Alvignano. Spargevano liquami zootecnici fuori periodo: terreno sequestrato dalla Forestale


I militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Pietramelara Continua a leggere

ULTIM’ORA CASERTA: LA POLIZIA IRROMPE IN VIA MICHELANGELO

CASERTA. Attimi di terrore in via Buonarroti di fronte all’anonimo istituto Casertano, dove spesso si raccolgono comitive di giovani.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sul posto sono giunte ben due pattuglie della Polizia sia  per fermare l’assembramento che si verifica in quella zona quotidianamente sopratutto nel fine settimana sia per fermare anche l’uso di alcolici che i ragazzi effettuano in quel posto.

Infatti numerose bottiglie di birra spaccate per terra si pensa anche ad una rissa che si potrebbe essere verificata sul posto. Siamo in attesa di riscontri. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

ULTIM’ORA CASERTA: LA POLIZIA IRROMPE IN VIA MICHELANGELO

ESCLUSIVA. La preside Suppa interviene sulla foto del cantiere

Maddaloni. La segnalazione a mezzo d’oro come di consuetudine ormai corre sui social e, giustamente, indigna e fomenta la polemica. Ma per un’ulteriore chiarezza vale la pena specificare di che cosa si tratta. È bene la foto apparsa oggi sui social mostra sporcizia e rifiuti depositati in un cantiere che si torna si trova all’interno del cortile della scuola De Nicola di Maddaloni. Questo cantiere, partito circa due anni fa, e fermatosi solo dopo pochi mesi, e sotto la responsabilità di una ditta a cui sono stati affidati i lavori di ricostruzione del vecchio edificio del De Nicola. Ragion per cui la scuola non può accedere all’interno del cantiere che recintato, Nonostante si trovi nel proprio cortile.più volte anche in passato la Dirigente Scolastica Rosa Suppa ha segnalato all’ufficio tecnico del Comune messa in sicurezza dello stesso. Lo scorso venerdì è stato segnalato anche quanto mostrato nella foto alla dirigente dell’ufficio tecnico competente. Oggi, ad una settimana dalla segnalazione, i rifiuti non sono stati rimossi, Come testimonia la foto scattata e pubblicata sui social.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

ESCLUSIVA. La preside Suppa interviene sulla foto del cantiere

LA CAMPANIA CAMBIA COLORE, VERSO LA ZONA ARANCIONE

Ancora un cambio di colore per la Regione Campania, l’ordinanza del Presidente della Regione, non si è fatta attendere. Il governatore Vincenzo De Luca sarebbe orientato ad emettere l’ennesimo provvedimento cambiando il colore di quella che una volta era ribattezzata Campania Felix, passando al colore arancione.

Questo quanto da lui stesso dichiarato a seguito del’ultima diretta sui canali regionali “Dobbiamo fare attenzione all’epidemia, al Covid che galoppa.   La Campania – ha spiegato il governatore – deve avere cento volte più prudenza di altre regioni perché abbiamo una densità abitativa ed una congestione urbana che è a livello più alto d’Europa. Se perdiamo il controllo sul territorio ci facciamo male. Le scelte fatte dal governo di aprire e poi di chiudere è una scelta che sta stressando l’Italia, sta nevrotizzando i cittadini italiani e rischia di prolungare l’epidemia invece di accorciarla. La scelta delle zone gialle significa semplicemente questo: che per un mese ci si rilassa tutti immaginando che l’epidemia sia alle nostre spalle dopodiché, come abbiamo visto, si ritorna in zona arancione, in zona rossa. Negli ultimi fine settimana ho visto migliaia e migliaia di persone in mezzo alle strade, nessun rispetto delle regole – accusa de Luca _ qui ormai il controllo in Italia non esiste più, nessuno controlla più nulla. Dovremmo contare solo sul senso di responsabilità dei cittadini ma in questi fine settimana che abbiamo alle spalle di senso di responsabilità ne abbiamo visto molto poco”.

Ma cosa si potrà fare con la zona arancione ?? Nelle zone arancioni restano chiusi i musei, così come i cinema, i teatri, le palestre e le piscine. È possibile praticare attività sportiva purché all’interno del proprio comune e all’aperto.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

La zona arancio ne dovrebbe entrare in vigore da lunedì, seguiranno aggiornamenti.

Sotto una piccolo riquadro esplicativo di cosa si può fare e cosa no si potrà fare

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

LA CAMPANIA CAMBIA COLORE, VERSO LA ZONA ARANCIONE

COVID A RISCHIO 1 MILIONE DI POSTI DI LAVORO, IN CALO I MATRIMONI

Il covid volente o nolente continua ad occupare le varie cronache sia cronaca sanitaria che cronaca nera con i contagiati i vaccini e quant’altro. Ma non è tutto a rischio ci sono anche un milione di posti di a lavoro un ‘indotto a perdere’, che ha coinvolto spettacolo, vigilanza privata, fotografia, settore appunto dei matrimoni, ma anche lo sport con le varie manifestazioni calcistiche tutte a porte chiuse.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Secondo l’unione europea delle cooperative (UECOOP) cancellata risulta cancellata una cerimonia su due, dal giorno più bello della propria vita, ad un rinvio obbligato il passo è stato breve, brevissimo, con conseguente incubo anche per quanto riguarda i rimborsi economici per coloro che hanno prenotato, viaggi cerimonie, affittato sale, dato acconti ai preti ecc. ecc. un business in netto calo, nella speranza di tornare presto alla tanto sbandierata normalità, con disdette rinvii e tutto ciò che ruotava attorno alla cerimonia anche per quel che concerne i vari servizi di catering ecc. ecc.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

COVID A RISCHIO 1 MILIONE DI POSTI DI LAVORO, IN CALO I MATRIMONI

Granada – Napoli 2 a 0 . Granada terra di tori, boleri e goleador

Granada – Napoli 2 a 0 . Granada terra di tori, boleri e goleador

Con quella di ieri il Napoli ha subito la sua decima sconfitta stagionale, quasi un record nell’era De Laurentis

Con  quella di ieri sono giunte a 10 le sconfitte del Napoli in questa stagione, per arrivare a tanto bisogna tornare forse, ma non sono sicuro, al Napoli di Reja, per quel che concerne le battute d’arresto a questo punto della stagione, almeno da quando è iniziata la gestione degli azzurri dell’era De Laurentis.

Certo quella di ieri sera in Spagna, ci può pure stare, troppe assenze per poter esprimere un giudizio veritiero, però come spesso si dice nel calcio ci vuole anche fortuna, e il Napoli quest’anno non ne ha, di solito quando succede così, anche se è sbagliato, si cambia, sia l’area tecnica sia quella manageriale.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Diciamo che sarebbe bene chiudere gli occhi e inventarsi che il Napoli di Gattuso non esiste e che è un’invenzione della stampa padana, una pia illusione purtroppo, parafrasando Eduardo è il caso di dire “Add’ha passà ‘a staggione” invece della nuttata. Purtroppo la sessione calcistica di quest’anno, per gli azzurri è nata male e sta finendo peggio; capitano stagioni negative poi se tutto ciò viene condito in malo modo, per quel che concerne arrivi e partenze, e gestione tecnica della squadra il pasticcio è quasi sicuro.

Dunque fuori dalla lotta al campionato, fuori dalla Coppa Italia, sconfitta della supercoppa, mezzo passo e oltre fuori dall’Europa League, fuori dalla qualificazione in Champions a questo punto della stagione, mezza squadra in infermeria; Osimhen che non pare sia il fenomeno che possa costare 60-70 milioni, però ci andrei cauto, memore della stagione passata di Lozano. Un anno da dimenticare e con l’assoluta volontà di rifondare, perché anche ieri gli errori e orrori del Napoli sono stati gli stessi di sempre, una squadra pasticcione e scarsa in difesa, specie sui lati, dove davvero più guardo Mario Rui e più mi chiedo come è rimasto a Napoli così a lungo tempo, davvero nessuno degli allenatori che si sono susseguiti ha saputo indicare un nome che potesse sostituirlo? Questo calciatore è un disastro assoluto, in fase difensiva è scarso, ma di solito (vedi Theo Hernandez) se si è scarsi in difesa almeno si deve essere bravi in fase d’attacco, invece costui oltre a mettere il pallone sempre a ritroso, non riesce a fare niente altro; possibile che un Direttore Sportivo che ha portato una squadra dal campionato di serie D a quello di serie A non sapesse il valore effettivo di Lobotka? Pagare un calciatore mediocre, come lo slovacco, 25 milioni è davvero un peccato mortale, roba da essere relegati nel girone peggiore dell’inferno vita natural durante; e Maksimovic? Bakayoko? E’ vero la stagione negativa capita, ma se poi l’aiuti con questo scempio di “rosa” allora è molto più facile che possa accadere questa continua figuraccia che gli azzurri stanno approntando, infierire sarebbe come sparare sulla Croce Rossa, meglio stendere un velo pietoso.

Ieri sono venuti meno tutti, anche quelli su cui di solito si fonda quel minimo di speranza, siamo ancora in attesa di scoprire se davvero Zieliński è quel crak che aspettiamo da anni o calciatore normale che tutti noi abbiamo scambiato con una mera illusione; ieri anche Meret ci ha messo del suo, per non dire del resto.

Il Napoli si è sgonfiato e da qui a fine stagione ha una sola speranza, quella di salvare la faccia, anche se abbiamo molti dubbi che le brutte prestazioni e le figuracce siano finite ieri a Granada, che salutiamo alla maniera di Claudio Villa : “Addio, Granada, Paese di mille toreri…Un lampo di spada t’illumina al suon del boleri!”

La cronaca dei gol che sono verificati nel giro di due minuti, ci racconta che nel primo tempo, al 19′  arriva il primo dei due con un cross tagliato e profondo dalla sinistra di Kenedy, sul secondo palo ci arriva Herrera che di testa sovrasta Di Lorenzo e batte Meret. Due minuti dopo il raddoppio dei biancorossi a strisce orizzontali, che conquistano un pallone nella loro trequarti, perso da Politano,  e con una ripartenza velocissima,  Machis porta palla e serve Kenedy che dall’interno dell’area calcia di prima di sinistro e la insacca all’angolino. Per il resto del gara, solo un possesso palla sterile e imbarazzante degli azzurri che tornano dalla Spagna a mani vuote.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Granada – Napoli 2 a 0 . Granada terra di tori, boleri e goleador

Rosanna Marziale, chef stellata casertana premiata al concorso l’Italia a tavola

La chef casertana Rosanna Marziale, ha ottenuto 25.000 preferenze , risultando tra la piu’ votata, di tutta l’intera provincia casertana.

Risulta pertanto essere il personaggio gastronomico dell’anno, ottenendo da una votazione via web (data anche la pandemia covid in atto unico mous operandi ormai), come già precisato di quasi 25000 click classificandosi seconda dietro il napoletano Gennaro Esposito per quel che concerne il prestigioso riconoscimento.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Affermazione di un certo livello,. per la chef che lavora al ristorante Le Colonne, a poche centinaia di metri dalla Reggia di Caserta, e praticamente attaccata ad un altro ‘mostro sacro’ della gastronomia e della cucina casertana, un’altra eccellenza quel Francesco Martucci, anche lui pluri premiato da varie riviste stellate (tra cui il gambero rosso) per la sua ottima pizza.

Caserta dunque continua a sfornare eccellenze in ambito culinario. Una curiosità, la chef casertana, ha ricevuto anche tra i vari riconoscimenti,.una bambola molto simpatica che raffigura lei stessa, ed espone spesso e volentieri ai vari fotografi con un certo orgoglio.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Rosanna Marziale, chef stellata casertana premiata al concorso l’Italia a tavola

Smcv, insulti sessisti e auguri di morte per la consigliera Santillo e la sua famiglia

Santa Maria Capua Vetere-Leggere oggi contenuti politici sui social significa sicuramente trovare insulti e offese, soprattutto se si parla di donne. Queste ultime, infatti, sono i bersagli preferiti e i soggetti verso i quali le critiche, i commenti e le parole si rivelano sempre più offensive. Infatti, sono all’ordine del giorno notizie inerenti a donne impegnate nelle istituzioni e nelle dinamiche della società offese e minacciate.

Oggi l’ennesimo episodio in un gruppo Facebook del rione Sant’Andrea di Smcv attraverso un post indirizzato chiaramente alla consigliera provinciale di Fratelli d’Italia Gabriella Santillo. Un attacco sessista, a cui si aggiungono auguri di morte per lei e i suoi familiari, che non ha nulla a che fare con la vera politica.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Nessun tema, nessuna idea, nessuna critica costruttiva (che è quello che ci si aspetterebbe dagli avversari politici). Ecco perché non sono tardati ad arrivare i messaggi e i post di solidarietà nei confronti della Consigliera.
Tra questi, risuona forte quello del commissario provinciale di Fdi Marco Cerreto: “Tutta la comunità politica di Fratelli d’Italia – ha dichiarato l’avvocato – si stringe attorno alla figura della nostra dirigente Gabriella Santillo nonché della sua famiglia. Questo sedicente personaggio, non avendo argomenti politici, ha preferito offendere ed augurare la morte. Questi attacchi sono vili e disumani e lo sono ancor di più quando vengono sferrati – come in questo caso, nei confronti di una donna, una moglie e una madre con figli minorenni”.

La stessa leader di Fdi Giorgia Meloni, in seguito ad insulti e minacce, ha deciso di condurre battaglie per combattere questo fenomeno assolutamente da condannare.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Smcv, insulti sessisti e auguri di morte per la consigliera Santillo e la sua famiglia

Arti e dei Mestieri del Cinema

Cinema, la FCRC ricerca modelli formativi e gestionali un comitato di esperti per formulare una proposta progettuale

NAPOLI – È stato avviato l’iter per lo studio di fattibilità di una Scuola Pubblica delle Arti e dei Mestieri del Cinema in Campania. Voluto e sostenuto dall’Ente regionale,  il progetto è stato affidato alla Film Commission Regione Campania, nell’ambito del Piano operativo annuale di promozione dell’attività cinematografica e audiovisiva (Piano Cinema 2020).

La Fondazione regionale, presieduta da Titta Fiore e diretta da Maurizio Gemma, che nello specifico si occupa dell’organizzazione, coordinamento e monitoraggio delle attività, ha dato il via alla costituzione di un tavolo tecnico affidando l’esecuzione dei lavori all’Associazione ACTA | Associazione Cultura Turismo Ambiente, ovvero professionisti e ricercatori dalla comprovata esperienza nel settore, selezionata tramite avviso pubblico.

La procedura, articolata in tre fasi principali, prevede inizialmente un attento percorso di ricerca e studio dei modelli formativi e gestionali del settore audiovisivo e prosegue con l’istituzione di un comitato di esperti a cui sottoporre i risultati di tale studio, per giungere infine all’elaborazione delle linee guida di una proposta progettuale, corredata da un’ipotesi di sostenibilità economico-finanziaria.

Tra i principali compiti del tavolo, l’analisi di mercato sui fabbisogni delle figure professionali e l’esame di modelli formativi di eccellenza, concentrandosi su aree tematiche strategiche per il comparto di riferimento (scrittura, produzione), recuperando esempi sperimentati con successo in ambiti diversi sul territorio (Apple Academy, Scuola Meridionale) e in generale le buone pratiche a livello nazionale e internazionale. Lo studio/ricerca verrà esaminato da un comitato di esperti che elaborerà le linee guida per la costituzione della Scuola.

Con il progetto è stato di fatto accolto l’appello dello sceneggiatore Maurizio Braucci e di un gruppo di autorevoli artisti e professionisti campani del settore che lo scorso maggio, con una lettera aperta indirizzata al Ministro dei Beni e Attività Culturali Dario Franceschini e all’allora Ministro dell’Università Gaetano Manfredi, hanno manifestato la necessità di dotare il territorio di una “scuola civica di cinema” specializzata nell’alta formazione professionale e sostenuta finanziariamente dagli enti locali, per integrare e potenziare l’attuale offerta formativa.

La Regione Campania ha quindi inteso trasferire il dibattito in ambito istituzionale partendo dal presupposto che Napoli e la Campania attirano molte produzioni nazionali e internazionali ed esprimono molti talenti sia nei mestieri tecnico-artistici sia negli aspetti autoriali come regia, sceneggiatura, direzione della fotografia, scenografia.

In dettaglio, le attività si articolano nelle seguenti fasi:

1) Studio/ricerca sul panorama dell’offerta formativa per il settore audiovisivo in Italia.

Lo studio dovrà presentare un quadro completo dell’offerta formativa esistente, le istituzioni di riferimento, i modelli organizzativi e gestionali, le caratteristiche principali e le buone pratiche, nonché l’articolazione dell’offerta sia per ambiti professionali che per ambiti geografici; presentare almeno due casi studio di successo relativi istituzioni / percorsi formativi per il settore audiovisivo in Europa; analizzare i fabbisogni di profili professionali qualificati del comparto a livello nazionale e territoriale; fornire indicazioni riguardanti i benchmark riferiti a buone pratiche e prospettive occupazionali di medio-lungo termine.

2) Attivazione di un comitato che sarà composto dai rappresentanti selezionati nell’ambito del gruppo promotore dell’iniziativa e sottoscrittori della lettera aperta, dai rappresentanti delle Istituzioni di alta formazione terziaria di livello universitario (es. Università, Accademia di Belle Arti) e dei principali enti attivi nel campo della formazione alle professioni dell’audiovisivo in Campania, nonché dai rappresentanti delle associazioni di categoria professionali nazionali e regionali e delle organizzazioni sindacali di settore.

Del comitato farà parte la Direzione Cultura della Regione Campania e una rappresentanza della FCRC che coordinerà l’organizzazione dei lavori.

Il comitato avrà lo scopo di elaborare le linee guida per la costituzione della Scuola, partendo dalle risultanze dello studio e nello specifico: costruire un repertorio delle qualifiche, delle competenze e dei profili professionali specificamente riferibili al comparto dell’audiovisivo; condividere l’individuazione dei modelli e delle pratiche su cui focalizzare la progettualità.

L’attività del Comitato di esperti, che potrà eventualmente organizzarsi in 3-4 gruppi di lavoro, prevede:

  • Esame dello studio / ricerca sul panorama dell’offerta formativa di settore in Italia e in Europa
  • Organizzazione di giornate di incontro / seminari conoscitivi con rappresentanti di istituzioni attive nel campo della formazione e dell’aggiornamento professionale nel comparto audiovisivo italiane ed europee, allo scopo di recepire le buone pratiche ed i modelli organizzativi e gestionali.
  • Confronto in scuole di alta formazione con una delegazione del Comitato
  • Elaborazione delle linee guida operative

3) Redazione di un progetto del suo iter attuativo a partire dalle linee guida elaborate dal Comitato di esperti. Il progetto dovrà articolarsi nella descrizione dell’offerta formativa, del modello organizzativo e gestionale, dell’ipotesi di sostenibilità economico-finanziaria, nonché della compagine di istituzioni, enti formativi e partner di riferimento.

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Arti e dei Mestieri del Cinema

Brevettata un’idea Membretti: l’esclusivo zaino alla Milano fashion Week

Archivio Notizie Precedenti

Agenzia Stampa Mediapress – Quotidiano on line diretto da Ferdinando Terlizzi – Testata giornalistica registrata al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – (CE) con il num. 430/93 – Sede Legale: Corso Aldo Moro, 276 81055 Santa Maria Capua Vetere – (CE) – Telefono 388 429 38 28

Concessionaria esclusiva per la pubblicità Aziende & Media Service Srls.
Numero Rea CCIA Caserta: 334060 – C.F. e P.I. 04527430617- Codice Univoco: usal8pv – Pec: aziendemediaservicesrls@legalmail.it- Info: ferdinandoterlizzi37@gmail.com- 342.0463707/388.4293828- Sede legale Corso Aldo Moro, 276 – 81055 Santa Maria Capua Vetere- Uffici Operativi -Via Barberini, 11 Scala A Piano 2° int. 9 – 00187 Roma-

Sito Web Realizzato da SimplyWeb

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Brevettata un’idea Membretti: l’esclusivo zaino alla Milano fashion Week

Tamponamento all’uscita di scuola

Maddaloni. Piccolo tamponamento in centro oggi a Maddaloni.
Il tamponamento è avvenuto in via Montano in prossimità di tante delle scuole del centro. Ci sono stati disagi a causa del traffico creatosi; per fortuna pochi danni e nessun ferito.
La stretta strada a doppio senso in questo orario spesso si intasa per le tante auto che la percorrono per dirigersi agli ingressi delle 5 scuole circostanti.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Tamponamento all’uscita di scuola