Caiazzo. Anche la Polizia municipale su Facebook: per dare informazioni chiare a tutti

É nata la pagina ufficiale del Servizio di Polizia Municipale Continua a leggere

Aversa, Consiglio comunale: tra le misure il recupero del centro storico

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa– Sette giorni dopo il Consiglio comunale si è riunito per discutere alcuni da approvare entro la fine dell’anno. La nuova maggioranza non ha mostrato cenni di cedimento e dopo il momento di silenzio per ricordare l’impreditore aversano che si è suicidato ieri nella sua fabbrica di scarpe sono stati discussi i punti all’ordine del giorno. La variazione al piano opere pubbliche era tra le misure più importanti per  il recupero e la riqualificazione di alcune parti importanti del centro storico aversano, cioè piazza Marconi e via Orabona. Prevista, inoltre, la realizzazione di un canile comunale, mentre 530.000 euro sono stati stanziati per la manutenzione delle strade e altri 230.000 per quella degli immobili di proprietà comunale, ad esempio gli appartamenti di via San Lorenzo e la Casa del fascio.

Mediaservice Caserta 640×300

Il messaggio del sindaco di Aversa Alfonso Golia 

“Da poche ore si sono chiusi i lavori dell’ultima seduta di consiglio comunale di questo 2020, anno terribile che difficilmente potremo dimenticare.

Per quel che riguarda il Coronavirus ci è stato comunicato un nuovo decesso, un nuovo caso positivo e 26 guariti. Il totale dei casi attivi in città è dunque di 362.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

È stata una seduta importante, al termine della quale possiamo dire di aver gettato le basi del lavoro che faremo nei prossimi anni per il recupero di alcune zone della città.

Erano anni che il comune pagava a vuoto un mutuo di un’opera pubblica che non sarà più realizzata. Abbiamo devoluto il mutuo e realizzeremo: il rifacimento di Piazza Marconi, la riqualificazione di via Orabona, il rifacimento di alcune strade, la manutenzione degli edifici comunali e la realizzazione di una casa per gli animali.

Un grande piano di rinascita della città che si accompagna al risanamento finanziario e all’aggiornamento del servizio di igiene urbana. Azioni concrete che porteremo avanti nel 2021 con sempre maggiore determinazione.

E tra le buone notizie di oggi registriamo anche la chiusura di un vecchio contenzioso giudiziario che sarebbe potuto costare al comune una decina di milioni di euro. Il Consiglio di Stato ha stabilito che il risarcimento chiesto da una azienda deve essere solo di 50mila euro. Tiriamo dunque un sospiro di sollievo per le casse dell’ente.

Infine, così come avvenuto per il 23 dicembre domani, giorno di San Silvestro, il centro cittadino sarà interdetto alle auto dalle 9,30 alle 18,00”

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa, Consiglio comunale: tra le misure il recupero del centro storico

Napoli: centro smistamento con ‘carte false’ per immigrati e clandestini: nuovo scoop di Luca Abete


*Luca Abete e l’incredibile business di documenti falsi*. Continua a leggere

Inizia oggi l’avventura del consigliere provinciale Angelo Campolattano

Liceo Manzoni Caserta 640×300

COMUNICATO STAMPA.

Mediaservice Caserta 640×300
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

«E’ cominciata oggi ufficialmente la mia avventura di consigliere provinciale , con la partecipazione ai lavori del primo consiglio anche se, già da qualche settimana sono impegnando per il territorio sfruttando questo nuovo ruolo.
Tanti gli incontri , dai dirigenti scolastici della città di Maddaloni (per pianificare interventi utili a garantire la ripresa dell’attività didattica in sicurezza), agli istituti di Piedimonte Matese.
Ringrazio tutti gli amministratori che mi hanno dato la possibilità di essere eletto in Provincia:
troveranno in me ,sempre una sponda per le iniziative da realizzarsi sui loro territori.

Sono felice che il mio ingresso in Provincia sia coinciso con la nascita del gruppo consiliare di Italia Viva: un progetto a cui ho sempre creduto e che ho nel cuore .
Ogni giorno si arricchisce dell’ impegno di nuovo amici ,competenti e radicati sui territori . Inoltre , alla nuova capogruppo Frasca , vanno i miei auguri di buon lavoro.
Un grazie anche al presidente Magliocca per la disponibilità al dialogo dimostrata in queste prime battute.
In me troverà sempre un sostegno quando si tratta di lavorare per il bene della comunità ,così, come sarò un fiero oppositore ogni qualvolta dovessi intravedere scelte che non vanno nella direzione della crescita della provincia di Caserta».
Lo ha dichiarato il neo consigliere provinciale Angelo Campolattano.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Inizia oggi l’avventura del consigliere provinciale Angelo Campolattano

Aversa, scongiurato risarcimento milionario

Aversa, Scongiurato un risarcimento milionario per il Comune di Aversa. Il Consiglio di Stato, infatti, ha condannato l’ente attualmente guidato dal sindaco Alfonso Golia ad un risarcimento di 50mila euro per un contenzioso iniziato tanti anni fa e legato all’esclusione di un’associazione temporanea di imprese dalla gara d’appalto relativa ai lavori di sistemazione dell’emissario misto pluviale e fecale dei Comuni di Parete, Lusciano, Aversa, Trentola – Ducenta e Frignano. “E’ una sentenza importante – spiega l’assessore al contenzioso Mario De Michele – per una vicenda nata negli anni 90’ che si trascinava da anni ma che avrebbe avuto un impatto disastroso sul bilancio dell’ente. Ringrazio l’avvocatura comunale, i legali Giuseppe Nerone e Domenico Pignetti, per questo risultato e per il lavoro che quotidianamente fanno nella difesa degli interessi dell’ente”.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa, scongiurato risarcimento milionario

CASERTANA-CATANIA, SI GIOCA DOMENICA 10 GENNAIO

Liceo Manzoni Caserta 640×300

CASERTA – Ci sono state delle variazioni al calendario della Lega pro (la Serie C), ecco più nel dettaglio tali variazioni che riguardano anche la Casertana FC.

Mediaservice Caserta 640×300

Si giocherà domenica 10 gennaio alle ore 12:30 allo stadio ‘A. Pinto’ di Caserta la diciottesima giornata di campionato Casertana-Catania.

Lo ha comunicato in queste ore la Lega Pro, dopo gli accordi presi tra le società interessate.

IL COMUNICATO: VARIAZIONE GARE – 18sima GIORNATA DI ANDATA

La Lega, anche a ratifica degli accordi intercorsi tra le società interessate, a parziale modifica di cui al Com. Uff.n. 53/DIV del 15.10.2020, ha disposto per le sotto elencate gare le seguenti variazioni:

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

SABATO 9 GENNAIO 2021

GIRONE C

CAVESE – PALERMO Sabato Ore 14.30

TERAMO – AVELLINO Sabato Ore 17.30

DOMENICA 10 GENNAIO 2021

CASERTANA – CATANIA Domenica Ore 12.30

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

CASERTANA-CATANIA, SI GIOCA DOMENICA 10 GENNAIO

ANALISI SULLA JUVENTUS

Liceo Manzoni Caserta 640×300

La Juventus, la squadra che vinto gli ultimi nove campionati italiani, si trova indietro in classifica nell’attuale campionato di Serie a TIM che si sta disputando a porte chiuse.

Mediaservice Caserta 640×300

Dopo l’addio all’ ex allenatore del Napoli Sarri, la squadra bianconera ha lanciato il ‘giovane’ Andrea Pirlo sulla panchina per cercare di centrare il decimo scudetto di fila, impresa difficile ma che potrebbe essere alla portata della squadra bianconera.

Il filo conduttore degli scudetti vinti passando per Conte (l’era Conte), Allegri e poi Sarri potrebbe essere spezzato in quest’annata e/o stagione calcistica 2020- 2021 che dir si voglia.

Nella Champions League dell’ edizione 2020-2021 la squadra torinese si è classificata prima nel proprio girone di Champions League, vincendo l’ultimo match in terra catalana ed assicurandosi il primo posto del girone davanti al Barcelona di Leo Messi allo stadio Camp Nou. L’urna di Champions sembra esser stata benevola, avendo riservato alla squadra bianconera il Porto da affrontare nel mese di febbraio.

Certamente arrivare al decimo titolo di fila italiano non è impresa facile, ci si potrebbe chiedere ma è finito un ciclo ?? Cosa c’è che va ?? Cosa invece può essere salvato??  cosa invece non va???? proviamo a fare un’ analisi sul  ‘mondo bianconero’.

Note positive: Alvaro Morata, il calciatore spagnolo ritornato all’ombra della mole dopo le esperienze in Spagna ed Inghilterra, sta certamente dando una grossa mano alla squadra, anche se risulta ancora un po’ impreciso in area di rigore, appare più maturo e concreto in zona gol, attualmente è capocannoniere della Champions League, con 6 gol in cinque gare, in campionato anche sta dando un grosso contributo in termini realizzativi cerca di non far rimpiangere C. Ronaldo e molte volte ci è anche riuscito.

Cristiano Ronaldo, l’attaccante dei record, con i suoi 750 goal non ha certo bisogno di altre presentazioni, fa incetta di record e segnature, il mr. Pirlo a volte cerca di centellinarlo anche perchè  il suo apporto alla squadra lo da praticamente ogni volta che scende in campo anche se non va a segno, il portoghese è comunque un giocatore che non può essere messo in discussione poi è chiaro anche a lui capita di ‘steccare’ qualche partita ma nei match decisivi soprattutto in Europa ‘timbra il cartellino’ spesso e volentieri andando a segno,  il portoghese ha avuto anche lui il covid, l’età non è più giovanissima cerca di centellinarsi come meglio può però allo stato non è azzardato dire che è un giocatore ancora decisivo e che può cambiare le sorti di una  partita in qualsiasi momento nell’arco dei 90 minuti.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

La difesa continua a prendere pochi goal ed a ‘tener botta’ anche se al momento la classifica di Serie A vede la Juventus comunque attardato di dieci punti rispetto alla capolista Milan. Certo ci sono anche Napoli e Roma che potrebbero rientrare nella lotta scudetto al momento è ancora tutto abbastanza incerto.

Note negative : Paulo Dybala, la joia bianconera appare un po’ sottotono è lecito attendersi qualche gol in più da uno come lui che sta dando un contributo un po’ a scartamento ridotto, vuoi perchè c’ è un ottimo Morata, vuoi per ‘l’inamovibile’ CR7 non sta giocando sui livelli delle prime stagioni in bianconero ma la stagione è ancora lunga e potrebbe ritornare ad essere decisivo. L’attacco avrebbe bisogno di qualche marcatura in  più, la cessione di Gonzalo Higuain ha tolto qualcosa in termini numerici, l’ex centravanti del Napoli comunque assicurava una ventina di gol a stagione tra campionato e coppe.

L’eta non più giovanissima di alcuni giocatori tra cui Bonucci che però è ancora titolare e cerca di guidare al meglio la retroguardia della Juventus.

Pirlo Andrea, il neo mister potrebbe far giocare meglio la squadra, l’allenatore ed ex giocatore tra le altre squadre di Milan, Inter Brescia ed anche Juventus, è partito dall’allenare una squadra di rango molto alto (un po’ passateci il paragone come mettere un Ferrari in mano ad un neo patentato). La sua esperienza da giocatore potrà certamente tornare utile nell’allenare una squadra ed un ambiente che lui stesso in parte conosce già, anche se però sono due cose abbastanza differenti (tra giocare ed allenare c’è comunque una grossa differenza, la sua esperienza di calciatore però come già precisato potrebbe tornare utile). Difficile giudicarlo adesso, però potrebbe fare qualcosa di più.

L’ Allianz Stadium (o juventus stadium) chiuso dovuto alla ormai arcinota pandemia covid 19, è comunque un fattore in parte penalizzante per la squadra, nelle altre annate il pubblico era comunque il 12simo uomo in campo che supportava in maniera praticamente incessante la squadra nell’arco dei 90 minuti, quest’anno paradossalmente il fattore campo è stato azzerato quindi parlare di favoritismi appare fuori luogo così come già precisato.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

ANALISI SULLA JUVENTUS

Casertano-Aggiornamenti covid, 14 decessi

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Coronavirus- Quattordici morti per Covid nelle ultime 24 ore: è alto il bilancio delle vittime nel Casertano, dopo i sette morti di ieri. In appena 48 ore sono decedute 31 persone causa Coronavirus in provincia di Caserta, 391 da inizio pandemia. Un dato drammatico cui fa da contraltare il numero dei guariti, anche oggi molto alto: per quel che concerne i guariti sono 341, ben oltre duecento in più dei nuovi casi positivi (139), con un numero complessivo di persone attualmente contagiate dal Covid, che scende sotto la soglia dei cinquemila casi (4973); resta inoltre all’11%, come 24 ore fa, il rapporto tra i nuovi contagiati e test eseguiti (1262).

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Casertano-Aggiornamenti covid, 14 decessi

Rubrica : “la mia vita nell’ombra”

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa- Rivolgiamo anche oggi un saluto e soprattutto un augurio per il nuovo anno ai nostri lettori in occasione del sesto numero della rubrica “ Per ogni donna”. La storia di oggi, commentata dalla dottoressa Iolanda Vassallo, psicologa e criminologa, e dalla dottoressa Speranza Anzia Cardillo, giurista e criminologa, ha
come titolo “ la mia vita nell’ombra”. Il racconto di E., la protagonista di oggi, inizia così: “era stata la mia storia più importante e la ricordo tutt’ora così . Ciò,però,non è bastato a sopportare gli abusi che venivano quotidianamente praticati nei miei confronti: tradimenti, bugie, violenze, offese erano comportamenti sempre più frequenti da parte dell’uomo che amavo e che diceva di amarmi”. Non davo assolutamente motivo a lui per comportarsi in questo modo, non avevo altre frequentazioni ed ero sempre affettuosa con lui. Anche se così non fosse stato, nulla avrebbe potuto giustificare simili azioni. Così un giorno decisi di lasciarlo. Poco più che trentenne, volevo iniziare una nuova vita. Avevi conosciuto persone nuove e tanti amici. Il dolore era tanto, ma una volta chiuso quel rapporto non cercai mai più la persona che mi aveva fatto tanto male. Durante gli anni che avevamo trascorso insieme avevo dato tanto, ero stata sempre molto presente, mi facevo sentire spesso ma poi ho dato un taglio netto e mai ho pensato di tornare indietro. Lui invece ebbe un comportamento completamente diverso dal mio. Mi chiamava di continuo, dicendo di non riuscire ad accettare la fine della nostra storia. Quando gli dissi di non chiamarmi più iniziò con gli appostamenti sotto casa e le scenate di gelosia  quando mi vedeva con amici. Inventava altri profili per contattarmi, iniziò con le chiamate in forma anonima, nel cuore della notte. Fu allora che cominciai ad avere paura e ad avvertire un serio disagio. Ebbi quasi la sensazione di essere in pericolo in più di un’occasione. Le telefonate continuavano ad essere frequenti per tutto il giorno almeno per due anni . Tutto questo mi danneggiò tanto: non riuscivo più a rimettermi in gioco, non riuscivo a guardare al futuro ma continuavo ad essere ferma nell’ombra. Ero incapace di recuperare il passato perché sapevo che quello era un rapporto sbagliato ma non riuscivo nemmeno ad andare avanti. Mi ero creata una specie di alibi, dicendo che io volevo restare da sola per un po’ ,ma io in realtà volevo stare da sola, perché non credevo più nell’amore. Fu soltanto quando il mio ex smise di perseguitarmi che io ricominciai a vivere e a guardare con serenità al futuro. Avrei dovuto denunciare prima che tutto ciò finisse per mettere fine alla sofferenza che mi causava ogni  suo gesto!”

Mediaservice Caserta 640×300

Commento di Speranza Anzia Cardillo.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

La storia di oggi è emblematica perchè la vittima subisce dei veri e propri danni. I comportamenti dello stalker sono fortemente lesivi minano alla sua autostima e soprattutto al suo equilibrio. In genere questo accade in quasi tutte le storie di stalking, siano le vittime donne oppure uomini. Bisogna specificare che non è detto che il reato si consumi sempre tra un uomo e una donna per motivi sentimentali ma anche per altri motivi. Il fattore determinante di un simile reato consiste nella reiterazione di atti con i quali lo stalker contatta o minaccia un’altra persona che con lui non vuole avere alcun tipo di rapporto. Sono molto più frequenti, però, i casi in cui una persona che non accetta la fine di un rapporto oppure il rifiuto di un’altra persona comincia a perseguitarla e a spaventarla al fine di piegarla ai suoi voleri. Molto spesso la vittima ha paura del suo stalker ed proprio questa paura a stimolare ancor di più gli atti persecutori dello stalker. Per questo motivo la vittima non dovrebbe mai far trapelare la sua paura Generalmente, però, quando la vittima sente di essere in pericolo lo è davvero, per cui il timore di sentirsi in pericolo va assolutamente riferito agli organi competenti qualora la vittima decidesse di farsi difendere perché questo è un altro fattore determinante di questo tipo di reato . Così come anche la conseguenza di cambiare le proprie abitudini per evitare di incontrare l’autore di determinati atti. La paura per l’aggressione fisica o verbale, talvolta, come in questo caso, si trasforma in paura di amare, paura di vivere e di riacquistare una vita propria. A quel punto il danno é più che tangibile! Anzi oserei dire che probabilmente è proprio quello lo scopo dello stalker, cioè di imprimere un marchio ad una “ cosa che considera sua”. Ne sono dimostrazione gli atteggiamenti con i quali all’improvviso fa irruzione nella vita della vittima per segnalare ed impedire la presenza di altre persone. Chiunque subisca stalking deve farsi seguire anziché tenersi tutto dentro, allo scoop anche di limitare quanto più possibile i danni. Questo anche perché una vittima di stalking ha molte probabilità di diventare a sua volta uno stalker.

Commento dott.ssa Vassallo

Etimologicamente il termine “Stalking” è quasi diventato una parola alla moda per definire comportamenti persecutori, e questo termine deriva dal gergo venatorio inglese. «To stalk» che vuol dire «braccare» o «avvicinarsi di soppiatto» e si riferisce perlopiù alla preda.
Oggi “Stalking” significa perseguitare e molestare intenzionalmente e ripetutamente una persona, minacciandola psicologicamente ed inducendole ripetuti atti intimidatori.
“Stalking”: anche una sola telefonata e pochi messaggi WhatsApp giustificano la condanna.
La Cassazione penale, sez. V, sentenza 02/01/2019 n° 61, oltre ai comportamenti di semplice controllo quali i pedinamenti, le visite sotto casa o sul posto di lavoro, sono stati considerati atti persecutori anche il ripetuto invio di e-mail, sms, messaggi sui social network, telefonate, lettere e persino murales e graffiti, tutti dal contenuto minaccioso e tante volte anche sessualmente offensivo.
Lo “Stalking” può condizionare notevolmente la vita delle persone che ne sono vittime. Spesso subiscono veri e propri atti di terrorismo psicologico e lo “Stalking” può provocare nelle vittime gravi sofferenze psicologiche e portarle ad isolarsi socialmente.
Lo stalking è caratterizzato da varie forme e varie sfaccettature molto diverse fra loro e le innumerevoli azioni degli/delle stalker spesso non raggiungono la soglia dell’illegalità. Questo spiega in parte perché le vittime non prendono subito coscienza del fenomeno e avviino un procedimento penale solo in un secondo tempo. Dal punto di vista della prevenzione è tuttavia importante riconoscere quanto prima lo stalking e adottare immediatamente la misura della denuncia verso il carnefice di questo fenomeno tanto diffuso.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Rubrica : “la mia vita nell’ombra”

CRIMINI IRRISOLTI E PROCESSI NEL 2021:LA PAROLA AL SUPER CRIMINOLOGO CARMELO LAVORINO di Ferdinando Terlizzi


CRIMINI IRRISOLTI E PROCESSI NEL 2021:LA PAROLA AL SUPER CRIMINOLOGO CARMELO LAVORINO di Ferdinando Terlizzi | Cronache Agenzia Giornalistica

3

 

 

 

 

 

 

 

 

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

CRIMINI IRRISOLTI E PROCESSI NEL 2021:LA PAROLA AL SUPER CRIMINOLOGO CARMELO LAVORINO di Ferdinando Terlizzi

COSA RIAPRE A GENNAIO E QUALI REGIONI RISCHIANO LA ZONA ROSSA O ARANCIONE

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Manca poco, il 15 gennaio scadono gli effetti del decreto legge n. 158 , 2 dicembre e del 3 dicembre , invece il 7 gennaio cessano le restrizioni del Natale 2020 che hanno portato l’Italia zona rossa e arancione . cosa accadrà dopo ? A quali attività sarà concessa l’apertura ? In quali aree si  troveranno le regioni Italiane ?  Intanto durante la conferenza stampa di fine anno  Giuseppe Conte annuncia la riapertura delle scuole al 50% e la proroga dello stato d’emergenza , anch’esso in scadenza il 15 gennaio.

Mediaservice Caserta 640×300

In primo luogo bisogna ricordare che l’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità e del ministero ha segnalato che nove regioni siano a rischio moderato o alto nell’emergenza coronavirus. In particolare, cinque regioni (Liguria, Marche, Puglia, Umbria e Veneto) sono classificate a rischio alto; 12 a rischio moderato, di cui quattro (Emilia-Romagna, Molise, Provincia Autonoma di Trento e Valle d’Aosta) sono a elevata probabilità di progredire a rischio alto nel prossimo mese nel caso si mantenga invariata l’attuale trasmissibilità. In totale quindi le regioni a rischio sono nove, ovvero Liguria, Marche, Puglia, Umbria, Veneto, Emilia-Romagna, Molise, Provincia Autonoma di Trento e Valle d’Aosta.

Il sistema resterà: l’ha detto pochi giorni fa il ministro della Salute Roberto Speranza, e l’ha confermato anche il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Agostino Miozzo in un’intervista a Radio Capital:  “Inutile parlare di terza ondata, siamo ancora nel pieno della seconda. Fra una settimana le condizioni non saranno molto diverse da quelle di oggi: la curva dei contagi è ancora molto alta, i numeri sono ancora decisamente preoccupanti. Dobbiamo sperare che questi divieti durante le feste incidano in positivo sull’andamento della curva. Ma in questo momento non ho grandi speranze che dallo stato attuale si arrivi al 7 gennaio a una situazione come quella di giugno e luglio di quest’anno. È probabile che dopo il 7 gennaio ci sarà ancora un’Italia a colori”.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

A gennaio un nuovo decreto legge e un nuovo Dpcm

Ciò nonostante il governo programma la riapertura di alcune attività a gennaio, insieme al decreto legge e al Dpcm che sostituiranno quelli in vigore fino al 15. Per quanto riguarda le scuole c’è già una data, quella del 7 gennaio, per la ripresa della frequenza in presenza al 50%. E proprio ieri nella riunione del Cts gli esperti del ministero della Salute hanno acquisito il documento dell’European center for disease prevention and control, l’agenzia che monitora i virus, secondo il quale la scuola non costituisce una fonte di focolai da Covid e i rischi sono minori delle conseguenze di una prolungata chiusura.

Poi ci sono le attività produttive. Per i bar e i ristoranti rimarrà in vigore il sistema delle zone gialla, arancione e rossa e quindi gli esercizi potranno aprire fino alle 18 se si trovano nelle aree con minori restrizioni oppure potranno solo fare servizio d’asporto e consegna a domicilio negli altri casi. Per quanto riguarda sport e stadi, ieri il ministro Spadafora ad Agorà ha regalato una speranza: “Penso sia possibile, seppur con alcune limitazioni, riaprire palestre, piscine e centri di danza entro la fine di gennaio”. Per gli stadi invece bisognerà aspettare ancora qualche mese.

Ma anche qui prima sarà necessario valutare i numeri dell’emergenza. Che continuano a non mostrare la caduta dei contagi che era stata vista nella primavera scorsa. E che però all’epoca aveva generato una sensazione di “Liberi tutti” che abbiamo pagato con la seconda ondata di ottobre. Intanto l’Italia passa domani da zona arancione a zona rossa, e resta in rosso fino al 3 gennaio. Nei giorni da zona rossa restano chiusi i centri estetici, i bar e i ristoranti, mentre sono aperti supermercati, negozi di alimentari e di prima necessità, farmacie e parafarmacie, parrucchieri e barbieri. È possibile uscire di casa solo per “comprovati motivi di lavoro, salute o necessità”, sempre portando con sé l’autocertificazione da mostrare in caso di controlli delle forze dell’ordine. Il cosiddetto ‘decreto Natale’, approvato dal governo il 18 dicembre, prevede da domani all’Epifania un solo giorno arancione, con qualche concessione in più ai cittadini, il 4 gennaio. Il 5 e 6 gennaio il paese vira di nuovo in rosso, poi il 7 gennaio si torna alla situazione delle fasce precedente il decreto.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

COSA RIAPRE A GENNAIO E QUALI REGIONI RISCHIANO LA ZONA ROSSA O ARANCIONE

Gli Amabili Libri

Il blog di Francesca Ottobre

recensioni936.wordpress.com/

E' solo un punto di vista

Revolver Boots

Scream for me...

che-blog

Blog italiano di cultura generale

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore Stefano Ligorio

Parla come viaggi - il blog di Silvia Wanderlust

Viaggi, archeologia e fotografia sono le mie grandi passioni. Voglio condividere con voi foto, itinerari, esperienze di viaggio e la mia vita da futura archeologa.

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

4000 Wu Otto

Drink the fuel

Judy e Lyth

parole tra due amiche

Blog Femme & Infos

Anita Blogue

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quindicesimo anno ♥    

Annita Klimt

Mi Nouvelle Vague personal

alle pendici del tifata ed oltre

tradizioni,usi e costumi, meridionalismo e divagazioni

The Daily Think

Laura Quick's book The Quick Guide To Parenting is available to order on Amazon. A perfect gift for parents.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: