Squille – Castel Campagnano: “Cara Befana riportaci il Wi Fi”

Babbo-15x10--wi+fi-Natale+hp1Appello alla vecchietta più attesa dai bambini per risolvere il mistero-problema del Wi-Fi fantasma in sostituzione dei preposti inadempienti.

E’ davvero sconcertante quanto segnalato da numerosi lettori e ripetutamente verificato circa il mancato funzionamento del Wi Fi pubblico sull’intero territorio comunale di Castel Campagnano e in particolare della frazione Squille, dove addirittura il disservizio si trascina almeno dall’estate scorsa.

Rispetto agli altri due punti di irradiazione gratuita del segnale per due ore giornaliere, ubicati nella piazza e nella villa comunale del capoluogo, infatti, per il Wi Fi libero di Squille i primi disagi si erano registrati in seguito alla decisione della civica amministrazione, su istanza di alcuni genitori, di trasferire la minuscola antenna trasmittente dalla sommità dell’edificio scolastico a quella dell’ex casa comunale, ora adibita a sede del centro polivalente per anziani “Madonna del Rosario”, presieduto dal cavaliere Gregorio Audi.

Questo perché nessuno si sarebbe preoccupato di informare la potenziale utenza e soprattutto quella abbonata, cioè dotata di credenziali per accedere alla rete, pertanto divenute, quasi improvvisamente, utili meno di una scartina nel gioco della briscola.

Ma non è tutto poiché, una volta individuata empiricamente la causa, per molti è risultato ugualmente impossibile ricevere perfettamente, come prima, il segnale nella sovrastante piazza e nel circostante ambito squillese.

Anche dotandosi di un’antenna esterna per ricevere il segnale, incredibilmente irradiato da una zona a valle della frazione, però, il problema non si è risolto, in quanto, sebbene ora si riesca a ricevere il segnale Wi Fi, collegarsi e fruire del servizio risulta ancora impossibile perché, una volta inserite le succitate “credenziali”, sul monitor dei “cybernauti” delusi si può leggere solo che “il server Radius non risponde”.

Inutile segnalare il guasto o lamentarsi tramite l’apposito numero verde, inizialmente funzionante tutti i giorni ma ora solo in alcune fasce, dal quale, una volta segnalato il problema, si ottengono solo spiegazioni vaghe e rassicurazioni vane, come verificato dallo stesso sindaco, dottor Giuseppe Di Sorbo che, per sincerarsene, ha contattato il “call center” quale semplice cittadino, a quant’è dato sapere, ottenendo le solite promesse da marinaio.

Qualcuno avrebbe alluso a una sorta di “dispetto”, ovvero reazione da “do ut des” all’incontrario, da parte del fornitore, poiché, a sentir dire, inizialmente sarebbe stato concordato (a parole?) il passaggio di tutte le linee telefoniche del Comune con l’azienda in questione, cosa, però, non avvenuta né riscontrata, cioè non risultante, tanto che, in seguito, l’azienda si sarebbe impegnata a ripristinare il servizio, giusta convenzione stipulata proprio con il Comune, nel giro di qualche giorno.

Trascorse invano altre settimane, però, contattando ancora i responsabili territoriali dell’azienda, che intanto ha sottoscritto numerosi contratti a pagamento con soggetti privati nell’intero comprensorio, si veniva a sapere che due (imprecisati) dei tre impianti erano stati riattivati, mentre, a causa di banali contrattempi, il ripristino dell’ultimo sarebbe avvenuto entro poche ore.

Anche questa però si sarebbe rivelata un’altra “bufala”, tanto che ora, dopo altre vane settimane di attese e solleciti, nell’imminenza del santo Natale, alcune persone sconcertate hanno ben pensato di fare appello a Babbo Natale, auspicando, fuor di metafora, che il sindaco si imponga finalmente sulla ditta per ripristinare il servizio, invero gratuito, ma dovuto in virtù di convenzione e del tornaconto, consistente nella sottoscrizione di numerosi abbonamenti a pagamento.
Il tutto con la speranza di non dover fare appello alla Befana per spazzare con la sua scopa virtuale tutti gli inetti o semplicemente incapaci di tener fede agli impegni e/o doveri nei confronti della collettività.

di TeleradioNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.