C. Volturno, arresti per spaccio di droga

Liceo Manzoni Caserta 640×300

CASTEL VOLTURNO – Nel pomeriggiodell’ 11 gennaio, presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, i Carabinieri della Stazione di Grazzanise hanno dato esecuzione ad ordinanza applicativa di misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di un indagato, di nazionalità ghanese, già ristretto per altra causa presso la locale casa circondariale, gravemente indiziato di numerose condotte di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e eroina.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Il provvedimento cautelare costituisce l’esito di un’articolata attività investigativa, diretta da questa Procura, operata dal mese di novembre 2018 ad oggi. Le indagini si focalizzavano su un allarmante fenomeno di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, traffici attuati all’esterno di un complesso immobiliare denominato “Palazzi Grimaldi”, ubicato all’interno del Comune di Castel Volturno. Attraverso tutta una serie di  intercettazioni telefoniche che trovavano riscontro nelle dichiarazioni rese dagli acquirenti della droga è stato possibile identificare l’indagato ed acquisire un grave quadro indiziario, univoco e concordante, dimostrativo della consumazione di molteplici episodi di detenzione e cessioni di sostanze stupefacenti (complessivamente nel numero di 25) operati nei confronti di acquirenti, provenienti dalla provincia di Caserta. I contenuti delle conversazioni captate, che avvenivano attraverso un linguaggio criptico decodificato dagli investigatori (le sostanze stupefacenti veniva indicate facendo ricorso ai termini quali “roba”, “quella chiara”, “quella scura”, “quella italiana”, “quella africana”), hanno consentito di provare le modalità con cui l’indagato svolgeva l’illecito commercio: invero, è stato possibile risalire al dato qualitativo e quantitativo della sostanza stupefacente, atteso che le cessioni avevano ad oggetto involucri di eroina e cocaina rispettivamente per un importo che variava, a seconda dei grammi, dai 20 ai 40 curo.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

C. Volturno, arresti per spaccio di droga

Castaldo è finalmente negativo e da domani tornerà a giocare

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Gigi Castaldo ha finalmente sconfitto il Covid-19. Oggi l’attaccante ha fatto le visite mediche e da dolano tornerà ad allenarsi.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Questo il comunicato della Casertana:
“Dopo la negatività confermata dall’ultimo tampone, visite mediche anche per il numero 10 rossoblu che da domani tornerà a lavorare con il gruppo. In programma anche il rientro di Vladan Dekic”

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Castaldo è finalmente negativo e da domani tornerà a giocare

Il covid, come tutto è cambiato e come potrebbe evolversi

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Il covid 19, ha cambiato tante cose, troppe, l’anno 2020, è stato sicuramente un anno difficile che un po’ tutta l’Italia ha dovuto affrontare. Cerchiamo di fare un riassunto di quello che è successo, provando ad ipotizzare quello che succederà.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640

Sono entrate anche parole nuove, sconosciute alla maggior parte dei cittadini, in primis quella del ‘lockdown’, distanziamento sociale, mascherine di protezione e non solo. Una misura quella del lockdown totale che praticamente mai era stata adottata, con una chiusura totale di tutte le attività da piccole, alle medie imprese sino ad arrivare a quelle più grandi e quelle concernenti i grandi centri commerciali.

Ma ci sarebbero anche altri termini e/o parole che potrebbero essere citati tra cui, con  sigle che resteranno a lungo nella memoria delle persone.

Ma lo scambio continuo di informazioni ha portato anche alla migrazione da un luogo all’altro di espressioni pri ma circoscritte solo ad alcune aree. È il caso di wet market: attestata fin dal 1978, era usata solo nel sud est dell’Asia per indicare i mercati di carne e pesce fresco.

Dopo l’individuazione del mercato di Wuhuan come punto di partenza dell’epidemia, il termine wet market si è rapidamente diffusa altrove, assumendo però un significato diverso: quello di mercato in cui si vendono illegalmente animali selvatici. Non è la prima volta, naturalmente, che un’epidemia raggiunge il livello pandemico. È la prima volta, però, che possiamo osservare così da vicino il suo impatto sulla lingua di tutti i giorni.

In passato, non solo i mezzi di comunicazione erano diversi ma era diversa anche la nostra capacità di raccogliere i dati. Oggi, possiamo seguire i flussi di diffusione di miliardi di parole nella rete in modo rapido e preciso.

Si è visto così che in aprile l’uso di coronavirus era arrivato a essere addirittura più frequente di una parola comune come time. Non è solo questione di singole parole, però. Ma anche, forse soprattutto, di rapporti.

Mentre nel 2019 le due parole più frequentemente affiancate a remote erano village e island, nel 2020 sono state learning e working. Sono entrati anche altri termini tra cui smart working e non solo, addirittura si è riscoperta la parola coprifuoco, neanche fosse scoppiata veramente una guerra.

Il  governo Italiano  ha continuato ad emanare tutta una serie di DPCM (decreti del presidente del consiglio dei ministri), anche se c’è da dire che purtroppo tali misure di chiusure hanno avuto anche effetti per così dire ritardati, la chiusura di un’attività per molto tempo, con riaperture più o meno parziali hanno sicuramente effetti molto molto pesanti su tutta quella che è l’economia.

Spesso si è puntato il dito contro il Governo che ha adottato misure che poi alla lunga non sono state sempre rispettate, le Regioni sono state addirittura colorate, una cosa che ha dell’incredibile, zona ‘rossa’, zona ‘gialla’, zona arancione. Sembrava che questa pandemia intorno alla scorsa estate si fosse allontanata ma poi proprio dopo l’estate stessa è ritornata prepotentemente in auge.

La chiusura degli stadi, con le partite a porte chiuse, di tutte le discoteche, la quasi impossibilità a svolgere una qualsiasi attività anche per svagarsi un po’ non è certamente digerita da tutti anche se non è azzardato dire che magari non tutti si sono sacrificati allo stesso modo. Certamente un vero e  proprio stravolgimento delle relazioni c’è stato, a lungo andare gli effetti ci sono e ci saranno ancora per parecchio tempo, la parola o lo slogan ‘andrà tutto bene’ veniva ripetuto incessantemente più e più volte nelle tv, sui vari social, come passaparola ma poi è veramente stato così???? Difficile dirlo anche se si può dire che molte persone sono uscite più incattivite, con quest’ odissea di restrizione, con l’obbligo poi di menzionare persone che hanno perso un parente o comunque un persona cara nel giro di 20 giorni o un mese, ritrovandosela intubata all’interno del letto di un’ Ospedale, e  magari non sapendo a quale santo votarsi.

Certamente il ridiffondersi di questa pandemia è dovuto a comportamenti in parte irresponsabili della maggior parte della cittadinanza, ma parlare di quello che è stato forse non ha neanche molto senso. Anche la chiusura delle scuole ha avuto e continua certamente ad avere effetti su quelle che saranno le future generazioni che ora lavorano con la DAD (didattica a distanza) dad, altro termine o sigla nuovo del quale fino a qualche anno fa se ne sarebbe ignorata certamente l’esistenza, certamente quest’azzeramento quasi totale dei rapporti umani non è facile per nessuno,  anche se adattarsi a tutti questi cambiamenti talvolta quasi repentini può risultare anche per certi versi innaturale.

l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato l’epidemia di covid 19 una pandemia a livello globale. Da quando abbiamo cominciato a contarli, i casi di coronavirus nel mondo hanno superato quota 25 milioni (di cui quasi 18 milioni di guariti e oltre sei milioni di attualmente positivi) e causato oltre 855mila morti. Nonostante i dati allarmanti in alcuni paesi anche dell’Unione europea, secondo l’Oms però la pandemia di coronavirus starebbe finalmente cominciando a dare segni di rallentamento, in particolare nel continente americano. Nelle ultime tre settimane si sarebbero infatti registrati meno contagi in tutto il mondo, tranne che nel Sudest asiatico e nel Mediterraneo orientale. Soprattutto, secondo l’Oms, stanno significativamente calando i casi confermati negli Stati Uniti, al primo posto nel mondo per numero di contagi (quasi sei milioni) dall’inizio dell’epidemia. Stesso discorso per l’Africa, che ha avuto un calo dell’8,4% di casi e per l’Europa, con un calo minimo dello 0,9%. Ma mentre i paesi che hanno progressivamente allentato le misure restrittive si interrogano su come riprendere una ‘nuova normalità’ in attesa del vaccino (la riapertura delle scuole è al momento uno dei temi più dibattuti, e non solo in Italia), il timore di una recrudescenza dell’epidemia è un pensiero costante, che frena la ripresa economica e accresce gli interrogativi per il domani.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

È innegabile che la situazione pandemica in corso abbia cambiato le nostre vite, la nostra quotidianità e di conseguenza tutte le esperienze che costituiscono una tappa fondamentale nel nostro percorso di crescita. La laurea è una di queste, ma al momento le discussioni di laurea in presenza sono state sospese per ragioni di sicurezza. I protocolli in materia hanno posto numerosi limiti allo svolgimento de visu delle attività formative e, senza alcun dubbio, tutto ciò si ripercuote sugli studenti, che sono costretti ad adattarsi e a trovare soluzioni alternative per poter concludere il proprio percorso di studi.

Diversi psicologi ed esperti si sono espressi in merito e hanno paragonato il trauma del Coronavirus a quello che i nostri nonni o bisnonni hanno subito durante la guerra. È una situazione che ti stravolge la vita e non permette a noi esseri umani di mettere un semplice punto e girare pagina, dimenticando tutto ciò che abbiamo passato.

Man mano che abbiamo abbandonato le nostre abitudini e la nostra libertà per garantire la sicurezza di tutti, abbiamo creato dei piccoli tasselli che sono incastonati nostra mente e che difficilmente andranno via.

Quando tutto passerà e sentiremo parlare di Coronavirus, molti di noi faranno un salto indietro nel tempo e rivivranno ciò che sta succedendo in questi giorni.

L’intero globo è stato investito da una piaga che sembra la trama di un film fantascientifico che introduce un’apocalisse di zombie o una conquista della Terra da parte degli alieni.

Ma è tutto reale. Fortunatamente non ci sono orde di zombie pronte ad invadere le strade, ma il virus fa lo stesso paura e il fatto che sia invisibile lo rende ancora più temibile, senza contare che pare ci sarebbero ancora delle mutazioni dello stesso covid o coronavirus, qualcuno lo ha ribattezzato  ‘variante inglese’.

Quando tutto questo sarà finito, tutti saremo profondamente cambiati e “tornare alla vita di prima” non sarà possibile.

Questa crisi ci ha spinto a riflettere su tutte le cose che ritenevamo normali o semplici, come uscire per fare la spesa, andare a prendere una pizza con gli amici, e ci ha fatto capire che in determinate condizioni non sono né scontate, né tantomeno facili da realizzarsi.
Un po’ come i reduci di guerra, noi saremo la generazione che verrà cambiata dal virus e che avrà il compito di tenere viva questa memoria per evitare che una situazione del genere possa verificarsi di nuovo in futuro.

Di certo l’arrivo dei vaccini potrebbe accrescere una certa sicurezza, anche se al  momento è tutto sperimentale, di certo sarebbe giusto se non opportuno che molte persone si vaccinassero, in particolare le cd ‘fasce deboli’ ossia bambini ed anziani, anche se son sorte delle polemiche anche per quel che riguarda i vaccini. Coloro che non si vogliono vaccinare ( e ci sono….) sono stati ribattezzati i NOVAX, altro termine praticamente nuovo che entrato prepotentemente nel nostro vocabolario italiano che spesso faceva incetta di termini inglesi, ma che di tutto quest’allarme sanitario non se ne sentiva certamente il bisogno.

E’ difficile prevedere anche  gli scenari di quello che accadrà, la convivenza con questo virus non è affatto facile, alcune cose sono diventate più difficili come l’accesso negli uffici o anche andare semplicemente al bar, attività di ristorazione che hanno dovuto chiudere e far fronte a delle sanificazioni che sono state fatte, non entriamo nel merito su come siano state effettuate, ma certamente ha provocato degli stravolgimenti o per meglio dire degli  ‘appesantimenti ‘ sulle attività (come detto la ristorazione ma non solo) che sono costrette magari a fare una mole di lavoro maggiore per cercare di far fronte alla situazione pandemica.

Per non parlare poi del turismo fare un viaggio è diventata una vera e propria impresa, diamo qualche dato cheptrebbe far capire come e cosa sta succedendo, nonchè quello che potrebbe, succedere: ben 173,5 milioni di presenze e oltre 48 milioni di arrivi con una contrazione rispettivamente del 52,5% e del 51,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: li avrebbe già bruciati l’emergenza Coronavirus soltanto nei primi otto mesi del 2020 come emerge da una stima a consuntivo dell’Istituto Demoskopika che l’ANSA pubblica in anteprima. In picchiata anche gli incassi comunali dell’imposta di soggiorno: oltre 211 milioni di euro. Sforbiciata di ben 16 miliardi di euro di spesa turistica, con quasi la metà, pari a 7,2 miliardi, concentrata in Veneto, Toscana e Lombardia che presentano un tasso di internazionalizzazione dei sistemi turistici ben al di sopra del 50%.

Anche se ci sono stati cali in tutta Italia a livello complessivo sono 5 i sistemi turistici regionali più colpiti: Veneto, Sicilia, Toscana, Lombardia e Lazio. Secondo Demoskopika il Veneto, con un tasso di internazionalizzazione pari al 65,3%, avrebbe ridotto gli arrivi di 9,3 milioni (-63,3% rispetto al 2019) e le presenze di 35,6 milioni (-65,1% rispetto al 2019). A seguire, in valore assoluto, Lombardia con una contrazione pari a 6,6 milioni di arrivi (-55,8%) e 16,4 milioni di presenze (-57,4%), Toscana con una riduzione pari a 6,1 milioni di arrivi (-59,2%) e 21,7 milioni di presenze (-60,7%), Lazio con una riduzione pari a 4,8 milioni di arrivi (-54,7%) e 15,2 milioni di presenze (-55,8%) e l’Emilia Romagna con una riduzione pari a 4,6 milioni di arrivi (-52,4%) e 18,1 milioni di presenze (-55,6%). In chiave percentuale è la Sicilia a presentare tra i “conti più salati”, preceduta solo dal Veneto: -2,2 milioni di arrivi e – 6,8 milioni di presenze con un calo rispettivamente pari al 59,9% e al 61% rispetto ai primi otto mesi del 2019. Il Veneto, purtroppo, è in testa anche per il decremento stimato della spesa turistica: 3.272 milioni di euro. Seguono, con sforbiciate rilevanti dei consumi in “viaggi e vacanze”, Toscana con 2.130 milioni, Lombardia con 1.784 milioni, Emilia-Romagna con 1.609 milioni, Lazio con 1.513 milioni e Trentino Alto Adige con 1.165 milioni.

Il Coronavirus ovviamente si è abbattuto anche sulle finanze comunali. Nei primi 8 mesi del 2020 le casse degli enti locali hanno subito una corposa sforbiciata dell’imposta di soggiorno a più di 211 milioni di euro. In particolare, sul podio delle casse più “prosciugate” per l’imposta di soggiorno si posizionano principalmente i Comuni di quattro realtà regionali: Lazio, Veneto, Lombardia e Toscana. Nel Lazio, infine, con una parte più che rilevante legata a Roma Capitale, i Comuni registrano una flessione degli incassi quantificabile in oltre 53 milioni di euro immediatamente seguiti dagli enti locali del Veneto che hanno registrato mancati incassi per 37,5 milioni euro.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il covid, come tutto è cambiato e come potrebbe evolversi

Arrivate in Campania nuove dosi dei vaccini contro il coronavirus

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Campania, Sono arrivate altre dosi dei vaccini contro la covid 19 presso la Regione  Campania, che potrebbe  pertanto continuare la campagna  vaccinale

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640

È arrivato oggi in Campania il secondo carico del vaccino anticoronavirus. Questa mattina infatti 34.000 nuove dosi sono atterrate all’aeroporto di Napoli di Capodichino e sono state immediatamente trasportate in tutte le 27 strutture regionali.
In questo periodo, dopo la pausa di ieri e oggi, dovuta alla fine delle prime scorte, la campagna di ovaccinazione potrà riprendere senza problemi.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Intanto, grazie ad un accordo tra la Regione Campania, i direttori dell’Asl, e l’Ordine dei Medici e delle professioni sanitarie, potranno vaccinarsi anche medici e infermieri in pensione. I nominativi verranno comunicati dagli ordini professionali direttamente alle Asl.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Arrivate in Campania nuove dosi dei vaccini contro il coronavirus

Il consigliere Sferragatta porta in Regione il problema del collettore EX CASMEZ di via Cancello

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Nunzio Sferragatta, nella duplice veste di consigliere comunale del comune di Maddaloni e presidente della commissione ambiente e di consigliere provinciale per la provincia di Caserta con delega all’ambiente, ha chiesto ed ottenuto di essere ascoltato in regione sull’annosa e arcinota questione, irrisolta da tempo immemore inerente il collettore EX CASMEZ. Un problema su cui negli anni tanta propaganda si è fatta, a vari livelli, ma finora nessun miglioramento ha portato per i residenti di via Cancello e dintorni.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640

“Il problema, oltre che economico , è di competenze, poichè investe ben 3 province, quella di napoli e quella di Benevento” – precisa il consigliere Sferragatta.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Domani conosceremo gli esiti dell’incontro richiesto in data 17 dicembre al presidente della VII commissione del consiglio regionale on. Giovanni Zannini, commissione che si occupa di ambiente, energia e protezione civile.

All’ audizione, fissata in regione per le ore 15.00, parteciperanno anche gli altri comuni del casertano coinvolti, cioè Cervino, San Felice a Cancello e santa Maria a Vico.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il consigliere Sferragatta porta in Regione il problema del collettore EX CASMEZ di via Cancello

Ultim’ora .Il centro- sinistra prepara un Carlo Marino bis

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Caserta. Si è appena concluso il primo tavolo interpartitico del centro-sinistra convocato dal Segretario cittadino del PD Enrico Tresca per individuare il candidato Sindaco alle elezioni Amministrative del 2021.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640

La riunione prevista per le 18,30 presso la sede del Partito Democratico ,sita in Piazza Matteotti ,è cominciata con circa un ora di ritardo. Hanno presenziato ,Mimmo Guida in rappresentanza della sua lista civica, Paolo Marzo, Biagio Esposito e Massimo Russo in rappresentanza della lista ” Patto per Caserta” , Alessandro Tartaglione per Articolo 1, Enrico Tresca e Andrea Boccagna in rappresentanza del PD , Raffaele Piazza per il PSI , Rita Martone per Europa Verde,Francesco Funaro di Azione ,Antonio Dell’ Aquila per Sinistra Italiana, Maria Luigia Iodice ( Consigliera Regionale) e Liliana Trovato per Noi Campania  oltre poi che Drusilla De Nicola e Pino Riccio per Centro Democratico.

Come annunciato non ha partecipato al vertice nessun rappresentante di Italia Viva. La prima cosa che ci salta all’ occhio è la presenza ” ingombrante” di alcuni esponenti politici che hanno partecipato a tavolo.

E’ prassi che ai tavoli interpartitici presenzino i segretari o i coordinatori dei partiti convocati. Sta di fatto che questa regola, al tavolo odierno, è stata rispettata soltanto da Azione con Francesco Funaro, da Mimmo Guida per la sua lista civica da Antonio Dell’ Aquila per Sinistra Italiana , Rita Martone per Europa Verde e Alessandro Tartaglione per Articolo 1.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Per il resto si è assistito al solito presenzialismo dei soliti noti, circostanza, questa, aggravata dalla presenza di esponenti del’ attuale maggioranza consiliare – Assessori e Consiglieri comunali- in palese conflitto d’ interesse. a cio’ deve aggiungersi la presenza di personaggi che non sono ne’ consiglieri, ne’ assessori ne’ tantomeno rappresentanti di Partito.

Si e’ trattato in ogni caso di un vertice molto significativo in quanto il centro-sinistra, fatta eccezione per i Renziano ha risposto all’ appello del Segretario PD Enrico Tresca.

Ad aprire gli interventi è stato Mimmo Guida il quale ha dichiarato ufficialmente che non si candiderà alle prossime elezioni amministrative ma sarà solo il promotore di una lista civica a sostegno di Carlo Marino. Sulla stessa linea politica e’ apparso il Segretario cittadino di Azione Francesco Funaro il quale dopo aver puntualizzato di rappresentare una forza nuova e propulsiva sul territorio, ha espressamente dichiarato che ad Azione “non dispiacerebbe un Carlo Marino bis” in un Governo Cittadino caratterizzato dalle competenze e dalla professionalità’ politica”.

Alla fine nessuno dei partecipanti si e’ dichiarato contro la ricandidatura del Sindaco uscente . Vi aggiorneremo sui prossimi incontri.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Ultim’ora .Il centro- sinistra prepara un Carlo Marino bis

UNITREINFORMA/ Periodico della Università delle Tre Età di Santa Maria Capua Vetere/Le performance dei soci in  tempi di Covid


UNITREINFORMA/ Periodico della Università delle Tre Età di Santa Maria Capua Vetere/Le performance dei soci in  tempi di Covid | Cronache Agenzia Giornalistica

11

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

UNITREINFORMA/ Periodico della Università delle Tre Età di Santa Maria Capua Vetere/Le performance dei soci in  tempi di Covid

Ugl Caserta. È attiva la piattaforma per il Servizio Civile 2021

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Caserta– È attivo per l’anno 2021 il bando per la selezione di operatori volontari da impiegare in progetti afferenti a programmi di intervento di servizio civile universale, che vede la fattiva partecipazione della Ugl Giovani della provincia di Caserta che aderisce al progetto “Orientati all’assistenza: mappare il sistema di welfare territoriale per facilitarne l’accesso” ,mettendo a disposizione due posti.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Possono presentare domanda tutti coloro che hanno un’età compresa tra il diciottesimo ed il ventottesimo anno e che sono in possesso dello SPID; gli aspiranti volontari dovranno presentare domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma on line accessibile dal sito https://domandaonline.serviziocivile.it.

Anche quest’anno la Ugl Giovani è in prima linea per supportare progetti a favore delle fasce più deboli della società” ha dichiarato la Segretaria Annabella D’Angelo “ritengo che il Servizio Civile sia lo strumento più adatto per educare e formare i giovani al rispetto delle regole, alla difesa dei diritti umani, alla cura e protezione dei bisogni primari dei cittadini in difficoltà”. Per il Segretario territoriale Ferdinando Palumbo: “La Ugl è protesa a confermare ed ampliare l’offerta di assistenza e servizi e punta adesso a raggiungere livelli di eccellenza nel panorama sindacale di Terra di lavoro, forniremo ” ha concluso ” un’importante opportunità a due giovani meritevoli che respireranno aria di futuro”

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Ugl Caserta. È attiva la piattaforma per il Servizio Civile 2021

Il sindaco: giovedì riprendono i lavori a via sant’Eustachio

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Il sindaco Andrea de Filippo interviene in merito alla situazione di via sant’Eustachio per spiegare a che punto sia lo stato dell’arte e quale sia l’iter che si sta seguendo.

Ist. Comprensivo Maddaloni 450×640
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

“Da poco si è compiuto il rifacimento della rete idrica in questa strada, che era una delle più urgenti ed ha avuto la priorità assoluta. Adesso infatti si sta procedendo su via Padre Pio per la stessa tipologia di lavori. Lavori che sono lunghi e sono fatti di step che hanno dei tempi tecnici. Non solo. La pioggia di questi giorni prolunga queste procedure nostro malgrado. Infatti, sempre per tornare a via sant’Eustachio, dopo aver provveduto alla sostituzione delle condutture, il manto stradale è stato ricoperto dal cosiddetto binder,  uno strato di media pezzatura (CONGLOMERATO BITUMINOSO) che viene utilizzato per appianare le irregolarità presenti su una strada. La fase di assestamento si concludeva per la fine di dicembre, ma le incessanti piogge hanno interrotto la tabella di marcia dei lavori. Da giovedì 14 gennaio si riprenderà con la fresatura e la successiva pavimentazione dell’intera strada. Questo l’iter che è in fase conclusiva e che è stato ritardato dalle avverse condizioni climatiche”.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il sindaco: giovedì riprendono i lavori a via sant’Eustachio

Le pagine dei nostri libri

E' solo un punto di vista

Revolver Boots

Scream for me...

che-blog

Blog italiano di cultura generale

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

AMLETA LA GUERRIERA SOLITARIA

Bisogna fare qualcosa, agire, per riportare il mondo alla sua Luce

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su medicina, cultura, e materie legali. Autore Stefano Ligorio

Parla come viaggi - il blog di Silvia Wanderlust

Viaggi, archeologia e fotografia sono le mie grandi passioni. Voglio condividere con voi foto, itinerari, esperienze di viaggio e la mia vita da futura archeologa.

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

4000 Wu Otto

Drink the fuel

Judy e Lyth

parole tra due amiche

Blog Femme & Infos

Anita Blogue

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quindicesimo anno ♥    

Annita Klimt

Mi Nouvelle Vague personal

alle pendici del tifata ed oltre

tradizioni,usi e costumi, meridionalismo e divagazioni

The Daily Think

Laura Quick's book The Quick Guide To Parenting is available to order on Amazon. A perfect gift for parents.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: