Tris di vaccinati in famiglia.

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Un caso emblematico quello della famiglia De Luca – Tontoli. Genitori e figlio, unico figlio, tutti e 3 vaccinati in soli 3 giorni. Una storia di quelle che vanno raccontate. Un’intera famiglia, impegnata fin dal primo giorno nella lotta al covid in prima linea. Nicola e Maria, più di 30 anni di vita insieme infermieri in servizio nell’ospedale di Maddaloni, molto noti in città, improvvisamente, da marzo in poi, si sono ritrovati ad operare nell’ospedale covid. Sempre presenti, non hanno mollato mai, nonostante la paura e le preoccupazioni non solo per loro, ma anche per l’unico figlio, Antonio, lontano 1000 km e anche lui , nel settore sanitario. Mesi intensi, difficili, di paura, distanza e solitudine.

Mediaservice Caserta 640×300

Poi, finalmente, a chiusura del 2020, arriva il vaccino. Che fare? Vaccinarsi? Oppure no? Vaccinarsi tutti. Alla fine i dubbi vengono sciolti e la decisione è presa. Il vaccino è la speranza, la fine di un incubo, almeno, si spera. La famosa luce alla fine del tunnel- afferma Maria sulla sua pagina Facebook. Noi siamo in trincea, il nostro lavoro ci espone maggiormente al rischio di contrarre il rischio. Finora è andata bene, ma il pericolo è dietro l’angolo. E, inoltre credo –continua Maria – che abbiamo l’obbligo di dare l’esempio. Per tornare a vivere, a riabbracciarci.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Ma soprattutto per poter riabbracciare l’amato figlio, che vive in Friuli e che per la prima volta, quest’anno, neanche  le vacanze di Natale hanno potuto trascorrere insieme.

Per Maria e Nicola nel bene e nel male come si sono promessi quasi 30 anni fa, in salute ed in malattia,  e che neanche il vaccino li separi.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Tris di vaccinati in famiglia.

“HAPPY” ed E-COMMERCE SMART:SOLUZIONI ANTICRISIPER I PICCOLI ARTIGIANI E COMMERCIANTI

1

Si chiama hAPPy e, con un nome che quasi sembra voler scongiurare tutta la tristezza respirata nel 2020, offre una soluzione per essere sempre presenti sul web. La neonata fiore all’occhiello del Gruppo Abl è un’app che permette di fare proprio di tutto attraverso lo smartphone: cercare informazioni, comprare, prendere un appuntamento; in poche parole hAPPy invita a non arrendersi e a non perdere il momento!
E-commerce, vendita on line, digitalizzazione. Sono parole chiave che possono rappresentare il punto di svolta per i piccoli artigiani e commercianti travolti dalla crisi economica.
I lockdown hanno portato le categorie commerciali coinvolte a un punto di svolta: chiudere per sempre o creare un e-commerce. “Si tratta – spiega Antonio Busonera, Ceo del Gruppo ABL – di un’opportunità che non tutti conoscono, se non in termini tradizionali. La nostra esperienza di anni ci ha portati a offrire soluzioni particolarmente adatte anche alla piccola realtà, come la merceria, il piccolo artigiano che lavora la pelle, per esempio, o il negozietto decentrato di abbigliamento. Bisogna allontanarsi dall’idea classica di e-commerce e pensarlo come una vetrina sul mondo. In questo particolare momento storico potrebbe essere un outlet delle offerte, delle occasioni o della collezione rimasta invenduta durante le chiusure forzate”.
Se infatti per le grandi realtà commerciali la vendita in rete è una consuetudine ormai da una decina d’anni, per i piccoli commercianti l’assenza di “struscio” per le vie del centro, la mancanza di passaggio davanti alla propria attività, la chiusura per mesi della propria saracinesca (perché non considerati tra i distributori di beni essenziali), ha rappresentato una crisi economica senza precedenti. Se fino a qualche mese fa ci si rivolgeva all’acquisto on line soltanto per determinati prodotti e beni (prevalentemente non deteriorabili o non facilmente trovabili nei classici negozi, e per riuscire a possedere magari a prezzi vantaggiosi oggetti di marca), la pandemia e le restrizioni collegate ad essa hanno accelerato un processo irreversibile: la possibilità di vendere e comprare tutto da un monitor. Ma cosa rientra in questo “tutto”?
“Come sappiamo, chiunque può vendere on line – chiarisce Antonio Busonera -, ma non è così immediato e soprattutto spesso
non rende economicamente se non viene fatto nel modo giusto. Noi, per esempio, offriamo un servizio rivolto ai piccoli imprenditori e commercianti. È fondamentale sensibilizzare quelle persone che pensavano di aver messo in cantiere il proprio mercato. Nel resto del mondo è già capillare questo tipo di modalità. L’e-commerce mette al riparo da eventi come quelli che hanno travolto molti artigiani o commercianti in questi mesi”.
Il semplice sito, quindi non è più sufficiente; gli esperti suggeriscono la direzione dell’e-commerce come complementare e alternativa al commercio tradizionale anche per le micro realtà: “Muoversi! Non aspettare oltre. Sfruttare le opportunità comunicative e promozionali che la vendita on line offre, anche in chiave sostenibile, per creare una propria modalità unica e particolare di rapporto con un altissimo numero di clienti”.
GRUPPO ABL: azienda di sviluppo software e di distribuzione hardware. Conosciamo il mondo del “come funziona” e del “come farlo funzionare”.
Sito: https://www.ablsoft.it/

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

“HAPPY” ed E-COMMERCE SMART:SOLUZIONI ANTICRISIPER I PICCOLI ARTIGIANI E COMMERCIANTI

Se Anteprima non arriva, si…

Clamoroso

In prima pagina
• Ancora non si capisce se Conte sopravvivrà o no alla crisi di governo. Ora traballa pure la poltrona dell’assessore lombardo alla Sanità Giulio Gallera
• Stanotte, intanto, il governo ha finalmente emanato il decreto che proroga i termini delle restrizioni anti-covid di Natale. In tutta Italia l’8 sarà giallo, il 9 e il 10 arancioni, poi, per l’11, il 12, il 13, il 14 e il 15, torna la divisione in fasce
• Le regioni vanno in ordine sparso sulla riapertura delle scuole. In Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Marche gli alunni delle superiori torneranno in classe solo dopo il 31 gennaio
• Le assemblee di Fca e Psa dicono sì alla fusione. È nata Stellantis, il quarto gruppo automobilistico al mondo
• In Italia ieri ci sono stati 10.800 nuovi contagi, 348 morti e 238 ricoverati in più (-4 in terapia intensiva). Il tasso di positività resta stabile al 13,8%
• Ricoverato per Covid l’ex presidente del Senato Franco Marini
• Anche Filippo Tortu è risultato positivo al tampone, ma sta bene, ora è in quarantena
• La Gran Bretagna chiude tutto per la terza volta e comincia a somministrare il vaccino AstraZeneca. In Francia Macron vuole estrarre a sorte 35 cittadini da affiancare alle autorità nella gestione della pandemia
• L’ex ministro Maroni ha avuto un malore, s’è accasciato a terra e ha battuto la testa. Ricoverato in ospedale a Varese
• La storia di Giovanni Lanciano, 50 anni, ciclofattorino a Napoli, pestato e derubato da sei malviventi in motorino
• Julian Assange non potrà essere estradato negli Stati Uniti. L’ha deciso il tribunale penale di Londra con la motivazione che il fondatore di Wikileaks rischia il suicidio in carcere. Il Messico gli offre asilo politico
• Ci sono altre due ragazze che accusano Genovese
• Assolto dalle accuse di corruzione e abuso l’ex presidente della Calabria Mario Oliverio

Titoli
Corriere della Sera: Scuola, il caos della riapertura
la Repubblica: Scuola, strappo delle regioni
La Stampa: Virus, scatta la nuova stretta / Salvini a Fontana: via Gallera
Il Sole 24 Ore: Fca-Psa, via al quarto gruppo mondiale
Avvenire: Precedenza ai disabili
Il Messaggero: Scuola, l’ipotesi del rinvio / Stretta sugli spostamenti
Il Giornale: Guerra di poltrone, Conte pronto a cedere tutto
Qn: Spostamenti vietati e scuole nel caos
Il Fatto: Nord: scuole chiuse e piste da sci aperte
Libero: Terremoto nel governo
La Verità: Su Conte sventola bandiera bianca
Il Mattino: Un mese di weekend arancioni
il Quotidiano del Sud: Recovery plan, la bussola indica il Sud
il manifesto: La variante inglese
Domani: Dalla Fca alla Peugeot/ È finita la storia della Fiat

PAGINA ZERO
«Viviamo
in un momento molto cretino»
Paolo Conte

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Se Anteprima non arriva, si…

La trasmissione del Covid-19

Il nostro medico Carlo Alfaro, Dirigente Medico di Pediatria presso gli Ospedali Riuniti Stabiesi spiega come avviene la trasmissione del virus e come prevenirla https://wp.me/p60RNT-8eD

La principale fonte di trasmissione del Sars- CoV-2 sono le persone ammalate con sintomi e quelle nella fase pre-sintomatica, quando sono cioè asintomatiche ma di lì a poco svilupperanno la patologia, soprattutto nelle 48 ore antecedenti all’esordio dei sintomi.

La quantità di virus diffusa da una persona infetta differisce da un individuo all’altro: su 100 persone infettate dal virus, 90 hanno una limitata capacità di trasmettere l’infezione mentre gli altri 10 infettano e tra loro ci sono dei “super-diffusori”, che saranno responsabili dell’80-90% delle nuove infezioni. Purtroppo, i super-diffusori non hanno delle caratteristiche cliniche che permettono di identificare la loro peculiarità.

Per infettarsi, un individuo deve inalare almeno 1.000 particelle virali. Il contagio avviene se si è esposti a una grande carica virale o se si resta a contatto per molto tempo con una persona infetta: entrambe le condizioni rendono possibile il raggiungimento dell’esposizione alla soglia delle 1.000 unità virali.

La trasmissione del Sars- CoV-2 può avvenire attraverso diverse modalità, la cui conoscenza è importante per attuare le strategie per prevenirne la diffusione:

  • Trasmissione attraverso le grandi gocce di saliva, “droplets”, ≥ 5micron di diametro. E’ la via più frequente e nota. Le goccioline cariche di virus sono espulse dal tratto respiratorio di un soggetto infetto con tosse o starnuti o soffiandosi il naso, e possono infettare se vanno a depositarsi sulle mucose nasali o orali di un soggetto suscettibile che si trovi a distanza entro 1 metro. Un singolo colpo di tosse rilascia circa 3.000 goccioline, che possono viaggiare a 80 chilometri all’ora. Un singolo starnuto rilascia addirittura circa 30.000 goccioline, che possono raggiungere la velocità di 300 chilometri all’ora. Le goccioline degli starnuti sono generalmente più piccole di quelle della tosse e coprono maggiori distanze. Dato che ogni gocciolina può contenere numerosissime particelle virali, se una persona alberga il Sars-CoV-2, con un singolo colpo di tosse o uno starnuto può disperdere nella stanza fino a 200 milioni di unità virali che si diffondono in ogni direzione. La maggior parte delle goccioline di grandi dimensioni precipita rapidamente a causa della gravità, ma alcune possono restare nell’aria per qualche minuto e raggiungere chi è nei pressi, altre si depositano sulle superfici.
  • Via “aerosol” o “airborne”, cioè attraverso goccioline con diametro < 5 micron, che si emettono respirando o parlando e si trasmettono a lungo raggio, fino a 8 metri. Anche all’interno di queste micro-particelle è stata rilevata la presenza di particelle di Sars-CoV-2 con capacità di infettare. Questo tipo di trasmissione può essere rilevante negli ambienti chiusi, soprattutto quelli affollati e con ventilazione inadeguata. Risulta più probabile in caso di procedure mediche che possono generare aerosol, che quindi vanno eseguite in un ambiente adeguato (stanza di isolamento con pressione negativa) e con utilizzo di dispositivi di protezione individuali (DPI) adeguati da parte del personale sanitario. Uno studio uscito sul NEJM ha documentato che in una normale conversazione si disperdono queste goccioline di saliva, più piccole di quelle emesse nel tossire o nello starnutire, e in numero ridotto, di cui alcune precipitano al suolo, altre si disidratano e rimangono sospese nell’aria comportandosi come un aerosol, dove possono persistere fino a 3 ore. L’esperimento ha anche dimostrato che parlando con un volume di voce alto rispetto ad un volume basso e con la pronuncia di specifici fonemi (es. th) viene prodotto un maggior numero di goccioline, mentre coprendo la bocca con un panno il numero di goccioline emesse rimane simile a quello registrato negli intervalli di silenzio. Respirare rilascia un numero minore di goccioline che parlare, e la respirazione nasale rilascia una quantità di goccioline più bassa di quella a bocca aperta. Differentemente che la tosse e gli starnuti, fonazione e respiro non espellono particelle virali provenienti dal tratto respiratorio inferiore. Parlando, vengono rilasciate circa 200 goccioline al minuto: la dose di 1.000 goccioline per infettare una persona raggiunta in circa 5 minuti. Respirando, vengono emesse 20 particelle virali al minuto e quindi servono 50 minuti di permanenza assieme all’infetto per assumere le 1.000 particelle necessarie per il contagio. Ma se l’individuo infetto canta, le particelle emesse sono molte di più che in una normale conversazione, e se anche la persona suscettibile canta, come accade in un coro, la respirazione profonda facilita il passaggio delle goccioline in profondità nei polmoni.
  • Contatto diretto: avviene se si toccano le mani della persona infetta contaminate dalle sue secrezioni (saliva, secrezioni nasali, espettorato), attraverso esempio la stretta di mano, e poi si toccano, con le mani contaminate, la propria bocca, il naso o gli occhi, oppure si tocca una superficie contaminata dalle secrezioni del paziente e si portano le mani non lavate sulle proprie mucose. Questa modalità di contagio appare marginale rispetto al contagio diretto. Il tempo di sopravvivenza del virus su superfici inanimate dovrebbe oscillare da 48 ore fino a massimo 9 giorni, in dipendenza della matrice/materiale (3 ore in un tessuto e su una superficie porosa, 4 ore su rame e legno, 24 ore nel cartone, 48 ore su metallo o acciaio inossidabile, 72 ore sulla plastica), della concentrazione, della temperatura e dell’umidità (resiste di più in condizioni di freddo, umidità, oscurità). Gli studi però si riferiscono alla rilevazione di RNA del virus e non al suo isolamento in forma infettante. Si verifica comunque un decadimento esponenziale del titolo virale nel tempo.
  • Lacrime: una ricerca condotta all’Ospedale Spallanzani dimostra che gli occhi non sono soltanto una delle porte di ingresso del virus nell’organismo, ma anche una potenziale fonte di contagio, sia in fase precoce che tardiva, dato che i tamponi oculari possono essere ancora positivi quando i campioni del distretto respiratorio non mostrano più tracce del virus. La Fondazione Policlinico San Matteo di Pavia ha pubblicato su European Journal of Ophthalmology il primo caso pediatrico di identificazione di Sars-CoV-2 in un campione oculare di un paziente di 11 anni, positivo al tampone faringeo, con sintomi oculari.
  • Via oro-fecale: in studi cinesi l’RNA virale è stato rilevato nelle feci nel 30-50% dei casi e in alcuni casi è stato possibile ottenere anche il virus vitale in coltura. In altri studi la positività del test fecale è persistita anche dopo la completa negativizzazione del tampone naso-faringeo. Ma in ogni caso viene considerata poco probabile la possibilità di trasmissione del virus attraverso gli alimenti o altri oggetti per via orale, purché sia rispettata l’igiene delle mani.

Misure per evitare la trasmissione contemplano:

  • Igiene: il lavaggio delle mani con acqua e sapone per almeno 60 secondi o l’utilizzo di disinfettanti contenenti alcol (etanolo) al 70% o meglio al 75% o a base di cloro all’1% (ad es. candeggina) o meglio al 5% sono in grado di inattivare il virus. Una ricerca della Brigham Young University pubblicata sul Journal of Hospital Infection dichiara che i disinfettanti per le mani alcol-free sono efficaci quanto quelli con alcol: in particolare, quelli con benzalconio cloruro o altri composti di ammonio quaternario sono risultati in grado di eliminare almeno il 99,9% del virus entro 15 secondi. Il White Paper di Ascom riporta una ricerca dell’Università del Galles del Sud secondo cui dall’esame di 250 smartphone di dipendenti ospedalieri, il 99,2% era contaminato da agenti patogeni, per cui è cruciale la pulizia dei dispositivi mobili.
  • Distanza inter-personale ed evitamento di assembramenti e sovraffollamento. La gran parte dei contagi avvengono tra persone che hanno un contatto diretto e ravvicinato in ambienti chiusi, come famiglia, luoghi di lavoro, ospedali, case, scuole, trasposti pubblici, eventi sociali, ristoranti, negozi, supermercati e centri commerciali, soprattutto se per tempi prolungati. Il rischio di contagio aumenta se il lavoro impone di parlare (o peggio, urlare) a distanza ravvicinata dall’interlocutore (es. per rumore ambientale) o se si è costretti a fare respiri profondi e a distanza ravvicinata (es. sport al chiuso).
  • Uso delle mascherine: in base ai numerosi studi condotti nel 2020, c’è consenso diffuso tra gli scienziati di tutto il mondo che l’uso sistematico delle mascherine protegga dall’infezione da Covid-19.
  • Ventilazione efficace degli ambienti, filtrazione dell’aria ad alta efficienza, mantenimento del giusto grado di umidità (nel range 40-60%).
  • Luci germicide ultraviolette e applicazione di calore: in ambienti deumidificati, asciutti, caldi e luminosi la carica virale subisce un drastico decadimento dall’emissione dei droplets.
  • Lavaggi nasali e gargarismi con soluzioni debolmente alcoliche: lo suggerisce un lavoro italiano pubblicato sull’International Journal of Immunopathology and Pharmacology per abbassare la carica virale nelle vie aeree superiori.
  • Igiene degli alimenti: non serve disinfettare le confezioni alimentari, ma fare attenzione alle contaminazioni delle mani.
  • Non scuotere abiti, lenzuola, oggetti per non disperdere le eventuali goccioline.
  • Non praticare aerosolterapia ai soggetti ammalati in casa.
  • Non scaricare il water con la tavoletta sollevata per non vaporizzare particelle virali.
  • In auto, quando ci si ritrova a viaggiare con qualcuno al fuori dalla propria cerchia familiare, secondo una ricerca della University of Massachusetts Amherst, pubblicata su Science Advances, abbassare il finestrino anteriore sul lato destro (passeggero) e quello posteriore sul lato sinistro (guidatore) protegge al meglio dalla circolazione del virus, in quanto crea una corrente d’aria dalla parte posteriore alla parte anteriore dell’abitacolo passando per il centro dell’automobile.

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

La trasmissione del Covid-19