Battipaglia. Sindaco sottoposto agli arresti domiciliari

Santomauro-Giovanni-BattipagliaGiovanni Santomauro, sindaco, oramai dimissionario, di Battipaglia, comune di 50 mila abitanti, è stato posto agli arresti domiciliari con l’accusa di turbativa d’asta, concussione aggravata e abuso d’ufficio in seguito alla presunta concessione di appalti pubblici a presunti esponenti del clan dei casalesi per un valore complessivo di oltre 5 milioni di euro. Coinvolti nell’inchiesta, e posti in stato d’arresto, gli imprenditori edili Attilio Guida di Gricignano d’Aversa e Nicola Madonna, legato, tra le altre cose, da rapporti di parentela con un ex assessore del comune di Casal di Principe, che avrebbe ottenuto in modo illecito gli appalti dal comune di Battipaglia. Il provvedimento d’arresto è scattato anche per due tecnici dell’ufficio comunale, l’architetto dell’Area Operativa Tecnico Territoriale, Francesco Mainolfi (candidato alle amministrative nel comune irpino di Rotondi) e l’ingegnere Giovanni Argento. Il Procuratore della Repubblica di Salerno, Franco Roberti, ha dichiarato “Per i due imprenditori è contestata l’aggravante mafiosa che non sussiste per il sindaco e i due tecnici comunali“.  L’inchiesta ha avuto inizio nel 2009 ed è partita dalla segnalazione di un dipendente comunale che avviso le forze dell’ordine di alcune possibili irregolarità nell’assegnazione delle gare d’appalto per la ristrutturazione del Municipio di Battipaglia. Ad aggravare la posizione di Giovanni Santomauro vi è anche l’accusa di concussione sessuale perpetrata ai danni due donne. Entrambi i fatti risalirebbero al 2010. Si tratta dei casi distinti di due madri separate in cerca di lavoro ed in forti difficoltà economiche che, rivoltesi a Santomauro, sarebbero state da lui forzate ad avere rapporti sessuali. A favorire la scoperta degli eventi sono state delle cimici, nascoste all’interno dell’ufficio del ex-sindaco, che hanno registrato le conversazioni di quest’ultimo con le due donne.
 (Fonte & Aggiornamenti: MediaXpress)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.