Il sindaco di San Felice a Cancello ritira le dimissioni

A poco più di un mese da quello che è stata la presentazione delle dimissioni da parte del sindaco di San Felice  a Cancello ossia il primo cittadino, Giovanni Ferrara il dietro front dello stesso.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Il Comune di San Felice a Cancello, a quanto sembra era anche a rischio commissariamento, pertanto il passo indietro per quel che concerne le dimissioni potrebbe essere stato dovuto anche a tale eventualità.

Giovanni Ferrara a seguito di alcuni incontri con alcuni esponenti della maggioranza nei giorni scorsi. L’emergenza covid per quel che concerne i provvedimenti sono stati presi dal vicensindaco, Orlando Savino il quale ha cercato di fronteggiare l’emergenza covid adottando  i vari provvedimenti che si rendevano necessari per cercare di ridurre i vari contagi per quel che possibile cercando di limitarne la circolazione.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il sindaco di San Felice a Cancello ritira le dimissioni

Nasce una nuova associazione, Cesa in Movimento

Cesa – Sta per nascere a Cesa, in provincia di Caserta una nuova associazione, Cesa in movimento che dovrebbe convogliare e/o inglobare parte dei membri del cinque stelle a Cesa. Dalle ultime informazioni pervenuteci dovrebbe dunque nascere quest’associazione senza fini di lucro, avendone come sede principale quella sita sempre nella piccola cittadina ossia, via Marconi  n. 20.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Per quel che concerne la nomina dei membri del direttivo, è ancora in divenire la situazione per quel che concerne le varie cariche all’interno di essa. Tra gli altri fini dell’associazione, la promozione ed il coinvolgimento nonché la partecipazione attiva dei cittadini alla vita socio-culturale del paese sempre in ossequio ai valori della democrazia libertà, trasparenza, solidarietà ed uguaglianza, come da previsione normativa statutaria. Sarebbe stata effettuata anche una raccolta fondi a seguito dell’ultima riunione fatta all’interno della sede del Movimento cinque Stelle di Cesa, al fine di cercare di organizzare le prime attività,  per quel concerne la divulgazione e non solo purtroppo la pandemia covid non consente di organizzare dei gazebi informativi, almeno a breve pertanto nei prossimi giorni e nelle prossime settimane potrebbero esserci delle novità in merito a quella che è l’organizzazione di questa neo-nata associazione. Potrebbe nascere anche un giornale cartaceo a supporto delle attività ma il tutto è ancora in fase iniziale/embrionale.

Belvedere News vi terrà aggiornati sugli sviluppi

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Nasce una nuova associazione, Cesa in Movimento

La Turris cambia allenatore prima di affrontare la Casertana

La Turris,guidata da Francesco Fabiano, fino alla sconfitta contro la Paganese ha deciso di cambiare il proprio allenatore e di affidare la guida tecnica a Bruno Caneo. Il prossimo avversario della Turris sarà proprio la Casertana, la sfida verrà giocata sabato pomeriggio

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

La Turris cambia allenatore prima di affrontare la Casertana

Scuola Universitaria per Mediatori Linguistici (SSML) “Villaggio dei Ragazzi”. Annuncio del Virtual Open Day

Scuola Universitaria per Mediatori Linguistici (SSML) “Villaggio dei Ragazzi”. Annuncio del Virtual Open Day – BelvedereNews

  • Home
  • News
  • Scuola Universitaria per Mediatori Linguistici (SSML) “Villaggio dei Ragazzi”. Annuncio del Virtual Open Day

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Scuola Universitaria per Mediatori Linguistici (SSML) “Villaggio dei Ragazzi”. Annuncio del Virtual Open Day

SPORT ITALIANO IN LUTTO, MUORE FAUSTO GRESINI

E’ deceduto in Ospedale Fausto Gresini, ex pilota di Motociclismo e team manager dopo il suo ritiro, dalle corse di moto una vita spesa per le moto, ha guidato e trionfato assieme ad un altro grande pilota che ha portato in alto i colori dell’Italia quel Marco Simoncelli che correva sulla sua moto Aprilia tutta italiana e con lo sponsor sempre a tinte tricolori, le patatine San Carlo, una moto che ha fatto appassionare e sognare i motocilisti e non solo facendo avvicinare al mondo delle due ruote appassionati di tutte le nazionalità. Gresini aveva anche un rapporto speciale, con il SIC  (Simoncelli), ora magari da lassù tornerà a dare ordini dal muretto box proprio al suo ex pupillo che ha avuto una tragica scomparsa in Malesia tanto tempo fa, cercando magari di aiutarlo a spingere più forte.

Il team manager dalla cui moto prendeva il nome, il team Gresini (che aveva corso regolarmente anche lo scorso anno), era ricoverato per Covid dal 27 dicembre scorso, poi la notizia ed il tam tam mediatico che conferma il decesso a cui qualcuno inizialmente non credeva, sperando fosse una fake news, ma purtroppo, è tutto vero, il team manager lascia questa terra quasi all’età di 60 anni.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Ciao Fausto che la terra ti sia lieve

Una bella immagine di Simoncelli e Gresini molto legati sia in pista che fuori, anche dopo la morte del giovane pilota toscano Gresini spesso era sempre presente nelle mostre a lui dedicate, per il suo ex pilota il team manager, spendeva sempre parole di grande elogio e di stima.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

SPORT ITALIANO IN LUTTO, MUORE FAUSTO GRESINI

Docenti e personale ATA ignorati da due Regioni. Tonziello: “Vogliamo lavorare senza rischiare la vita”

Il comunicato:

Da diversi giorni docenti e personale ATA residenti in Campania, ma impiegati nel Lazio, chiedono delucidazioni in merito alle richieste per la somministrazione del vaccino anti-covid. I lavoratori sono rimasti burocraticamente bloccati tra due regioni e di conseguenza esclusi dalle rispettive vaccinazioni, senza alcuna motivazione ragionevole. Migliaia di persone sono state praticamente estromesse dalla immunizzazioni, poiché non lavorando in Campania non possono accedere alla vaccinazione regionale. Gli stessi, non vengono accolti neppure nel Lazio, perché la Regione ha deciso di convocare il personale scolastico attraverso i medici di famiglia, e non avendo il domicilio sanitario restano difatti “fuori”.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Una situazione che coinvolge tantissimi lavoratori pendolari, molti dei quali provenienti dalla provincia di Caserta. Sul caso si è espressa Leda Tonziello, docente di origini castellane, portavoce degli insegnanti attivi nel Lazio, che ha dichiarato: “Purtroppo, la comunicazione del Ministero dell’Istruzione nulla chiarisce a riguardo. Fino ad ora abbiamo scritto a tutti, le richieste sono state inoltrate sia alla Regione Campania che alla Regione Lazio, ci siamo rivolti anche al direttore generale Rocco Pinneri, per avere chiarimenti e la tanto attesa soluzione, ma nulla!”

“È doveroso far notare – continua la portavoce – che i docenti pendolari, devono fare i conti quotidianamente con il rischio del contagio, a causa dei treni sempre pieni e delle ore di attesa trascorse nelle stazioni affollate. Situazioni di estremo pericolo per le quali non bastano le mascherine e un po’ di igienizzante.”

“Sono tempi difficili – ha concluso la docente. – Noi chiediamo solo di lavorare in sicurezza, non possiamo rischiare la vita, né creare pericolo per la vita degli altri.”

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Docenti e personale ATA ignorati da due Regioni. Tonziello: “Vogliamo lavorare senza rischiare la vita”

Agente di Polizia Municipale non soccorre una donna: la nota del Sindaco e dell’ Assessore

Santa Maria Capua Vetere.Nei giorni scorsi è stata pubblicata su Facebook una notizia, che, una volta portata alla nostra attenzione, per la sua gravità non ha potuto che indurci ad una doverosa verifica su quanto accaduto; in particolare nel post pubblicato veniva portato alla pubblica conoscenza che personale della Polizia Municipale, di servizio presso la fiera mercato, si sarebbe sostanzialmente completamente disinteressato di una signora che seduta a terra, lamentava un malore. Sarebbe, inoltre, stata ignorata la richiesta di soccorso della donna,  tanto da sollecitare l’autore del post a chiedersi cosa sarebbe accaduto se invece fosse stata la mamma degli agenti ad avere il malore, con relativa allegazione e pubblicazione della foto dell’agente di Polizia municipale, affinché chi leggeva sapesse chi era l’agente che si era macchiato di tale comportamento disdicevole.

Dal riscontro effettuato presso il Comando di Polizia Municipale  è emerso che era stata redatta nell’immediatezza una relazione di servizio dalla quale si evince che il personale era intervenuto sul posto, che aveva provveduto a più riprese a chiamare il 118 (ore 11.09 e 11.15), che, la signora in attesa dell’arrivo del personale medico con la sorella, spontaneamente e sotto la propria responsabilità, aveva deciso di allontanarsi accompagnata da quest’ultima: di entrambe le donne il personale di Polizia municipale provvedeva anche a raccogliere le generalità.

Orbene, considerato che tutti dovrebbero sapere che indipendentemente dal Covid, ma ancora di più con una emergenza epidemiologica in atto, qualsiasi intervento deve essere lasciato al personale sanitario, va evidenziato che quotidianamente lasciamo cadere attacchi sui social offensivi della nostra reputazione e della nostra immagine, ma nel momento in cui si attacca, come avvenuto attraverso un post Facebook pubblicato da un professionista quale il dott. Vito Tanzi, così duramente ed ingiustamente persone che quotidianamente fanno il proprio dovere, quando ad essere attaccata è la divisa della Polizia municipale, quando si espone alla pubblica gogna chi si è esposto per la nostra sicurezza anche nei mesi più duri dell’emergenza epidemiologica, allora riteniamo che ci si imponga una riflessione, a tutela dell’immagine e della reputazione del personale di Polizia Municipale interessato.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sarà l’ufficio legale ed il personale direttamente interessato a valutare le forme giuridiche di tale tutela; a noi che siamo quotidianamente e da quasi cinque anni al loro fianco, che conosciamo il loro impegno nonostante le mille difficoltà, che siamo ben consapevoli del loro attaccamento alla divisa che indossano si impone, in questo momento, un attestato di totale vicinanza e solidarietà; ci scusiamo, anche, e sin d’ora con il personale dipendente dell’ente se nei prossimi mesi qualcuno, trascinato da un agone politico al quale non è abituato o di cui non saprà tracciare i confini, per attaccare chi amministra colpirà persone che quotidianamente fanno il loro lavoro soltanto nell’interesse della comunità.

Il Sindaco Antonio Mirra

L’Assessore Luigi Simonelli

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Agente di Polizia Municipale non soccorre una donna: la nota del Sindaco e dell’ Assessore

LE ASSOCIAZIONI CONTRO PETRELLA: ATTACCARE GLI AVVERSARI POLITICI NON VI SERVIRÀ A COPRIRE UNA GESTIONE FALLIMENTARE  

LE ASSOCIAZIONI CONTRO PETRELLA: ATTACCARE GLI AVVERSARI POLITICI NON VI SERVIRÀ A COPRIRE UNA GESTIONE FALLIMENTARE   – BelvedereNews

  • Home
  • Politica
  • LE ASSOCIAZIONI CONTRO PETRELLA: ATTACCARE GLI AVVERSARI POLITICI NON VI SERVIRÀ A COPRIRE UNA GESTIONE FALLIMENTARE  

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

LE ASSOCIAZIONI CONTRO PETRELLA: ATTACCARE GLI AVVERSARI POLITICI NON VI SERVIRÀ A COPRIRE UNA GESTIONE FALLIMENTARE  

Operazione antidroga a Caserta . 13 arresti ( TUTTI I NOMI)

Nella mattinata odierna, nelle province di Caserta, Napoli e Potenza, i Carabinieri della Compagnia di Caserta, con il supporto degli altri comandi territorialmente competenti, del Nucleo Cinofili di Sarno e con il supporto del 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano, a conclusione di un’articolata attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia convenzionalmente denominata “5° Imperatore”, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura, nei confronti di tredici soggetti indagati a vario titolo per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Da Caivano a Caserta per vendere la droga

L’attività investigativa, avviata nel novembre 2017 e focalizzata sulle dinamiche di spaccio di stupefacenti della città di Caserta, ha permesso in particolare di accertare l’operatività di una ramificata consorteria criminale dedita allo spaccio nonché di individuare i canali di approvvigionamento della droga trattata (cocaina, crack e hashish) a Caivano e Napoli. Le principali aree di smercio dello stupefacente sono state individuate all’interno dei rioni “VanvitelliSanta Rosalia” e “Michelangelo” del capoluogo casertano.

‘Nerone’ a capo della banda

Le indagini svolte hanno permesso di ricostruire l’organigramma criminale costituito da un ramificato e aggressivo sodalizio dedito all’incessante compravendita di ingenti quantitativi di droga che veniva poi spacciata al dettaglio. Il gruppo si reggeva su una solida struttura gerarchizzata con a capo la figura di Rosario Palmieri, detto “Nerone”, principale promotore, organizzatore e finanziatore del sodalizio. Gli affiliati, ognuno con incarichi e compiti ben precisi e distinti, erano pienamente determinati a perseguire con pervicacia l’attività illecita attraverso l’adozione di tutte le cautele finalizzate a consentire al gruppo di continuare ad operare adattandosi al mutamento delle circostanze. Ne è stata dimostrazione la meticolosa attività di controllo e presidio delle citate piazze di spaccio che veniva effettuata senza soluzione di continuità al fine di assicurare adeguata copertura a tutte le operazioni illecite.

La droga arrivava da 2 canali

Sono stati individuati due significativi canali di approvvigionamento dello stupefacente che veniva acquistato presso il“Parco Verde” di Caivano e nel quartiere di San Giovanni a Teduccio a Napoli solo dopo aver contrattato il prezzo più vantaggioso al kg con i più influenti trafficanti locali, nello specifico i fratelli Massimo e Ciro Gallo. Pattuito il prezzo, cocaina e hashish venivano trasportate in grossi quantitativi a bordo di autovetture o motocicli utilizzati ad hoc ed anticipati da staffette. La sostanza, successivamente, veniva lavorata a Caserta all’interno dell’abitazione di Palmieri, ubicata nel rione Vanvitelli. Le dosi venivano quindi smerciate al dettaglio nel corso di tutta la giornata da una finestra dell’appartamento, ovvero nello spiazzo antistante interno al parco.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sequestrati 8,5 kg di droga

Nel corso dell’attività sono stati riscontrati più di cento episodi di cessione di sostanze stupefacenti durante i quali sono stati identificati numerosi assuntori, oggetto di segnalazione alla locale Prefettura. Nell’ambito dei riscontri eseguiti dai Carabinieri durante l’indagine sono state tratte in arresto tre persone e sequestrati complessivamente 8,5 kg fra hashish, cocaina e crack.

Elenco destinatari del provvedimento

Carcere:

  • PALMIERI Rosario, cl.1968;
  • GALLO Massimo, cl.1977;
  • GALLO Ciro, cl.1982;
  • WAHEB Ashraf Shoihry Mohamed, cl.1984;
  • CIOFFI Pietro, cl.1966;
  • ZAMPELLA Umberto, cl.1994;
  • PALMIERI Enzo, cl.1973;
  • ASCIONE Francesco, cl.1991;
  • FORGIONE Vittorio, cl.1973;
  • D’AGOSTINO Antonio, cl.1993;
  • KULLAU Agelart, cl. 1983.

Arresti domiciliari:

  • VILLANO Augusto, cl. 1977;
  • ESPOSITO Giovanni, cl.1982.
Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Operazione antidroga a Caserta . 13 arresti ( TUTTI I NOMI)

Ancora in corso le indagini per i raid ad una scuola di Piedimonte Matese

PIEDIMONTE MATESE – Sono ancora in atto di indagine le dinamiche relative al saccheggio dell’Istituto Comprensivo “Piedimonte Matese 2 Castello”. Ripercorrendo brevemente l’accaduto i ladri/vandali hanno saccheggiato e imbrattato i vari padiglioni.
Dure le parole di Antonella Spadaccio, dirigente dell’istituto: “Un colpo al cuore ed un senso di impotenza, delusione e rabbia sono le sensazioni che ho provato nel trovarmi davanti a queste immagini. Ringrazio il Commissario straordinario del Comune di Piedimonte Matese Patrizia Vicari per aver disposto l’immediata attivazione dei lavori di manutenzione e pulizia straordinaria. Invito chiunque abbia a cuore la nostra scuola, e la cittadinanza tutta, a riflettere sull’accaduto per far crescere il senso di responsabilità e il rispetto del bene comune. A questo atto di vandalismo, simbolo della forma più vile dell’ignoranza e dell’idiozia, rispondiamo con sempre maggiore impegno e rialzandoci più forti e più uniti di prima. Ci vediamo martedì”.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Ancora in corso le indagini per i raid ad una scuola di Piedimonte Matese

Robotica, opportunità per le Pmi

Robotica, il Campania Dih presenta l’open call RIMA per le piccole e medie aziende specializzate in ispezione e manutenzione

Uno degli ambiti di maggiore successo applicativo della robotica è quello dell’ispezione automatica autonoma e della manutenzione in remoto, che attualmente vale circa il 3% del mercato dei robot venduti in tutto il mondo. Nell’ambito del ciclo dei Workshop 4.0 promossi dal Campania Digital Innovation Hub, lunedì 22 febbraio si è tenuto il webinar di presentazione della seconda Open Call di RIMA | Robotics for Inspection and MAintenance.

Hanno partecipato Luigi Nicolais, Presidente del Campania DIH, Bruno Siciliano, ordinario di Controlli e Robotica all’Università di Napoli Federico II e componente del Cda del consorzio Create, Jonathan van der Meer (Create), Giancarlo Gargiulo (Consorzio Create) ed Edoardo Imperiale, Direttore Generale del Campania Digital Innovation Hub.

Nel corso dell’evento sono state presentate le opportunità di finanziamento rivolte alle aziende specializzate nel settore.

RIMA è un progetto quadriennale finanziato dall’Ue attraverso il programma di ricerca e innovazione Horizon 2020. Rima ha l’obiettivo di accelerare l’implementazione di tecnologie robotiche nelle applicazioni di ispezione e manutenzione (I&M) delle infrastrutture ed è rivolto a imprese di piccola e media dimensione e poco più grandi.

L’Open Call selezionerà fino a 31 esperimenti europei di innovazione robotica e ciascun progetto selezionato riceverà fino a 150.000 euro di finanziamenti. La call

presentata da RIMA offre un’opportunità per le aziende europee di sviluppare nuove tecnologie nel campo della robotica e dei droni nel settore I&M. In particolare, garantisce alle Pmi supporto finanziario e tecnico per lo sviluppo di progetti nel settore.

Nella prima Open Call sono giunte 121 candidature da tutta Europa e sono stati selezionati 19 progetti in diversi settori. I progetti selezionati hanno ricevuto finanziamenti e tutoraggio tecnico dal network Rima.

La seconda Open Call, attualmente aperta, si chiuderà il 17 marzo 2021.

Qui il link alla call: https://rimanetwork.eu/open-call, dove  saranno selezionati fino a 31 esperimenti europei di innovazione robotica nei settori:

  • Energy generation and distribution;
  • Oil & gas and chemical; Nuclear;
  • Transport, cargo and mobility;
  • Water supply and sanitation;
  • Urban and suburban transport routes connected with cities.

Ciascun progetto selezionato,oltre ai finanziamenti, riceverà accesso a servizi di accelerazione e consulenza da una rete di 13 centri di innovazione digitale (DIH), tutti dedicati a supportare il processo di nuove soluzioni robotiche I&M in Europa.

Nel comparto industriale, si stima che la sola robotica aerea porterà a una riduzione dei costi di ispezione di piattaforme offshore fino al 90%, di serbatoi di stoccaggio fino al 70% e di torri eoliche fino al 50%.

Anche nel settore civile la robotica di ispezione presenta margini di applicabilità sempre più ampie, anche grazie alla costante e sempre più urgente necessità di fornire soluzioni in grado di effettuare rilievi e ispezioni di opere civili in modo obiettivo, ripetibile e certificato, abbattendo i costi e migliorando la qualità, l’attendibilità e la tempestività delle misure.

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Robotica, opportunità per le Pmi