Dalla politica della quaglia a quella della poltrona: grazie al ‘preservativo’ Renzi?!

renzi-15x10-preserva-1preservativo-15x10-umano-1Prima era il salto della quaglia ora è salto della poltrona! Prima lo chiamavano salto della quaglia ora… si salta direttamente sulle POLTRONE CHE CONVENGONO DI PIU’, perchè quel Renzi non so cosa abbia fatto agli italiani intontendoli, illudendoli che un’altra idea di Italia e, visto il risultato alle elezioni europee, un’altra europa sia possibile ma, dico io, NON CON GLI STESSI che ci hanno ridotto in questo stato di COMA VEGETATIVO in cui sento persone che fino “all’altro ieri” votavano CONVINTAMENTE a destra e ora visto che la destra “non ha fatto NULLA PER LORO”, come se la politica fosse PERSONALE ASSISTENZIALISMO, dicono orgogliose di votare a sinistra ma… in realtà quando lo fanno, se lo fanno, è per la stessa ragione per cui noi uomini preferiamo “il salto della quaglia al preservativo”, l’anticoncezionale senza rischi minimi al rischio più assoluto!

Il preservativo toglie sensazioni che all’uomo tolgono persino “il gusto di un rapporto” riducendolo ad un piacere MECCANICO che ti toglie la voglia,si è vero, ma che non dona piacere inteso aldilà del rapporto fisico. Il titolo di questo articolo molto più provocatorio che altro,non vuole essere una sorta di manuale su come “evitare spiacevoli incidenti di percorso” perchè ormai il brodo è stato fatto e tornare indietro, nella vita, non è mai possibile! Al limite si può evitare di fare lo stesso “errore” la prossima volta, non dico IO che è stato fatto certamente un’errore ma saranno i fatti a darmi ragione, basta studiare un po’ la storia della politica per capirlo che di qui a breve si aprirà una voragine che poterà il paese alla confusione più totale e non lo dico soltanto io bensì è la storia che me lo suggerisce.Per esempio basti pensare ai milioni di debito che la vecchia amministrazione di Fiorano, sempre la stessa da 50 anni è vero,”si è lasciata in eredità” come a voler dire: I panni sporchi ce li laviamo in casa nostra,come facciamo da sempre infondo… MAI NESSUNO ci è venuto a dire niente… Se le cose non cambiano è perchè:”Se nasci tondo non puoi morire quadrato!” Noi, a Fiorano, siamo stati per anni il 3° comune più virtuoso/ricco in Italia ma ora, prima o poi…tutti i nodi vengono al pettine!

L’italia è da sempre governata dal comunismo,soprattutto l’ emilia romagna,che per PIL pro-capite era e forse rimane la regione più ricca della penisola,quella in cui i padroni delle ceramiche facevano i pullman,negli anni 70,per andare a prendere “forza lavoro dal sud”, la stessa in cui troviamo eccellenze in ogni città come per esempio il biomedicale a Carpi, il parmigiano reggiano a cavallo tra Reggio Emilia e Parma per non parlare della famosissima Ferrari a Maranello eccetera. Ce ne sarebbero molte altre, lo so, che non ho citato ma hanno il primato assoluto nel proprio settore ma che oggi per una strana dicotomia della politica prendono 2 diversi significati: il primo è chi vuole cambiare davvero le cose che in larga parte “se ne FOTTE” dell’assistenzialismo della politica guardando più favorevolmente al RINNOVAMENTO non inteso come cambiamento delle facce, mentre l’altra parte non intende CAMBIARE perchè gli va bene così infondo… tanto peggio tanto meglio!ormai se tutto va a rotoli perchè RISCHIARE di prendere una decisione?meglio aspettare e SALTARE SULLA POLTRONA di chi PROMETTERÀ DI PIÙ e meglio,no?!

Il risultato di questi ballottaggi parla chiaro…

Il centrodestra con un Berlusconi decadente non ha saputo promettere, da una posizione di vantaggio, come può sicuramente essere quella di presidente del consiglio il quale, tale Matteo Renzi, ha incantato con la sua giovane età, la sua voglia di fare e la sua parlantina facile; illuso gli italiani, con la storia degli 80 euro spacciandoli come una manovra strutturale ma che è già tanto se verrà attuata quest’anno e ricordiamo NON PER TUTTI, e di conseguenza ora nei telegiornali si parla di TRIONFO DEL PD in roccaforti del centro-destra, quali per esempio Modena o Sassuolo.

In conclusione si può sicuramente dire che:

“NIENTE CAMBIA DAL PASSATO… la politica rimane la stessa nonostante la voglia CHIACCHIERATA di cambiare…”. La tendenza al conservatorismo è la stessa che ha portato l’Italia ad essere quello che è adesso… UNA FAVELAS di promesse non mantenute nei modi e nei tempi prestabiliti,ma infondo è anche vero che SINO A QUANDO NON SI CAMBIERA’ IL MODO DI PENSARE della gente NULLA POTRÀ CAMBIARE DAVVERO e quel giorno IO ci sarò perchè… … L’ATTESA DEL PIACERE È ESSA STESSA IL PIACERE (https://www.facebook.com/IDG88 –  Luca Lolaico – via 493 Facebook Messaggi –  Luca Lolaico)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.