Roma. Tre settimane in carcere per un ‘qui pro quo’ sessuale!

spiaggia-litigio-reteE chi pagherà ora? Arrestato con l’accusa di aver commesso atti osceni, ma poi scagionato, con tanto di scuse quando si è capito che non si stava masturbando in spiaggia, ma solo togliendo della sabbia dal costume! Continua a leggere

di TeleradioNews