Campania: Procreazione assistita e social freezing: al sud un Centro di riferimento con 30 anni di esperienza

Campania: Procreazione assistita e social freezing: al sud un Centro di riferimento con 30 anni di esperienza – BelvedereNews

  • Home
  • Attualità
  • Campania: Procreazione assistita e social freezing: al sud un Centro di riferimento con 30 anni di esperienza

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Campania: Procreazione assistita e social freezing: al sud un Centro di riferimento con 30 anni di esperienza

Portico di Caserta, minacciava i genitori

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Insultava e minacciava i genitori  per farsi dare una manciata di soldi, a volte 20, a volte 50 talvolta anche 100 euro. Il tutto è successo a Portico di Caserta

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640

Il ragazzo era dedito anche al consumo droghe varie, sostanze stupefacenti tra cui marijuana e cocaina.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Gli episodi avvenivano con una certa cadenza abituale, il soggetto incuteva anche timore per via della sua grande stazza con atteggiamenti vessatori minacce ecc.

Seguiranno aggiornamenti

 
Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Portico di Caserta, minacciava i genitori

Rubrica “Per ogni donna”/ Video intervista ad Alfonso Oliva


Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa-Rivogliamo anche oggi, 27 gennaio, un saluto affettuoso ai nostri lettori che seguono veramente in tanti la nostra rubrica “ Per ogni donna”, nata da un’idea di Speranza Anzia Cardillo, dottoressa in giurisprudenza e criminologa.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640

La storia di oggi, che abbiamo intitolato “ Da carnefice a vittima”ha come protagonista E.

“Io e’L. ci siamo sposati molto giovani, dopo un lungo fidanzamento. Siamo stati sposati per più di vent’anni e lo saremmo ancora se non avessi trovato il coraggio di uscire dalla condizione degradante alla quale lui mi costringeva. Fin dal primo giorno di matrimonio, infatti, il mio ex marito aveva una libertà assoluta. Di sera usciva sempre e rientrava tardissimo senza dare spiegazioni. Trovavo tracce di trucco sugli indumenti che testimoniavano gli svaghi serali che lui si concedeva altrove. Non posso dire affatto che con me fosse un marito poco affettuoso, ma mi sentivo collocata su un piano diverso dal suo

Mi sentivo trattata come un oggetto e questo mi faceva stare veramente male. Cominciai ad indagare e grazie ad alcune amiche riuscii a scoprire che non aveva una donna fissa con cui si vedeva, ma piuttosto storie passeggere o (peggio ancora) incontri occasionali. Ogni volta che affrontavo il discorso con lui mi sentivo dire che mi amava, ma proprio non capivo come potesse parlare di amore pur comportandosi in questo modo. Ero sempre più delusa e convinta di volermi allontanare da lui. Avevo già questa intenzione quando conobbi un uomo che mi fece rinascere a nuova vita Mi innamorai giorno dopo giorno della sua semplicità e sincerità e di colpo dimenticai le sofferenze vissute fino ad allora. Quando il mio ex marito, ancor prima di separarci, seppe di questa persona si travestì da vittima facendo scenate e altro ancora per farmi sentire colpevole…adesso sto ancora lottando per la mia separazione, ma soprattutto per dare al vero amore la giusta collocazione e importanza che merita nella mia vita! “

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Commento della dottoressa Cardillo

Negli ultimi decenni si è potuto riscontrare un netto aumento delle separazioni. Le cause sono molteplici, spesso le differenze caratteriali vengono a galla dopo anni, quando magari il sentimento tra due persone non è più come i primi anni. Altra causa può essere la violenza tra coniugi e soprattutto sulla donna, ma tante altre volte la causa può essere anche rappresentata dall’adulterio commesso da uno dei due coniugi. C’è da ammettere che con l’avvento dei social, purtroppo, questo tipo di condotta si verifica molto più frequentemente rispetto al passato. Tante coppie si sfasciano proprio a causa di determinati comportamenti. Nella storia che abbiamo pubblicato, poi, si può notare una tipica forma di maschilismo talmente marcata ed estrema da generare nel protagonista maschile la convinzione di essere nel giusto. La stessa abitudine di tradire quotidianamente sua moglie per lui è un affermazione evidente di mascolinità intesa come privilegio e come affermazione di superiorità, anche se basate su convinzioni completamente sbagliate, ma radicate in lui perché derivano da tutto il retaggio di credenze e tradizioni che accompagnano una intera realtà locale.
In situazioni come questa la donna fatica davvero ad affermare i suoi diritti, anche perché, come lei stessa dice, “si sentiva collocata su un gradino inferiore”. Su una posizione minoritaria rispetto all’uomo, il quale si sente davvero in diritto di agire liberamente senza dare alcuna spiegazione o considerazione alla donna che dice, tra l’altro, anche di amare.

Abbiamo intervistato sull’argomento l’avvocato civilista Alfonso Oliva

Avvocato Alfonso Oliva

VIDEO INTERVISTA AVV. OLIVA

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Rubrica “Per ogni donna”/ Video intervista ad Alfonso Oliva

Caserta, presentazione nuovi autobus

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Caserta – Nella giornata, di  giovedi 28 gennaio, alle 9,00, in piazza Vanvitelli, si svolgerà la presentazione di una flotta di nuovi autobus della CLP – si legge nella nota – che saranno immessi sul territorio urbano e provinciale di Caserta, anche in vista del rientro in classe degli studenti delle scuole superiori. Con i vertici aziendali ed il sindaco Carlo Marino, saranno presenti l’assessore alla Mobilità Emiliano Casale ed il comandante della Polizia Municipale Luigi De Simone.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/01/27/caserta-presentazione-nuovi-autobus/

Nuovi acquisti nella Juve primavera

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Marley Aké è un’ala sinistra che, all’occorrenza, può giocare anche come punta. In questa stagione è comparso con una certa continuità sui campi della Ligue 1: Villas-Boas gli ha concesso 9 presenze, sempre da subentrante, per un totale di 137 minuti. Aké, piede naturale il destro, ama partire dalla sinistra per poi accentrarsi per cercare l’imbucata per i compagni o la conclusione a rete. Lo spunto nello stretto e il dribbling sono le qualità che l’hanno posto sotto i riflettori, oltre ad un discreto fiuto per il gol. Nella scorsa stagione, nel campionato National 2 – la quarta categoria francese dove milita la squadra B del Marsiglia – mise a segno un filotto di 5 partite consecutive con gol, tra queste una tripletta contro l’Endoume. Il calciatore, in un primo momento, dovrebbe essere aggregato alla rosa dell’Under 23.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Nuovi acquisti nella Juve primavera

Si separano le strade di Ivano Pastore e della Casertana

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Ivano Pastore non è più il direttore sportivo della Casertana, oggi con un cominciato la Casertana ha annunciato la separazione.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

“La Casertana FC comunica che, nella giornata odierna, ha raggiunto un accordo con il Direttore sportivo Ivano Pastore per la risoluzione consensuale del contratto. La società, ringraziando il diesse per il lavoro svolto, gli augura le migliori sorti professionali”

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Si separano le strade di Ivano Pastore e della Casertana

LE DICHIARAZIONI DELL’ EX PREMIER CONTE DOPO LE DIMSSIONI

Liceo Manzoni Caserta 640×300
Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Alleanza europeista per attuare le riforme“Serve un’alleanza – spiega Conte -, nelle forme in cui si potrà diversamente realizzare, di chiara lealtà europeista, in grado di attuare le decisioni che premono, per approvare una riforma elettorale di stampo proporzionale e le riforme istituzionali e costituzionali, come la sfiducia costruttiva, che garantiscano il pluralismo della rappresentanza unitamente a una maggiore stabilità del sistema politico”. Il presidente del Consiglio lancia un appello verso tutti i partiti, anche a Italia Viva, per l’avvio di un Conte ter – strada sempre più in salita – e la formazione di un governo di unità nazionale ed europeista. Con il richiamo alla sfiducia costruttiva per il proporzionale infatti sembra cercare la sponda di Matteo Renzi, anche se la rottura tra i due sembra ormai insanabile, il leader di Iv non ha mai posto un veto sulla possibilità di nominare Conte alle consultazioni.

Lavorerò fino all’insediamento del nuovo governo, dopo l’appello ai responsabili che hanno a cuore la Repubblica, il premier uscente punta i fari su ciò che “conta”, evidenziando la necessità di risolvere in fretta la crisi innescata. Bisogna fare in modo “che il nostro Paese si rialzi in fretta e possa mettersi alle spalle la pandemia e le tragedie che essa ha arrecato, in modo da far risplendere la nostra nazione nella pienezza delle sue bellezze”. “Per parte mia – osserva -, anche in queste ore continuerò a svolgere gli affari correnti fino all’insediamento del nuovo governo. Continuerò a svolgere il mio servizio al Paese, con senso di responsabilità e con profondo impegno”.

Mi ritroverete sempre a tifare per il nostro PaeseIl premier evoca il lavoro svolto finora sottolineando come senso di responsabilità e impegno siano “le caratteristiche che hanno caratterizzato il mio operato, quello dell’intero governo e delle forze di maggioranza che ci hanno sostenuto, anche quando i risultati raggiunti e le risposte date non sono apparsi all’altezza delle aspettative dei cittadini”. E infine dichiara: “L’unica cosa che davvero rileva, al di là di chi sarà chiamato a guidare l’Italia, è che la Repubblica possa rialzare la testa. Allora avremo vinto tutti, perché avrà vinto l’Italia. Quanto a me, mi ritroverete sempre, forte e appassionato, a tifare per il nostro Paese”.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

LE DICHIARAZIONI DELL’ EX PREMIER CONTE DOPO LE DIMSSIONI

Il Sindaco di Teano ha il covid

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Teano – Il Sindaco della città di Teano ha il Covid 19, è lo stesso primo cittadino a confermare ” Sono stato  positivo al tampone  alcuni giorni, tre giorni dall’esecuzione”.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

La città sidicina sta vivendo un periodo veramente complicato dal punto di vista epidemiologico visto che c’è stato un boom di contagi negli ultimi giorni che ha costretto il capo dell’esecutivo a prendere una serie di provvedimenti ‘urgenti’ per fermare la diffusione della pandemia covid

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/01/27/il-sindaco-di-teano-ha-il-covid/

Clan dei casalesi, arresto nel casertano

Liceo Manzoni Caserta 640×300

È stato catturato in un’abitazione di Acerra, nel napoletano, l’esponente del clan dei Casalesi Francesco Cirillo, attivamente ricercato da oltre due mesi. Cirillo, stanato dall’operazione congiunta di Polizia di Stato e Carabinieri (Squadra Mobile di Caserta e Nucleo Investigativo di Caserta), coordinata dalla Procura di Napoli, era fuggito dalla sua residenza di Casal di Principe (Caserta) il giorno dopo la sentenza della Corte di Cassazione che il 20 novembre l’aveva condannato definitivamente a 30 anni di carcere per l’omicidio dell’imprenditore Domenico Noviello. “La cattura di Cirillo è un risultato dello sforzo congiunto delle forze dell’ordine cui va il mio sincero ringraziamento” afferma il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare Antimafia. “La latitanza di Cirillo – aggiunge – aveva segnato una profonda ferita nei familiari ed in tutta la società civile che si batte contro la camorra”. Emozionata e quasi incredula Mimma Noviello, figlia della vittima. “Si chiude finalmente il capitolo giudiziario della vicenda che ha coinvolto mio padre Domenico Noviello; ora si può affermare che la giustizia ha fatto il suo corso”. Cirillo è stato sorpreso in un’abitazione di Acerra dove risiede una famiglia composta da tre persone, tutte incensurate, padre – assente al momento del blitz – madre e figlia; le posizioni dei coniugi sono al vaglio degli inquirenti. Cirillo, vistosi scoperto, ha provato disperatamente a fuggire ancora, arrampicandosi sulla facciata del palazzo per raggiungere il terrazzo di un’altra abitazione, dove è stato bloccato. Nei due mesi di fuga – è emerso dalle indagini – Cirillo, che ha moglie e due figli, ha cambiato parecchie dimore, quasi sempre tra Caserta e Napoli; in una circostanza l’esponente dei Casalesi ha trovato ospitalità in un’abitazione di Roma, poi è sempre tornato nei suoi territori. Per Cirillo ora si aprono le porte del carcere dopo un iter processuale travagliato, con la condanna definitiva arrivata dopo ben due pronunce della Corte d’Appello di Napoli – la prima era stata di assoluzione – e della Cassazione. Noviello fu massacrato con decine di proiettili, il 16 maggio del 2008 a Castel Volturno, dai killer dei Casalesi agli ordini del sanguinario boss Giuseppe Setola. Cirillo non fece parte del commando, ma partecipò alla pianificazione del delitto e soprattutto ne rappresentò il “pretesto”, come dichiarato dallo stesso Setola durante il processo. Cirillo infatti era stato condannato nel 2001 per estorsione grazie alla denuncia proprio di Domenico Noviello e del figlio Massimiliano (tuttora sotto scorta). Così nel 2008, quando Setola avviò la stagione nel terrore nel Casertano, e decise di vendicarsi tra gli altri di imprenditori coraggiosi, scelse come bersaglio proprio Noviello, con l’obiettivo di vendicarsi e fare così un favore a Cirillo.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Clan dei casalesi, arresto nel casertano

La dichiarazione di Caputo sulle coltivazioni

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Per quel che concerne le coltivazioni, ci sarebbero delle ‘falle’ e sulla questione si è espresso l’assessore Regionale Nicola Caputo. 

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640

La maggioranza delle domande sulle trasformazioni delle colture agricole appartiene alla provincia di salerno, poi successivamente anche ad altre provincie di Benevento, Caserta e Napoli.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Su tutta una serie di domande presentate, c’è un tot di domande nelle quali sono apparse anomalie. 

Colture trasformate o del tutto inesistenti, casolari abbandonati, strade sterrate e spazi aperti: tutto quello che non dovrebbe esserci e che c’è.
E allora prendiamo l’invito dell’assessore Caputo ad aumentare i controlli. La sua rabbia è quella di tutti coloro i quali sono costretti ad aspettare soldi che hanno preso una direzione diversa da quella attesa.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2021/01/27/la-dichiarazione-di-caputo-sulle-coltivazioni/

PROCURA TRIBUNALE NAPOLI NORD APRE FASCICOLO SU MORTE T. CANTONE

Liceo Manzoni Caserta 640×300

La  procura di Aversa del Tribunale di Napoli Nord,  un fascicolo per il caso di Tiziana Cantone, la 31enne di Mugnano di Napoli morta il 13 settembre 2016, dopo la diffusione online di video privati che la ritraevano. La ragazza si sarebbe tolta la vita, almeno stando alla versione ufficiale emersa dalle indagini effettuate dopo il fatto dai carabinieri e dallo stesso ufficio giudiziario, impiccandosi in un’abitazione di Mugnano di Napoli. Il nuovo fascicolo è stato aperto dal sostituto procuratore Giovanni Corona alla luce delle risultanze investigative consegnate all’ufficio inquirente di coordinato dal procuratore Francesco Greco dall’Emme-Team, il pool di consulenti statunitensi incaricato dalla madre della ragazza  determinata a fare piena luce sulla vicenda. E grazie alle indagini dei consulenti statunitensi, insieme con l’avvocato difensore della Giglio, Salvatore Pettirossi, il bagaglio di elementi raccolti sulla triste storia di Tiziana risulta ora più pesante. Tra questi sembrano pregnanti i due DNA maschili riscontrati sulla pashmina che la 31enne si sarebbe annodata al collo per togliersi la vita, a cui oggi si è aggiunta anche la prova che l’iphone trovato a poca distanza da corpo esanime di Tiziana è stato acceso, sbloccato e utilizzato per navigare sul web, per oltre un’ora, dopo il sequestro seguito al ritrovamento del cadavere. Gli investigatori avevano sempre sostenuto che, invece, non fu possibile scandagliare i contenuti del cellulare in quanto inaccessibile a causa del PIN. Non solo. Anche il consulente nominato dalla Procura, tre giorni dopo, disse di non essere stato in grado di accedere ai dati del cellulare, sempre a causa dalla password. E invece, anche in quell’occasione, il dispositivo venne accesso, sbloccato e utilizzato per navigare, per circa 45 minuti. Un ultimo elemento che, come i precedenti, è stato consegnato alla Procura di Napoli Nord riguarda l’ex fidanzato di Tiziana: il suo cellulare, quando i carabinieri erano nell’abitazione di Mugnano dove era stata trovato il cadavere della 31enne, si è agganciato a una cella telefonica di quella zona, tracciando i suoi spostamenti.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

PROCURA TRIBUNALE NAPOLI NORD APRE FASCICOLO SU MORTE T. CANTONE