Il Racconto, La notizia

La notizia comunicata dal capo indicava una difficile missione da compiere… Il nostro autore si addentra in una narrazione introspettiva…

di Giovanni Renella

Quando a marzo inoltrato gli fu data la notizia, non è che Lele fosse proprio al settimo cielo: l’incarico era dei più tosti che il capo gli avesse mai affidato!

Per quanto il letto fosse soffice come una nuvola, quella notte non riuscì a prendere sonno.

Il mattino seguente la notizia si era già sparsa in ogni angolo del regno e gli amici erano accorsi da ogni dove per congratularsi con lui; la qual cosa, invece di rallegrarlo, contribuiva a rendergli più gravoso il compito che lo attendeva, viste le aspettative che si erano create in proposito.

Eppure l’esperienza non gli mancava.

Nelle alte sfere era tenuto in gran considerazione, visto l’elevato livello di affidabilità che aveva sempre dimostrato nell’espletare ogni tipo di incarico che gli fosse commissionato.

Tant’è che tutti lo consideravano una sorta di braccio destro del comandante supremo: una consapevolezza di cui Lele era cosciente, ma che, invece di tranquillizzarlo, contribuiva ad accrescere le sue ansie.

Il caso, all’apparenza semplice, per lui nascondeva una serie di insidie da cui non sapeva come districarsi.

Innanzitutto la giovane età del soggetto cui doveva rivolgersi gli poneva l’immediato problema di come dover affrontare un’eventuale incomprensione.

Il messaggio da recapitare era linguisticamente semplice, ma logicamente complesso.

E se chi doveva riceverlo non fosse stato psicologicamente pronto a recepirlo?

E se il destinatario non fosse predisposto ad accettarlo?

E se non avesse avuto l’acume necessario per comprendere il significato delle sue parole?

E se avesse già pianificato il suo futuro in maniera diversa?

Perché era toccato proprio a lui sconvolgere i piani di quell’innocente?

Tutti quei se senza risposta, oltre a procurargli un mal di testa di dimensioni universali, lo avevano gettato nel più profondo avvilimento.

A nulla valevano i complimenti e le pacche sulle spalle degli amici che lo circondavano festanti: non riusciva a godere di quel momento che, per gli altri, era di gran gioia.

Poi, all’improvviso, tutto gli apparve sotto una luce diversa.

Perché non ci aveva pensato prima?

Eppure dopo tanti anni vissuti a stretto contatto con il capo, tutto avrebbe dovuto essergli chiaro sin da subito.

Che sciocco, pensò fra e , riprendendosi dallo sconforto: alla fine, come sempre, era solo una questione di fede!

Così, dissipato ogni dubbio e rinfrancato nello spirito, Gabriele, dispiegate le ali, volò giù sulla Terra per annunciare a Maria la lieta notizia.

Giovanni Renella, nato a Napoli nel ‘63, vive a Portici. Agli inizi degli anni ’90 ha lavorato come giornalista per i servizi radiofonici esteri della RAI. Ha pubblicato una prima raccolta di short stories, intitolata  “Don Terzino e altri racconti” (Graus ed. 2017), con cui ha vinto il premio internazionale di letteratura “Enrico Bonino” (2017), ha ricevuto una menzione speciale al premio “Scriviamo insieme” (2017) ed è stato fra i finalisti del premio “Giovane Holden” (2017). Nel 2017 con il racconto “Bellezza d’antan” ha vinto il premio “A… Bi… Ci… Zeta” e nel 2018 è stato fra i finalisti della prima edizione del Premio Letterario Cavea con il racconto “Sovrapposizioni”. Altri suoi racconti sono stati inseriti nelle antologie “Sette son le note” (Alcheringa ed. 2018) e “Ti racconto una favola” (Kimerik ed. 2018). Nel 2019 ha pubblicato la raccolta di racconti “Punti di vista”, Giovane Holden Edizioni. Il libro ha meritato il Premio Speciale della Giuria al Premio Letterario Internazionale Città di Latina. Nel 2020 il racconto “Vigliacco” è stato inserito nell’antologia “Cento Parole” e il racconto “tepore” è stato inserito nell’antologia “Ti racconto una favola”, entrambe pubblicate dalla Casa Editrice Kimerik. Inoltre, con il racconto “Come un dito nel culo”, pubblicato dalla Giovane Holden nel volume n. 7 “Bukowski. Inediti di ordinaria follia”, è risultato finalista al Premio Bukowski. Sempre, nel 2020 i suoi racconti“Il sogno”, “Innocente evasione” e “Mamme!”sono stati premiati e inseriti nell’antologia “Io resto a casa e scrivo” edita dalla Kimerik. 

Articolo correlato:

https://wp.me/p60RNT-3Zh

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il Racconto, La notizia

Castel Morrone. Sequestrato allevamento abusivo di polli e conigli: nei guai 3 soggetti recidivi


Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Caserta, Continua a leggere

Aversa, post Consiglio comunale/Golia: “lo chiameranno inciucio”

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa– Al Consiglio comunale di oggi il sindaco è stato salvato, come ha scritto un nostro redattore,  “per il rotto della cuffia”. Ora a chi parla di “inciucio” o di “salto della quaglia”, riferendosi a coloro che in un primo momento hanno votato contro il Bilancio,salvo poi cambiare idea oggi, Alfonso Golia risponde così

“Andiamo avanti!

Mediaservice Caserta 640×300

Con grande senso di responsabilità una parte del consiglio comunale ha votato a favore del riequilibro di bilancio permettendo all’AmministraIone di andare avanti. Li ringrazio per questo atto di amore verso la città, che in questi giorni ci chiedeva con forza di non mollare.

Lo chiameranno inciucio, proveranno a mistificare quanto è avvenuto oggi in Aula. Ma la verità è che non potevamo permetterci di affidare Aversa all’ennesimo commissariamento, soprattutto in un momento come questo.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Prendo atto che 4 consiglieri del mio partito, il Partito Democratico, hanno votato contro nonostante ore e ore passate a fornire e ribadire i chiarimenti tecnici richiesti. Come a molti di voi, anche a me hanno insegnato che tutti sono utili, ma nessuno è indispensabile. Lascio a loro il politichese, noi abbiamo del lavoro da fare per il bene della città.

Ed è ciò che non abbiamo mai smesso di fare. Ogni giorno, tutti i giorni… per la nostra amata Aversa.

E al netto di ciò oggi è un bel giorno per la città: il Comune ha ricevuto le chiavi del bene confiscato in via Madonna dell’olio.

Auguro a tutti voi una buona serata, apriamo una pagina nuova per l’amministrazione cittadina ma sono certo che con il vostro supporto, con la collaborazione e il confronto vinceremo tutte le sfide che la complessità di questo tempo ci pone di fronte”

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa, post Consiglio comunale/Golia: “lo chiameranno inciucio”

L’ODISSEA DI CASERTANA-VITERBESE FINISCE IN PROCURA

Liceo Manzoni Caserta 640×300

La Procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) potrebbe aprire questa mattina un’indagine in relazione alla partita del campionato di Lega Pro, disputata domenica allo stadio Pinto di Caserta, fra Casertana e Viterbese, nella quale la squadra di casa è scesa in campo con nove uomini, causa ‘focolaio’ con 15 calciatori positivi, schierando due atleti febbricitanti che, dopo la partita, sono risultati positivi al Covid.

Mediaservice Caserta 640×300

I tamponi molecolari ai due giocatori con decimi di febbre (il test è stato effettuato anche a un terzo atleta, risultato però negativo) erano stati effettuati nell’immediato pre-partita dalla Asl, il cui personale era intervenuto su richiesta del medico sociale della Casertana.
La partita si è disputata ugualmente, nonostante l’Asl avesse richiesto qualche ora per fornire l’esito dei tamponi e la stessa Casertana avesse chiesto alla Lega di posticipare alle ore 21 l’inizio del match previsto originariamente alle 17,30 (l’incontro è iniziato alle 18,15).

Ieri l’Asl ha spiegato di essere intervenuta domenica solo per i tamponi, ma che nessun parere gli era stato richiesto in ordine all’opportunità di giocare il match, visto l’alto numero di positivi nella Casertana; quel parere, su sollecitazione del club, lo fornirà invece oggi sulla partita che la Casertana dovrà disputare domani in casa della Juve Stabia.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sarà la Procura a ricostruire quanto accaduto domenica. L’informativa arriverà questa mattina sulla scrivania del procuratore di S. Maria Capua Vetere, Maria Antonietta Troncone.

Sulla match farsa dopo la furia di vari addetti ai lavori nella squadra rossoblù è intervenuto in maniera durissima, verrebbe da dire a ‘gamba tesa’ anche il presidente della squadra rossoblù. Il presidente Giuseppe D’Agostino ecco quanto ha affermato …:  “Sono stati giorni intensi e difficili, in cui in cima ai nostri pensieri c’è stata innanzitutto la salute di chi vive quotidianamente il mondo Casertana. Ci stiamo lasciando alle spalle l’amarezza per una domenica in cui sono stati negati i principi fondanti del mondo dello sport. Una domenica in cui sono venute meno le reali priorità. In queste ultime ore, inoltre, abbiamo dovuto prendere atto di altri contagi all’interno del nostro gruppo squadra. Coda di quanto accaduto nello scorso week-end. Insomma chiuso questo capitolo, vorremmo davvero pensare a metabolizzare l’accaduto per ripartire. Soprattutto una volta che gran parte della squadra rientri dall’isolamento in cui è costretta, per tornare ad una vita normale.

In questi giorni ne abbiamo sentite tante. Tantissime. Vere, verosimili e false. Le ricostruzioni parziali, poi, fanno parte del gioco. Ognuno cerca di tirare l’acqua al proprio mulino. La quasi totalità della stampa locale e non ha trattato l’argomento con massimo rispetto, professionalità ed attenzione. Consapevole di viaggiare spesso lungo un filo sottile. Fatto sta che sulla scia di questo lungo disquisire, non poteva mancare la solita voce che cerca di essere fuori dal coro. Non per dovere di informazione, ma per necessità di ritagliarsi uno spazio. Dire la propria a prescindere. Di rivendicare la propria esistenza. Anche se della Casertana e dei suoi colori si conosce poco e ci si limita a cavalcare soltanto l’onda di fatti extracalcistici o delle voci di corridoio alimentate da chi cerca di piazzare solo ostacoli lungo il cammino di chi prova a costruire. E anche questa volta dalla colonne di Casertace.net arriva un affannoso tentativo in extremis di mettere in cattiva luce la Casertana e chi in essa e per essa opera. La solita caricatura a cui il sottoscritto viene ridotto dalla solita penna. Fatti captati in maniera frammentaria e ricomposti per cercare di rendere ridicola la nostra società. Della mia estrazione, del mio lavoro ed anche dei miei limiti sono orgoglioso. Per questo non mi offendo di fronte a questi imbarazzanti tentativi di spostare l’attenzione.

Osservazioni, analisi e giudizi, sono all’ordine del giorno. Ma non posso accettare che si raccontino fatti in maniera errata. Con certe cose non si scherza. E insinuare inesattezze circa il numero di contagi lo trovo di cattivo gusto. Il passaggio dell’articolo in cui si dice “Perché oggi pomeriggio altre fonti ugualmente accreditate parlano di otto positivi, più altri sette indisponibili per altre ragioni: 5 per infortuni vari e due squalificati”. Su questo non ci sto. L’ultima PEC inviata dall’ASL alle ore 13 di domenica 20 tracciava un aggiornamento schematico e chiaro e parlava di 15 contagi, di cui uno relativo ad un dirigente. Forse alle fonti ugualmente accreditate, a cui anche qualcun altro ha attinto, sarebbe giusto dare un nome e un cognome per accertarne la credibilità e trasformare il sentito dire in fatti concreti. Cosa che la stampa in queste ore ha fatto in maniera quasi sempre impeccabile. Sulla questione dei calciatori da ritenere disponibili non è certo un mistero su come funzioni. In data 17 e 19 dicembre la Casertana FC aveva richiesto il rinvio delle gare con Viterbese e Juve Stabia alla luce del quadro certificato di contagi da Covid-19 a cui poi venivano allegati ulteriori certificazioni di infortuni di lungo corso, che chi segue costantemente le nostre vicende, conosce bene. Sui contatti costanti con Lega Pro e figure apicali di essa, mi sembra riduttivo stare qui a parlare di cose che fanno parte della routine, figurarsi in momenti così delicati. Se da parte della Viterbese ci fosse stata la disponibilità al rinvio, tutto sarebbe stato più semplice. Non ci siamo tirati indietro, abbiamo preteso che fosse la Lega Pro a decidere se dovessimo scendere in campo o meno. La nostra richiesta di posticipo alle 21 ne è la conferma. Volevamo pur scendere in campo, ma con la certezza che i tre sospetti non fossero positivi. Richiesta minima che non è stata soddisfatta. Abbiamo dei limiti. Lo sappiamo. Ci confrontiamo con essi ogni giorno e lavoriamo per superarli. Ma non accetto che si ridicolizzi la Casertana e, di conseguenza, chi crede fortemente in essa. Capisco, però, che in questo particolare periodo dell’anno ogni argomento possa tornare utile in vista di chissà quale interesse. Avrei voluto chiuderla qui, non tornare più sull’argomento. Ma non potevo restare in silenzio ed accettare passivamente un tale racconto”.

Sul match disputato in maniera a dir poco indecorosa, è intervenuto anche il sindaco del capoluogo di  terra di lavoro, Il Sindaco di Caserta C. Marino, a Radio Punto Nuovo di Caserta, rivelando come ci sia stato un sollecito alla Asl: “Sappiamo tutti che deve intervenire, ma l’Asl è assente. Abbiamo sollecitato l’intervento formalmente ed informalmente per la tutela del diritto alla salute. Ho sentito parlare di protocolli: manca buon senso che va oltre le procedure. Quando abbiamo contattato il dipartimento di prevenzione della Asl ci hanno detto che non c’è ancora il cluster. Siamo contrari alla posizione della Asl di Caserta. Anche ieri ho sollecitato la Asl: è inutile fare i Dcpm nazionali, se nel momento in cui bisogna attivarsi, come dovrebbe la Asl, non ci si attiva“. Non solo, Marino ne ha anche per la Lega Pro: “Inoltre, la Lega non si è attivata, aldilà dei protocolli. Ci sono corresponsabilità del dipartimento di prevenzione della Asl e della Lega. Stiamo facendo un lavoro per bloccare le catene dei contatti: se non la fermiamo quando abbiamo 15 positivi e tre ragazzi sotto tampone e due risultati positivi scesi in campo, allora siamo di fronte ad una situazione imbarazzante

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

L’ODISSEA DI CASERTANA-VITERBESE FINISCE IN PROCURA

COVID 19, LA CAMPANIA TORNA ZONA ROSSA

Liceo Manzoni Caserta 640×300

L’ Italia torna ad essere zona rossa come la Regione Campania, dalla giornata di domani, saranno in vigore le restrizioni natalizie varate dal Governo per provare a contenere la diffusione della pandemia nei giorni di festa e per non ritrovarsi punto e a capo come avvenuto dopo l’estate. Il premier Conte e la squadra dei ministri hanno però concesso delle deroghe e allora per gli spostamenti sarà necessario portare con sé l’autocerficazione. Il “modello natalizio” per spostarsi durante le festività natalizie è scaricabile al link, modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf (interno.gov.it) ANDANDO SUL SITO interno.gov.it:

Sotto una sorta di ‘fac simile’

Mediaservice Caserta 640×300
ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

AUTODICHIARAZIONE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 D.P.R. N. 445/2000

Il/La sottoscritto/a _____________________________________________________ , nato/a il ____ . ____ . _____
a ____________________________________ (______), residente in _______________________________________
(______), via ________________________________________ e domiciliato/a in _______________________________
(______), via ________________________________________, identificato/a a mezzo __________________________
nr. _____________________________________, rilasciato da _____________________________________________
in data ____ . ____ . _____ , utenza telefonica ________________________ , consapevole delle conseguenze penali
previste in caso di dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale (art. 495 c.p.)
DICHIARA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITÀ
 di essere a conoscenza delle misure normative di contenimento del contagio da COVID-19 vigenti alla
data odierna, concernenti le limitazioni alla possibilità di spostamento delle persone fisiche all’interno del
territorio nazionale;
 di essere a conoscenza delle altre misure e limitazioni previste da ordinanze o altri provvedimenti
amministrativi adottati dal Presidente della Regione o dal Sindaco ai sensi delle vigenti normative;
 di essere a conoscenza delle sanzioni previste dall’art. 4 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, e dall’art.
2 del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33;
➢ che lo spostamento è determinato da:
– comprovate esigenze lavorative;
– motivi di salute;
– altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri
provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio;
(specificare il motivo che determina lo spostamento):
________________________________________________________________________________________________;
 che lo spostamento è iniziato da (indicare l’indirizzo da cui è iniziato)
________________________________________________________________________________________________;
 con destinazione (indicare l’indirizzo di destinazione)
________________________________________________________________________________________________;
 in merito allo spostamento, dichiara inoltre che:
________________________________________________________________________________________________.
Data, ora e luogo del controllo

Firma del dichiarante L’Operatore di Polizia

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

COVID 19, LA CAMPANIA TORNA ZONA ROSSA

Il sindaco di Aversa salvo per il ‘rotto della cuffia’


Secondo parte dell’opposizione sì è trattata di una pessima pagina scritta da parte di certa politica locale. Qualche giornalista, per descrivere il comportamento di chi ieri ha votato contro e oggi a favore, ha parato di “salti della quaglia”.

Si è trattato, quindi, di una vera e propria “inversione a U”per usare un gergo automobilistico. Una metamorfosi che, come hanno sottolineato in molti, non fa onore a chi ha scelto un trasformismo, che ha portato a ambigui cambi di casacca (dal centrodestra ( o presunto tale) al centrosinistra)

Quasi tutti i 24 consiglieri sono intervenuti. Di «maggioranza non legittimata, perché sfiduciata tanto da determinare lo scioglimento e che poi si nasconde dietro la diffida del prefetto per sopravvivere», ha dichiarato Peppe Stabile, candidato a sindaco lo scorso anno. E, a proposito, di diffida prefettizia, Paolo Santulli ha parlato di una diffida che non doveva arrivare visto che gli equilibri di bilancio erano già stati bocciati aggiungendo anche che c’è una diffida della Provincia per tre milioni di euro non presenti nei conti ipotizzando il falso in bilancio. Sia lui che Luisa Motti ed Eugenia d’Angelo hanno evidenziato una serie di presunte incongruenze contabili relative ai conti del Comune alle quali ha risposto l’assessora Francesca Sagliocco, senza, però, convincere i consiglieri dissidenti. Questi stessi consiglieri dissidenti hanno evidenziato al sindaco di essere venuto meno al mandato popolare che lo aveva scelto sperando che non vi fossero stati ‘inciuci’.
Il ribaltone è servito sotto l’albero di Natale . Il sindaco del PD si salva grazie al voto della consigliera Olga Diana eletta nella Lega, a Giovanni Innocenti eletto nella lista stabile collegata a Forza italia, a francesco sagliocco di noi aversani ed a Roberto Romano dei 5 stelle.Ecco l’inciucio! Ha dichiarato il consigliere comunale di fratelli d’Italia
Avv Alfonso Oliva

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il sindaco di Aversa salvo per il ‘rotto della cuffia’

ARRESTI E SEQUESTRI PER REATI AMBIENTALI

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Sono stati posti in essere degli arresti da parte dei Carabinieri, nei confronti di  un’organizzazione che si occupava di traffico illecito di rifiuti ,costituiti in particolare da imballaggi di legno.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

La banda è stata individuata nel Casertano dai carabinieri forestali, che hanno arrestato un uomo di 55 anni e un albanese di 32 su ordine del Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. I militari hanno anche notificato gli avvisi di conclusione indagine emessi dalla Procura ad altri quattro indadati, ovvero alla moglie polacca del 55enne, al fratello della donna, di 49 anni, e a due coniugi di 54 e 52 anni. I fatti si sono verificati tra i comuni di San Tammaro e Grazzanise, piena Terra dei Fuochi. Già nel 2018, la Procura di Santa Maria Capua Vetere sequestrò un terreno adiacente al mercato ortofrutticolo di San Tammaro dove venivano depositati e bruciati rifiuti in legno dal 55enne; nonostante il sequestro, l’attività proseguì sia sullo stesso pezzo di terra, di proprietà della moglie del 55enne, che in un altro appezzamento messo a disposizione a Grazzanise dagli altri due coniugi coinvolti nell’indagine. E’ così emersa l’esistenza di una vera e propria organizzazione che trafficava illecitamente in cassette di legno, e le bruciava, invece si smaltirle lecitamente, quando non riusciva a piazzarle

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

ARRESTI E SEQUESTRI PER REATI AMBIENTALI

L’I.S.I.S.S. Amaldi-Nevio modello virtuoso di educazione alla cittadinanza attiva e solidale

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Santa Maria Capua Vetere-Dalla sede dell’indirizzo classico dell’ I.S.I.S.S. Amaldi-Nevio di S. Maria Capua Vetere giunge in redazione una buona notizia: quest’anno il Piano dell’Offerta Formativa dell’istituto, grazie all’arrivo di una studentessa speciale, si è arricchito del nuovo progetto “Leggo per te”, col quale gli studenti diventano donatori di voce per i non vedenti.
La voce è un dono prezioso per chi non può vedere. Leggere una poesia o un brano significa far dono di un frammento del proprio tempo, oltre di parole che aprono squarci di mondo; significa, in una società sempre più individualista e in cui l’emergenza sanitaria contribuisce a limitare il contatto umano, creare ponti tra persone: tra chi legge e chi ascolta.
Promosso da Natascia De Gennaro, insegnante di discipline letterarie, latino e greco, di concerto con i docenti Annacarmen Amabile, referente per i bisogni educativi speciali, e Giovanna Guida, docente di sostegno, il progetto s’inserisce appieno nell’ambito delle attività per l’educazione alla cittadinanza attiva, alla solidarietà e alla cultura del dono di cui ogni scuola dovrebbe farsi fucina.
«L’idea – spiega la giovane professoressa – si ispira alla campagna lanciata la scorsa primavera dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, quando diverse personalità del modo della cultura, della politica e dello spettacolo hanno allietato i lunghi giorni d’isolamento ed emergenza con semplici audioletture fatte col loro smartphone. Ma è stata la presenza di Francesca Pia in classe ad interrogarci, a smuovere le nostre coscienze, e la nostra Dirigente scolastica Rosaria Bernabei, sempre sensibile in tema d’inclusione insieme al team dei docenti referenti, a far sì che il progetto potesse realizzarsi.»
Il progetto è stato inaugurato all’indomani della Giornata Internazionale della Solidarietà Umana, che cade il 20 dicembre, accogliendo appieno l’invito della Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a vedere nella scuola “il luogo ideale per insegnare ai più giovani il valore della solidarietà”.
In collegamento per le ordinarie lezioni i compagni di classe di Francesca Pia, a sorpresa, le hanno fatto dono di una registrazione, con tutte le loro voci che si alternano verso per verso, di una commovente poesia di Wisława Szymborska. Nel frattempo, altri studenti si stanno cimentando nella lettura ad alta voce per condividere i capitoli del libro che l’insegnante ha proposto per la pausa natalizia. Persino l’autrice del libro, la lombarda Elisa Castiglioni, donerà la sua voce per l’iniziativa. Davvero un bel regalo di Natale.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

FOTO

Mediaservice Caserta 640×300

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

L’I.S.I.S.S. Amaldi-Nevio modello virtuoso di educazione alla cittadinanza attiva e solidale

I tagli ai fondi sanitari degli ultimi anni. Un approfondimento.

Liceo Manzoni Caserta 640×300

L’Ufficio parlamentare di Bilancio ha confermato giorni fa che nel Ssn “la spesa per il personale sanitario è tra quelle che hanno risentito maggiormente delle restrizioni degli ultimi anni. Tra il 2010 e il 2018, malgrado il parziale recupero nell’ultimo anno, la spesa si è ridotta in valore assoluto di quasi 2 miliardi.

A questo andamento è corrisposto un
ridimensionamento del numero di lavoratori, compresi medici e infermieri, in particolare nelle Regioni in piano di rientro”.

Mediaservice Caserta 640×300

A dichiararlo è la recente analisi della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Confermando l’aumento del 3,50 scritto nella legge di Bilancio 2020 per gli anni 2019-2021 (quelli del prossimo contratto) per il nuovo contratto, rispetto al +3,48% del contratto precedente, la situazione delle buste paga degli operatori sanitari rimarrebbe pressoché stabile con una crescita dello 0,2% rispetto alla tornata precedente.

Si tratterebbe, infatti, di un aumento medio che in tutto il Servizio sanitario nazionale varrebbe circa 1.880,88 euro l’anno, 144,68 euro al mese medi. Ma che sarebbe ovviamente diverso tra dirigenza e comparto. Alla prima spetterebbero aumenti mensili medi tra i 180,49 euro (su tredici mensilità) dei dirigenti non medici ai 201,33 dei medici, mentre il secondo si fermerebbe su 83,67 euro di aumento.

Ma è un finto aumento: riportando il valore dello stipendio 2009 al costo della vita 2017, applicando l’indice di parità di potere di acquisto (1,085) ufficiale, il valore della retribuzione 2017 pesa in realtà 3.160,5 euro in meno (- 6,33% medio) del 2009.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

I tagli ai fondi sanitari degli ultimi anni. Un approfondimento.

Aversa- ScuolaConnessa e AversaLab: due delibere approvate in Giunta

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa, prima del Consiglio comunale  di oggi pomeriggio con il quale si  tenderà di evitare il commissariamento, il sindaco Alfonso Golia ha voluto informare  informare i cittadini su due delibere approvate in giunta: ScuolaConnessa e AversaLab

“Buongiorno a tutti,

Mediaservice Caserta 640×300

Prima di andare in Consiglio comunale voglio parlarvi di due importanti delibere approvate in giunta: ScuolaConnessa e AversaLab, entrambe realizzate insieme all’assessore alla Pubblica istruzione e alle Politiche sociali Ciro Tarantino. Temi su cui tornerò perché sono di importanza strategica per il futuro della città.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

AversaLab2030: diamo vita ad un laboratorio di partecipazione civica per innovare i rapporti tra istituzione e cittadini e far crescere il contributo della comunità nella definizione delle politiche cittadine. L’essenza della nostra campagna elettorale e dell’azione che abbiamo messo in campo in questi 18 mesi: rimettere il cittadino al centro dell’azione comunale. Rafforzare la partecipazione fa crescere la qualità della democrazia e anche la consapevolezza di essere cittadino, con diritti e doveri.

– ScuolaConnessa: investiamo 277mila euro per il potenziamento delle infrastrutture telematiche della città. Interveniamo per migliorare la connettività in banda larga e in WiFi degli istituti scolastici di competenza comunale attraverso la connessione alla fibra ottica comunale. Connessione a banda larga che porteranno anche nelle periferie della città in modo da supportare quelle famiglie che oltre a un gap sociale vivono anche una condizione di digital divide che è inaccettabile alla luce del ruolo della tecnologia nella società attuale.

E sempre in tema di connessione e scuole tra pochi giorni sarà restituita alla città la rete WifiPubblica di cui non c’era più traccia dal 2015, cosa che permetterà di ripristinare anche alcuni impianti di videosorveglianza in disuso più o meno dallo stesso periodo. Sulle scuole, dopo una gara andata deserta, abbiamo consegnato il cantiere alla ditta e verranno realizzati gli interventi necessari alla Magia dei Colori. L’assessore Benedetto Zoccola ha seguito tutte le procedure e saranno effettuate lavori di manutenzione anche in altri plessi.A più tardi”

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa- ScuolaConnessa e AversaLab: due delibere approvate in Giunta

Bilancio di fine anno con auguri per la Banca del Tempo, associazione di Maddaloni

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Il comunicato dell’associazione.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Anche la Banca del Tempo chiude quest’anno col rammarico di non averlo vissuto al massimo in termini di socialità ed eventi rivolti alla città.
Ciò nonostante non ha potuto ignorare coloro che stentano e che soffrono. Per le festività natalizie, considerato anche la generosità dei suoi follower che ci hanno donato il loro 5×1000, la BdT ha aiutato Francesca, di origine maddalonese che verte ormai da dodici mesi in uno stato di coma improvviso ed inspiegabile, che attende di essere trasferita in una struttura da qui lontana per una costosa degenza. Lo ha fatto, e di questo ne va fiera, in modo significativo sia direttamente che facendosi promotore di una raccolta fra gli stessi associati.
Una buona spesa l’abbiamo riservata a due famiglie locali, sicuri che nelle difficoltà sempre più incalzanti di questi tempi, possano trovare un’espressione di solidarietà.
Ugualmente per gli homeless casertani la BdT ha raccolto e distribuite sedici calde coperte per far sentire così la nostra vicinanza. La BdT sa di non aver fatto molto, anzi tutt’altro, ma si propone di essere da stimolo per chi può fare di più. Donare è un piacere, ma ricorda di farlo il più possibile in modo diretto. Tanto più viene vissuto il momento dello scambio, tanto più il dono risulta efficace e gratificante.
La BdT vi invita a connettervi al sito http://www.bdtmaddaloni.wordpress.com per approfondire ogni attività nel dettaglio riguardante la realizzazione del monumento alla sedia impagliata, e altri progetti che ha messo in cantiere.
Ma soprattutto, (per quel che si può) augura buone feste a tutti e buon anno nuovo.

Terra di Lavoro 300×250

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Bilancio di fine anno con auguri per la Banca del Tempo, associazione di Maddaloni