Caiazzo. Poste: sottoscrizioni, denunce e comizi contro i persistenti disservizi

Postino-notifica1Dandr _7Continuano nel comprensorio caiatino le segnalazioni di disservizi postali che non riguardano più il mancato o tardivo recapito della corrispondenza ma anche il postamat, che sempre più spesso risulterebbe inutilizzabile non solo pr mancanza di banconote, ma anche per mancanza di collegamento e addirittura di energia elettrica.

Altre segnalazioni riguardano la scortesia che ostenterebbe abitualmente qualche soggetto più volte beccato senza cartellino identificatore, il che, peraltro, impedirebbe alla malcapitata la produzione di un circostanziato reclamo scritto.

Ma il problema ormai insostenibile riguarda la consegna della corrispondenza, a quanto pare effettuata solo il giorno successivo alla notizia che il sindaco aveva scritto alla direzione generale, invocando provvedimenti risolutivi dei gravissimi disservizi, mentre Giovanni D’Andrea, referente territoriale di “Rinnovamento Missino”, aveva invocato iniziative altrettanto rigorose dal prefetto oltre che l’intervento della magistratura per individuare e perseguire col massimo rigore i “responsabili” di una situazione che effettivamente parrebbe disastrosa.

Disastrosa quanto clamorosa poiché, mentre le poste sembrano fare di tutto per perdere la clientela, a beneficiarne per contro sono i privati, come le società che, tramite i tabacchi e gli esercizi pubblici, gestiscono i servizi Sisal e Lottomatica, tramite i quali ora è possibile pagare le bollette, come quella telefonica, anche senza esibirle materialmente, ma semplicemente indicando il numero di utenza (nella fattispecie telefonico) e l’importo dovuto, che si può conoscere tramite il web o anche con una semplice telefonata a un numero solitamente gratuito.

Una situazione dalla quale, secondo le solite male lingue, si evincerebbe chiaramente che i vertici delle poste, percettori di budget favolosi, si adopererebbero per favorire la controparte,a  tutto discapito del comparto aziendale che sarebbero chiamati ad amministrare con saggezza.

Ormai stufi di subire disagi anche gravissimi, come la consegna di bollette ormai scadute o peggio la notifica di importanti documenti oltre il termine utile, come nel caso di una visita altamente specialistica, mentre alcuni esasperati cittadini si sono organizzati per avviare una raccolta di firme, torna alla carica Giovanni D’Andrea con la seguente lettera-denuncia, indirizzata anche al presidente della Regione:

“Il sottoscritto D’Andrea Giovanni, responsabile di “Rinnovamento Missino”, sollecita ancora una volta la risoluzione del problema inerente il recapito della corrispondenza perché la situazione si sta aggravando e i cittadini sono davvero stanchi che le bollette, non solo dell’Enel, e perfino le lettere “raccomandate”, arrivano in ritardo, con conseguenti distacchi, disagi e danni vari.

Al riguardo è intervenuto anche il sindaco Tommaso Sgueglia ma fino ad oggi non sembra servito a niente, pertanto si preannuncia l’avvio di una petizione che poi sarà presentata alla Procura della Repubblica; è allo studio anche un comizio da tenere  in piazza Portavetere con le forze sindacali, per stigmatizzare i disservizi inerenti la posta di Caiazzo e/o della provincia di Caserta”.

(Giovanni D’Andrea – via (315) Facebook Messaggi)

di TeleradioNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.