A Cesa riapre il parco Lepre ma solo su appuntamento

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

(Fonte: Gazzetta di Caserta – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

A Cesa riapre il parco Lepre ma solo su appuntamento

Spazio Cales invita i cittadini a dire no alla nuova turbogas da 1700 Mw e attende il parere di Giovanni Zannini

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy al link qui sotto. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Accetto Cookie Policy

(Fonte: Gazzetta di Caserta – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Spazio Cales invita i cittadini a dire no alla nuova turbogas da 1700 Mw e attende il parere di Giovanni Zannini

Notte Europea dei Ricercatori 2020, ADI Caserta presente. Soddisfatto Pasquariello.

Archivio Notizie Precedenti

Agenzia Stampa Mediapress – Quotidiano on line diretto da Ferdinando Terlizzi – Testata giornalistica registrata al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – (CE) con il num. 430/93 – Sede Legale: Corso Aldo Moro, 276 81055 Santa Maria Capua Vetere – (CE) – Telefono 388 429 38 28

Sito Web Realizzato da SimplyWeb

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Notte Europea dei Ricercatori 2020, ADI Caserta presente. Soddisfatto Pasquariello.

Il direttore dell’Asl di Caserta: “Dobbiamo liberare i guariti, zona rossa per altri 15 giorni”

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

CASERTA– “Da qualche giorno c’è un segnale positivo con l’aumento dei guariti e diminuiscono i contagi. Abbiamo oltre 4mila pazienti che devono essere dichiarati guariti, posti liberi nei covid hospital come a Maddaloni sia in degenza che in terapia intensiva, e così anche a Santa Maria Capua Vetere”, sono queste le parole del direttore dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo.

Mediaservice Caserta 640×300

Per quanto riguarda le festività, Russo ha dichiarato: “Se vogliamo vivere in serenità il Natale bisogna continuare con la zona rossa almeno per altri 15 giorni. Mascherine, igiene delle mani e dei luoghi possono aiutare a contenere il contagio. Se ci rilassiamo pagheremo lo stesso prezzo dell’estate con la diffusione del virus nelle famiglie, è fondamentale questo tipo di attenzione. Più che il Natale mi preoccupa il Capodanno”.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Il direttore dell’Asl di Caserta: “Dobbiamo liberare i guariti, zona rossa per altri 15 giorni”

Soldatessa picchiata dal sue ex e superiore di reparto.

Di Anna Fiorillo

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Una denuncia presentata alla procura militare. Lei un Caporal maggiore speciale dell’Esercito, lui un suo superiore ed ex fidanzato. La donna ha esposto querela accusando l’uomo di violenza e di abuso di grado.

Mediaservice Caserta 640×300

La militare , sostiene di essere stata presa a calci e pugni oltre che costretta a restare sull’attenti per due ore. La Procura di Napoli ha aperto un’inchiesta .L’uomo rischia un processo per violenza nei confronti della sua ex fidanzata.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2020/11/24/soldatessa-picchiata-dal-sue-ex-e-superiore-di-reparto/

Spesa SOSpesa al Pellicano di Caserta

CASERTA – Iniziativa che si va a sottolineare, ecco nel diciamo più in quello che è il dettaglio, la L.A.C.  (Libera Associazione Casertana) odv onlus la quale opera nel quartiere Acquaviva da più di vent’anni, nè conosce ogni aspetto, ogni punto di forza e ogni debolezza. Il quartiere Acquaviva è uno dei più popolosi di Caserta e vanta una zona commerciale molto viva, in cui commercianti e clienti sono ormai amici e le botteghe sono luoghi di fiducia, di socializzazione e di scambio, oggi come un tempo. Dietro questo bellissimo clima amicale, però, ci sono anche tante difficoltà: una zona che ospita famiglie migranti, studenti fuori sede, anziani, famiglie con difficoltà economiche e con un alto tasso di disoccupazione. La L.A.C. lo sa bene, molti di loro sono suoi amici e sa che vivono un momento di fragilità personale, ancora più duro da affrontare perché più soli e senza il minimo reddito. Realizzatrice del progetto la dott.ssa Ada Rella, laurea magistrale in Economia col massimo dei voti, master post laurea  in Fundraising Management, con esperienze lavorative in “Save the Children” e “Medici senza Frontiere”, impegnata in prima linea nel sociale casertano ove ha collaborato con la coop. “NewHope” ed è capo scout del gruppo Caserta II. Ada Rella, rileva che ” l’emergenza di questo periodo sta causando un isolamento sociale ed economico e anche un gesto semplice come la spesa, può diventare un ostacolo insormontabile per le persone meno fortunate. La possibilità di cucinare un pasto caldo e nutriente, in un inverno freddo, per un nonno o per un figlio, non deve essere un lusso. È per questo motivo che abbiamo scelto di organizzare la Spesa SOSpesa, una raccolta di cibo per le famiglie più in difficoltà. Quest’idea ha trovato vita grazie alla disponibilità del Supermercato Pellicano, un luogo attento ai suoi clienti, che li conosce bene e che riconosce le loro difficoltà e il loro cambio di status economico

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Spesa SOSpesa al Pellicano di Caserta

Occhio alla bolletta: maxi multa per chi non paga il canone Rai

Di Anna Fiorillo

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

In arrivo una maxi multa per chi non ha pagato 90 euro del canone Rai. Coloro che non hanno provveduto entro il 31 ottobre al pagamento della bolletta, sono previste delle sanzioni amministrative che possono arrivare fino a 5 volte del canone stesso.
Spiega l’agenzia delle entrate, “è tenuto al pagamento del canone chiunque detiene un apparecchio televisivo”.
Inoltre dal 2016 per evitare i mancati pagamenti del canone, viene addebitato direttamente in bolletta.
Il canone viene addebitato direttamente in bolletta nel periodo che va da gennaio a ottobre. Anche per quest’anno la legge di bilancio ha deciso che l’importo del canone sara di 9 euro per 10 mensilità , non sono previste modifiche per il 2021.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Occhio alla bolletta: maxi multa per chi non paga il canone Rai

“Quello che le donne non dicono”

Archivio Notizie Precedenti

Agenzia Stampa Mediapress – Quotidiano on line diretto da Ferdinando Terlizzi – Testata giornalistica registrata al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – (CE) con il num. 430/93 – Sede Legale: Corso Aldo Moro, 276 81055 Santa Maria Capua Vetere – (CE) – Telefono 388 429 38 28

Sito Web Realizzato da SimplyWeb

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

“Quello che le donne non dicono”

Posteitaliane, info utili per ritiro pensioni

Di fatto, con la Legge di Bilancio 2021, è stato introdotto il “bonus” tredicesima, rivalutato ogni anno dall’ISTAT. Quello 2020 è pari a 154,94 euro e spetta ai titolari di assegno sociale che prendono fino a 6.695,91 euro.

Nel caso in cui il pensionato abbia anche altri redditi, le soglie sono 10.043,87 euro, oppure 20.087,73 euro (nel caso in cui ci sia anche il reddito del coniuge).

Mediaservice Caserta 640×300

Pagamento pensioni dicembre: chi ritira per primo?

Si specifica che la modalità di riscossione anticipata dalla pensione non è riservata a tutti. Tale opportunità, di fatto, spetterà soltanto a:

  • titolari di un libretto di risparmio;
  • titolari di un conto BancoPosta; 
  • titolari di una Postepay Evolution;
  • titolari di una carta Postamat; 
  • titolari di una carta Libretto;

Questi potranno ritirare la somma già a partire dalla mattina del 25 novembre e presso ATM Postamat.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Pagamento pensioni dicembre: come funziona per chi ritira in ufficio

Ma come funziona per chi riscuote la pensione presso gli uffici di competenza?  In questo caso, chi ritira dovrà consultare un calendario specifico, suddiviso in base alle iniziali del cognome del titolare della pensione:

  • A-B mercoledì 25 novembre;
  • C-D giovedì 26 novembre;
  • E-K venerdì 27 novembre;
  • L-O sabato 28 novembre;
  • P-R lunedì 30 novembre;
  • S-Z martedì 1° dicembre.

Pagamento pensioni dicembre: la somma arriva a casa

È utile ricordare che la categoria degli over 75 potrà usufruire per tutto il periodo dell’emergenza sanitaria della pensione a domicilio, grazie ad una convenzione sottoscritta da Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri.

Il servizio può essere richiesto tramite un’apposita delega scritta a Poste Italiane, ma non previsto lì dove qualcuno è stato già delegato per il ritiro, se il titolare è in possesso di un Libretto o conto postale e se si vive con familiari.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2020/11/24/posteitaliane-info-utili-per-ritiro-pensioni/

La foto segnalazione. L’arte del “riciclo” usata per attrezzare il drive through

Al peggio non c’è mai fine. La decisione di spostare la postazione dell’ASL dall’ospedale di Maddaloni all’ampia area di parcheggio dell’I.C. “Settembrini” di via Brecciame aveva ovviato alle varie criticità che la postazione iniziale aveva: a via Roma si  congestionava il centro cittadino e teneva gli operatori a lavorare letteralmente in strada, all’addiaccio e sotto le intemperie. Ci sono giunte foto scattate in data odierna della nuova postazione allestita da qualche giorno.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sedie inserite in un pneumatico, per delimitare i percorsi del drive. Le foto sono chiarissime. Un’ area attrezzata in maniera “arrangiata”, con materiali di riciclo e che non si dovrebbero trovare di certo lì. Quei pneumatici non dovrebbe stare in giro, non è a norma: dovrebbero essere smaltiti con le modalità previste per legge. Invece, paradossalmente, diventano parte integrante di un percorso da seguire per sottoporsi al tampone molecolare, in una postazione dell’ASL. La vicenda è davvero surreale.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2020/11/24/la-foto-segnalazione-larte-del-riciclo-usata-per-attrezzare-il-drive-through-2/

La foto segnalazione. L’arte del “riciclo” usata per attrezzare il drive through

Al peggio non c’è mai fine. La decisione di spostare la postazione dell’ASL dall’ospedale di Maddaloni all’ampia area di parcheggio dell’I.C. “Settembrini” di via Brecciame aveva ovviato alle varie criticità che la postazione iniziale aveva: a via Roma si  congestionava il centro cittadino e teneva gli operatori a lavorare letteralmente in strada, all’addiaccio e sotto le intemperie. Ci sono giunte foto scattate in data odierna della nuova postazione allestita da qualche giorno.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Sedie inserite in un pneumatico, per delimitare i percorsi del drive. Le foto sono chiarissime. Un’ area attrezzata in maniera “arrangiata”, con materiali di riciclo e che non si dovrebbero trovare di certo lì. Quei pneumatici non dovrebbe stare in giro, non è a norma: dovrebbero essere smaltiti con le modalità previste per legge. Invece, paradossalmente, diventano parte integrante di un percorso da seguire per sottoporsi al tampone molecolare, in una postazione dell’ASL. La vicenda è davvero surreale.

Mediaservice Caserta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

La foto segnalazione. L’arte del “riciclo” usata per attrezzare il drive through