Caiazzo. Natale: finalmente addobbi… o qualcosa di simile: ‘Parturient montes, nascetur ridiculus mus’?!

Proposta una colletta per addobbare in modo più dignitoso il centro del presunto buon vivere!

Viene proprio da pensare che siano triforcute le lingue che osano ironizzare sugli addobbi natalizi comparsi da qualche giorno in alcuni punti del centro, addirittura paragonandoli a quelli di altri paesi, forse più fortunati ma certo non meglio amministrati!

 

Inutile negarlo: la partenza dell’iniziativa non può definirsi sprint ma con tanta umanità e comprensione ci si può anche accontentare!

 

Non occorre fantasia infatti per non notare alcuna differenza, se non in meglio, rispetto al mastodontico albero natalizio che da diverso tempo svetta nella piazza di un piccolo paese vicino, alle luminarie che da oltre un mese addobbano il piazzale antistante il Comune di Limatola o anche  rispetto… alla Caiazzo dei bei tempi andati.

 

Basta aguzzare solo un poco la vista, invece, per notare, perfino di giorno, le stelle e i fili cadenti (ad litteram!) che si alternano lungo l’antico decumano e in particolare presso la casa comunale… che dico: presso il nobilissimo municipio buonviverino, in passato, quand’era un banale palazzo di città, volgarmente decorato, si, per tempo, ma addirittura con qualche fregio o stella a luce intermittente.

 

Una certa fantasia, è vero, occorre per immaginare che qualche stella svetti anche sugli abeti di piazza Portavetere, ma, vivaddio, anche questo è segno di progresso che incede, lasciandosi alle spalle usanze stupide e insulse, anche se legate ai predecessori, sempre che, come “già!” si vocifera, nelle ore che ormai ci separano dal Natale, qualcuno non disponga davvero di far estendere la già esagerata illuminazione natalizia agli abeti che, spogli, sfuggono ali occhi degli stolti!

Nonostante cotanto equilibrio fra decorazione urbana, tempismo, sobrietà, saggezza e lungimiranza dei vari preposti, ad alcune persone, evidentemente mai paghe, è venuto in mente di lanciare l’idea di una colletta fra cittadini disposti perfino ad autotassarsi pur di rendere più bello e ospitale il centro del buon viverecome se tale attribuzione non bastasse, già da sola, per addobbarlo in modo incomparabile, sia ben chiaro: virtualmente e, soprattutto, sempre che risultasse meritata.

 

Chi volesse aderire potrà contattare (anche attraverso Facebook) la signora Maddalena De Matteo, meglio nota come Elena, non nuova a iniziative di interesse popolare in particolare quando, anni addietro, gestiva un’accorsata lavanderia ubicata nell’immediata periferia cittadina.

(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.