Caiazzo. Emergenza idrica: senz’acqua da lunedì a mercoledì: carribotte in arrivo

caiazzo.15x12-acqua-black-out-1Chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, con esclusione dei plessi di Cesarano e Cameralunga, a causa della sospensione servizio idrico per lavori urgenti, nei giorni 24, 25 e 26 marzo 2014.

A comunicarlo è il sindaco di Caiazzo, dottor Tommaso Sgueglia, sulla scorta di quanto concordato fra i vertici del consorzio erogatore e il responsabile dell’ufficio tecnico comunale. essendo necessario sostituire un troncone della condotta adduttrice in località Selvetelle.

Per tale motivo l’erogazione idrica sarà sospesa dal Consorzio Idrico alle ore 21 di domenica 23 marzo e potrà essere ripristinata solo al termine del lavori, previsto nella giornata d mercoledì 26 marzo.

Disagi ipotizzabili anche per la fiera settimanale, quindi, che potrebbe anche saltare qualora non fosse possibile assicurare la necessaria igiene, ma anche per i pubblici esercizi ed uffici, pubblici e privati, e per gli stessi nuclei familiari residenti si prospettano giorni cruciali a causa della penuria idrica, anche se il sindaco si sta prodigando per ottenere attraverso la prefettura due carri botte con acqua potabile che dovrebbero essere dislocati al largo Fossi, per servire la comunità del centro e zone contigue, nonché a SS. Giovanni e Paolo affinché anche gli abitanti dela frazione più popolosa possano approvvigionarsi almeno per le esigenze vitali.

Disagi notevoli quindi, ma inevitabili atteso che la rete idrica, al servizio non solo del comprensorio, ma anche del basso casertano e dell’hinterland partenopeo, abbisogna di frequenti interventi, poiché obsoleta, al punto da non disporre di una condotta alternativa, almeno nei punti cruciali, grazie alla quale si potrebbero evitare siffatti disagi in caso di lavori urgenti come nella fattispecie.

Ma il motivo più allarmante, che sembra tuttora sottaciuto dai vari preposti, riguarda le voci, invero mai smentite, secondo le quali la condotta adduttrice dalle falde del Matese in vari punti sarebbe composta di fibra contenente anche amianto, materiale altamente nocivo per la salute umana.

I disagi dei prossimi giorni non riguardano solo Caiazzo, quindi, ma anche altri dieci Comuni, ben specificati e rilevabili dall’ordinanza emanata dal tecnico comunale caiatino, come d’altronde avrebbero dovuto già fare i sindaci (o loro delegati) degli altri dieci Comuni interessati, in difetto del Consorzio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.