Vicenza. SMS per l’amante inviato per errore al marito che scopre di non essere il padre del neonato

lui-lei-stalker-1Ricevere un messaggio d’amore, dal contenuto inequivocabile, nel cuore della notte; scoprire che la propria moglie ha un’amante e infine (la parte più pesante da digerire) capire che il rivale era pure il padre di quello che lui, da due settimane, credeva essere suo figlio.

Sembra un teatrino alla Beautiful, ma è successo realmente in un Comune del Veneto: Malo, in provincia di Vicenza.

In una calma serata invernale, mamma e papà coccolano il loro bambino, nato da poche settimane; successivamente la donna, dopo averlo allattato, cerca di riposare.

Dopo pochi istanti l’uomo riceve dalla stessa moglie un sms telefonico: «Ti amo, sei la cosa più preziosa che ho».

A questo punto il marito si chiede: “Perché mi invia un sms così quando siamo stati insieme fino a un minuto fa?”

Nella testa dell’uomo iniziano ad affiorare i primi dubbi: la coppia infatti non navigava in buone acque e da qualche mese si era persa la passione di un tempo.

Il marito, sempre più insospettito, chiede il test di paternità sul figlio appena nato; la donna crolla moralmente e confessa: «sì, è vero, amo un altro e quello non è tuo figlio».

(Fonti & Aggiornamenti: Leggo – http://www.informazionelibera.info/vicenza-sms-per-lamante-inviato-erroneamente-al-marito-lui-scopre-che-il-figlio-appena-nato-non-e-suo/ – via Vicenza, sms per l’amante inviato erroneamente al marito; Lui scopre che il figlio appena nato non è suo. |)

di TeleradioNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.