Genova nella bufera, crolla cimitero: bare e ossari scivolano nel torrente

Maltempo: Genova; crolla cimitero, trovate ossa nel torrenteMaltempo: Genova; crolla cimitero, trovate ossa nel torrenteContinua l’emergenza maltempo in Liguria. Circa 70 feretri sono dispersi dopo il crollo di un muraglione del cimitero della Biacca a Bolzaneto, nel ponente di Genova. Bare di zinco sono state individuate nel Polcevera ieri esondato. Il muro è crollato per circa 50 metri, tra le macerie spunta una cassetta ossario con un teschio. Il cimitero è chiuso e presidiato dai carabinieri.

Secondo quanto è stato possibile ricostruire dalle testimonianze e dai vigili del fuoco. Le bare sarebbero finite prima nel rio Barra e da qui nel Polcevera. Gli abitanti della zona raccontano che ieri decine di bare e cassette ossario sono sono precipitate nel torrente e sono passate vicino al campo nomadi. «Abbiamo visto le bare galleggiare, i bambini sono rimasti molto colpiti e impressionati», dice uno di loro. «Non ho ancora il computo dei danni, il numero delle tombe danneggiate e quello dei feretri mancanti – afferma la presidente del municipio 5 Valpolcevera, Iole Murruni – Domani avviseremo le famiglie per predisporre una ricollocazione dei loculi per le sepolture danneggiate».

Allerta massima nello Spezzino. Per la nuova instabilità meteo in arrivo sulla Liguria, la protezione civile regionale ha previsto dalle 24 di oggi alle 24 di domani, lunedì 17 novembre, l’ Allerta 2 (la massima) nei bacini marittimi di levante, dal Tigullio alla Spezia. Prevista allerta 1 per la zona da Noli a Portofino compresi i bacini interni delle valli genovesi dello Scrivia, Trebbia e Aveto. Criticità ordinaria sul ponente ligure e la Val Bormida. Ulteriori aggiornamenti potranno essere emanati successivamente.

Nell’area in cui scatta l’Allerta 2 ci sono anche le zone colpite dall’alluvione lunedì scorso, da Chiavari alla valle Fontanabuona, che stanno ancora facendo i conti con decine di frane e relative interruzioni di strade. Nel corso della notte, ha scritto Arpal in una nota, una nuova struttura frontale porta ad una nuova intensificazione delle precipitazioni. Probabili piogge localmente forti con cumulate elevate, più probabili a Levante. Alta probabilità di fenomeni temporaleschi forti e organizzati su tutta la regione. Progressiva attenuazione dei fenomeni a partire dal tardo pomeriggio con esaurimento delle precipitazioni significative alla fine della giornata.

Venti localmente forti o di burrasca da Sud, Sud Ovest, con locali raffiche fino a 70/80 kmh. Mare localmente agitato, con ancora possibili mareggiate a Levante. Dopodomani, martedì, probabile assenza di precipitazioni significative. Venti ancora forti meridionali, in locale rotazione dai quadranti settentrionali. Mare ancora localmente agitato nelle prime ore, in calo. La tendenza indica assenza di fenomeni significativi almeno fino a venerdì.

Sono vane, al momento, le ricerche del disperso, a causa del maltempo, a Serra Riccò, comune nell’entroterra di Genova. Ieri Luciano Ballestrero, 67 anni, era uscito da casa per andare a mettere in sicurezza la propria auto parcheggiata vicino al greto di un torrente: la piena del corso d’acqua ha travolto il mezzo e dell’uomo non si sono avute più notizie. Durante la notte, su tutta la Liguria, il meteo ha dato una tregua con piovaschi sparsi che non hanno creato criticità. Le istituzioni confermano la fine dell’allerta.

La notte è passata tranquilla su Genova dove la perturbazione, ieri ha generato una nuova alluvione, dopo quella del 9 ottobre che fece anche una vittima. La zona più colpita è stata quella del Ponente cittadino ma allagamenti sono avvenuti anche in Val Bisagno zona adiacente al centro. I mezzi dei vigili del fuoco sono già all’opera per cercare di mettere in sicurezza le situazioni di maggior criticità. Nessun problema è segnalato sul Levante della regione, dove, fino alle 8 di questa mattina, l’allerta era massima, di livello 2.

Nel Chiavarese e nei comuni dell’entroterra del Tigullio, località che hanno subito l’alluvione il 10 novembre che ha provocato anche due morti a Leivi, nel crollo di una casa causato da una frana, le precipitazioni sono state assenti o deboli solo in alcuni punti. Poca pioggia anche nell’estremo Levante della regione, lo Spezzino. La pioggia nella notte è caduta in Lunigiana, mentre in Val di Vara, a Spezia e in Val di Magra la Protezione Civile segnala solo piovaschi. Il livello del fiume Magra rimano alto, ma non preoccupa.

Autostrade e ferrovie interrotte. I collegamenti autostradali e ferroviari tra Genova e la Francia sono critici per il maltempo. È stata riaperta pochi l’A10 tra i caselli di Albenga e Borghetto. Era stata chiusa la notte scorsa per la caduta di cavi dell’alta tensione. Riaperta l’ Aurelia sempre a Borghetto a senso unico alternato. Le Ferrovie potrebbero riaprire nel pomeriggio la linea tra Andora e Albenga dopo una frana.

(Fonti & Aggiornamenti: http://www.genova24.it/2014/11/alluvione-crolla-muraglione-cimitero-bolzaneto-bare-nel-polcevera-feretri-dispersi-75246/- http://www.msn.com/it-it/notizie/italia/maltempo-a-genova-crolla-cimitero-bare-e-ossari-scivolano-nel-torrente/ar-BBe5VBz – via Maltempo a Genova, crolla cimitero: bare e ossari scivolano nel torrente)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.