Capua. Toccante ricordo del reduce Giuseppe Manco, morto nella ricorrenza della Liberazione

https://i0.wp.com/www.teleradio-news.it/wp-content/uploads/2018/04/manco-reduce-09-615×410.jpg?resize=615%2C410&ssl=1
Riportiamo di seguito le toccanti considerazioni con cui Enrico D’Agostino, presidente dell’associazione “Combattenti e Reduci” del comprensorio caiatino, ricorda Giuseppe Manco, socio fra i più anziani, scomparso il 25 aprile:

Nel giorno della festa della Liberazione è volato in cielo il nostro socio e combattente Giuseppe Manco.

Pensate: è stato tra i pochi fortunati a sopravvivere alla prigionia nei campi di concentramento dei nazisti a Monaco.

Per molti anni è stato dimenticato dalle istituzioni, quando lo conobbi mi fece commuovere dicendo: “finalmente qualcuno si è ricordato di me, vorrei che i giovani di oggi sapessero la mia storia“.

Caro zio Peppe, sono io onorato e fortunato di averti conosciuto, sarai nel mio cuore per sempre, le immagini e i video non potranno mai descrivere l’emozione che hai provocato in tutti noi dell’associazione quando, nonostante l’età, hai partecipato alle nostre manifestazioni.

Non dimenticherò mai come corresti verso quella divisa da Carabiniere alla cerimonia di Squille (nella foto, il secondo da sinistra, applaudito e omaggiato con fiori, ndr.) e, mentre la banda suonava, tu ti avvicinasti al soldato carabiniere per toccare quella Divisa, non t’importava della gente, delle alte autorità che ti venivano a salutare, tu adoravi quella divisa perché eri CARABINIERE quando fosti deportato in Germania!

Tu eri felice, nonostante i tristi tuoi ricordi non fossero mai svaniti, chiedevi sempre: “quando viene Enrico?“, non mancavi a nessun appuntamento, trovavi la forza necessaria e non poteva impedirtelo nessuno.

Come posso dimenticare le tue battute spiazzanti e nello stesso tempo piene di valori quando mi dicevi: “sono quasi le 18, devo dire il Rosario, ti devo lasciare, da quando sono ritornato in Italia ho sempre pregato perché mi sono salvato!“.

La tua storia la tengo conservata nel mio cuore, solo chi ti ha conosciuto può vantarsi di aver conosciuto un grande, vero Italiano, un uomo, un esempio per i giovani di oggi.

Peccato non poter continuare a vivere momenti irripetibili come quelli passati con Te, ma sono confortato nel sapere che ti sei spento senza paura, senza sofferenza grave, eri confortato dalla Fede che avevi, soprattutto verso la Madonna del Carmine, e tu rientrasti a Sant’Angelo in Formis proprio il 16 luglio, giorno della sua festa.

Non temere: sarai per sempre nei nostri cuori, nulla è svanito, nulla è perso, continueremo con la nostra associazione a portare ai giovani la tua testimonianza, la tua storia, la tua persona.

Riposa in pace Grande Saggio, Grande Uomo, Grande Carabiniere, Grande Italiano.

Mi inchino al tuo capezzale, prometto di non farti dimenticare e ti saluto con un Arrivederci.

R.I.P. Combattente Giuseppe Manco.

Enrico D’Agostino – Presidente Associazione nazionale combattenti e reduci sezione di Caiazzo.

(Lettera Aperta – Archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2018/04/27/capua-toccante-ricordo-del-reduce-giuseppe-manco-morto-nella-ricorrenza-della-liberazione/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.