Caserta. Estorsioni: arrestato Nicola Cosentino, ex parlamentare Pdl: tremano gli scagnozzi?

cosentino-carabinieri-11cosentino-sarro-ventreInchiesta sulla vendita di carburanti a Caserta: le accuse sono di estorsione e concorrenza sleale aggravata dalla finalità camorristica. In totale 13 arresti: tra loro 2 fratelli del boss Michele Zagaria.

L’ex parlamentare Nicola Cosentino torna in carcere. E’ stato arrestato dai carabinieri di Caserta insieme con i fratelli Giovanni e Antonio nell’ambito di un’inchiesta sulla vendita di carburanti in provincia di Caserta. Le accuse sono di estorsione e concorrenza sleale aggravata dalla finalità camorristica.

Le vecchie accuse e la camorra

Cosentino, ex coordinatore regionale del Pdl, fu arrestato una prima volta il 15 marzo del 2013. Scelse per costituirsi il carcere napoletano di Secondigliano.

Entrò in cella “da persona innocente”, disse.

Alla fine di “un calvario di cui non riesco a comprendere la necessità”.

Condannò “la camorra” come la “forma più nefasta di illegalità”

Nel novembre 2013, era tornato in libertà poiché erano cessate le esigenze cautelari: era imputato per il reimpiego di capitali illeciti, aggravati dall’accusa di aver agevolato il clan dei Casalesi per la costruzione, non avvenuta, di un centro commerciale a Casal di Principe.

Le nuove accuse e la camorra

L’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Cosentino, emessa dal gip di Napoli ed eseguita dai carabinieri di Caserta, fa parte di un insieme di 13 misure cautelari nei confronti di altrettante persone, tra cui Pasquale e Antonio Zagaria, fratelli di Michele, boss del clan dei Casalesi.

Pratiche lesive della concorrenza

La famiglia Cosentino, proprietaria di vari distributori di carburante, avrebbe agito con pratiche commerciali lesive della concorrenza.

Secondo il pm di Napoli i fratelli Cosentino, in concorso con dirigenti pubblici, funzionario della Regione e del Comune di Casal di Principe, e complicità di funzionari della Q8, hanno ottenuto rapidamente il rilascio di permessi e licenze per costruire impianti, anche quando c’erano cause ostative.

Inoltre avrebbero costretto amministratori e funzionari pubblici locali a impedire o rallentare la costruzione di impianti di aziende concorrenti anche con atti amministrativi illegittimi.

Collaboratori di giustizia hanno contribuito alle indagini

Nella ricostruzione dei magistrati napoletani ha contribuito il titolare di una stazione di servizio in corso di costruzione a Villa Briano, Luigi Gallo, il cui racconto ha trovato riscontri nelle indagini.

All’indagine hanno contribuito anche collaboratori di giustizia e l’acquisizione di documentazione sull’apertura di due impianti di distribuzione di idrocarburi al Comune di Casal di Principe e in quello di Villa di Briano.

(Fonte & Aggiornamenti: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/arrestato-nicola-cosentino-ex-sottosegretario-economia-campania-camorra-9618857e-c8cc-46fc-97d2-6c25f732a72b.html- via Camorra, arrestato l’ex parlamentare Pdl Nicola Cosentino: è accusato di estorsione – Rai News)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.