Caiazzo. Consiglio comunale, tutto approvato anzi no, occorre una nuova assise: ‘ad horas’


É purtroppo accaduto l’imponderabile o meglio quanto ci si poteva aspettare solo con un pizzico di “grano salisContinua a leggere

Arzano, ancora interrogazioni parlamentari

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Arzano– Quale futuro per questo Paese? Di che tipo di riscatto si parla? È opportuno chiarire soprattutto, cosa realmente si chiede alle forze di questo territorio. Le elezioni non sono state ancora indette. Se ne parla? Bene. Eppure cominciano e si rincorrono già i soliti schemi. Arzano terra di camorra. Arzano vestita di nero. Arzano il paese di delinquenti. Eppure è stato assolto un altro dirigente, notizia recente, con un non luogo a procedere e allora viene da chiedersi se nessuno finisce in galera; se non avviene alcun arresto (o quanto meno condanna seppur con i tempi dilatati della giustizia); se non si è mai registrato un solo esponente eletto all’interno del consiglio comunale appartenente ad organizzazioni o gruppi dichiaratamente legati ad ambienti criminali; dove risiedono i motivi di questo scioglimento? Perchè il cittadino non può votare come suo diritto? Perchè non possiamo creare un luogo vivibile grazie a fondi e progetti? Ma poi arriva la solita interrogazione parlamentare, come negli ultimi giorni che, reca come evidenziato da altre testate giornalistiche delle analogie che suggeriscono quasi “un dettato”, e che ci fa ancora brutti, sporchi e cattivi. Si fornisce così primo ennesimo tassello per porre le condizioni del quarto scioglimento? Il fumo che si leva prima del soffio dei venti elettorali, solo per il gusto di dire che siamo un paese di delinquenti? O che altro? Se queste sono le premesse al prossimo rinnovo e voto democratico ci si domandi allora se ne vale realmente la pena, mettervi la faccia, avviare tavoli, candidature e prendere un impegno con la città. Che i partiti prendano posizioni nette, senza attendere in convenevoli/convenienze. Si scelga il campo con onestà intellettuale. Che i presìdi di legalità ci liberino davvero, da illegalità e che si agisca in azioni volte a ripristinarla. Che ognuno faccia il proprio lavoro, coscienziosamente. Nei fatti.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Arzano, ancora interrogazioni parlamentari

Aversa, Il ringraziamento del M5S all’assessore Ciro Tarantino

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa- Il M5S di Aversa, esprime un ringraziamento all’Assessore alle Politiche Sociali, Pubblica Istruzione, Associazioni e Volontariato, Politiche di Coesione e Periferie, dr. Ciro Tarantino e gli riconosce in particolare la competenza che ha assicurato al servizio dei cittadini e delle categorie più fragili. Gli dà atto, in particolare, che si è impegnato quotidianamente per le condizioni di bisogno di numerose persone,lavorando nello stile del motto già caro al movimento: “PRIMA GLI ULTIMI ”.
A tal proposito, siamo certi che lascerà un’impronta significativa, per aver  proposto e fatto approvare la delibera per l’attuazione del percorso di inclusione nel mondo del lavoro dei percettori del REDDITO DI CITTADINANZA, con l’istituzione di un catalogo che va oltre le più rosee aspettative da parte della nostra forza politica. Gli riconosciamo, inoltre,
l’impegno per aver proposto e costituito il NUCLEO EMERGENZA SOCIALE, che ha operato con professionalità e dedizione. Questo solo per citare alcuni impegni assunti, senza considerare il ruolo determinante nel delicato periodo di pandemia, nella distribuzione dei BUONI SPESA e dei PACCHI ALIMENTARI.
Il portavoce comunale del M5S Roberto Romano.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa, Il ringraziamento del M5S all’assessore Ciro Tarantino

Emergenza Covid, Santillo (FDI): “Ristoratori totalmente abbandonati, aiutiamoli”

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Fino al 6 gennaio – stando al “Decreto Natale” – bar e ristoranti continueranno a lavorare solo per l’asporto e per le consegne a domicilio.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

“Chi ha deciso di investire in questo settore – dichiara Gabriella Santillo – continua a soffrire per le conseguenze delle restrizioni e delle regole imposte da Conte e De Luca. I dati parlano chiaro, le testimonianze degli imprenditori del nostro territorio che ho ascoltato in questo periodo confermano quanto ripetuto più volte: nei confronti di questo tema serve più visibilità, più sensibilità, più impegno da parte delle istituzioni. Non mi stancherò mai di ripeterlo.
In attesa di misure concrete da parte del Governo e della Regione – continua la consigliera – mi unisco all’appello di Giorgia Meloni: aiutiamo i nostri ristoratori! Per chi ha ancora un reddito fisso a fine mese: continuate ad acquistare attraverso l’asporto e la consegna a domicilio. In questo modo – conclude la rappresentante di Fdi in Provincia di Caserta – possiamo dare una grossa mano a piccole e medie imprese in difficoltà”.

Mediaservice Caserta 640×300

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Emergenza Covid, Santillo (FDI): “Ristoratori totalmente abbandonati, aiutiamoli”

Albero cade su un auto. All’interno una donna con un bambino

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Caserta. Il consiglio è quello di uscire soltanto se è indispensabile. Il vento forte che vi avevamo annunciato sta facendo danni e mediando vittime. A Caserta poco fa in via dei Vecchi Pini zona  parco Cerasole un albero di grosse dimensioni è caduto su un’autovettura tirando con sè anche dei cavi elettrici.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Dall’autovettura sono stati estratti per fortuna fan e salvi una mamma con il bambino piccolo. Sono dovuti intervenire i vigili del fuoco di Marcianise perché quelli di Caserta e di altre zone limitrofe impegnata in altro operazione di messa in sicurezza proprio a causa del vento forte. Sul posto stanno aggiungendo anche i tecnici dell’Enel e del Comune per verificare i danni a causa dei cavi tranciati dall’albero.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Albero cade su un auto. All’interno una donna con un bambino

Aversa, dimissioni assessore Tarantino. Il sindaco: grato per lavoro svolto

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa-Nella giornata di oggi l’assessore alle Politiche sociali del comune di Aversa, Ciro Tarantino, ha rassegnato le proprie dimissioni. “Ringrazio Ciro Tarantino – commenta il sindaco Alfonso Golia – per l’incessante lavoro svolto in questi mesi per costruire nella nostra città un sistema di politiche sociali, scevro da condizionamenti, ma soprattutto in grado di guardare al medio e lungo periodo. Dall’assistenza ai senza tetto al banco alimentare, abbiamo messo in campo tante iniziative per contrastare la crisi e l’emarginazione sociale e le discriminazioni . Insieme ci siamo trovati ad affrontare undici mesi di pandemia e abbiamo dato tutto, costruendo dal nulla quello che è oggi un fiore all’occhiello della città, il Nes ma soprattutto un modello di collaborazione e confronto con il tessuto attivo della città, di cui vedremo i frutti nei prossimi mesi grazie al laboratorio civico Aversa2030 con il quale puntiamo a realizzare, concretamente, una città di tutti”.

“Con massima trasparenza -continua il Sindaco- allego la lettera personale di amicizia con la quale mi sono state comunicate ufficialmente le dimissioni”.

LA LETTERA 

Mediaservice Caserta 640×300

Ti scrivo per rassegnare le dimissioni dall’incarico di assessore che mi hai conferito il 5 luglio 2019 e che mi ha consentito di partecipare al governo della città in mesi di impegno straordinario per tutti noi e di grandi sacrifici per la comunità, che oggi comincia a raccoglierne i frutti e vederne i risultati.

Ho posto con determinazione al servizio della comunità cittadina le competenze acquisite negli anni, avendo quali stelle polari della mia azione i principi di giustizia sociale e legalità, che condividiamo profondamente.

Abbiamo trovato solo macerie e rovine, e abbiamo avviato una complessa opera di ricostruzione che richiederà probabilmente molti lustri per essere portata a termine, perché molti lustri ha richiesto la distruzione materiale e morale di questo territorio.

Per di più, di diciotto mesi circa di amministrazione, undici li abbiamo passati a contrastare un’emergenza epidemiologica sanitaria e sociale senza precedenti nell’Italia repubblicana; non dimenticheremo mai quei momenti interminabili in cui abbiamo dovuto inventare risposte per domande che nessuno aveva mai sentito prima nella storia recente.

Ora, però, una fase si è definitivamente conclusa. La maggioranza uscita dalle urne il 9 giugno 2019 è implosa, logorata da una misera guerra intestina che ha rivelato l’ipostaturismo morale e politico delle fazioni che l’hanno condotta. Il destino della città è correlato da tempo agli equilibri instabili di una faida avvilente. L’ultimo Consiglio comunale ha ratificato questa crisi e aggregato, pare, una nuova maggioranza.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

lo sento di dover scendere qui. Sia chiaro, dunque, che avrei rassegnato le dimissioni anche nel caso in cui si fosse ricompattata la maggioranza originaria, perché il termine della mia esperienza nell’esecutivo si inscrive esclusivamente in quello che interpreto come l’esaurimento di un momento politico, l’appannarsi cioè di quella finestra temporale nata nella primavera della campagna elettorale e dalla quale si era insinuato il soffio vitale di un’altra politica. Ho condiviso con te quell’entusiasmo e al permanere di quel clima gradevole ho vincolato la mia disponibilità.

Una lunga tradizione di pensiero che giunge fino a noi mi insegna, infatti, che c’è un tempo debito per le cose della vita, un solo istante critico e fecondo. Un solo momento opportuno, kairos, figlio di una miscela propizia. Ma questo momento giusto è una congiuntura precaria, fragile e deteriorabile, che va custodita con cura.

Non ti nascondo che il richiudersi di questo tempo debito esaurisce anche i miei già risicati margini di tolleranza nei confronti dell’asfittico sistema partitico e politico territoriale. Per mesi, piccoli giocatori di un risiko di provincia, autoproclamatisi ‘statisti’, hanno volenterosamente cercato di spiegarmi cos’è la “vera politica” e il fatto che i voti “si fanno”. Li ringrazio di aver generosamente condiviso con me il mistero iniziatico della fabbricazione del voto e l’immensa tristezza di questa visione del Politico. Per ora, la mia conversione è rimandata.

Ho ancora idee e ideali, che sono reali e concreti; come reale è lo studio e la ricerca con cui li modello con curiosità e passione. In diciotto mesi, allievo impenitente, neppure il disprezzo per la cultura sono riuscito ad assimilare da questi precettori. Ho scelto con cura i miei maestri di giustizia e libertà in un tempo che li precede e li sovrasta. Così, sono ancora di quelli che rivendicano i libri letti come i calli sulle mani.

Penso che a questi politici piccoli piccoli vada comunque riconosciuta, insieme alla sicura capacità di fabbricare consenso, anche l’indubbia responsabilità del desolante stato di queste terre, dell’indiffia qualità della vita in cui hanno costretto a vivere noi e a cui hanno destinato i nostri figli. Una politica fatta di rendite di posizione e governo dell’intermediazione immobilizza questa terra in un lungo feudalesimo che si regge su gerarchie servili di vassalli, valvassori e valvassini. Nessuno si senta offeso, è un sistema condiviso, diffuso, trasversale e transgenerazionale, in cui si confondono giovani e vecchie cariatidi politiche.

Purtroppo, anche molti di coloro che non lo praticano ne subiscono la grottesca suggestione.

In questi mesi mi hai fatto, però, conoscere anche una parte di città reale che si impegna quotidianamente per cambiare la situazione del popolo fragile e non per proliferare sul suo stato putrescente di bisogno. Insieme a loro, abbiamo lavorato giorno per giorno, atto per atto, sotto l’insegna del “prima gli ultimi”.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa, dimissioni assessore Tarantino. Il sindaco: grato per lavoro svolto

Covid-19/ Calano i positivi a fronte di un minor numero di tamponi, ma non i decessi

Liceo Manzoni Caserta 640×300

È un bilancio che non si arresta quello delle  vite stroncate dal Covid.

Dopo il Vaccine Day che ha dato  simbolicamente avvio alla campagna vaccinale in Italia, come nel resto dell’Europa, infondendo la speranza di porre un freno all’emergenza sanitaria in corso; la realtà dinanzi alla quale siamo di fronte è quella di una pandemia che continua, purtroppo, a mietere vittime. Salgono infatti a 377 i decessi dall’inizio della pandemia con sette morti in 24 ore registrate ad Aversa, Caiazzo, Frignano, Lusciano, San Felice a Cancello, San Nicola la Strada e Sessa Aurunca.

Mediaservice Caserta 640×300

Quattro le vittime registrate in due diverse aziende ospedaliere.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Due al Moscati di Avellino e due al San Pio di Benevento.

Presso il Moscati sono deceduti un 85enne di Monteforte Irpino e un 93enne di Frigento.

Al San Pio di Benevento, invece, un 82enne di Pietrelcina e un 78enne della provincia di Caserta.

Dall’ultimo bollettino diramato dall’Asl di Caserta e aggiornato alle ore 14.00 di oggi, lunedì 28 dicembre, nelle ultime 24 ore in Terra di Lavoro, su 518 tamponi effettuati, sono emersi 58 nuovi positivi con una percentuale di contagio dell’ 11,2% in aumento se ricollegata all’effettuazione di un minor numero di tamponi, così come risulta dai dati relativi ai giorni scorsi.  In calo il numero degli attuali positivi che raggiungono quota 5.189 (-111).

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Covid-19/ Calano i positivi a fronte di un minor numero di tamponi, ma non i decessi

(VIDEO INTERVISTA)Carlo Poerio e W. Gladstone: S.A.Cardillo intervista Anna Poerio


Liceo Manzoni Caserta 640×300

Teverola– Questa mattina noi di Belvederenews abbiamo intervistato la professoressa Anna Poerio Riverso, pittrice, saggista, traduttrice nonché autrice del testo “ Carlo Poerio e William Glandstone” ,le due lettere al conte di Aberdeen sui processi politici del governo napoletano”, la cui introduzione è stata curata da Renata De Lorenzo. Anna Poerio ,durante la redazione del testo, ha svolto un particolare lavoro di ricerca e di traduzione di documenti, come le lettere depositate presso l’Archivio di Stato di Napoli, per portare alla luce la reale situazione e le condizioni in cui versavano i patrioti detenuti per motivi politici durante il regime borbonico.. Autrice anche del testo “ Carlo Poerio” una vita per l’unità d’Italia, Anna Poerio Riverso è dal 2001 fondatrice e presidente dell’associazione “Alessandro Poerio”, che ha ottenuto grandi riconoscimenti. I Poerio sacrificarono tanto per l’unità d’Italia e parteciparono attivamente all’epopea risorgimentale. Anna Poerio è stata fin da giovane affascinata dalle opere compiute dai suoi antenati e dai valori per i quali si sono battuti, tanto da scrivere testi che hanno come argomento principale proprio le loro vicende della loro vita.

VIDEO INTERVISTA 

Mediaservice Caserta 640×300
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273
Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

(VIDEO INTERVISTA)Carlo Poerio e W. Gladstone: S.A.Cardillo intervista Anna Poerio

Ultim’ora. Le foto. Cadono calcinacci. Ferito il direttore della banca

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Attimi di paura in pieno centro a Maddaloni pochi minuti fa. Nella centralissima via San Francesco d’Assisi, proprio sul palazzo che sovrasta una delle banche più frequentate della città, sono caduti dei calcinacci dal sesto piano. Ferito il direttore della banca BNL di via Capillo che transitava in quel momento sul marciapiede. Si è reso necessario  portarlo  in ospedale perché, colpito alla testa e sanguinante.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Mediaservice Caserta 640×300

Il marciapiede è stato subito recintato per evitare passaggi di pedoni.  Sul  posto la locale polizia municipale,  i carabinieri vigili del fuoco che stanno mettendo in sicurezza il cornicione del palazzo interessato. I primi effetti del forte vento preannunciato dall’allerta meteo la giornata di oggi si stanno già facendo sentire.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Ultim’ora. Le foto. Cadono calcinacci. Ferito il direttore della banca

Auto in fiamme nel parcheggio del Campania

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Marcianise– Momento di paura nel primo pomeriggio al centro Campania. Un auto ferma nel parcheggio infatti ha preso fuoco, sul posto sono  arrivati subito i vigili del fuoco e spegnere le fiamme. Ancora non è chiara la dinamica dell’incendio, ma sembra che l’auto abbia preso fuoco da sola.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Auto in fiamme nel parcheggio del Campania