sbaglia alla prima curva perdendo tre posizioni. Al 13º giro Massa è quindi in testa, seguito da Vettel, Alonso, Räikkönen, Fisichella ed Hamilton. Mentre i primi tre allungano, Hamilton non rischia e comincia a prendere le misure a Fisichella per poi passarlo alla prima curva del 18esimo giro; anche Glock passa la Force India e rimane nella scia dell’inglese mentre la manovra non riesce a Bourdais. Il francese subisce invece il ritorno di Trulli che lo costringe nell’erba alla S di Senna, facendogli perdere cinque posizioni. Massa segna giri veloci in serie ma Vettel non lo molla, mantenendo il distacco nell’ordine del secondo. La ragione è che alla Toro Rosso non hanno fatto rifornimento nella prima sosta, forse per un problema alla pompa della benzina; Vettel rientra così al giro 27, scendendo in sesta piazza davanti a Kovalainen che nel frattempo supera Trulli e Fisichella.

A metà gara, senza che ci sia attesa di ulteriore pioggia, la situazione sembra consolidata con Massa che ha 4” su Alonso, 14” su Räikkönen e una ventina sulla coppia formata da Hamilton, comodamente in posizione da titolo, e Glock. Al trentaseiesimo giro il tedesco effettua una lunga sosta, per andare fino in fondo, e scivola in quattordicesima posizione. Al 38º giro si ferma Massa per la seconda sosta e rientra quarto. Al 40º giro secondo stop per Alonso ed Hamilton. Alla 43a tornata si ferma Räikkönen e Vettel torna momentaneamente secondo. L’ordine è Massa, Vettel, Alonso, Räikkönen, Hamilton, Webber e Kovalainen. L’inglese è tranquillo: Webber infatti deve ancora fermarsi.

Al 50º giro terza sosta per Vettel, che rientra proprio dietro Hamilton: adesso l’inglese è quarto e virtualmente campione del mondo. Al 60º giro, mentre Räikkönen è nella scia di Alonso, Vettel ha ormai ripreso Hamilton e il cielo sopra Interlagos è tornato a minacciare pioggia. L’inglese può comunque permettersi di perdere una posizione e con venti secondi sul primo vero rivale, Glock, settimo alle spalle di Kovalainen, appare ancora al sicuro. Al 65º giro la pioggia diventa più intensa e al giro successivo Alonso, Räikkönen, Hamilton e Vettel si fermano ai box per cambiare le gomme. Un giro dopo si ferma anche Massa, che ha un bel margine da gestire. La pista resta tuttavia asciutta e chi ha ancora gomme da asciutto, come Glock, ora quarto, riesce a fare tempi competitivi. Ora Hamilton è sotto assedio da parte di Vettel, non potendosi permettere di essere scavalcato. Nel corso del sessantanovesimo giro, alla curva Juncao, l’inglese arriva leggermente lungo e il tedesco si infila. Ora è vero psicodramma, con Hamilton che sembra in condizione di perdere un altro titolo, dopo la beffa di dodici mesi prima. Il destino ha tuttavia in serbo il più incredibile dei finali, in cui la beffa sarà per Massa ed i tifosi brasiliani e ferraristi.

Nei due giri rimanenti Hamilton prova a riagguantare il quinto posto di cui ha bisogno per laurearsi campione ma Vettel controlla senza troppi affanni. Glock inizia l’ultimo giro con 15” su Hamilton, ma la pioggia è più intensa e la pista bagnata. Così mentre Felipe Massa taglia il traguardo al primo posto come campione del mondo virtuale nel tripudio del pubblico brasiliano, di nuovo alla Juncao, l’inglese sorpassa Glock, lentissimo a causa delle gomme da asciutto. Tale fu il disappunto della tifoseria ferrarista che molti di essi accusarono per molto tempo il tedesco di aver favorito l’inglese, ma il confronto oggettivo dei suoi tempi sul giro con quelli fatti segnare da altri piloti con gomme da asciutto nelle sue stesse condizioni (ad esempio Jarno Trulli) dimostrano che il tedesco non aveva ridotto il suo ritmo di gara in quel frangente.

Hamilton diventa il più giovane campione del mondo della storia della Formula 1. Per i ferraristi e per Massa è una vera e propria beffa: una gara splendida, disputata senza risparmiarsi, dando tutto per inseguire quello che sembrava un sogno diventato realtà, prima delle ultime curve. Al brasiliano, alla miglior stagione della carriera, resta il rammarico per i punti lasciati per strada a causa di mancanza di affidabilità ed errori (sia della squadra che del pilota). La Scuderia di Maranello si “consola” col titolo costruttori, vinto di misura sui rivali della McLaren, e col secondo e terzo posto finali in classifica rispettivamente di Massa e Räikkönen. Circa un mese dopo Lewis Hamilton verrà premiato come miglior pilota e la McLaren come migliore macchina del 2008.

Felipe Massa proprio nel Gran Premio di casa diviene e detiene un record particolare sarà campione del mondo per un minuto scarso, 38 secondi appena, un grido dalla sua macchina rossa sotto il traguardo una festa iniziata con un urlo strozzato in gola ed un podio commovente che vede il brasiliano in lacrime che dopo la pole ottiene la vittoria della gara però inutile ai fini del mondiale di F1, in qunato Lewis Hamilton all’ultima curva nel sorpasso a Glock, riuscirà ad ottenere il piazzamento decisivo per portare a casa il suo primo titolo iridato, è sarà il primo di una lunga serie per il ‘cannibale’ della F1 moderna sulla Freccia nera Mercedes.

Campione del mondo per 38 secondi e 907 millesimi. Un tempo labile, uno stato di grazia effimera. Quel che passa dal successo di Felipe Massa nell’ultimo GP all’arrivo sul traguardo della quinta monoposto. Dalla fragile grandezza del pilota brasiliano ai segni fenomenici di Lewis Hamilton, che il 2 novembre 2008 diventa il più giovane campione del mondo di Formula 1.

Felipe sente il tripudio dietro l’ultima curva del circuito di casa sua, Interlagos, Gran Premio del Brasile. Oltre la bandiera a scacchi c’è una torcida sfrenata di cuori paulisti, tifosi Ferrari, bandiere verde oro di casa. Massa taglia il traguardo e alza il dito al cielo per dire “Ce l’ho fatta“. L’ha fatto per Ayrton, l’ha fatto alla Senna: pole position, giro veloce, vittoria del gran premio. L’ha fatto perché i brasiliani credono nei miracoli, sanno attendere e pregare.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Pole position, giro veloce, Gran Premio. Un capolavoro firmato Felipe Massa, che taglia il traguardo di Interlagos e lascia che la sua Ferrari carezzi la S do Senna tra pensieri dolci e meravigliosi. Gli spalti del circuito sono una bolgia che copre la voce alla radio del suo ingegnere Rob Smedley, occhi duri e basette mod che vengono dal North York: “Calm down, calm down, I need to check Hamilton“. Massa, nato a qualche isolato dal circuito di Interlagos, ha appena vinto il Gran Premio di casa come Emerson Fittipaldi e Carlos Pace. Come Ayrton con le mani leggere sul volante, tra le curve che ora portano il nome di Senna, Felipe non può ancora urlare sotto il casco. È sospeso in una bolla sottile. Dimmi che sono il campione“, urla via radio, sono le parole che il secondo pilota non avrebbe mai sognato di dire. “Aspetta, non è finita. Hamilton sta prendendo Glock… OK, ha passato Glock“. Occhi vitrei, parole meste che freddano Felipe dal box Ferrari. Sono passati 39 secondi di grandezza eterna e ci sono centomila cuori brasiliani da ringraziare, in uno stato di gioia impossibile, dal gradino più alto di Interlagos. Lassù senza Hamilton, che è giunto quinto ed è il nuovo campione del mondo.

risultati INTERLAGOS BRASILE 2008

Classifiche Mondiali DEFINITIVE

PILOTI

LA  CLASSIFICA COSTRUTTORI ANNO 2008

QUALCHE  SHOOT DELLA GARA

il sorpasso decisivo di Hamilton all’ultima curva

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

AMARCORD F1 MASSA CAMPIONE DEL MONDO PER UN MINUTO SCARSO AD INTERLAGOS 2008

Salernitana vincere per impaurire Monza ed Empoli

Servirà  una grande Salernitana per cercare di battere la Reggiana e prendersi tre punti molto importanti per cercare di restare attaccata al treno che porta in serie a. I campani non arrivano proprio bene a questa sfida, visto lo score delle ultime gare.
Infatti i campani  hanno vinto soltanto una volta nelle ultime cinque gare, raccogliendo ben 4 pareggi. Ben diverso invece il morale in Casa Reggiana, con la squadra ospite capace di vincere tre partite sulle ultime 5 giocate.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Salernitana vincere per impaurire Monza ed Empoli

Aggiornamenti sull’elicottero precipitato. C’è un morto

Caserta 27 Febbraio 2021- Comunicato dei VVF
Questa sera verso le ore 19:30 due squadre dei Vigili del Fuoco di Caserta, una proveniente dal Comando provinciale ed una proveniente dal distaccamento di Teano, dopo un articolato lavoro di geo localizzazione della posizione da parte degli operatori della sala operativa del comando, sono intervenute sul monte Maggiore, tra i comuni di Pontelatone e Formicola, in seguito ad una chiamata di emergenza da parte del pilota di un elicottero privato che sorvolava la zona. Una volta giunti sul posto, grazie anche al supporto di un carro fari e del Carro Speleo Alpino Fluviale provenienti dalla sede Centrale, i Vigili del Fuoco hanno trovato i rottami di un elicottero precipitato in una zona impervia all’interno del quale vi erano ancora i passeggeri incastrati. Immediatamente venivano soccorse le persone coinvolte, un uomo ed una donna, liberandole ed assicurandole alle cure dei medici presenti sul posto. Purtroppo, per la donna, i medici non potevano fare altro che constatarne il decesso. Le operazioni di soccorso sono ancora in atto per la rimozione e la messa in sicurezza della zona.

Leggi anche :

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Ultim’ora. Caduto un elicottero poco distante da Caserta

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aggiornamenti sull’elicottero precipitato. C’è un morto

I convocati per il derby contro la Turris

Sono 22 i convocati per la gara di domani della Casertana contro la Turris, si rivede tra i convocati Castaldo, assente da un po’ di gare.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Rientra anche  Ciriello, assente anche lui da tempo. Non ci sarà ovviamente Konate infortunatosi nel derby, per lui la stagione è finita, medesima vicenda per Izzillo

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/02/27/i-convocati-per-il-derby-contro-la-turris/

Il Napoli cerca punti importanti per la corsa Champions

Dimenticare la delusione europea di giovedì scorso e subito ripartire da domani pomeriggio nel derby contro il Benevento. Questo deve cercare di fare domani il Napoli, una gara complicata contro l’ostico Benevento. Gattuso non dovrebbe rischiare Mertens e si affiderà quindi in avanti ad Insigne e Politano. Per il Benevento torna Caldirola,titolare vista l’assenza per squalifica di Glik

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il Napoli cerca punti importanti per la corsa Champions

Napoli, Aggredito il consigliere regionale Borrelli

Il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, è stato aggredito al suo arrivo presso l’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli, dove era atteso per un flash mob in ricordo di Irina, l’ucraina vittima di femminicidio deceduta nel nosocomio partenopeo mentre lo stesso era in balìa della devastazione da parte di amici e parenti di Ugo Russo.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

L’aggressore, dopo aver provato a colpire Borrelli, è stato identificato dalle forze dell’ordine presenti sul posto.
“Non mi lascerò intimidire dai delinquenti -ha dichiarato Borrelli – e sono giunto qui per ricordare Irina, l’unica vera vittima di quella drammatica notte di un anno fa che non ha ancora avuto giustizia. Per questo stamattina ci siamo ritrovati insieme alla madre accanto alla panchina rossa in suo ricordo per chiedere di conoscere la verità. La madre e i tre figli di Irina lo stanno facendo in modo composto, soffrendo in silenzio e aspettando. Trovo inconcepibile che una vittima di femminicidio come la giovane 39enne ucraina con regolare permesso di soggiorno sia dimenticata mentre ai criminali vengono tributati altarini commemorativi e murales. Verità e giustizia devono essere chieste anche per le persone oneste e per le vittime innocenti non solo per i criminali. Basta con l’esaltazione dei camorristi. Dobbiamo sopportare addirittura che in un’edicola votiva dedicata a San Gennaro sia tolta l’immagine del nostro Patrono per mettere quella di un altro baby rapinatore, Luigi Caiafa. Sono sconcertato dalla discesa in campo di colletti bianchi e politici a difesa di chi delinque e non delle vittime innocenti come Irina e delle forze dell’ordine. Noi facciamo una scelta di campo e decidiamo di stare dalla parte della Napoli onesta, dei Carabinieri e soprattutto delle vittime del crimine”.
“Napoli onesta non si piega alla camorra – ha proseguito Borrelli che ha portato solidarietà e sostegno ai Carabinieri presso la caserma “Pastrengo” scortato da alcuni cittadini indignati per l’aggressione subita all’esterno del ‘Vecchio Pellegrini’ e rappresentanti istituzionali tra cui i consiglieri Benedetta Sciannimanica della I Municipalità, Luigi Carbone della II municipalità, Rino Nasti della V Municipalità, Laura Carcavallo della X Municipalità, all’assessore di Somma Vesuviana Salvatore Esposito e a Fiorella Zabatta componente dell’Esecutivo nazionale dei Verdi, Enzo Vasquez dei circoli napoletani di Europa Verde – e mai ci piegheremo alla cultura che omaggia i criminali. E’ un sistema culturale che condanniamo senza tentennamenti di sorta. Noi preferiamo fare appelli a sostegno di medici e infermieri che vengono aggrediti nei pronto soccorso come è avvenuto ad opera di amici e parenti di Ugo Russo che l’hanno anche devastato, degli agenti delle forze dell’ordine che rischiano la vita per difenderci. Avrei voluto ascoltare dai politici pro rapinatori una parola anche per tutte queste persone meravigliose”.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Napoli, Aggredito il consigliere regionale Borrelli

Ultim’ora. Caduto un elicottero poco distante da Caserta

Bellona. La notizia è di pochi minuti fa. Un elicottero sarebbe caduto, per cause ancora ignote, nei pressi del Monte Maggiore, tra Bellona e Pontelatone. Non si hanno ancora notizie precise sull’accaduto. I vigili del Fuoco di Caserta si stanno recando sul luogo dell’incidente. Seguiranno aggiornamenti.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Ultim’ora. Caduto un elicottero poco distante da Caserta