TASi: Prima super stangata post elettorale ‘targata’ Renzi

banditi-palazzo-1Ecco cosa ha in serbo il governo per chi possiede una casa: Renzi li spremerà come limoni!

Il carico fiscale sulle case degli Italiani nel 2014 raggiungerà i 52,3 miliardi di euro, ma finora c’erano le elezioni, quindi silenzio!

Macelleria di governo: Renzi spremerà gli italiani che hanno una casa: 52,3 miliardi di euro nel 2014

Su tutto il patrimonio immobiliare complessivo case, uffici, negozi, capannoni e così via grava un carico fiscale che nel 2014 raggiungerà i 52,3 miliardi di euro.

Rispetto all`anno scorso, questo importo è destinato ad aumentare di oltre 2,6 miliardi di euro variazione pari al + 5,4%.

A questo risultato è giunto l’Ufficio studi della Cgia, sommando i 9,3 miliardi di euro di gettito legati alla redditività degli immobili Irpef, Ires, Registro e bollo, cedolare secca, etc., gli 11,9 miliardi di euro riferiti al trasferimento degli immobili Iva, imposta di registro/bollo, imposta ipotecaria/catastale, le successioni e le donazioni e agli oltre 31 miliardi di euro riconducibili al possesso dell`immobile Imu, imposta di scopo, Tari e Tasi.

Nonostante la Tasi ci costi almeno 4,1 miliardi di euro, prosegue la Cgia, l`incremento del carico fiscale complessivo per l’anno in corso si riduce a poco più di 2,6 miliardi a seguito della soppressione della maggiorazione Tares.

“Fino a qualche anno fa – ricorda il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi – l’acquisto di una abitazione o di un immobile strumentale costituiva un investimento.

Ora chi possiede una casa o un capannone sta vivendo un incubo.

In primo luogo perché la confusione e le difficoltà legate alle modalità di pagamento hanno raggiunto livelli inammissibili, in secondo luogo perché tra Imu, Tasi e Tari gli immobili sono sottoposti ad un carico fiscale ormai insopportabile”.

“Il gettito della Tasi per l`anno 2014, come risulta dalla Relazione tecnica allegata alla Legge di Stabilità 2014, dovrebbe essere pari ad almeno 3.764 milioni di euro.

Il calcolo effettuato dai tecnici del ministero – prosegue la Cgia – si basa sull`ipotesi che il tributo sia applicato con aliquota base all’1 per mille.

In questo momento vi è una grande incertezza sulle scelte dei Comuni.

Analizzando le delibere pubblicate sul sito del Dipartimento delle Finanze, si rileva che le scelte delle Amministrazioni Comunali sono tra le più varie.

Pertanto diventa difficile stimare non solo il gettito della Tasi, ma anche quello dell’Imu.

Nella nostra elaborazione abbiamo ipotizzato che la somma del gettito Tasi più Imu assicuri ai Comuni le risorse pari a quelle loro disponibili nel 2012 e nel 2013″.

“Oltre all’imponente sforzo economico che anche quest’anno i proprietari di immobili saranno chiamate a sostenere – conclude Bortolussi – i contribuenti italiani dovranno sopportare anche un costo aggiuntivo legato alla burocrazia che attanaglia queste operazioni.

Secondo una nostra elaborazione su dati della Banca mondiale, per pagare le tasse in Italia sono necessarie 269 ore all`anno, pari a 33 giorni lavorativi.

Nell’area dell`euro solo il Portogallo registra una situazione peggiore della nostra”.

(Fonte & Aggiornamenti: http://siamolagente.altervista.org/in-serbo-governo-per-possiede-casa-renzi-li-spremera-come-limoni/ – via Ecco cosa ha in serbo il governo per chi possiede una casa: Renzi li spremerà come limoni !!! | Siamo la Gente)

di TeleradioNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.