Piedimonte Matese. Massimo Mattei: il parroco affida le spoglie al Signore e ammonisce…

mattei-15x9-masssimo+funerale-1mattei-10x15-massimo+piedimonte-morto-1“Non si può morire per l’irresponsabilità degli uomini”.

Le parole di don Emilio Salvatore nell’omelia hanno invitato i giovani a non sprecare la propria vitaLa Redazione – “Hai lasciato un vuoto incolmabile. Ti vogliamo bene”.

Gli amici hanno salutato in questo modo l’ingresso della bara bianca nella chiesa di Santa Lucia a Piedimonte Matese, dove sono stati da poco celebrati i funerali.

Commozione e incredulità hanno accompagnato il rito funebre, dove, presenti tantissimi tra amici e parenti in una chiesa gremita, non è mai venuto meno il raccoglimento e la preghiera per il giovane Massimo Mattei deceduto nel tragico incidente di domenica notte in località Miglio XXV ad Alvignano.

In momenti come questi la disperazione non può che suscitare sentimenti di dolore per l’ultimo saluto, e insieme ci si affida alle risposte e ai tanti “perché?” che hanno accompagnato questa morte, e purtroppo, quelle di tante giovani vite a cui ci ha ormai abituati la cronaca, tuttavia senza che la ragione umana comprenda o possa tollerare.

Sono gli stessi interrogativi ricordati da don Emilio Salvatore, che ha celebrato il rito funebre: “In tanti mi hanno domandato ‘perché il Signore non ha fatto diversamente per Massimo?’, io a questo interrogativo non ho risposte, come voi resto senza parole e allora mi dedico alla preghiera al fianco della famiglia e degli amici”.

La riflessione del parroco di Ave Gratia Plena si è concentrata sulla giovinezza, e sulla gioia della vita di cui Massimo era felice testimone: “Come esiste il Bene, che il Signore ama, e che è oggi rappresentato dai familiari e dagli amici che hanno accompagnato qui Massimo, così esiste il male, quello che nasce dall’irrequietezza degli uomini.

Non si vuole buttare la croce su nessuno, sia chiaro, è giusto divertirsi. Ma non si può morire per l’irresponsabilità degli uomini, la giovinezza deve essere il tempo della vita e della gioia, questa è la normalità. Non è normale invece saltare dal Miglio XXV in piena notte”.

Poi l’invito a “conservare la giovinezza”, a viverla con gli amici, con gioia, con le speranze per un futuro migliore, senza buttarla via.

“Questo strappo alla vita di Massimo non deve essere considerata l’ultima parola, ma deve essere intesa come un arrivederci per ritrovarsi un giorno in un mondo di pace”.Ad accompagnare la salma in chiesa anche tanti fiori bianchi, candidi e innocenti come la giovane vita spezzata.

Don Emilio ha concluso proprio con questa immagine il suo pensiero per Massimo: “I fiori non si colgono quando sono invecchiati, ma al contrario quando sono giovani e appena sbocciati; ecco, pensiamo che il Signora abbia fatto lo stesso con il nostro amico, che l’abbia preso e trapiantato nel suo giardino.

La risposta più bella alla perdita di Massimo deve essere l’amore per la vita”.

Prima della conclusione del rito funebre, il fratello Luigi ha letto un proprio messaggio, quello della sorella, Rossella, della nipote Fabiana.

Un contributo particolare anche da parte dell’amico cantante Giuseppe Iadonisi.

(Fonte & Aggiornamenti: http://www.clarusonline.it/2014/07/02/funerale-massimo-mattei-piedimonte-ultimo-saluto/ – via Funerali di Massimo Mattei, Piedimonte Matese dà l’ultimo saluto al giovane e lo affida al Signore | Clarus | Informazione dal Matese e dall’Alto Casertano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.