Latina. Sgozza figlia ed ex moglie, reo confesso: ‘chiedevano sempre soldi’

vittima-10x15_cisternalatina-15x11-indiano+carabinieriSgozzate senza pietà dal marito e padre indiano. Gli ingredienti del giallo della camera chiusa c’erano tutti; invece sono bastate 48 ore perché il delitto di Cisterna venisse risolto e l’assassino confessasse il duplice omicidio di una madre e della figlia 18enne.

Un ricatto economico. Una lite per questioni di denaro. E una lama che squarcia due gole e spezza due vite.

Era cominciato tutto alle 21 di venerdì, quando i vicini di casa di Francesca Di Grazia e Martina Incocciati avevano dato l’allarme: le due donne, che vivevano nello stabile di piazza dei Bonificatori a Borgo Flora, frazione di Cisterna, da ore non rispondevano al telefono.

A replicare a quegli squilli muti è stato lo spettacolo agghiacciante spalancatosi davanti agli occhi dei carabinieri: in cucina, in un lago di sangue, il corpo di Francesca, 55 anni, con la gola tagliata.

Poco distante, in camera da letto, un’altra sagoma femminile accovacciata, quella di una ragazzina, con i segni di numerose ferite da arma da taglio in varie zone del corpo e una coltellata profonda, il colpo mortale, alla gola. L’assassino, un uomo indiano di 37 anni, fermato ieri, avrebbe infierito su di loro sabato, colpendo a morte l’ex compagna, che aveva sposato anni fa e da cui era separato; poi, la ragazza, testimone involontaria dell’omicidio della madre.

Ieri sera, la confessione dell’uomo, rintracciato nella notte dai carabinieri a Nettuno, tramite i tabulati telefonici dell’ex moglie, e che ha ammesso il duplice delitto di fronte al magistrato Giuseppe Miliano.

Ha ucciso perché la Di Grazia, coinvolta in un giro di permessi di soggiorno, lo minacciava, pretendendo per il suo silenzio 8mila euro.

Altrimenti avrebbe rivelato le irregolarità presenti nei documenti di alcuni parenti dell’uomo.

Così, alle 6.40, l’ex marito avrebbe tentato un chiarimento nella casa della donna, per poi colpirla, mentre questa era intenta a preparare il caffè.

La figlia, svegliata dai rumori e nel tentativo di difendersi, ha ferito al volto l’assassino, prima di cadere sotto i suoi colpi.

(Isabella Pascucci –  Fonte & Aggiornamenti: http://www.leggo.it/news/cronaca/latina_mamma_e_figlia_sgozzate_preso_lex_continuava_a_chiedermi_soldi_foto/notizie/222148.shtml)

viaLATINA, MAMMA E FIGLIA SGOZZATE. PRESO L’EX: CONTINUAVA A CHIEDERMI SOLDI -FOTO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.