Ex Jugoslavia. Condannato a 20 anni di carcere si professa innocente e si avvelena a L’Aia

Paesi Bassi sotto shock: uomo si uccide “in diretta” nel tribunale: era stato condannato a 20 anni di prigione.

Una scena da film dell’orrore quella vissuta mercoledì 29 novembre all’Aia, presso il tribunale penale internazionale per l’ex-Jugoslavia (ICTY).

Slobodan Praljak, 72enne, uno dei sei leader croati della Bosnia-Erzegovina, prima di bere il contenuto di una fiala estratta in quel momento dalla tasca, ha urlato «Praljak non è un criminale».

Nel 2013 è stato condannato a 20 anni per crimini a Mostar.

L’avvocato dell’imputato ha in seguito dichiarato che il suo cliente, condannato a 20 anni di prigione, «si è avvelenato».

L’udienza, che in quel momento stava per condannare sei ex dirigenti e capi militari dei croati di Bosnia, è stata momentaneamente sospesa.

Il Tribunale ha confermato la pena di 25 anni di prigione contro l’ex dirigente dei croato-bosniaci Jadranko Prlic.

L’uomo -evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”- si era dichiarato innocente ma i giudici non gli hanno creduto.

Tutti e sei i leader politici e militari presenti in aula, sono stati condannati nel 2013 per avere perseguitato, espulso ed ucciso musulmani durante la guerra in Bosnia.

(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
https://www.teleradio-news.it/2017/11/30/ex-jugoslavia-condannato-20-anni-carcere-si-professa-innocente-si-avvelena-laia/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.