RECENSIONE: La città dei vivi (Nicola Lagioia) di Alessandra – La lettrice controcorrente del 02/11/2020

Archivio Notizie Precedenti

Agenzia Stampa Mediapress – Quotidiano on line diretto da Ferdinando Terlizzi – Testata giornalistica registrata al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – (CE) con il num. 430/93 – Sede Legale: Corso Aldo Moro, 276 81055 Santa Maria Capua Vetere – (CE) – Telefono 388 429 38 28

Sito Web Realizzato da SimplyWeb

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

RECENSIONE: La città dei vivi (Nicola Lagioia) di Alessandra – La lettrice controcorrente del 02/11/2020

Dante Alighieri sul Lago d’Averno

In arrivo il cofanetto regalo delle Terme Stufe di Nerone, che magicamente porta l’Alighieri sul lago d’Averno

BACOLI (NA) – Dante Alighieri e il Lago d’Averno è il tema del Cofanetto regalo 2020 delle Terme Stufe di Nerone. Ogni anno, le Terme scelgono una tematica diversa per raccontare il proprio rapporto con il territorio e promuovere la sua storia e bellezza. Il soggetto  collega sempre con un filo il passato al presente.

Nel 2020 la scelta è caduta sul Sommo Poeta, una delle personalità del mondo della cultura più conosciute, e sul lago vulcanico, situato a pochi passi dalle Stufe di Nerone.

Nel 2021 infatti, ricorreranno i 700 anni dalla morte di Dante e le Terme vogliono rendere omaggio al poeta che ha donato all’umanità la Divina Commedia, un vero e proprio viaggio tra le fragilità umane e i più grandi esempi di virtù. Proprio in rapporto alla prima Cantica dell’opera, potrebbe essere identificata la selva decantata con il lago d’Averno?

È un’ipotesi sostenuta anche dal noto studioso Galileo Galilei, che nel 1588 tenne due lezioni su questo argomento all’Accademia fiorentina.

È una visione che stimola la curiosità su temi mitologici e storici, e il lago d’Averno si presta benissimo a vestire anche le vesti della “selva oscura”.

Un’ambientazione suggestiva che fa da sfondo ai tanti miti e leggende, che intriga il mondo letterario sin dai tempi di Plinio e Omero, passando per Virgilio e Dante, per arrivare ai giorni nostri con il Premio Nobel per la Letteratura Louise Gluck.

Un excursus sul ruolo del lago di Pozzuoli all’interno della mitologia e della letteratura. Fonte di ispirazione per tanti poeti e autori, le Terme Stufe di Nerone invitano a riscoprire questo luogo, come suggerimento per stimolare la curiosità dei propri ospiti verso le storie dedicate ai Campi Flegrei.

Il Cofanetto dedicato a Dante riporta l’incisione di Gustave Dorè, celebre pittore e illustratore della Divina Commedia che ritrae  Dante nella selva oscura. Sarà distribuito già da dicembre per confezionare i regali di Natale 2020 e ci accompagnerà per tutto l’anno successivo.

Il Cofanetto è un’idea regalo originale e ideale per tutta la famiglia e amici ma è anche una proposta per doni a collaboratori e clienti.

È fondamentale infatti ricordare che i voucher regalo non hanno alcuna scadenza: vengono sempre accettati, e questo permette di organizzare e regalare percorsi termali all’insegna del benessere ma soprattutto di curarsi con piacere. Il Cofanetto può essere ritirato in sede o spedito e tutti gli ospiti che verranno alle Terme Stufe di Nerone riceveranno un regalo speciale dedicato alla loro salute.

Infatti le Terme Stufe di Nerone sono tra le Terme d’Italia autorizzate dal Ministero della Salute ad erogare cure termali quali la balneoterapia, le cure inalatorie, la fangoterapia, le cure ginecologiche, tutte con la meravigliosa e benefica acqua termale salso-bromo-iodica.

Per maggiori informazioni  https://www.termestufedinerone.it

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Dante Alighieri sul Lago d’Averno

VL Laceno d’oro International Film Festival

Conclusa la 45esima edizione del Laceno d’oro, fondato nel 1959 da Pier Paolo Pasolini e Camillo Marino e Giacomo D’Onofrio

AVELLINO – Alla 45esima edizione del Laceno d’oro International Film Festival, che si è svolto  dal 6 al 13 dicembre con 70 film online sulla piattaforma MYmovies e incontri con gli autori protagonisti, si è aggiudicato il Premio Laceno d’oro 45 come migliore lungometraggio  il film italiano Giorno di scuola di Mauro Santini .

Mauro Santini

Il film documentario, che si aggiudica un premio di 3.000 euro, narra una giornata degli allievi della scuola primaria di Pieve Torina, nel marchigiano, un anno dopo il terremoto dell’ottobre del 2016, che causò la quasi completa distruzione del centro abitato.

Un documentario – si legge nella motivazione – che coglie la naturalezza degli sguardi, delle emozioni, dell’impegno e del piacere ludico dei ragazzi, perfino nel luogo che più disciplina i sentimenti. Ma questo è anche un “non documentario” perché, con la stessa naturalezza di sguardo, il regista, lasciato il posto di comando, si fa coinvolgere nel gioco collettivo dell’immaginazione.

Tra i lungometraggi anche due menzioni speciali:

  • Red moon tide di Lois Patiño (Spagna),
  • La casa è di chi la Abita – Porta Pia occupata di Luis Fulvio(Italia).

I lavori sono stati scelti dal presidente di giuria il regista Antonio Capuano con il regista serbo Ognjen Glavonic e il giornalista e critico cinematografico Roberto Silvestri.

Con una votazione su MYmovies, vince il premio del pubblico il film Identifying Features di Fernanda Valadez (Messico/Spagna).

Arriva invece dalla Cina il vincitore del Laceno d’oro doc, la sezione dedicata ai documentari a cui va un premio di 1.500 euro. È Irregular world di Jing Luo, ambientato nel pronto soccorso di un ospedale Covid, che racconta la vita e le preoccupazioni dei medici, dei pazienti e dei loro familiari.

Questa la motivazione: Una giovane regista impiega un approccio tecnico ideale per metterci nella posizione in cui molte persone si trovano oggi, utilizzando in modo creativo la musica e il sound design per portarci, con uno sguardo potente, in un viaggio dal thriller all’horror, al dramma, alla tragedia in una storia di un ospedale Covid in Cina.

Una Menzione speciale va Il monte interiore di Michele Sammarco (Italia). In giuria il critico cinematografico Vladan Petkovic, la produttrice Antonella Di Nocera (Parallelo 41 Produzioni) e Danilo Monte, regista, direttore della fotografia e montatore. 

Sono due, a pari merito, i migliori cortometraggi per il Premio Gli occhi sulla città, sezione sul tema degli spazi urbani, dell’Ambiente e del paesaggio, che si aggiudicano un riconoscimento di 1.500 euro:

  • dal Brasile Drift di Flora Nakazone, un film realizzato con immagini trovate nella spazzatura per elaborare il passato attraverso lettere senza mittente o destinatario;
  • dalla Francia Noée in the storm di Mathilde Chavanne, la storia della quindicenne Noéeche si è chiusa nel suo guscio dopo il tentativo di suicidio di suo padre.

La giuria è composta dal regista azero Hilal Baydarov, il regista, sceneggiatore e produttore Samuele Sestieri e Damiano Garofalo, ricercatore e docente alla Sapienza Università di Roma di Storia del cinema e Storia della televisione.

Quest’anno il Laceno d’oro assegna anche un Premio del pubblico al lavoro più apprezzato tra le opere di “Spazio Campania”, la sezione dedicata alle produzioni del territorio. Con una votazione sulla piattaforma di MYmovies e un premio di Euro 500, vince Ponticelli terra buona degli allievi di Atelier di Cinema del Reale (Napoli), con la supervisione di Bruno Oliviero e Alessandro Rossetto.

I quattro film vincitori nelle tre categorie di concorso e il Premio del pubblico saranno disponibili gratuitamente su MYmovies fino a martedì martedì 15 dicembre.

La 45esima edizione del Laceno d’oro, festival fondato nel 1959 da Pier Paolo Pasolini e dagli intellettuali irpini Camillo Marino e Giacomo D’Onofrio, è organizzata dal Circolo ImmaginAzione con la direzione artistica di Antonio Spagnuolo con Maria Vittoria Pellecchia e con Aldo Spiniello, Sergio Sozzo, Leonardo Lardieri della rivista cinematografica Sentieri Selvaggi, con il contributo di Regione Campania e di Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Mibact, con il patrocinio di Provincia di Avellino, Comune di Avellino, Comune di Bagnoli Irpino. Con il sostegno di ANCE Campania (Associazione Nazionale Costruttori Edili) e Donnachiara (Azienda Vitivinicola Irpina). In collaborazione con Sentieri Selvaggi, Quaderni di Cinemasud, Cactus Film Produzioni, Associazione Eikon, Coordinamento Festival Cinematografici Campania, Afic, Roulette Agency, Godot Art Bistrot, Cinema Partenio di Avellino, Movieplex di Mercogliano (Av), Multisala Carmen di Mirabella Eclano (Av) e Cinema Vittoria di Napoli. Visual artist Silvio Giordano.

Per maggiori informazioni: www.lacenodoro.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

(Fonte: Lo Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

VL Laceno d’oro International Film Festival

COMUNE DI CASERTA, PERFORMANCE PESSIME

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Caserta – Dipendenti comunali in trepidante attesa. È proprio il caso di usare simili metafore per rappresentare al meglio lo status quo. Un incontro tra sindacati ed amministrazione, risalente a quasi quindici giorni fa, avrebbe dovuto produrre una soluzione positiva per sbloccare la trattativa per gli incentivi, capitolo spinoso da tempi non sospetti. La cosiddetta e tanto attesa Performance, pari a quasi un milione di euro, stanziata proprio a favore dei dipendenti comunali, è arenata su un punto che pare di non ritorno. Ritardi nella burocrazia di approvazione finale e scarso controllo. Si sono mossi di conseguenza alcuni rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil che avvertono il pericolo di distrazione della Performance verso economie di bilancio maggiormente utili all’amministrazione e hanno chiesto attraverso alcune missive, indirizzate al Sindaco, la trasmissione del Verbale del suddetto incontro, unico documento attendibile che lascia uno spiraglio aperto per il controllo da parte dei lavoratori sull’intera procedura in atto.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273
Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

COMUNE DI CASERTA, PERFORMANCE PESSIME

TROVA IL CONIUGE ESANIME A TERRA

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Tragedia nel primo pomeriggio di oggi a San Marcellino, nel Casertano, dove una donna ha ritrovato il proprio marito di 50 anni morto nel corridoio di casa, ,situata in via Ischia, ed ha chiamato i soccorsi.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Scattato l’allarme, sul posto è intervenuta una ambulanza del 118, ma purtroppo per l’uomo non c’è stato nulla da fare: fatale un arresto cardiaco. In zona, secondo quanto si apprende, è arrivata anche pattuglia dei carabinieri. Intera comunità in lutto. L’uomo lascia moglie e figli.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

TROVA IL CONIUGE ESANIME A TERRA

Ospedali senza dirigenti medici

Liceo Manzoni Caserta 640×300

CASERTA – I sindacati dei medici chiedono al direttore generale dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo di procedere immediatamente, entro la fine del 2020, alla nomina, nei setti ospedali del Casertano gestiti dall’Asl e nei distretti sanitari, dei dirigenti medici delle Unità operative semplici (Uos) e delle Unità operative semplici dipartimentali (Uosd).

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Altrimenti verrà proclamato lo stato di agitazione, scrivono in una lettera inviata per conoscenza anche al Governatore Vincenzo De Luca, i sindacati Cimo, Cgil-Funzione Pubblica, Federazione Cisl Medici Campania, Uil-Fpl, Anaao-Assomed, Aaroi-Emac, Fesmed, Fials, e la Fvm sezione Fismu (Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari). Si tratta di un centinaio di posti occupati di fatto da medici che però non hanno alcuna nomina formale, ed è una questione che si trascina ormai dal 2018, quando la Regione emanò il Piano ospedaliero e l’Asl casertana il conseguente atto aziendale, e vennero azzerati, in attesa del concorso pubblico, tutti gli incarichi dirigenziali; l’allora direttore generale dell’Asl Mario De Biasio bandì il concorso, ma l’anno dopo, nel 2019, il nuovo diggì dell’azienda sanitaria Russo revocò il bando, emanandone un altro, il cui iter dovrebbe essersi concluso. “Il mancato conferimento degli incarichi – osservano i sindacati – limita la crescita professionale; inoltre l’enorme sacrificio con il quale la Dirigenza Medica, Sanitaria non medica e Veterinaria, hanno affrontato e stanno affrontando la pandemia Covid – 19, non trova una corrispondenza nel riconoscimento del proprio lavoro”: I sindacati attendevano le nomine per il periodo successivo alle elezioni di settembre. “La Direzione Strategica – sottolineano – aveva preso, pubblicamente, con le Organizzazioni sindacali, l’impegno di conferire gli incarichi dopo le Elezioni Regionali, anche per ottemperare al nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 2016-2018 (CCNL)”, dopo il quale, peraltro, non è mai partita neanche la contrattazione integrativa.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Ospedali senza dirigenti medici

EMERGENZA COVID, RINVIO BISCEGLIE-CASERTANA

Liceo Manzoni Caserta 640×300

La Casertana FC annovera tra le proprie fila ben sette calciatori positivi  al COVID 19. Pertanto ha chiesto il rinvio della partita a Bisceglie.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Preso atto dell’istanza presentata dalla società Casertana ai sensi del punto 4 del Com. Uff. n. 54/L del 6 ottobre 2020, le cui disposizioni sono state emanate per disciplinare l’attuale fase conseguente l’emergenza epidemiologica, la Lega dispone che la gara Bisceglie-Casertana, in programma mercoledì 16 dicembre 2020, Stadio “Gustavo Ventura”, Bisceglie, venga rinviata a data da destinarsi.

Mediaservice Caserta 640×300

Alla luce di quanto sopra, si rende noto che, a parziale modifica di quanto previsto dal Com. Uff. n. 213/DIV del 9 dicembre 2020, la stessa non sarà trasmessa su Sky Sport 253.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

EMERGENZA COVID, RINVIO BISCEGLIE-CASERTANA

Comune di Caserta, in arrivo altri bonus

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Apprendiamo dal sito ufficiale del comune di Caserta che: “L’Ambito Territoriale C1 è risultato destinatario di risorse regionali aggiuntive per le misure a favore delle persone con disabilità non coperte dal Fondo, per una somma complessiva di poco meno di 500mila euro, andate ad aggiungersi alle risorse già destinate pari a circa 315mila euro. In ragione di tale maggiore disponibilità finanziaria, l’Amministrazione ha stabilito di procedere allo scorrimento degli elenchi elaborati a seguito dell’Avviso pubblico indetto con la Determina dello scorso 28 aprile. All’esito di questo scorrimento si è riusciti a soddisfare tutte le richieste pervenute all’Ambito e nei prossimi giorni si procederà a liquidare il Bonus a favore di tutti i beneficiari”.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Comune di Caserta, in arrivo altri bonus

Casaluce-Ritrovata la corona dell’icona della Madonna di Casaluce

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Casaluce– I preziosi diademi che coronavano il capo dell’icona della Vergine di Casaluce, Patrona della Diocesi di Aversa e della stessa città, sono state più volte trafugati.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

La prima incoronazione risale al 13 settembre 1801 con  S. E. R. Mons. Francesco del Tufo C.R. Vescovo di Aversa, la seconda invece il 15 settembre 1901, con il Vescovo Francesco Vento. La corona è stata trafugata circa 78 anni dopo l’ultima incoronazione, a distanza di anno dal furto ,il 14 settembre 1980, il popolo devoto ne fece realizzare un’altra.
La cerimonia sacra venne officiata dal Vicario Capitolare Mons. Nicola Comparone ,in piazza municipio ad Aversa. Successivamente, a causa di circostanze avverse si persero le tracce anche della la nuova corona

Mediaservice Caserta 640×300

Ritrovata poi nel 2017 ,durante l’inventario dei materiali in possesso delle suore “cappuccinelle” di Aversa è stata consegnata al responsabile regionale per i beni culturali ecclesiastici Mons. Ernesto Rascato. Lo stesso responsabile, nel consegnare il prezioso diadema nelle mani del Vescovo Mons. Angelo Spinillo,ha annunciato che la città, con il ritrovamento della corona, scrive una delle pagine gloriose della sua storia, perché parlare della Madonna di Casaluce vuol dire parlare della storia, della tradizione e dell’identità di una popolazione.
Il popolo attende speranzoso che al più presto il prezioso diadema possa ritornare a coronare la sacra effigie.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Casaluce-Ritrovata la corona dell’icona della Madonna di Casaluce