Federpreziosi, calo delle vendite. In provincia 351 aziende in difficoltà

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

(Fonte: Gazzetta di Caserta – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Federpreziosi, calo delle vendite. In provincia 351 aziende in difficoltà

Lega PRO Girone C – Resta ancora un ‘tabu’ lo Stadio Pinto per la Casertana

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

(Fonte: Gazzetta di Caserta – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Lega PRO Girone C – Resta ancora un ‘tabu’ lo Stadio Pinto per la Casertana

Aversa: Tornano nelle chiese della Diocesi numerosi beni ecclesiastici trafugati nel corso degli anni

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

(Fonte: Gazzetta di Caserta – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa: Tornano nelle chiese della Diocesi numerosi beni ecclesiastici trafugati nel corso degli anni

SCUOLE RIAPERTE DAL 14 DICEMBRE, LA SORPRESA NEL NUOVO DPCM

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Riapre la scuola dal 14 dicembre, i ragazzi delle superiori potrebbero ritornare in aula. È l’ipotesi che il premier Giuseppe Conte avrebbe proposto ai capigruppo di maggioranza nel corso della riunione sul prossimo DPCM.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Inoltre avrebbe precisato che l’ipotesi deve essere sottoposta al vaglio del Cts.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

SCUOLE RIAPERTE DAL 14 DICEMBRE, LA SORPRESA NEL NUOVO DPCM

NUOVO DPCM/DIVIETO DI USCIRE TRA I COMUNI

Liceo Manzoni Caserta 640×300

L’ipotesi che emerge dalla riunione del premier Giuseppe Conte con i capi di delegazione e il ministro Boccia in vista del nuovo Dpcm è il divieto di uscire dal proprio Comune a Natale e Capodanno. Lo stop degli spostamenti tra Comuni potrebbe valere nei giorni del 25 e 26 dicembre e del primo gennaio. Dal 21 dicembre, gli spostamenti tra Regioni gialle potrebbero essere consentiti solo per fare ritorno nel proprio luogo di residenza. Inoltre non dovrebbero essere modificati i criteri che consentano gli spostamenti per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità per motivi di salute. Dal 21 dicembre stop agli spostamenti tra le ragioni per raggiungere le seconde case. Resterebbe confermato il coprifuoco alle 22.00 anche nel periodo Natalizio. Il nuovo Dpcm entrerà in vigore il 4 dicembre e dovrebbe confermare anche le riaperture dei negozi fino alle ore 21.00, per provare a limitare gli assembramenti. Per le zone gialle dunque i ristoranti dovrebbero rimanere aperti a pranzo anche a Natale , Santo Stefano e Capodanno ma resteranno  in vigore le limitazioni legate al distanziamento e i posti ai tavoli.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

NUOVO DPCM/DIVIETO DI USCIRE TRA I COMUNI

Al covid hospital di Maddaloni i guariti superano ampiamente i decessi. I veri numeri

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Se il covid fosse una semplice influenza non saremmo da 9 mesi in emergenza sanitaria a causa di una pandemia. Il coronavirus è stato capace di fermare il mondo, inchiodarci in casa, stravolgerci la vita proprio per la sua contagiosità e per la sua pericolosità . Un virus subdolo, insidioso, mortale, ma soprattutto sconosciuto. I primi effetti positivi degli studi e di terapie efficaci li abbiamo avuti proprio in Campania a partire dal del dott. Paolo Ascierto, che ha fatto da apripista con una cura efficace e risolutiva, subito adottata anche a Maddaloni.

Ricordiamo che il covid hospital di Maddaloni è stato il primo ospedale ad essere convertito, il primo punto di riferimento in provincia e non solo specializzato nella cura dei pazienti covid. Quelli che nella prima fase tutti acclamavano come eroi, sono gli stessi medici, infermieri, operatori sanitari contro cui oggi si sta puntando l’indice per alcuni decessi avvenuti nell’ospedale. Oggi l’ospedale ha 85 posti letto, di cui 15 di terapia intensiva e 70 di terapia subintensiva, medicina e pneumologia, e ospita molti di più pazienti di marzo. Se un paziente muore in ospedale, in linea generale è perchè, nonostante le cure somministrategli, la malattia è stata più forte delle cure. Questo non vuol dire che i medici non abbiano fatto il proprio dovere. Ma un morto di covid col titolone attira visualizzazioni, e a chi interessano i like a scapito dell’informazione corretta ed obiettiva, quelli bastano. Non importa poi se generano panico o diffamano gratuitamente. Se i parenti di un paziente deceduto denunciano alle autorità, la magistratura accerterà le responsabilità. Detto con estrema crudezza, i morti fanno notizia, i guariti no. I social network non sono tribunali né luoghi deputati a questo. Se un medico si ammala esercitando il proprio lavoro, perchè deve far notizia che venga curato? Non è forse il medico , prima di essere medico, un cittadino come gli altri? Se il medico non guarisce, come curerà altri pazienti?  Possibile che semplici cittadini sappiano di terapie e protocolli da applicare più dei medici stessi?

Mediaservice Caserta 640×300

In periodo di campionato si diventa tutti allenatori e presidenti di società di calcio;  oggi che il covid è l’argomento dominante, siamo tutti medici ed esperti in pandemie. Lasciamo che chi ha competenze faccia il proprio lavoro: se poi qualcosa non ci convince, si abbia coraggio di adire a vie legali e la pazienza per attendere gli esiti. Loro come noi sono esseri umani, loro come noi possono sbagliare, loro come noi meritano rispetto. Meritano rispetto le vittime e i loro parenti ai quali va data solidarietà e non pretesti per innescare guerre tra tutti noi che siamo vittime, operatori sanitari compresi. Ora serve competenza, freddezza, coraggio , lungimiranza e risorse economiche per affrontare e vincere questa battaglia.

I contagi sono cresciuti notevolmente negli ultimi mesi sia perchè si effettuano un maggior numero di tamponi e sia perchè si contrae il virus  con più facilità conducendo tutti una vita abbastanza regolare, seppur in zona rossa. Da marzo a maggio siamo stati tutti chiusi dentro. Ma è bene ricordarlo.

Queste sono cose che sanno tutti, ma qualcuno forse a volte le dimentica.

Passiamo ora ai numeri veri, reali, noiosi, che fanno meno scalpore, ma fotografano la realtà. Questi numeri riguardano i reparti di  terapia sub – intensiva, medicina e pneumologia.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Da marzo ad oggi il covid hospital di Maddaloni, che, dopo il Cotugno, è il secondo ospedale più grande in Campania, e ad oggi conta 70 posti letto ha ricoverato e curato 450 pazienti. Di queste, solo 18 sono decedute, il 4% circa del totale, un dato nettamente inferiore alla media nazionale. Di questi 70 posti letti, 30 sono di terapia sub – intensiva: in questi mesi, in questo reparto, sono stati curati i casi più gravi, provenienti da diversi ospedali del territorio. Questo aspetto non è secondario perchè, è bene sapere, che i pazienti arrivati a Maddaloni non sono stati “scelti” in base alla gravità, anzi proprio i casi più gravi che giungevano nei vari pronti soccorsi, venivano trasferiti a Maddaloni.

Passiamo ora a chiarire la questione plasma iperimmune, che tanto clamore mediatico ha creato. Premesso che il primario dott. De Lucia è il responsabile in provincia di Caserta del protocollo TSUNAMI, protocollo che prevede la cura dei pazienti con plasma iperimmune, a Maddaloni diversi pazienti vengono curati con il plasma già da diversi mesi. Le terapie vengono applicate in base alla gravità del paziente. I protocolli li detta l’AIFA (Agenzia Italiana del farmaco). Un malato di covid può essere inserito nel protocollo TSUNAMI se rientra in determinati parametri stabiliti. Per fare ulteriore chiarezza, pazienti ventilati e /o intubati non possono essere curati con la terapia del plasma. Non si sceglie certo per simpatia. Fare i medici è una professione che richiede anni di studio, e ha come scopo ultimo, lo ricordiamo ancora, di salvare vite umane.

Anzi approfittiamo per fare ancora una volta un appello ai guariti di covid a donare il plasma iperimmune, perchè ce ne è una grande necessita, e non tutti i pazienti negativizzati possono donarlo.

Per quanto riguarda la terapia intensiva, ci riserviamo di notiziarvi in un successivo articolo.

Ci auguriamo di aver fatto un pò di chiarezza per i lettori e per i cittadini: è giusto che tutti conoscano i dati e le dinamiche nel modo più chiaro possibile. Passi in avanti ne sono stati fatti, a Maddaloni ancor di più proprio grazie a questo avamposto sanitario operativo dal primo momento nella lotta al covid. Non ne siamo ancora fuori, ma rispettando le regole ed il lavoro di chi rischia, ancora oggi, nonostante il fango che gli si getta addosso spesso e volentieri, di contrarre il virus per curarci, possiamo iniziare a vedere la luce in fondo al tunnel.

Ma per questo serve lo sforzo di tutti.

Dal covid hospital di Maddaloni, per il momento è tutto.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Al covid hospital di Maddaloni i guariti superano ampiamente i decessi. I veri numeri

43 morti oggi in Campania per il Covid

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Mentre la curva dei contagi sembra finalmente cominciare  ad abbassarsi , bisogna purtroppo registrare altri 43 decessi in Campania.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

I positivi di oggi sono 1842 di cui 1657 sono asintomatici. Scendono anche i pazienti in terapia intensiva che sono 173.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

43 morti oggi in Campania per il Covid

INCIDENTE NEL CUORE DI CASERTA, STRADE CHIUSE

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Caserta/attimi di paura stamattina in via Renella all’altezza dell’intersezione con il cavalcavia. Una Peugeout su via Renella correva, una Punto è scesa dal cavalcavia, invadendo l’altra corsia.  Dopo  l’impatto la prima è sbattuta su una Panda parcheggiata in doppia fila, danneggiandola.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sul posto sono giunti i vigili  urbani che hanno bloccato la strada.

Mediaservice Caserta 640×300

Fortunatamente i conducenti sono usciti illesi , ma resta solo la tensione per via delle responsabilità dell’icidente.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

INCIDENTE NEL CUORE DI CASERTA, STRADE CHIUSE

Aversa, crisi amministrativa….il giorno dopo!

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Aversa– Nei giorni immediatamente successivi alla crisi è stato molto duro il parere del segretario Gatto, che considera davvero grave quanto accaduto in aula consiliare e ritiene che dopo quanto è accaduto in Consiglio vadano presi provvedimenti drastici.

Tra questi, l’espulsione dal partito dei membri del PD che hanno votato contro il documento di bilancio e portato alla fine della consiliatira.

Mediaservice Caserta 640×300

Gatto definisce il comportamento di questi consiglieri “ inaudito e irresponsabile”.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Dello stesso avviso anche Alfonso Golia secondo cui proprio in questo momento così difficile i membri della maggioranza avrebbero dovuto essere più uniti per meglio guidare la città” 

Anche dopo l’insediamento del commissario prefettizio, il sindaco uscente, però, potrebbe ancora continuare ad amministrare la città riproponendo il bilancio in Consiglio  dopo venti giorni e quindi intorno al 22 dicembre.

A proposito di quanto accaduto si è espresso anche l’avv. Oliva sottolineando che “Alfonso Golia è stato sfiduciato dalla sua stessa maggioranza. Qualcosa di spettacolare – continua il consigliere – eppure ne ho visti di bilanci. Non si è discusso del documento contabile ma è stato solo espresso un consuntivo dell’amministrazione: cioè un’elencatio di ciò che di buono è stato fatto da loro in questi mesi. Inutile tutto questo! Consuntivo o mero riequilibrio di un bilancio votato ad agosto con dieci voti? L’unica cosa importante sarebbe stata votare a favore o contro. Senza argomentare di altro! Già da agosto Golia aveva perso i consensi della maggioranza. Continuare é stato come portare a termine un matrimonio finito…. Inutili – sempre secondo Alfonso Oliva – i tentativi di far passare , anche in seduta consiliare, noi della minoranza dalla parte della maggioranza perché noi non tradiamo ma siamo fedeli ai nostri elettori. Mi auspico adesso una unità all’interno del centro destra per riprendere seriamente ad amministrare la nostra Aversa”.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Aversa, crisi amministrativa….il giorno dopo!

C. LEAGUE, OK L’INTER, PAREGGIO DELL’ATALANTA

Liceo Manzoni Caserta 640×300

C. League – Nella giornata di martedì di Champions League, l’Inter ha fatto il ‘colpaccio’ in terra inglese, vittoria esterna 2-3 al Borussia Moencengladbach, campo sicuramente non facile. Apre le marcature il terzino Darmian per gli interisti in tenuta bianco azzurra a scacchi (a mo’ di tovaglia) con un tiro diagonale che passa tra le gambe del portiere ospite.

Reazione del Borussia, Plea sullo scadere del I tempo di testa schiaccia in rete per l’ 1 ad 1 da pochi passi.

Mediaservice Caserta 640×300

secondo tempo

Lautaro al 47′ con un tiro da fuori a giro lascia di sasso il portiere di casa, ma il palo respinge la sfera che stampa le stelle della champions sulla base dello stesso palo alla destra dell’estremo difensore.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Ma ecco entrare il scena prepontemente Lukaku ,la pantera nera dell’Inter, prima con un diagonale chirurgico all’interno   dell’area di rigore al minuto 63′ poi successivamente dopo dieci minuti sempre il bomber nero azzurro con la maglia n. 9 da pochi passi pescato solo in area fa tris.

Occasione mastodontica per Ashely Young, il giovane innesto neroazzurro dopo un flipper in area da pochi cm dalla porta non aggancia e si lascia sfuggire un gol a porta praticamente vuota. Finisce così 2-3 per l’Inter.

L’altra neroazzurra italiana in campo, l’Atalanta, in casa contro il modesto  FC Midtjylland fa uno pari, Scholz porta in vantaggio gli ospiti, poi Romero fissa il punteggio sull’ uno pari.

Stasera la Juventus in casa affronta la Dinamo di Kiev, passaggio del turno ormai scontato per la Juve che attende solo la matematica andrà agli ottavi col Barcellona di Messi, girone dall’esito un po’ scontato, per gli appassionati la partita è visibile solo sul canale 251 e 252 in HD di Sky.

Infine giovedì i partenopei azzurri trasferta olandese contro l’AZ Alkmar.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2020/12/02/c-league-ok-linter-pareggio-dellatalanta/

Casertana, l’ultimo punto fatto al Pinto risale a Marzo!

Liceo Manzoni Caserta 640×300

Ancora una sconfitta al Pinto per la Casertana. La squadra rossoblù ha perso  per 0-2 contro la Vibonese. Continua la maledizione al “Pinto” ,dove i falchetti non fanno punti pensate dal 1 marzo, quando riuscirono a vincere per 2-0 contro la Cavese.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Peccato perché i falchetti ,sopratutto nel primo tempo, meritavano il vantaggio, sprecando però troppo davanti al portiere. Alla fine decidono la partita Berardi e Plescia. Nel finale arriva anche il rosso a Carillo che salterà quindi la sfida di lunedì sera contro il Monopoli.

Mediaservice Caserta 640×300

Risultati: Casertana-Vibonese 0-2, Palermo-Viterbese 3-3, Potenza-Avellino 0-1, Catania-Bisceglie 2/12

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Casertana, l’ultimo punto fatto al Pinto risale a Marzo!